Vorrei | Rivista non profit

Rivista non profit di cultura, ambiente e politica.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

"AlimentAnimali": siamo arrivati a quota 20!

Nei primi 10 mesi del progetto dell'ENPA brianzolo, donati oltre 2.700 kg di cibo per gatti.

Lanciata nel marzo del 2016, l'iniziativa dell’ENPA di Monza e Brianza, in collaborazione con alcune importanti catene di negozi di prodotti per animali, nei suoi primi 10 mesi di attività ha organizzato ben 20 banchi di raccolta cibo per gatti, una media di due sabati al mese.

Ideatrice e organizzatrice del progetto è Milena Rosellini, responsabile colonie feline per la sezione, coadiuvata da un gruppo di volontari ENPA e da alcune tutrici di colonie feline.

Fondamentale pure il ruolo di Isabella Garlati, responsabile immagine della nostra sezione (e vice presidente) che realizza le locandine per ciascun banco e che ha creato il logo del progetto, adottato dall'ENPA anche a livello nazionale.

L'iniziativa è pensata esclusivamente per gatti poiché il numero di bocche feline da sfamare è abbondantemente superiore a quelle dei cani, tenendo conto anche le tante colonie feline seguite, e il cibo per gatti a disposizione spesso non basta.

La raccolta cibo "AlimentAnimali" funziona esattamente come quelle per le persone: all'ingresso del punto vendita i volontari distribuiscono un mini volantino e un sacchetto ai clienti del negozio, spiegando in breve chi sono, rimanendo a disposizione per  indicazioni e consigli. Chi desidera donare alimenti per gatti li paga regolarmente alle casse, consegnandoli direttamente ai volontari ENPA al banco, dove vengono registrati e divisi per tipologia e formato per successiva distribuzione alle colonie.

Diamo i numeri!

Vediamo in dettaglio qualche dato. La quantità totale di cibo donato ai 20 banchi AlimentAnimali effettuati tra marzo 2016 e gennaio 2017 è di 2.700 kg, di cui 1.750 kg di umido e 950 kg di secco.

I banchi sono stati allestiti presso i punti vendita Maxi Zoo di Monza, Maxi Zoo di Brugherio (MB), Maxi Zoo di Trezzo sull'Adda (MI), Oasi Pet di Seregno (MB), Auchan di Monza, Simply di Lissone (MB), e il Pet  Shop di Lissone.

ll cibo raccolto è stato distribuito a diverse colonie feline di Monza, Caponago (MB) e Cernusco sul Naviglio (MI).

ENPA ringrazia tutto il personale dei disponibilissimi negozi oltre, naturalmente, ai clienti che hanno dimostrato grande sensibilità donando cibo agli animali più bisognosi.

AL VIA LA XIV EDIZIONE DI BRIANZA CLASSICA: SUONI IN ECO-LOGIA

 IL PRIMO APPUNTAMENTO A CARNATE, NELLA CHIESA DEI SS. CORNELIO E CIPRIANO, 

SABATO 28 GENNAIO, ALLE ORE 20.30

Torna nelle province di Lecco, Monza e Brianza uno dei Festival più amati e seguiti del territorio. Brianza Classica, infatti, la rassegna musicale giunta ormai al suo quattordicesimo anno, riprende i concerti nel territorio brianzolo. Dopo gli appuntamenti degli ultimi mesi del 2016, la maggior parte dei quali andati sold out, Brianza Classica torna così ad accogliere il suo pubblico con ben 16 nuovi appuntamenti, che continuano ad essere completamente gratuiti. Prosegue anche l’impegno ad accogliere artisti nazionali e internazionali e ad eseguire programmi musicali diversificati capaci di soddisfare molteplici tipologie di ascoltatori: questi sono gli ingredienti principali che hanno consentito, e consentono ancora oggi, la buona riuscita della rassegna.

Il titolo di quest’anno sarà “SUONI IN ECO-LOGIA”. Suoni “in eco” dal passato… ma anche musiche quale “mezzo” migliore per diffondere messaggi di consapevolezza della fragilità del nostro pianeta. Proprio per dar vita ad un progetto che valorizzi il territorio in cui è inserito ma che “non inquini”, Brianza Classica ha deciso che stamperà i suoi materiali di comunicazione interamente su carta riciclata ed incrementerà le forme di comunicazione a minor impatto ambientale. Alcuni concerti del Festival tra maggio e giugno si svolgeranno all’aperto, a diretto contatto con la Natura. Inoltre i diversi programmi dedicati all’”Arte della Trascrizione” metteranno il principio della rivisitazione e ricreazione, da sempre utilizzato in Musica, in diretto parallelo con l’importante tema del riciclo dei materiali e del riutilizzo delle fonti di energia. Nulla si crea e nulla si distrugge, ma sopratutto nulla si spreca o si butta via, e questo - da sempre- anche…in Musica!

Il primo appuntamento in programma si terrà sabato 28 gennaio, alle ore 20.30, nella Chiesa dei Santi Cornelio e Cipriano  di Carnate (MB). Un bellissimo concerto per strumenti “a vento” e a canne per l’inaugurazione della quattordicesima rassegna di Brianza Classica. Verranno presentati trascrizioni di alcuni dei brani più celebri del repertorio barocco a firma dei più noti autori italiani e tedeschi dell’epoca, quali Antonio Vivaldi, Alessandro e Benedetto Marcello, Johann Sebastian Bach e Georg Friedrich Haendel. Si esibiranno per il pubblico il Maestro Giorgio Matteoli – Direttore artistico di Brianza Classica (ai flauti dolci) e Luca Ambrosio (all’organo), con la partecipazione straordinaria del soprano Paola Modicano. Come per gli altri concerti, l’ingresso è libero con prenotazione consigliata sul sito internet di Brianza Classica a partire da lunedì 23 gennaio.

INFORMAZIONI

I concerti sono ad ingresso libero con prenotazione consigliata su www.brianzaclassica.itLe prenotazioni si aprono il lunedì e si chiudono il giorno prima del concerto, salvo esaurimento dei posti disponibili. Per i Residenti a Carnate e per i Sostenitori sarà possibile prenotare telefonicamente al numero: 392 6485655. Le prenotazioni online per i concerti saranno aperte lunedì 23 gennaio.

Divorzi in Comune di Lissone: numeri raddoppiati nel 2016, per il cittadino spesa di 16 euro

Numeri raddoppiati rispetto al 2015, con la possibilità per il cittadino di effettuare tutta la procedura in Municipio senza la necessità di nominare un avvocato ma pagando un semplice diritto comunale di 16 euro.

Sono queste alcune delle motivazioni che hanno portato, anche a Lissone, ad un notevole incremento dei "divorzi brevi" direttamente in Comune, possibilità riconosciuta dallo Stato italiano a partire dall’11 dicembre 2014, con cui si consente di ratificare l’accordo raggiunto dai coniugi (nel caso di separazione) o dagli ex coniugi (nel caso di divorzio) davanti all’ufficiale di stato civile (ossia al sindaco o a un suo delegato).

Nel 2016 i divorzi sanciti in Comune a Lissone sono stati infatti 54, a fronte dei 30 del 2015, l’anno in cui la possibilità è effettivamente entrata in vigore. Rimangono pressochè invariati invece i divorzi di coppie lissonesi regolati in tribunale oppure attraverso negoziazione assistita da avvocati (procedure obbligatorie nel caso ci siano figli minori oppure vi sia necessità di accordo patrimoniale): sono stati rispettivamente 21 e 5 nel 2015, 27e 3 nel 2016.

Bisogna peraltro sottolineare che non tutte le pratiche sono recenti: in vari casi si tratta piuttosto di coppie che, separate di fatto e di diritto da vari anni, hanno deciso di completare la pratica formale anche grazie alla diminuzione di formalità e di costi dopo l’introduzione del divorzio davanti all’ufficiale civile. Per esempio, nel 2016 a Lissone è stato sancito un divorzio a distanza di ben 31 anni dalla separazione; in altri casi la separazione risaliva invece alla prima metà degli Anni Novanta. Si completano insomma iter rimasti fermi alla separazione a causa dell’onerosità della parte conclusiva e dei tempi burocratici di attesa.

Per ottenere la separazione o il divorzio in Comune occorre però possedere determinate condizioni, fra le quali l’accordo tra le parti su tutti gli aspetti dello scioglimento, inclusi quelli patrimoniali, e l’assenza di figli minori (o maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti).

Se in possesso di tali requisiti, la coppia potrà ottenere direttamente in municipio dapprima il provvedimento di separazione e quindi - dopo un periodo minimo di 30 giorni - il divorzio (ossia la cosiddetta “cessazione degli effetti civili o lo scioglimento del matrimonio”). In Comune si può concordare anche la modifica delle condizioni di separazione o divorzio precedentemente fissate dagli ex coniugi  o dal giudice.

A fronte di un numero sempre notevole di “single”, nel 2015  i matrimoni sono stati 132, in linea col numero medio registrato negli ultimi anni (eccezion fatta per il valore rilevato nel 2014 quando erano stati 228). Nel 21,2% delle coppie sposate nel 2015, almeno uno dei due partner è straniero. Netta prevalenza dei matrimoni celebrati con rito civile (solo il 2,7% di matrimoni civili nel 1971 contro il 56% nel 2015), mentre i matrimoni celebrati con rito religioso sono più che dimezzati rispetto al 2014 (58 contro 140). Il 62% delle unioni celebrate civilmente riguarda coppie italiane.

Lissone, 20 Gennaio 2017

Venerdi 27 gennaio 2017, alle ore 20,30, presso la sede di via Annoni 14, Monza, ingresso libero,

si terrà la conferenza su "Ipazia, l'amore per il sapere e la bellezza", a cura di Dario Molteni.

Giornata della memoria: il Comune intitola «Viale Elisa Ancona». Studenti presenti alla cerimonia dopo una rappresentazione teatrale a Palazzo Terragni

Aprirà la giornata uno spettacolo teatrale sulla vita di Edith Stein, rappresentazione pensata per “parlare” ai ragazzi. Quindi, autorità e studenti si sposteranno verso la stazione dove avrà luogo l’intitolazione di «Viale Elisa Ancona – 1863-1944 deportata nei campi di sterminio di Auschwitz».

Qui, in prossimità del viale che è stato probabilmente l’ultimo ad essere percorso da persona libera da Elisa Ancona prima della deportazione, sarà scoperta la targa con la nuova denominazione dell’ormai ex Viale Padania, variante alla denominazione toponomastica autorizzata dalla Prefettura di Monza e Brianza.

In occasione della Giornata della Memoria di venerdì 27 gennaio, istituita in ricordo delle vittime dei totalitarismi del XX secolo ed in particolare in memoria dello sterminio del popolo ebraico, l’Amministrazione comunale intitolerà ufficialmente “Viale Elisa Ancona” in memoria dell’unica vittima della Shoah partita dalla nostra città. Una cerimonia che vedrà adulti e ragazzi fianco a fianco, con brevi discorsi istituzionali per lasciar spazio ai pensieri degli studenti che prenderanno “parte attiva” all’evento.

La cerimonia pubblica prevista per le ore 11:30 sarà preceduta dallo spettacolo teatrale “Edith Stein. Pensieri tra le ceneri” per scuole medie e superiori (ore 10, Palazzo Terragni) realizzato dall’Associazione Teatro dell’Aleph con la regia di Giovanni Moleri, incentrato sulla vita e la testimonianza di Edith Stein, consacrata suora carmelitana e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz dove morì nel 1942, beatificata e proclamata Santa da Papa Giovanni Paolo II nel 1998. Il legame col territorio è rafforzato dal fatto che il patrono della Comunità Pastorale lissonese è Santa Teresa Benedetta della Croce, nome religioso assunto da Edith Stein nel 1934 quando entrò nell’Ordine del Carmelo.

I ragazzi delle scuole del territorio sono stati invitati dal Sindaco a partecipare alla rappresentazione, un invito esteso agli Istituti limitrofi. Hanno già confermato la loro partecipazione una delegazione di insegnanti e studenti del Liceo “Giuseppe Parini” di Seregno, oltre ad alcune classi degli Istituti comprensivi di Lissone.

Al termine della rappresentazione seguirà una breve visita guidata alla mostra di pittura allestita a Palazzo Terragni dal titolo “In memoria della Shoah”, curata dall’Associazione “Club Donna Natalia Ginzburg” di Lissone in collaborazione con l’Accademia “Dipingere Insieme” di Desio. Seguirà lo spostamento verso la stazione per la cerimonia di intitolazione. In serata, alle 21.00, a Palazzo Terragni è prevista la seconda rappresentazione dello spettacolo già presentato alle scuole, stavolta aperta a tutta la cittadinanza.

“Ringrazio le scuole che hanno accolto con interesse il mio invito a prendere parte, anche attivamente, alla cerimonia di intitolazione di viale Elisa Ancona – sottolinea il sindaco Concettina Monguzzi – Con alcuni dirigenti scolastici stiamo intraprendendo un percorso per avere delle «pietre d’inciampo» sul nostro territorio, un ulteriore modo concreto per avere sempre sotto i nostri occhi il dramma dei totalitarismi. Sono altresì convinta che intitolare una strada ad Elisa Ancona sia il solo modo per tenere viva la memoria e alta l’attenzione, trasmettendo il messaggio alle giovani generazioni. Anzi, ringrazio gli studenti che saranno parte attiva nel giorno della cerimonia solenne: le loro parole sono certa che colpiranno anche noi adulti”.

Lissone, 19 Gennaio 2017

Emergenza neve in centro Italia: 40 volontari della Protezione Civile MB in partenza

Monza 18 gennaio 2017. Hanno risposto in 40 e nel giro di poche ore hanno raggiunto la sede di Regione Lombardia, che sta destinando i vari gruppi nei paesi più colpiti dall’emergenza neve in Centro Italia. E’ questa la generosa risposta dei volontari della Protezione Civile MB, allertati questa mattina dal Dipartimento di Protezione Civile per raccogliere le disponibilità ad una partenza immediata per la composizione di squadre di sgombero neve. 40 volontari brianzoli si trovano ora presso la Sala Operativa di Regione Lombardia, che sta coordinando le partenze di uomini e mezzi. Tra le località di destinazione possibile le Marche nelle zone interessate dal sisma. Entro sera tutti i volontari riceveranno la comunicazione ufficiale della destinazione, la squadra di appartenenza insieme all'orario di pronta partenza. Hanno fornito la disponibilità i Gruppi di: Agrate Brianza, Brugherio, Burago Molgora, Cesano Maderno, Cogliate, Concorezzo, Giussano, Lissone, Macherio, Misinto, Usmate Velate, Varedo, Vimercate e l’Organizzazione Rio Vallone. Ringraziamo di cuore i nostri volontari per l’ennesima dimostrazione di grande generosità – commentano il Presidente Gigi Ponti insieme al Consigliere Roberto Invernizzi, che aveva già visitato i luoghi del terremoto in occasione delle prime missioni di ANCI Lombardia – Siamo certi che sarà una nuova occasione dove esprimere le doti di professionalità e umanità maturate dai gruppi comunali della Brianza”. Nel frattempo un tecnico della Provincia si trova questa settimana ad Accumoli per un incarico nell'ambito dell'iniziativa post-terremoto promossa da Anci Lombardia, mentre per la prossima settimana è già prevista la partenza di 3 agenti di Polizia Provinciale.

Innovativa e inedita iniziativa a Monza: studenti delle scuole superiori a lezione di critica teatrale grazie al Manzoni. Domani presentazione iniziativa

Monza, 18 gennaio 2017 – Decine di studenti di tre scuole superiori monzesi frequenteranno nei prossimi mesi un corso di critica teatrale promosso dal Comune di Monza e ideato e realizzato dal Teatro Manzoni in collaborazione i tre istituti coinvolti. Un modo inedito e innovativo di avvicinare ragazze e ragazzi al teatro e alla sua promozione. Domani, giovedì 19 gennaio 2017 alle ore 13 in Sala giunta (Palazzo comunale, piazza Trento e Trieste) si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa. Saranno presenti tra gli altri, il sindaco, Roberto Scanagatti, gli assessori Rosario Montalbano e Francesca Dell’Aquila, Paola Pedrazzini, direttrice Artistica del Teatro Manzoni, Guido Garlati, dirigente Mosè Bianchi, Lucia Castellana, dirigente Liceo Frisi e Angelo Valtorta, dell’ ITI Hensemberger.

Ufficio stampa del Comune

SCEGLI LA BRIANZA CHE VUOI TU: PHILIPPE DAVERIO PREMIA I VINCITORI

 L’edizione 2016 dell’ Iniziativa di RetiPiù a sostegno della cultura e delle arti si è conclusa con la cerimonia di premiazione nella splendida cornice di Villa Antona Traversi

Desio, 18 gennaio 2017

Si è svolta oggi 18 gennaio, nella splendida cornice di Villa Antona Traversi a Meda la cerimonia ufficiale di premiazione dell’iniziativa Scegli la Brianza che vuoi tu, che ha portato un finanziamento di 100.000 euro al patrimonio artistico e culturale brianzolo.

L’evento è stato condotto dal noto critico d’arte Philippe Daverio, la cui presenza è stata il fiore all’occhiello e il giusto coronamento dell’interesse e della partecipazione che ha suscitato il progetto in Brianza.

Alla presenza di rappresentanti di Amministrazioni comunali e autorità locali, i tre comuni vincitori   con i loro Sindaci   -  Mariapia Tagliabue di Cabiate, Edoardo Mazza di  Seregno e Pietro Luigi Ponti di Cesano Maderno , hanno ricevuto  i simbolici assegni che si sono già concretizzati nell’erogazione dei finanziamenti “Art Bonus” di 60.000 euro per il primo classificato:  Cabiate - Villa Padulli e il suo Parco Monumentale , 30.000 al secondo classificato Seregno  – Auditorium Seregno Potenziamento della struttura  con inserimento di dotazioni tecnologiche atte a migliorarne la fruibilità e 10.000 euro al terzo classificato Cesano Maderno con il Restauro conservativo degli affreschi della “Stanza del Castello” di Palazzo Borromeo Arese.

Anche il noto critico d’arte ha avuto parole di elogio per l’iniziativa e l’impegno che ha unito RetiPiu’ , i Sindaci e le Amministrazioni locali per tutelare un patrimonio culturale di cui tutti devono poter godere e venire a conoscenza.

“Un forte legame tra impresa e cultura puo’ essere la soluzione ottimale per la tutela del patrimonio artistico italiano,  soprattutto a livello locale dove le difficoltà di reperimento delle risorse per valorizzare e conservare i veri e propri gioielli presenti sul territorio sono note a tutti” commenta il Presidente della Società brianzola Mario Carlo Novara” RetiPiu’ si è impegnata e si impegnerà ancora di piu’ il 2017 in questa iniziativa che ha portato a un risultato cosi bello e soddisfacente in collaborazione con i cittadini e le Amministrazioni locali.  Ci piace pensare che la Brianza  con RetiPiù possa essere piu’ bella, e i complimenti ricevuti dal professor Daverio per l’iniziativa non possono che renderci orgogliosi ”

Edizione 2017

Difatti, visto il successo della passata edizione e l’interesse suscitato dai 10 progetti di grande valore per il nostro territorio che si sono messi in gara, per il  2017 l’iniziativa di Retipiu Scegli la Brianza che vuoi tu si rinnova e  diventa ancor piu’ bella e piu’ ricca .

RetiPiù metterà a disposizione 175.000 euro di Art bonus  a sostegno della cultura e delle arti, nei

nei comuni del territorio in cui siamo concessionari del servizio pubblico di distribuzione gas

I premi

100.000 euro al progetto vincitore 

50.000 euro al secondo classificato

25.000 euro al terzo classificato

Obiettivo: creare un forte legame tra impresa, amministrazioni pubbliche e cittadini per sostenere e custodire la bellezza, patrimonio di tutti .

Chi è RetiPiù

RetiPiù è la concessionaria del pubblico servizio di distribuzione del gas metano in 25comuni della Brianza. E’  l’azienda che progetta, costruisce e gestisce i metanodotti cittadini: reti, allacciamenti, contatori gas, cabine sono il lavoro quotidiano, cosi come la sicurezza e  il pronto intervento gas in caso di emergenza.

RetiPiù  è parte integrante del territorio in cui ha sede, e ha uno dei suoi punti di forza nella vicinanza alle persone che vi abitano  e alle istituzioni che lo rappresentano. Fare impresa puo’ significare molte cose, per noi è anche legare il nostro marchio a iniziative che creino valore nel territorio in cui lavoriamo .

Crisi dei bus in Brianza, Ponti: “Regione deve rispondere prendendosi le sue responsabilità

Nuovo appello del Presidente per rivedere i criteri regionali di ripartizione delle risorse,

fermi a 15 anni fa

 

Monza, 18 gennaio 2016. 18 euro annui per abitante: è questo l’importo che Regione Lombardia destina annualmente alla Provincia di Monza e Brianza per finanziare i servizi di trasporto pubblico. Una cifra stabilita su criteri di riparto delle risorse strutturali regionali, che risalgono a più di 15 anni fa, quando ancora vigeva il regime delle concessioni.

Secondo questi criteri storici alla Provincia di Como vanno circa 32 euro per abitante, 28 a Pavia, 25 a Bergamo, 18 a Milano escluso il capoluogo, 17 a Varese, 46 a Lodi, 25 a Brescia, 39 a Cremona, 20 a Mantova, 34 a Sondrio, 16 a Lecco.

“Abbiamo chiesto più volte a Regione di aggiornare i criteri di riparto per sanare le sperequazioni, senza ottenere alcuna risposta” – spiega il Presidente della Provincia MB Gigi Ponti – “Nessuna risposta neanche al Presidente dell’Agenzia del Trasporto pubblico, voluta dalla Regione stessa, il quale da tempo chiede certezze per poter programmare gare e servizi sul territorio: ora basta, è tempo che ciascuno si prenda le proprie responsabilità”.

Intanto, in assenza di riscontri, la Provincia MB ha approvato una proroga tecnica dei contratti in vigore per scongiurare i tagli che erano già programmati a partire dal prossimo febbraio: il rischio concreto è la soppressione delle linee z225 e z227 e la riduzione delle percorrenze per almeno 750.000 Km/anno in Brianza. Se la manovra sarà applicata dal 1/3, i Km/anno da tagliare diventeranno 950.000.

Per mantenere invariato il servizio mancano all’appello 1,83 milioni di euro per il 2017, che Regione ha voluto riconoscere una tantum solo per il 2016.

Mentre prosegue il confronto con i tecnici della Città Metropolitana e del Comune di Milano per programmare un piano di ottimizzazione omogeneo sia per Monza, sia per Milano, il Presidente Ponti incontrerà a breve i Parlamentari eletti in Brianza per rappresentare anche a Roma i gravi disagi che comporta ridurre oggi ulteriormente i servizi di trasporto pubblico. Il tutto in un’area densamente urbanizzata, che conta oltre 900.000 abitanti, e dove si contano circa 60.000 passeggeri trasportati sui bus al giorno.

LE OSSERVAZIONI AL PGT DI MONZA

del Coordinamento di Comitati e Associazioni che hanno redatto il Libro Bianco sulla Città

 MERCOLEDI’ 18 GENNAIO 2017 - ore 21

Urban center (Sala D) - via Turati 6

Interventi di:                 

  • Coordinamento

  • Comitato per il Parco

  • Comitato S. Albino

  • Comitato San Donato

  • Comitato San Carlo

  • Comitato Messa Giordani

  • Comitato Bastacemento

La cittadinanza è invitata

Libro Bianco: https://goo.gl/BFwh5g

 

LETTERA APERTA AI CONSIGLIERI COMUNALI E ALLA CITTADINANZA

Il Coordinamento delle associazioni e dei comitati di cittadini di Monza ha presentato in Comune le proprie osservazioni al PGT con l’obiettivo di fermare l’ingiustificato consumo di suolo, tuttora in corso.

«Obiettivo zero consumo di suolo»

In particolare si chiede che:

  • Siano tutelate le aree libere da edificazioni sulle quali sono previsti Ambiti di trasformazione (AT) edificatori

  • Venga ridotta la quantità di edificazione residenziale degli AT dal 90 al 50%

  • Vengano eliminati gli 8 Ambiti compatibili con le trasformazioni (AcT) che consumerebbero altro suolo libero

  • Le 10 Aree C di completamento vengano interamente destinate a verde

  • Le 8 aree D libere vengano riclassificate come aree verdi o agricole

  • Venga eliminato il legame edificatorio tra alcune aree (7 Ambiti funzionali alle trasformazioni - AfT), tra le quali la Cascinazza, per impedire che zone agricole generino volumetrie

  • Per il Parco si chiede una particolare attenzione pianificatoria (restauro) e l’esplicita demolizione delle curve sopraelevate che rompono l’unità paesaggistica del parco e che ostacolano la fruizione pubblica di 60 ettari

  • Siano ridestinate a zona agricola le aree industriali inattuate di via Ercolano - Pompei a tutela dell’abitato di S. Albino e si utilizzino invece le aree dismesse

  •  Si preveda la bonifica della zona delle Cave vicino al Cimitero e la loro riqualificazione ambientale, anche per manifestazioni, incompatibili con l’uso del Parco

Si chiede che le osservazioni vengano attentamente valutate dal Consiglio comunale in quanto finalizzate a un miglioramento del PGT nel disegnare il futuro di Monza.

Legambiente Circolo di Monza, CCR Monza-Gruppo ambiente e territorio, GreenMan Monza, Comitato per il Parco A. Cederna, Comitato Bastacemento, Comitato via Boito Monteverdi, Comitato via Monte Bianco, Comitato via Blandoria, Comitato quartiere S. Albino, Comitato quartiere S. Donato, Comitato Viale Lombardia 246, Comitato quartiere San Carlo e San Giuseppe, Comitato di via Messa - Giordani.

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?