La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Il Parco Valle Lambro a rischio cemento

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

alt

Lettera appello a Emiliano Ronzoni: "Caro Presidente, salvi il parco!"


 

 

Il testo dell'appello per salvare il Parco Valle Lambro dalla minaccia di cementificazione denunciata nei giorni scorsi dalla stampa.

Per spedire l'appello al presidente e al Cda Parco Valle Lambro, copiare e incollare il testo, poi copiare l'indirizzo del presidente nei contatti A.

In  Cc copiare gli indirizzi dei componenti del Cda.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Caro Presidente, salvi il parco!

Sembra un'affermazione assurda, infatti l'ente di gestione di un parco regionale esiste proprio per tutelare il territorio e migliorare la qualità della vita, ma è apparsa sui giornali locali una notizia molto preoccupante:

Arcore, Berlusconi vuole Milano 4, un business da 220 milioni di euro.

L' Idra, l'immobiliare di famiglia del premier, ha presentato alla giunta della cittadina, capitanata da Marco Rocchini, un progetto che vuole edificare 150.000 metri cubi in cambio una casa di riposo e di 20 milioni di oneri di urbanizzazione, che non riparerebbero per nulla i danni dell'insediamento.

Tra Milano 4 ed area Falck, Arcore avrebbe quasi il 20% di abitanti in più in pochi anni. Significherebbe servizi al collasso e traffico ancor più caotico, una vivibilità compromessa per sempre.

L'area, all'interno del parco regionale, è uno dei corridoi ecologici della Dorsale Verde nord Milano, un progetto inserito nel PTCP per salvare e connettere tra di loro le ultime aree verdi della Brianza. Con la colata di cemento ipotizzata i parchi brianzoli dell'Est Milano diventeranno giardinetti di una megalopoli, più o meno come lo è Parco Solari nel centro di Milano 1.

Le aree agricole sono importanti per creare anche a nord di Milano un parco di cintura intorno alla Brianza, territorio con percentuali urbanizzazione più alte d'Europa e in cui vivono ammassati quattro milioni di esseri umani, che devono condividere gli spazi disponibili con aree produttive di ogni genere e dimensione, autostrade, strade statali e provinciali, svincoli giganteschi, vaste superfici degradate, ex paesi e cittadine ormai conurbate senza soluzione di continuità a costituire agglomerati dormitorio, tutti uguali e senza identità.

Nel cuore della Lombardia il fiume Lambro e il Parco Valle Lambro “hanno già dato", concedendo larga parte del territorio a Pedemontana, un nastro d'asfalto che porterà altre auto, altro rumore ed inquinamento e speriamo non ulteriore cemento. Pedemontana taglierà in due il parco, modificando per sempre il territorio; saranno aperti cantieri che dureranno anni, aggiungerne altri nello stesso comune produrrà la paralisi del traffico.

L’acqua del fiume è importante, ma il parco del Lambro, non è solo quello, non è solo un parco naturalistico, è parco perché ha brandelli del bel paesaggio agrario della Brianza, ammirato da grandi viaggiatori e poeti del mondo. Noi brianzoli lo stiamo distruggendo. La Valle Lambro, se ripensata, potrebbe essere non solo conservata nei suoi valori storico-paesistici, ma anche diventare una straordinaria risorsa ricreativa per il buon vivere di chi abita in questa regione. Costruire edifici nelle zone agricole extra parco naturale di queste o di più piccole dimensioni, vuol dire invece distruggerlo in modo irreversibile.

Anche se il richiedente del progetto è una persona molto influente nella politica e negli affari, si può creare un precedente pericolosissimo. Se un parco regionale può' essere cementificato con tanta facilità allora ci chiediamo: ma i parchi a cosa servono?

L'Ente Parco ha il dovere morale e una precisa responsabilità  istituzionale di dire NO a questo scempio, non tanto per noi che scriviamo oggi, quanto per le generazioni che verranno. Vogliamo che i nostri figli possano conoscere e identificarsi con la Brianza, ossia un territorio ben preciso con la sua cultura e la sua storia millenaria, e non con un ammasso interminabile di case, capannoni e strade tutte uguali.

La difesa dell'identità del nostro territorio passa da scelte cruciali come questa, siamo sicuri che Lei e l'ente che Lei rappresenta non vorrà assumersi la responsabilità di una scelta così clamorosamente contro la nostra storia.

 

Cordiali Saluti

 

 .................................

 

 

Il sito del Parco

Parco Valle Lambro.

 

Adesioni

 

Associazioni nazionali e regionali:

FAI, LIPU-BirdLife Italia, Legambiente Lombardia, WWF Lombardia, Italia Nostra Lombardia.

Associazioni locali:

Associazione Amici della Natura di Triuggio, Associazione ecologica La Puska di Lentate sul Seveso, Associazione per i Parchi del Vimercatese, Associazione Torrette Bini Dosso Boscone di Macherio, Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza Centrale, Comitato per il Parco di Monza "Antonio Cederna", Comitato per il Parco Regionale della Brughiera, Commissione Cultura Alternativa di Carate Brianza, Equibici di Lissone, Insieme in Rete per uno Sviluppo sostenibile, Italia Nostra di Monza, Arcoreciclabile, Wwf Sezione Groane gruppo di Seregno, WWF Vimercatese, Legambiente Desio, Legambiente Seregno, Legambiente Monza, Gruppo Valle Nava di Casatenovo, Associazione Amici del Grugnotorto, Wwf Oasi Le Foppe, Comitato per gli Alberi e il Paesaggio, Comitato Parcheggio di Arcore, Monzainbici FIAB, Natura e Arte di Arcore, Gruppo ecologico Amici del Lambro di Sovico, Ecologisti democratici, Gruppo Vita Animale Milano,  Circolo Gaia Legambiente Usmate Velate, Associazione Volontari le Contrade Onlus Inverigo, Associazione Orrido di Inverigo, Comitato Bevere Briosco, Aranciablu - Concorezzo, Circolo Legambiente ViviBurago, ArcoREsiste, Comitato Salute e Ambiente Mozzate, Associazione Vivere il tempo Triuggio.

Forze politiche e liste civiche:

Sinistra Ecologia Libertà di Monza e Brianza, Sinistra e Ambiente Meda, Partito Democratico di Arcore, Rifondazione Comunista della Brianza, Il Centrosinistra di Concorezzo, Verdi Alternativi Arcore, Lista Civica per il Bene Comune di Concorezzo, Alternativa Verde Desio, Movimento Per il Bene Comune - lista civica nazionale, Verdi Bernareggio. Lista Civica Città Persone - Monza.

Blog e siti web:

Vorrei, Brianza Centrale, Brianza Popolare, La Città Continua, Ciwati, Il blog di Andrea Mollica USA 2012, Blog del Vimercatese, Pd Vedano Olona, Marco Lamperti.

Adesioni individuali:

