La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Riqualificazione o speculazione?

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20090319-we-are-monza.jpg

I ragazzi del Boccaccio lanciano l'allarme: speculazione in vista per l'ex TintoriaDe Simoni?

Riceviamo e pubblichiamo

Nella notte tra il 20 e il 21 marzo è apparsa una enorme scritta in Via Cantore, sul telo che nasconde alla vista dei monzesi il terreno dell’ex FOA Boccaccio 003. La scritta recita: «RIQUALIFICAZIONE O SPECULAZIONE?».

Settimana scorsa la proprietà ha effettuato un becero taglio delle piante che crescevano sulla cinta dell’area, svelando il buco nero di via Boccaccio, e rivelando a tutti l’attuale desolante stato in cui si trova una delle circa 60 aree dismesse del tessuto cittadino. Cultura e socialità hanno lasciato il posto alla speculazione… laddove c’erano verde e piante secolari, sono in arrivo 36.000 metri cubi di cemento. Altro che “sistemazione ambientale e recupero funzionale dell’area”: nell'area di via Boccaccio si sta giocando una partita da oltre 10 milioni di euro tra l'Amministrazione comunale e i proprietari dell'area. L'ex tintoria De Simoni è stata acquistata nel 2004 dalla San Gerardo Srl ad un prezzo molto contenuto: l’alto rischio di esondazione del tratto di Lambro che la costeggia ed i vincoli regionali restringevano le possibilità edificatorie sul terreno. L’attuale Amministrazione Comunale ha intenzione di modificare il piano regolatore vigente, consentendo l’edificabilità dell’area in questione: in questo modo la San Gerardo Srl potrà decuplicare il valore della sua proprietà. Lo sgombero della FOA Boccaccio 003 è stata la prima pietra verso l’ennesima speculazione edilizia, che non porterà alcun beneficio ai cittadini monzesi.

L’ex tintoria De Simoni ha ospitato per quattro anni le attività del centro sociale FOA Boccaccio: tanti giovani - convinti della necessità di uno spazio di libera espressione in grado di raccogliere le esigenze di aggregazione e di socialità – avevano infatti trasformato uno spazio industriale degradato in un cuore pulsante di attività aperte a tutti i cittadini. Autogestione, autoproduzione, antifascismo, antirazzismo, controinformazione, cultura gratuita, sono state le parole d’ordine che hanno rianimato le grigie mura dell’ex fabbrica tessile. Un’esperienza di protagonismo politico, sociale e culturale, capace di diventare in poco tempo un punto di riferimento per i giovani di Monza e della Brianza. Nel giugno del 2008 la giunta Mariani ha deciso, di concerto con la proprietà dell’area, di far chiudere i battenti ad uno spazio decisamente troppo libero e di qualità per i gusti e le abitudini di un’amministrazione comunale dedicata al più bieco affarismo, attenta solo alla tutela dell’interesse privato e ispirata da modalità e sentimenti chiaramente fascistoidi. Ecco così spiegato “il via libera” per la sistemazione ambientale ed il recupero funzionale dell’area di via Boccaccio: pronti 36.000 metri cubi di cemento a ridosso del Parco, per un affare complessivo di oltre 10 milioni di euro.

L’ennesima speculazione edilizia sul territorio monzese programmata da una giunta tenuta insieme solo dal comune desiderio di tutelare i propri interessi economici. Ci viene un solo dubbio: ma la stessa proprietà, che rivendica “insieme ai propri clienti” la regia dello sgombero della FOA Boccaccio, sarà altrettanto pronta a rivelare ai Monzesi l’ammontare dei profitti che intascherà grazie a questa speculazione? Oppure come si fa di solito, a luci spente e a bocca chiusa, penserà a dividersi il malloppo con gli amici che siedono tra i banchi del comune?

Le centinaia di ragazzi e ragazze che frequentavano la FOA Boccaccio queste domande se le pongono e per questo, cara proprietà e cara Giunta,…WE ARE WATCHING YOU!

www.monzagiovani.org

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Orti, frutteti e sperimentazione
    La nuova tendenza: il recupero e la diffusione degli orti ovunque, nel cuore delle città e perfino sui balconi, come reazione e barriera all’avanzata del cemento. Dall'orto della Casa Bianca a quello di Versailles, fino al frutteto matema...
  • Orti urbani, che passione!
    Dossier. Consumo consapevole. La creazione di piccoli orti è inoltre un’occasione di socializzazione e aggregazione. Il progetto della Condotta Slow Food di Monza e Brianza La tera l’è bassa, la terra è bassa, quindi faticosa e diffici...
  • “Basta costruire per la speculazione”
      L'Amministrazione Scanagatti avvia il nuovo Documento di Piano di Monza. Il futuro urbanistico della città attraverso 7 obiettivi e un percorso partecipato Nella serata di martedì 18 marzo il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, ...
  • Vent'anni di mercatino dei prodotti biologici a Monza
    Dossier. Il consumo consapevole. Il mercatino del biologico, promosso da Legambiente Monza fin dal 1993, si tiene in Città ogni quarta domenica del mese. Ne parliamo con Massimo Benetti, suo promotore e organizzatore che ne spiega i motiv...
  • Finalmente Venaria e Monza dialogano
    Comunicato stampa. Reggia di Venaria e Reggia di Monza: questa mattina incontro ufficiale tra i presidenti Del Noce e Scanagatti «E' logico e naturale che le due "Regge del Nord" si incontrino per ipotizzare programmi congiunti ...
  • Una giornata di Beni comuni
    Una giornata di studi sui beni comuni voluto dal Comitato di Monza e Brianza. Le testimonianze video degli interventi dei relatori.   Si è tenuto sabato 22 febbraio 2014 una giornata di studi sui beni comuni voluto dal Comitato d...
  • Un libro, la Villa Reale, il Parco e le attese della città
    Venerdì 14 febbraio al CCR di Monza il direttore e gli autori hanno presentato l’eBook che racconta gli ultimi 5 anni del grande complesso architettonico e paesaggistico. Dal dibattito arrivano le aspettative della città: serve un grande ...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina