A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

Vorrei - Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

 testata vorrei 500px

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Parco Tittoni a Desio, nel cuore della Brianza - programmazione di luglio

PARCO TITTONI – DESIO

La IV edizione del festival della Brianza

Per un luglio #belloda trasferirsi in Brianza!

 PEPPE VOLTARELLI (1 luglio) MODENA CITY RAMBLERS (3 luglio)

GIOVANNI LINDO FERRETTI (10 luglio) GEM BOY + CRISTINA D’AVENA (11 luglio) BANDABARDÒ (24 luglio) PUNKREAS + PINO SCOTTO (25 luglio)

DAVIDE VAN DE SFROOS (31 luglio)

Per resistere al caldo del luglio milanese, Parco Tittoni offre una programmazione travolgente per tutti i gusti nel cuore della Brianza (via Lampugnani 66 – Desio - Monza Brianza – dal lunedì al sabato a partire dalle 19.30 e la domenica dalle 16.00).

Il mese di luglio si apre e si chiude all’insegna della world music con un viaggio virtuale dal sud al nord Italia: oggi, mercoledì 1 luglio, salirà sul palco di Villa Tittoni il cantante simbolo della Calabria, Peppe Voltarelli invece il 31 luglio sarà la volta del comasco Davide Van De Sfroos. Nel mezzo, la grande musica di Parco Tittoni vedrà protagonisti i Modena City Ramblers (3 luglio), il cantautore Giovanni Lindo Ferretti (10 luglio),Gem Boy + Cristina D’Avena (11 luglio - consumazione omaggio per i cosplayer integrali), Bandabardò (24 luglio), Bloomout Rock Festival con iPunkreas, Pino Scotto, Plastic Made Sofa, Shiva (25 luglio). Non mancheranno inoltre le sperimentazioni musicali dei Notturni (4 luglio) e del Baa Fest (15 luglio).

Parco Tittoni si vestirà eccezionalmente di una speciale atmosfera londinese con il mercatino vintage si Camden Town (5 luglio) e porterà i suoi ospiti nel lontano oriente per un giorno con l’Oriente-day (19 luglio), oltre ad offrire i suoi tradizionali martedì Tropical. Un festival anche #belloda…ridere con il cabaret dei comici di Zelig, Colorado, Central Station (8 luglio) e il poeta, performer e cabarettista che fa pensareGuido Catalano, (22 luglio).

Parco Tittoni, giunto alla sua IV edizione, è contenitore di eventi che spaziano dalla musica live di ogni genere alla danza, dal cinema al teatro, dal relax all’animazione, con una programmazione rivolta ad un pubblico trasversale e all’insegna della condivisione con l’#belloda.

Le attività di Parco Tittoni sono organizzate da Coop. Mondovisione ed Arci Tambourine in partnership con il Comune della città di Desio. Molti dei concerti in programma sono realizzati in collaborazione con Shining Production (www.shiningproduction.com).

La settimana di Parco Tittoni inizia con i lunedì dedicati al cinema sotto le stelle, realizzati in collaborazione con il Cinema Roma di Seregno –Monza Brianza. “Tropical” invece è il format settimanale del martedì sera costruito come un grande viaggio alla scoperta delle musiche, dei sapori e dei colori dell’America latina. Ogni mercoledì una platea di spettatori potrà godere di musica, poesia e teatro all’insegna di tutto ciò che è #bellodaascoltare. Tornano anche quest’anno i "Nasty Thursday", l’appuntamento estivo dedicato ai giovani amanti della musica dance elettronica, e continuano i party a tema e la grande musica del weekend. La settimana si conclude nel relax, ogni domenica pomeriggio infatti Parco Tittoni si apre ai grandi e ai piccini con laboratori gratuiti di teatrosport e attività ricreative per i più piccoli, mentre la sera si potrà degustare il ricco menù a tema della cucina e ascoltare musica dal vivo. 

Condividendo l’auto per raggiungere Parco Tittoni, attraverso il servizio Club Sharing (www.clubsharing.it), sarà possibile vincere ingressi omaggio per gli eventi e gadget esclusivi.

Per informazioni sugli eventi e sui prezzi:

www.parcotittoni.it - marcodemarco@mondovisione.org 328 0009773

 

Tramway Monza-Oggiono - una mostra sull'antica linea tramviaria che non c'è più

Il nostro territorio è ricco di segni del passato,  segni spesso ancora visibili ma di cui ci sfugge una chiave di lettura.  Tra gli obiettivi che il parco persegue in collaborazione con le associazioni locali riunite nel Forum delle associazioni amiche dei Colli Briantei, c’è quello di promuovere attività culturali volte alla promozione del nostro territorio. Nasce in questo ambito la mostra itinerante dal titolo “Tramway a vapore Monza-Oggiono, storia dell’antico tramway delle “Brianze” legame tra paesi, uomini e culture”. Pochi infatti  sanno i che una delle prime tramvie lombarde venne realizzata proprio nel territorio dei primi colli della Brianza Est nel 1878, si tratta della line Monza-Oggiono, dismessa nel periodo tra le due guerre .

La tramvia fu il primo collegamento con mezzo pubblico della Brianza orientale ed il percorso prevedeva fermate a Monza, Villasanta, Arcore,  Lesmo, Casatenovo, Monticello, Dolzago, Barzanò, Oggiono. Grazie al contributo di volontari, associazioni e collezionisti privati è stato possibile raccogliere molto materiale : cartoline, tabelloni orari dell'epoca, foto delle fermate com'erano all'epoca del tram (e come sono oggi) , strumenti utilizzati dai conducenti dell’epoca come ad esempio il famoso corno il cui suono preannunciava l’arrivo del tram in paese, documenti di viaggio, altri cimeli dell’epoca ecc. ecc. Una mostra itinerante davvero originale che verrà presentata in tutti i comuni del parco ed in quelli corrispondenti alle fermate dell’epoca. Primo evento espositivo in programma è quello legato alla festa patronale di Lesmo in programma dal 9 al 13 luglio prossimi c/o l’oratorio parrocchiale San Giuseppe in vicolo Oratorio, 7  
Il programma dell’evento

Giovedì 9 Luglio : Inaugurazione della mostra alla presenza del sindaco di Lesmo, dell’assessore alla cultura, dei curatori della mostra e dello storico dei mezzi di trasporto Mario Zenati autore del libro “In treno nel verde della Brianza”.

A seguire visita guidata della mostra a cura dei volontari.
La mostra resterà aperta Venerdì 10 Luglio dalle ore 18.00 alle  23.00 Sabato 11 Luglio dalle ore 18.00  alle  23.00 Domenica 12 Luglio dalle ore 12.00 alle 23.00 Lunedì 13 Luglio  dalle ore 18.00 alle 23.00
La mostra verrà esposta nel corso del 2015 e 2016  nei comuni di Arcore, Casatenovo, Villasanta, Barzanò, Oggiono, Monza (da confermare) dove anche le scuole verranno coinvolte in un percorso didattico dedicato.

Maggiori informazioni sulla mostra e sul progetto sul sito dedicato : https://tramviamonzaoggiono.wordpress.com/

 

M5S Monza - La TARI quest'anno chi la paga?

LA TARI QUEST'ANNO CHI LA PAGA?

Il MoVimento 5 stelle quando si tratta di difendere la legalità non si ferma MAI, nemmeno in estate. A pochi giorni dalla scadenza del pagamento dell’odiata TARI, la tassa comunale dei rifiuti, il Comitato del MoVimento 5 stelle Monza scarica un fuoco di esposti e comunicazioni amministrative, contabili e legali contro la famigerata transazione Sangalli. Dove sta la convenienza per i cittadini nel rinnovare un contratto a una ditta che ha rubato e frodato l’amministrazione? Si erano posti questa domanda già a gennaio i consiglieri comunali Pentastellati, ora il MoVImento va oltre, affidandosi a legali ed esperti per dimostrare che questi atti della Giunta (ratificati dal Consiglio) non sono solo inopportuni, ma anche illegittimi. I dettagli legali forse sono poco comprensibili ai più, ma di certo chiunque leggendo l’esposto, che sarà presentato nei prossimi giorni alla Corte dei Conti, si renderà ben conto delle cifre che ci sono in ballo: €12.600.000  per danno alla normativa concorrenziale, € 7.122.930 per danno derivante da prezzi superiori resi possibili dalla turbativa d’asta, € 18.189.000 per danno da inadempimento contrattuale, per la modica cifra totale di € 37.911.930. La conclusione nell’esposto che nell'imminente presenteremo alla Corte dei Conti è che sia necessario che il Comune revochi l’atto transattivo al più presto perché il contatore del danno erariale sta continuando  a girare e il rischio di doverne rendere conto si estenderà fino al momento in cui il contratto non verrà sciolto definitivamente. Alla questione meramente economica presentata nell’esposto alla Corte, si è poi aggiunta, relativamente alla  proroga di ulteriori 12 mesi del contratto, una illegittimità amministrativa, in quanto il rinnovo  non era stato previsto nel bando di gara d’appalto, come prevede la legge. Questo in breve il contenuto di una comunicazione inviata alla Prefettura. Di poco tempo fa invece un esposto all’Anac inviato dalla Pec di Nicola Fuggetta, consigliere M5S, che invocava l’aiuto di Raffaele Cantone in difesa della concorrenza, gravemente lesa da questa transazione, che di fatto esclude dal mercato un settore economico molto lucrativo. Insomma, il MoVimento con tranquilla umiltà e competenza chiede al Comune di Monza di ripensarci e di annullare la transazione per tutelare i cittadini, che nel frattempo si apprestano a pagare con le tasse il prezzo della corruzione. Il MoVimento pensa che si possa e si debba cambiare l’Italia a partire dalle amministrazioni comunali, e sempre più persone a Monza ne sono convinte.

Movimento 5 Stelle di Monza

 

Ecco la squadra per la Metropolitana a Monza

Monza Metropolitana: ecco la squadra che darà battaglia in Parlamento e in Regione per sbloccare il progetto fermo dal 1999.

Riunione stamane, 27 giugno, a Monza con la squadra di politici e amministratori pubblici che hanno aderito, nel loro ruolo e nella loro autonomia, alla nostra battaglia per il prolungamento della M5 da Bignami a Monza Villa Reale. Una squadra bipartisan schierata a fianco dei cittadini, disponibile sulle esigenze del territorio. L’incontro ha avuto lo scopo di fare il punto sulle iniziative in corso e su quelle future, focalizzando al meglio come agire tutti insieme, indipendentemente dall’orientamento politico, per un obiettivo concreto che è di larghissimo interesse tra i cittadini e che è molto importante per l’economia della zona.

Dalla riunione sono emersi questi obiettivi:

- rilanciare l’accordo di programma del 1999 denominato “Monza Metropolitana”, cioè il completamento della M5 “lilla” da Bignami a Monza;

- chiedere l’inserimento di fondi nella prossima Legge di Stabilità dello Stato;

- inserire il progetto tra le priorità infrastrutturali della regione Lombardia;

- inserire la M5 sino a Monza Villa reale nelle opere fondamentali del programma regionale di sviluppo economico e turistico della Brianza;

- coinvolgere la costruenda nuova Città Metropolitana;

- prevedere in modo chiaro linea e deposito treni nel prossimo Pgt di Monza;

- meglio motivare gli aspetti di sostenibilità economica della futura gestione della linea, indicati dagli studi di fattibilità esistenti, con attenzione particolare alle tariffe di trasporto.

Su questi obiettivi di lavoro la nostra Associazione farà da punto di riferimento e coordinamento – ha spiegato Isabella Tavazzi, portavoce di HQMonza – mentre a partire da settembre avvieremo anche una intensa campagna che coinvolgerà i cittadini, che in 9.000 hanno aderito alla battaglia per il metrò di Monza, con manifestazioni e incontri di tipo tradizionale, ma anche con raduni “flashmob” clamorosi e con “tempeste” di mail verso gli Enti pubblici coinvolti.

Ecco l’elenco dei partecipanti all’incontro di oggi, svoltosi allo Sporting Club Monza che cortesemente ci ha ospitati:

 Parlamentari

· Andrea Mandelli, senatore Forza Italia

· Lucrezia Ricchiuti, senatore Partito Democratico

· Daniela Gasparini, deputato Partito Democratico

· Paolo Grimoldi, deputato Lega Nord

 Regione Lombardia

· Fabrizio Sala, assessore Expo 2015 Regione Lombardia

· Gianmarco Corbetta, consigliere regionale (capogruppo M5S)

· Massimiliano Romeo, consigliere regionale (capogruppo Lega Nord)

 Comune di Monza

· Paolo Confalonieri (assessore alla mobilità Comune di Monza)

· Simone Villa (consigliere comunale Lega Nord)

· Movimento “CambiaMonza” (Beppe Natale)

· Club “Monza Azzurra” (Giuliano Ghezzi)

 Comune di Lissone

· Roberto Beretta (assessore ai trasporti Comune di Lissone)

 

Per l’Associazione HQMonza erano presenti:

· Isabella Tavazzi, portavoce

· Antonio Seggioli, esperto di marketing territoriale

· Simone Fortina, esperto di reti e mobilità

· Ada Rosafio, esperta in turismo e commercio

 

Premiati i vincitori della Biennale Giovani Monza

.

                                                              

 BIENNALE   GIOVANI MONZA 2015

                               Vincitori                                   

Monza, Arengario, Piazza Roma 1

 Decretati i vincitori della sesta edizione della Biennale Giovani   Monza. L’esposizione è prorogata fino al 12 luglio per dare modo al pubblico   di ammirare le opere vincitrici.

 

LE OPERE   VINCITRICI

Carola   Ducoli, Vasilij Vasil’evič Kandinskij, 2014

Gli scatti fotografici cercano di stabilire   una relazione tra corpo, movimento e colore. Un trittico che si rifà alla   concezione di Kandinskij, ai possibili effetti fisici e psichici sullo   spettatore, il passaggio dalla ricezione retinica alla vibrazione spirituale.   Opera premiata perché rilegge la vasta tradizione della teoria del colore e   la sa coniugare con il movimento del corpo di una ballerina di danza   contemporanea e ne fissa il timbro emotivo che corrisponde a un certo stato   d’animo.

Elisabetta   Falanga, Sepolto   in casa, 2014

La fotografia documenta l’installazione   riproposta nel chiostro dei Musei Civici di Monza – Casa degli Umiliati e   funge da finestra che si affaccia su questo interno che ricrea la camera del   fratello il cui letto è sepolto sotto la coltre di terra. Il dolore della   malattia e della perdita, il vuoto causato dall’assenza trovano conforto nel   gesto di innaffiare e di prendersi cura di questo prato d’erba per vederlo   crescere all’insegna della vita. Opera premiata per la forza evocativa di un   interno riletto in chiave naturalistica e per avere saputo ricondurre il   dramma esistenziale in una dimensione non più antropocentrica.  

Massimiliano   Gatti, In   superficie, 2014

Le fotografie valgono da monito per chi   resta sulla superficie delle cose e si accontenta dell’apparente verità della   storia. La ricognizione fotografica si incentra sugli oggetti rinvenuti   nell’ambito di scavi archeologici effettuati nell’Iraq del nord, un   territorio memore di civiltà millenarie e sconvolto dalle recenti guerre.   Opera premiata per la capacità di mettere in luce la drammatica ambiguità   degli oggetti rinvenuti, le cui proprietà estetiche sono messe sullo stesso   piano anche se gli uni sono dei preziosi manufatti d’epoca, mentre gli altri   sono dei residuati bellici.  

Saba   Masoumian, Natura   morta, 2014

L’opera ripropone lo spaccato di un interno   abitato da creature inverosimili sorte dall’immaginazione creativa   dell’artista che può essersi ispirata alla cultura iconografica del proprio   paese d’origine e a quella europea riconducibile alle poetiche surrealiste.   Ne emerge un senso di abbandono che dà spazio alle forze primigenie della   natura che sfuggono al controllo dell’uomo. L’opera è stata apprezzata per la   qualità della fattura plastica, per l’immediata freschezza del taglio domestico   e per la capacità di evocare immagini oniriche degne di un incubo. 

Lorenzo   Vitturi, Hairy   orange, yellow ballons and rotten camote #2, 2013, dalla serie Dalston   Anatomy

Il cibo e gli oggetti recuperati nel mercato   londinese di Dalston formano una scultura totemica che sintetizza gli odori e   i colori della vita multietnica di quartiere. Anche con gli scarti alimentari   delle bancarelle e il loro sapiente riutilizzo si trasformano i frutti e gli   ortaggi in nuove forme plastiche capaci di irradiare un’inedita energia, che   andrà consumandosi nel tempo. Dell’opera si è apprezzata l’idea di scultura   organica, del suo essere in divenire, capace di testimoniare un melting pot di culture, la loro   organica convivenza.    

Virginia Zanetti, Oiseau   rebelle / Dans le flux, 2015

Il video fonde lo scorrere delle acque con   il flusso sonoro della musica interpretata da musicisti immersi nel fiume   fino alle ginocchia. Questa performance dal respiro corale si svolge in piena   armonia con l’ambiente naturale e si consuma all’insegna dell’energia. Opera   apprezzata per la capacità di integrare la natura con la cultura, nel   rispetto reciproco, secondo una liaison   musicale che è energia allo stato puro.    

 

PREMIO CAMERA DI COMMERCIO

Casali +   Roubini, Riff   Raff, 2015

L’opera riesce a rileggere in chiave poetica   il palazzo dell’Arengario attraverso un approccio multimediale che interessa   diversi generi artistici: fotografico, letterario, sonoro e performativo. Lo   storico edificio, luogo di alto valore simbolico per il centro della città,   si vede sospeso nella nebbia generata dai fumogeni e si cala in una   dimensione altra, data dalla profondità di campo dell’inquadratura che coglie   un suggestivo scorcio del porticato dove aleggiano parole a commento dello   stile architettonico e della performance fumogena. 

PREMIO ROTTAPHARM BIOTECH

Silvia   Inselvini, I   giorni, 2014

Fonte di nutrimento fondamentale per la   sopravvivenza di numerosi popoli,  il   riso diviene qui il mezzo per dipingere, per macchiare i fogli di carta   alimentare. Ne viene un esercizio di scrittura raffinato e d’ampio respiro   che si rifà alla cultura alimentare e al segno puntiforme del singolo chicco   annerito nell’inchiostro. Un polittico composto da una serie di fogli   ciascuno dei quali registra l’impronta lasciata da manciate dei riso secondo   la regola della ripetizione differente. Opera premiata per la qualità   estetica della scrittura puntiforme e per averla coniugata con la cultura del   cibo.

LE OPERE   MENZIONATE

Francesca   Pasquali, Spiderball   Cloud, 2014

Spiderball   Cloud sfrutta la possibilità di riutilizzare un   oggetto ordinario, prodotto in serie, come elemento indispensabile alla   composizione di una scultura di grandi dimensioni. La menzione speciale è   conferita a quest’opera per la sua monumentale forza magnetica, la cui   capacità di sintesi iconografica non inciampa nell’aneddoto perché riesce a   mascherare il dettaglio del singolo ragnatore di cui è composta; menzione   aggiudicata anche per la capacità di adattamento e di dialogo con   l’architettura circostante: la cosiddetta torre di vetro si vede così riletta   in una chiave nuova, come gabbia di contenimento di una creatura plastica non   prevista dagli architetti del Museo.     

Mario   Scudeletti, Orifiamma,   2015

 Orifiamma consta in un gelsomino che cresce con moto spontaneo attorno a una   bandiera di ferro. La menzione speciale va a quest’opera per avere saputo   risolvere il conflitto tra la civiltà industriale e la natura; perché ha   ideato un site-specific che si   integra nel paesaggio urbano di via Italia a sostegno della natura che   prolifica secondo le stagioni lasciandosi così seguire e apprezzare dai   cittadini di passaggio.

Le opere vincitrici   vengono ora acquisite e donate ai Musei Civici - Casa degli Umiliati. In   questa sede è presente una sezione permanente dedicata alla Biennale Giovani,   che include parte delle opere vincitrici delle varie edizioni, periodicamente   affiancata da una mostra temporanea che consente di ammirare a rotazione le   altre opere.                                       

     
            
     

     

         

Ingresso libero

 

ORARI ESTIVI: da martedì a domenica 17-23; chiuso lunedì

 

"Tracce di contemporaneo. Collezioni di Arte italiana nelle ville della Brianza" - Villa Filippini, Besana in Brianza

A partire dal 28 giugno 2015 la splendida Villa Filippini di Besana in Brianza ospiterà il progetto espositivo “Tracce di contemporaneo. Collezioni di Arte italiana da Lucio Fontana alla contemporaneità nelle ville della Brianza”, promosso dal Comune di Nova Milanese e realizzato grazie al Bice Bugatti Club, in collaborazione con Heart Pulsazioni culturali. Le suggestive sale della villa presenteranno al pubblico una selezione di lavori di artisti italiani nati tra la fine degli anni Quaranta e il 1960. Personalità molto diverse ed eterogenee che hanno condiviso la scena artistica degli anni Novanta per poi prendere strade differenti. 

Il progetto è stato realizzato in occasione di “Meet Brianza Expo_Fuori Expo in Brianza”, iniziativa finanziata da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Monza e Brianza, con il coordinamento della Provincia di Monza e della Brianza. “Tracce di contemporaneo. Collezioni di Arte italiana da Lucio Fontana alla contemporaneità nelle ville della Brianza”, a cura diSimona Bartolena, presenta una serie di mostre di arte contemporanea allestite nelle splendide cornici di alcune delle più suggestive ville di delizia e sedi storiche della Brianza. L’obiettivo è anche quello di valorizzare ulteriormente il patrimonio artistico e culturale del territorio brianteo creando un armonioso dialogo tra opere contemporanee e ville storiche. un tour all’insegna dell’arte, dal Novecento fino ai giorni nostri, che percorre le strade del collezionismo brianteo, insieme alla scoperta di bellezze architettoniche del territorio come lo spettacolare Palazzo Borromeo di Cesano Maderno, la Villa Filippini di Besana in Brianza, la Villa Tittoni di Desio e la Villa Brivio di Nova Milanese

Le opere, capolavori selezionati dalle raccolte private della provincia di Monza e Brianza, verranno esposte nelle varie sedi per nuclei omogenei, affiancando personalità forti e assai note e artisti da riscoprire, mettendo a confronto linguaggi, grammatiche e tendenze stilistiche. Il percorso partirà simbolicamente da Fontana per arrivare fino alla generazione di artisti formatisi negli anni Ottanta. Da Manzoni a Dadamaino, da Bonalumi a Castellani, da Tancredi a Scanavino, da Uncini a Crippa, da Colombo a Grazia Varisco: un vero e proprio viaggio nella storia dell’arte italiana dagli anni Sessanta agli anni Novanta, alla scoperta dei gioielli nascosti delle collezioni private. L’itinerario comprenderà anche il Museo di Arte Contemporanea di Lissone, rinomata sede museale del territorio, che per questa importante iniziativa ospiterà nelle proprie sale espositive una selezione di opere del progetto. Le mostre potranno essere visitate come mostra “diffusa”, fruibile come unico percorso, ma anche per singole sedi. Per tutta la durata delle esposizioni saranno organizzati una serie di eventi collaterali che valorizzeranno ulteriormente le sedi coinvolte come luoghi di incontri culturali. Un racconto corale, tra arte e società, culturale ma anche umanissimo, per scoprire una Brianza fuori dai luoghi comuni.

 Il progetto “Tracce di contemporaneo. Collezioni di Arte italiana da Lucio Fontana alla contemporaneità nelle ville della Brianza”, è stata realizzata in collaborazione con i Comuni di Nova Milanese, Cesano Maderno, Besana in Brianza, Desio e Lissone.

 

On line il nuovo portale del Comune di Monza

On line il nuovo portale del Comune di Monza. Nuove funzioni per favorire utilizzo dei servizi e la partecipazione dei cittadini

Monza, 26 giugno 2015 - Dal 26 giugno è online la nuova versione del sito del Comune di Monza (www.comune.monza.it), rinnovato non solo graficamente, con notizie e videonews, ma soprattutto arricchito con nuove funzioni che facilitano la ricerca delle informazioni sui servizi comunali e che promuovono una maggiore partecipazione dei cittadini. Il portale è interamente mobile responsive, cioè adatta la modalità di visualizzazione a tablet e smartphone in uso, garantendo una consultazione ottimale anche da dispositivi di varie dimensioni ed è realizzato in modo da consentire la piena accessibilità anche alle persone con disabilità visive. Le principali funzioni implementate sono tutte a favore della navigabilità e della facilità d’uso a partire dallo scadenziario, che permette di avere sempre in evidenza le date degli adempimenti e delle iniziative più prossime e di salvarle sul proprio calendario online, la mappa dei lavori stradali con divieti e modifiche alla circolazione e dei parcheggi disponibili in città. La navigazione tramite tag, le “etichette” o “parole chiave” che aiutano a descrivere il contenuto, agevola poi la ricerca delle informazioni con motori di ricerca. Nelle pagine interne sono descritti tutti i servizi, con le modalità di fruizione e le informazioni sugli uffici a cui rivolgersi. Presenti inoltre le mappe interattive dove si visualizzano i luoghi e i punti d’interesse principali della città e come raggiungerli. La modulistica è stata trasformata in larga parte in modo da renderne possibile la compilazione direttamente online. Implementate anche le funzioni social e di partecipazione, a cominciare dall’evidenza data al link che rimanda alla diretta on line delle sedute di Consiglio comunale. Col nuovo portale sarà inoltre possibile inviare segnalazioni e proposte, allegando anche foto o documenti, e dare una valutazione sulle informazioni e sui servizi, grazie alla funzione “Aiutaci a migliorare”, ma anche condividere le pagine sui propri social network. A settembre sarà attiva anche la modalità multilingua, che permetterà la consultazione di alcuni contenuti selezionati in 3 lingue diverse: inglese, francese, spagnolo, anche grazie alle convenzioni in corso con alcuni istituti scolastici monzesi. Lo sviluppo del sito si completerà con il portale Opendata, online in autunno, che metterà a disposizione di cittadini, ricercatori e imprese un ricco catalogo di dataset.

Ufficio stampa del Comune

 

Misinto Bierfest 20^ edizione - Monza e Brianza - dal 9 al 19 luglio

La Misinto Bierfest compie 20 anni e festeggia con una birra dedicata a Misinto (MB)

Dal 9 al 19 luglio in programma la tradizionale festa bavarese brianzola organizzata da GAM E20

Misinto (MB), 26 giugno 2015 – La Misinto Bierfest compie 20 anni e festeggia in grande stile con una nuova birra dedicata al comune di Misinto, con un aggiornamento del programma e con il rinnovo dell’area dedicata all’evento. L’edizione 2015 si terrà dal 9 al 19 luglio nell’area feste in via Marconi. “Venti anni rappresentano un traguardo importante - afferma Fabio Mondini, organizzatore della Bierfest - e abbiamo voluto festeggiare con un progetto ambizioso. Grazie alla collaborazione di Kulmbacher nel corso della manifestazione verrà messa in commercio la Birra di Misinto acquistabile anche in confezione da collezione da sei con le diverse etichette disegnate dai bambini delle scuole elementari del nostro comune che si sono confrontati in un concorso dedicato che ha coinvolto circa 100 bambini. Si tratta di un’iniziativa a scopo sociale, il ricavato della vendita di queste bottiglie verrà infatti completamente dedicato a progetti per la scuola del nostro territorio così come avviene da 20 anni”.

Da quando è nata la Festa della Birra di Misinto, GAM E20, l’associazione che organizza l’evento, ha infatti donato alla comunità brianzola oltre 250.000 euro. I fondi sono stati impiegati nel corso degli anni per progetti di pubblica utilità soprattutto rivolti ai bambini come il rinnovo dell’aula d’informatica e di due nuove aule della scuola elementare, per l’impianto wireless nel plesso scolastico, per la sistemazione dell’area giochi e per la piantumazione di nuovi alberi sempre nel giardino delle scuole. Una particolare attenzione è stata data infine al progetto relativo alla fornitura delle lavagne multimediali LIM che quest’anno hanno raggiunto quota otto. Con l’edizione 2015 della Misinto Bierfest anche l’area feste è stata rinnovata: la struttura è stata infatti ampliata fino ad arrivare a 2.500 metri quadrati e sarà in grado di ospitare oltre 2.000 persone al coperto. Anche il Biergarten sarà al riparo così da permettere lo svolgimento della manifestazione anche in caso di maltempo.

“Abbiamo voluto rendere la nostra Bierfest – spiega Fabio Mondini - ancora più fedele alle tradizioni bavaresi eliminando il palco esterno e ampliando il palco interno dove si esibiranno solo band tedesche in pieno stile dell’evento. Il calendario sarà interamente dedicato a concerti e spettacoli bavaresi così da consentire al pubblico di vivere una vera esperienza il più fedele possibile alle bierfest d'oltralpe”. Nell’ultima edizione la festa ha visto le oltre 50.000 presenze con più di 30.000 litri di birra spillati. La Misinto Bierfest anche quest’anno vedrà coinvolti oltre 70 volontari negli undici giorni di apertura che si alterneranno al servizio ai tavoli, in cucina, al montaggio e manutenzione della struttura e nelle varie attività necessarie per lo svolgimento della manifestazione. “Dopo 20 anni – afferma il Sindaco di Misinto, Giorgio Dubini - è il caso di dire che la Misinto Bierfest è davvero entrata a far parte della tradizione del nostro Comune e festeggiare insieme un compleanno così importante è motivo di orgoglio. In un momento come questo di difficoltà economica degli enti pubblici il sostegno dei nostri compaesani che ogni anno decidono di dedicare parte del ricavato della manifestazione in favore di iniziative dedicate al territorio rappresenta un modello da seguire. Un grazie quindi agli organizzatori e ai volontari che con grande passione da 20 anni rendono la festa della birra un appuntamento davvero unico e utile per la cittadinanza”.Anche quest’anno all’interno dell’area della festa verranno utilizzati piatti e posate totalmente biodegradabili.

La festa aprirà tutti i giorni alle ore 19.30 e i concerti inizieranno alle ore 20.00.

Programma dei concerti:

9, 10 e 11 luglio 2015 - DIE WILDERER

12 e 13 luglio - GRUMIS GRUMIS

14, 15 e 16 luglio - BRUNO GRESS BAND

17, 18 e 19 luglio - THE MC CHICKEN SHOW

 

Comunicato FLAI-CGIL Monza unitario su Star di Agrate.

COMUNICATO SINDACALE

Star Industriale Srl

Il 24 giugno si è conclusa la procedura di Mobilità relativa a 9 licenziamenti senza accordo tra le parti nonostante reiterati tentativi di mediazione da parte della Regione Lombardia. Contestualmente hanno partecipato allo sciopero di 8 ore proclamato dalle OO.SS. La quasi totalità dei dipendenti agratesi ed anche una loro folta rappresentanza ha partecipato alle iniziative di lotta e sensibilizzazione. Un colorato ed arrabbiato gruppo di lavoratori ha tenuto un presidio davanti l'Agenzia Regionale per il Lavoro, volantinato nella Piazza dei nuovi palazzi della Regione e manifestato davanti ai negozi aperti da STAR in occasione di EXPO. Continueremo a sostenere che la qualità del prodotto alimentare, a partire da STAR, debba corrispondere al rispetto dei diritti dei lavoratori ed anche al mantenimento perlomeno dell'occupazione esistente. Continueremo a sostenerlo così attivandoci, come stiamo facendo in queste ore grazie alla già enunciata disponibilità della Regione Lombardia, per la convocazione di un tavolo istituzionale presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Continueremo, non finisce qui. Le nostre continue mobilitazioni, sostenute dal sacrificio dei lavoratori che pubblicamente ringraziamo, siamo convinti facciano uscire dall'angolo le vere responsabilità di questa dirigenza aziendale. A presto. A testa alta.

Rsu e OO.SS. Agrate Brianza - Monza Brianza

 

Minacce di morte a "Infonodo" - M5S chiede al neo sindaco di Seregno Mazza di dissociarsi e di prendere provvedimenti

MINACCE DI MORTE AD “INFONODO”: M5S CHIEDE AL NEO SINDACO MAZZA DI DISSOCIARSI E DI PRENDERE PROVVEDIMENTI.

25 giugno 2015 - “Siamo profondamente delusi dalla vicenda che ha visto coinvolto l’uscente sindaco di Seregno, Giacinto Mariani, che, intervistato da «Seregno TV» poco dopo l’elezione del nuovo sindaco, Edoardo Mazza, ha insultato ed augurato la morte ai giornalisti della redazione di «Infonodo», seppur non nominando mai direttamente il blog in questione.” Così i deputati e senatori del Movimento Cinque Stelle, insieme ai consiglieri regionali, a tutti i consiglieri comunali brianzoli e, in primis, al consigliere comunale neoeletto Mario Nava, riguardo l’inqualificabile situazione che vede coinvolti i giornalisti del blog che da anni si contraddistingue per le sue dettagliate inchieste locali. “Definire il sito in questione come gestito «da animali, da banditi, da ladri e da schifosi» e aggiungere, sempre riferendosi ai giornalisti dello stesso, «queste persone devono morire», è per noi un atteggiamento vergognoso. Come Movimento 5 Stelle ribadiamo quanto già affermato a riguardo in altre sedi, ossia che abbiamo il dovere di dissociarci da tali espressioni minacciose perché lo riteniamo un comportamento assolutamente deprecabile. Ci rende altresì profondamente tristi il fatto che quelle parole siano state applaudite dallo stesso sindaco Mazza che era al fianco di Mariani mentre venivano pronunciate. Rimaniamo attoniti” – continuano i 5 Stelle – “nell’apprendere da un articolo de «Il Fatto Quotidiano» del 24 giugno, che alla domanda posta dal giornalista al nuovo primo cittadino riguardo all’applauso rivolto a Giacinto Mariani mentre augurava la morte ai giornalisti del blog, Mazza specificava «né mi dissocio né posso avallare le parole di Mariani, che sono state pronunciate dopo una campagna elettorale cattiva messa in piedi da parte dei nostri avversari politici». Non dissociarsi né avallare rabbiosi auguri di morte nei confronti di chicchessia, è per noi un atteggiamento gravissimo, tanto più se tenuto da un’importante carica pubblica quale è quella del Sindaco. Il suo non dissociarsi, lo mette al pari del riprovevole atteggiamento tenuto dall’ex Sindaco Giacinto Mariani.” “Come Movimento 5 Stelle, chiediamo a Edoardo Mazza se non ritenga opportuno non affidare a questa persona alcun tipo di incarico all’interno della nuova giunta del Comune di Seregno. E in ultimo, se non intenda finalmente dissociarsi dalle dichiarazioni in oggetto, formulando ufficialmente le scuse alla redazione di «Infonodo» e a tutti i brianzoli per tutto quanto accaduto.” I pentastellati chiudono augurando a Mazza “un mandato da sindaco che ponga dinnanzi a tutte le sue priorità la questione morale, elemento fondamentale dal quale non può prescindere la buona politica che tanto manca a questo Paese, anche a livello locale.”

I portavoce M5S della Brianza

 

La matita di
Fulvio Fontana
» Guarda tutte le vignette

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Rispettiamo la privacy, le leggi e le buone maniere. Per continuare a leggerci, accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.