Pippo Civati, Marcello Saponaro, Letizia Palmisano, Andrea Mollica, Pino Timpani, Alessandro Tognoni, Alberto Giacalone, Luigi Riccio, Zeno Celotto, Alessandra Anzaghi, Pier Luigi Mora, Alberto Colombo, Guido Battistini, Romano Binifaci, Viuncenzo Camparada, Enrico Fontana, Claudio Edmondo Vicari, Paolo Viganò, Alberto Confalonieri, Nevina Agostini, Granco Isman,Paola Bassi, Mauro Baioni, Maria Luisa Bosisio, Roberto Galdini, Pierluigi Galimberti, Paolo Forneris , Paolo Paiato, Maurizio Zilioli, Giovanni Perego, Michele Zappa, Claudio Angelici, Patrizia Soardi, Casiraghi Matteo, Laura Birolini, Corpo Musicale di Villasanta, Fausto Perego, Franco Calandri, Mauro Colombo, Vincenzo Cuoco, Eleonora Caggiani, Matteo Barattieri, Christian Brambilla, Roberto Balladore, Fabrizio Casavola, Massimo Cambiaghi, Nicola Gianino, Tosco Giannessi, Luigi D'Amato, Fabio Corgiolu, Giuseppe Cassanmagnago, Patrizia Farina, Ivano Riva, Sergio Barbieri, Elio Matteoli, Loredana Aquino, Maurizio Sala, Ilaria Villa, Rosalia Biffi, Elisabetta Patelli Presidente Verdi della Lombardia, Titta Colombo, Andrea Rota Nodari, Gian Luca Galeazzi, Silvia Colombo, Silvia Mattavelli, Mario Colombo, Adriana Galgano, Marco Fassino, Giordano Giussani, Vero Agostoni, Antonio Piemontese, Cristina Zanchi, Martina Francesca, Piera Dossi, Margherita Magnaguagno, Elena Gimelli, Vittorio Liotto, Danila Baldessari, Sala Loris, Mattia Perego, Federica Colombo, Maurizio Oliva, Susanne Arnaboldi, Luca Laurenti, Susanne Arnaboldi, Federica Colombo, Antonio Pizzinato, Patrizia Miozzi, Elena Banfi, Paola Pilotti, Andrea Vannini, Andrea Moreschini, Beniamino Giordano, Gianni Del Pero, Angeline Van Neck, Fortunato Fulvio Bitonto, Valentina Baccetti, Alvaro Pelà, Francesco Gentile,Silvia Caprara, Gabriele Proverbio, Mattia Lento, Cristina Spagna, Daniele Tomasi, Sonia Frascatore, Chiara Ballabio , Lucia Facchini, Giancarlo Giombetti, Yoko Ippolitoni, Ileana Torza, Simone Milesi, Alberto Casiraghi, Francesco D'Aloisio, Ilaria Tonarelli, Erminio Clerici, Paola Bosetti, Massimo Benetti presidente Monzainbici FIAB, Cinzia Colombo, Elena Luca, Elena Ricci, Cesare Fossati, Marina Gentilini, Giovanni Pennati, Marina Gentilini, Bona Gavazzi, Maria Francesca Guerra, Pierluigi Rosa, Mauro Trabucchi, Michele Cazzaniga, Sandro Conforti, Rita Riva, Colombo Maria Grazia, Serena De Santis, Michele Faglia, , Francesco A. Meneghetti, Bianca Montrasio, Cristina Balbiano, Arturo Beltrami, Matteo Colaone, Riccardo Lissoni, Emanuele Bottiroli, Cassanmagnago Daniele, Beppe Rositani, Stefano Regoli, Ferrari Maria Grazia, Locatelli Federico, Giovanni Gambatesa, Ian Gazzotti, Giulia Saredi, Fiorella Turla, Edoardo Ballo, Alessandra Sardi, Laura Farina, Zappa Luca, Sergio Muratore, Gianluca Morelli, Francesco Paoletti, Anna D'Ascoli, Orlando Riva, Alessandro Faes, Fulvio Rota, Roberto Brambilla, Salvatore Paleari, Paola Santeramo, Pres. Cia, Alessandro Sartorio, Alberto Braga, Danilo Villa, Erminia Belli, Dario Rinco, Luigi Gariboldi, Luciano Inglesi, Augusto Capra, Stefano De Martini, Claudio Beltrame, Achille Nicola, Luigi Lecchi, Stefano Felice, Rosanna Achille, Riccardo Appiani, Massimo Limonta, Giuseppe Bergamelli, Nicola Iannantuoni, Alessandro Manca, Costanza Pratesi, FAI-Fondo Ambiente Italiano, Luigi Santambrogio, , Giacomo Correale Santacroce, Davide Biolghini, Rosaria Reggiani, Elisa Bonazza, Romeo Cerri, Sen. Gianni Confalonieri, Ennio Muraro, Dario Cagliano e famiglia - Vimercate, Giacomo Passoni, Fabio Gottardi, Alfredo Bossi, Paolo Rovelli, Laura Maria Oggioni, Alfio Sala, Claudio Cardi , Stefano Frigerio, Maurizio Valota, Livia Mastrini , Tiziana Frigerio , Fabio Pozzi, Sara Didoni, Cristina Crippa, Marco Monguzzi, Elisabetta Fossati, Natalia Missani, Elena Ronco, Salvatrice Felice, Arturo Binda, M.Daniela Dell'Acqua, Marco e Chiara Arosio, Alfio Sironi, Massimiliano Bevacqua, Olga Fedeli, Dino Dall'Osso, Anna Carotta, Alberto Albertini, Michele Fava, Daniela Sabbatini, Edoardo Manfredini, Paola Sodi, Marco Angioletti, Carla Enrico Seppia, Enrico Stucchi, Elisa Karin Pipier, Andrea Seppia, Viganò Asther, Mauro Molinari, Nazareno Colombo,Maria Grazia Mauri, Romano Rocchetta, Fasoli Clementina, Davide Bernareggi, Rosaria Pizzuto, Elena Colombo, Chiara Sonia Tavolini, Iva Besana, Stefania Antonini Silvia Mazza, Ramanand Edoardo, Monica Perez Gila, Maria Grazia Colombo, Stefania Gariboldi, Walter Mauri, Lucia Ballo, Andrea Cazzaniga, Maurizio Minora, Alberto Mauri, Ilaria Mazzoleni, Nadia Bortolotti, Emanuele Colombo, Luca D'Achille, Marco Binarelli, Ruggero Sanvito, Fiamma Borgni, Elisa Giacchino, Raffaele Comi, Roberto Carone, Giova Narda, Greta Piovano, Daniela Pollastri, Giuseppe Cristofaro, Giuseppe Sunseri, Rosaria Corbetta, Manuela Proserpio, Sabina Rossi, Valentino Ballabio, Monica Frigerio, Serena Colombo, Gabriella Albanese, Duillio Fenzi, Paola Pasina, Maddalena e Lorenzo Corbetta, Piergiorgio Casella, Francesco Ranieri, Elena Colombo, Marco Sala, Giuseppe Gibelli, Stefano Dall'Agata, Gabriele Campa, Elena Sala, Simona Cicuto, Laura Bertoli, Maria Di Maggio, Sonia Visconti, Francesco Cambiaghi, Silvana Pollastri, Luisa De Biasio Calimani, AnnaCarlotta Biffi, Susanna Quirico, Patrizia Monguzzi, Marco Mondadori,Ester Bolognino,Tina Rica, Paola De Giacomi, Giovanna Ronco, Giulia Maria De Giacomi, Giulio Cavalli, Patrizia Zappa,Sonia Pozzi, Maria Pia Distefano, Matteo Zanotti, Giovanni Magni, Lucia Balconi, Carola Maria Besana, Paolo Lozza,  Alessandro Guglielmi, Tiziano Dal Farra, Silvana Garufi, Maria Silvia Nipoti, Sara Lappostato, Colombo Roberto, Pietro Ficarra, Lucrezia Dattoli, Erika Ciaccia, Elisa Cattaneo, Massimo Cantiani, Fabio Brambilla, Roberto Cernigoj, Luca Rovelli, Giulio Sassetti, Gianni Pupparo, Susanna De Gioia, Cristiano Dondossola, Cristina Sello, Elena Colombo, Niccolò Danielli, Giuseppe Mascheroni, Ippolito Ottone, Ambrogio Pizzocri, Gigliola Casiraghi, Anna Valera, Cavagnero Micaela, Alda Tagliabue, Manuela Adorni, Claudia Paleari, Anna Ottini, Laura Pessina, Alessandro Nizzoli, Silvia Ferrari, Fabio Mandelli, Lidia Lenti, Giuseppe Frigerio, Alessia Grope, Ezio Prandini, Paolo Clerici, Emmanuel Villa, Silvia Torelli, Micaela Bonfarnuzzo, Renato Magni, Chiara Chelini, Andrea Tornaghi, Giuseppe Recalcati, Paolo Astarita, Gabriella Arosio, Mauro Brambilla, Luisella Tremolada, Paola Tombarini, Jari Intra, Lucia Giulino, Stefano De Grandi, Ermanna Manzoni, Peter Berrintos, Andrea Campora, Erminia Tonelli, Alberto Stefano Tanzi, Marta Ferraro, Manuela Kovalec.

Gli autori di Vorrei
Author: Pino Timpani

"Scrivere non ha niente a che vedere con significare, ma con misurare territori, cartografare contrade a venire." (Gilles Deleuze & Felix Guattari: Rizoma, Mille piani - 1980) Pur essendo nato in Calabria, fui trapiantato a Monza nel 1968 e qui brianzolato nel corso di molti anni. Sono impegnato in politica ( consigliere comunale della Lista civica Per Villasanta) e nell'associazionismo ambientalista brianzolo, presidente dell'Associazione per i Parchi del Vimercatese. Lavoro dal 1979 alla Delchi di Villasanta, industria manifatturiera fondata nel 1908 e acquistata dalla multinazionale Carrier nel 1984 ( Orwell qui non c'entra nulla).

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Orti, frutteti e sperimentazione
    La nuova tendenza: il recupero e la diffusione degli orti ovunque, nel cuore delle città e perfino sui balconi, come reazione e barriera all’avanzata del cemento. Dall'orto della Casa Bianca a quello di Versailles, fino al frutteto matema...
  • Orti urbani, che passione!
    Dossier. Consumo consapevole. La creazione di piccoli orti è inoltre un’occasione di socializzazione e aggregazione. Il progetto della Condotta Slow Food di Monza e Brianza La tera l’è bassa, la terra è bassa, quindi faticosa e diffici...
  • “Basta costruire per la speculazione”
      L'Amministrazione Scanagatti avvia il nuovo Documento di Piano di Monza. Il futuro urbanistico della città attraverso 7 obiettivi e un percorso partecipato Nella serata di martedì 18 marzo il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, ...
  • Vent'anni di mercatino dei prodotti biologici a Monza
    Dossier. Il consumo consapevole. Il mercatino del biologico, promosso da Legambiente Monza fin dal 1993, si tiene in Città ogni quarta domenica del mese. Ne parliamo con Massimo Benetti, suo promotore e organizzatore che ne spiega i motiv...
  • Finalmente Venaria e Monza dialogano
    Comunicato stampa. Reggia di Venaria e Reggia di Monza: questa mattina incontro ufficiale tra i presidenti Del Noce e Scanagatti «E' logico e naturale che le due "Regge del Nord" si incontrino per ipotizzare programmi congiunti ...
  • Una giornata di Beni comuni
    Una giornata di studi sui beni comuni voluto dal Comitato di Monza e Brianza. Le testimonianze video degli interventi dei relatori.   Si è tenuto sabato 22 febbraio 2014 una giornata di studi sui beni comuni voluto dal Comitato d...
  • Un libro, la Villa Reale, il Parco e le attese della città
    Venerdì 14 febbraio al CCR di Monza il direttore e gli autori hanno presentato l’eBook che racconta gli ultimi 5 anni del grande complesso architettonico e paesaggistico. Dal dibattito arrivano le aspettative della città: serve un grande ...

Commenti  

#1 Pino Timpani 2010-02-13 16:46
Sarà proprio il consiglio a decidere di accettare o meno il progetto, dato che il Parco è un consorzio di 50 comuni della valle e ha tutele di ordinamento regionale.
L'anno scorso la giunta regionale lombarda aveva tentato di esautorare gli enti parco creando una norma ad hoc, in modo da poter decidere direttamente l'alienazione di terreni dei parchi regionali.
Una mobilitazione della rete e dei blog ambientalisti bloccò questa mossa maldestra e interessata, o meglio a favore dei grandi speculatori lombardi.

Qui la cosa è molto semplice, anche se non si poteva scrivere nella lettera appello: il presidente del consiglio, oltre a farsi le leggi ad personam, si fa anche le licenze edificatorie ad personam. Ora che la villa di Arcore non gli serve più, si può tranquillamente costruirci un quartiere davanti, di lusso ma sempre un ennesimo ghetto metropolitano, utilizzando i terreni agricoli inclusi nella fascia di salvaguardia ambientale e senza frasi scrupolo di utilizzare le amministrazioni messe in piedi con il contributo diretto del suo patito.
La qualità della vita degli abitanti non viene presa in considerazione, è sufficiente la posizione strategica del luogo, proprio vicino al tracciato della nuova autostrada e al grande centro commerciale, in modo da rendere più facile ai futuri abitanti ( 1200) la possibilità di fare i bravi pendolari verso il centro di Milano e incolonnarsi diligentemente tutte la mattine sulle tangenziali, dopo aver pagato il pedaggio.

Per fare l'appello non è necessario abitare nella Valle Lambro, perchè il territorio è un bene comune e non una macchinetta da soldi del capo dell'impero Mediaset.
Citazione
#2 Alberto 2010-02-13 19:52
E' GRAVISSIMA la commistione ormai alla luce del sole, tra personaggi ambigui con un RUOLO ISTITUZIONALE e gli interessi FORTI dell'imperatore di Arcore nonchè immobiliarista d'assalto Berlusconi. Il Presidente del Parco Valle Lambro, l'Assessore al Territorio della Prov. di MB (quell'Antonino Brambilla finito anche nelle maglie di TANGENTOPOLI, ricordiamolo) e il Sindaco di Arcore, paiono allineati ai voleri e agli interessi dell'imperatore Silvio.
Antepongono PRIMA il loro partito di provenienza e la connivenza con l'affarismo, rispetto a quello che dovrebbe fare chi è nelle Istituzioni: SALVAGUARDARE IL TERRITORIO e L'AMBIENTE quali BENI COLLETTIVI NON NEGOZIABILI. Bella la FOGLIA DI FICO dietro la quale si nascondono: gli oneri d'urbanizzazion e che entrerebbero nelle casse comunali. L'lemosina, rispetto agli introiti che arriverebbero all'IDRA della fam. Berlusca.Poi, il verde, un prato, un bosco, per loro non hanno alcun valore. Prima di tutto viene IL CEMENTO.A loro la qualità della vita COLLETTIVA non importa.Belle le villette stile riserva indiana con giardinetto striminzito (questo è l'ambiente che vogliono tutelare) per la famigliola mediopadanotta. Se poi diventa quartiere esclusivo, separato dal resto., meglio ancora per l'immagine e le casse dell'immobiliar e. E questi "amministratori " stanno pure a disquisire per convincerci della bontà di UNA PORCATA SIMILE !
FACCIAMOCI SENTIRE, PRESTO E FORTE !
L'AMBIENTE non è la LORO RISERVA, la RISERVA dei "PREDONI A CASA NOSTRA !"
Citazione
#3 giuseppe civati 2010-02-14 00:39
Aderisco personalmente e in qualità di consigliere Pd in Regione Lombardia. Sto dando massima diffusione al testo dell'appello. Cari saluti, pippo
Citazione
#4 Mattia Lento 2010-02-14 15:45
Non è solo tempo di preservare il parco ma di rilanciarlo a fini occupazionali. Occorre valorizzare ancor di più questa risorsa ambientale sviluppando progetti pedagogici legati ad esso che possano offrire posti di lavoro a giovani inoccupati. è tempo di risanare per davvero il fiume Lambro e le sue sponde a giovamento della salute e della prosperità della comunità.
Citazione
#5 Gimmi Perego 2010-02-14 17:38
Aderisco con piacere, rilanciando la notizia sul mio Blog:

http://gimmiperego.blogspot.com/2010/02/dopo-monza-arcore-quanto-pesano-150000.html
Citazione
#6 PD Arcore 2010-02-15 09:21
Aderiamo all'iniziativa, segnaliamo che siamo direttamente impegnati nella questione e che a riguardo abbiamo fatto il comunicato stampa che si può leggereanche qui:
http://pdarcore.splinder.com/post/22223107/L%C3%A0+dove+c%27era+l%27erba...
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina