La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Legambiente Monza - No alla legge regionale ammazzasuolo

NO ALLA LEGGE “AMMAZZASUOLO”!

SALVIAMO I CAMPI AGRICOLI DALLA FAME DI CEMENTO DEL PRESIDENTE MARONI!

Il Consiglio Regionale della Lombardia martedì 18 novembre ha avviato la votazione del progetto di legge "Disposizioni per la riduzione del consumo di suolo e per la riqualificazione del suolo degradato". Un titolo che fa ben sperare ma che invece è completamente truffaldino rispetto ai contenuti. 

La legge considera suoli “già urbanizzati” i 60.000 ettari di previsioni urbanistiche inattuate dai comuni lombardi, fissando un termine di tre anni per realizzare queste previsioni.
Un termine assolutamente poco credibile, perché nessuno impedirà alla regione di prorogarlo o ai comuni di confermare quelle previsioni nei successivi piani urbanistici, come infatti la legge prevede. Ma un segnale forte dato a comuni e imprese che può essere tradotto in "spicciatevi ad occupare quei suoli, perché in futuro... chissà". In pratica, una incitazione a cementificare. Presto (e male) !. Per di più accompagnata da agevolazioni rilevanti, come la possibilità di rateizzare gli oneri urbanistici: in Lombardia per la prima volta in Italia la svendita del territorio potrà avvenire con comodi pagamenti a rate!.

Una incitazione ad occupare suolo per previsioni urbanistiche il cui destino migliore è quello di perire di morte naturale, perché frutto di scelte politiche discutibili, slegate dai bisogni e legate a clientele elettorali.

Un segnale sbagliato, in un momento in cui l'economia delle costruzioni è allo stremo, perché porterà le imprese ad indebitarsi e a rischiare più del dovuto, rivolgendosi all'edilizia espansiva e abbandonando l'assai più interessante filone del recupero, della rinnovazione e della rigenerazione urbana.

Un segnale criminogeno, perché l'unico settore economico che  disponga di provvista finanziaria da impegnare in investimenti ad alto rischio, in un momento di scarsità di domanda, è quello legato al riciclaggio di denaro proveniente da attività criminali. 

Un segnale irresponsabile, per la regione più cementificata d'Italia, perché significa assecondare l'emorragia di terreni agricoli e quindi la perdita di produzione agroalimentare, l'aumento delle criticità idrogeologiche e i conseguenti danni in caso di alluvioni, la degradazione di paesaggio.

Un segnale politicamente inaccettabile nella regione che si accinge ad accogliere un Expo 2015 che con lo slogan 'nutrire il pianeta' ha già devastato migliaia di ettari agricoli per infrastrutture rivelatesi inutili, a partire dalla BreBeMi. 

Monza, 18.11.2014

                                                                                                       LEGAMBIENTE MONZA

           

Presentazione "Le nostre storie 2015" a Brugherio il 22 novembre

Vi  invitiamo alla presentazione della 10ma  edizione

del  calendario “Le nostre storie”. 

 Dieci anni, tante storie  raccontate, altrettante emozioni,un compleanno importante.

 Un annuario nel quale i  pazienti si raccontano, rimettendosi in  gioco,

convinti che le proprie storie  di vita possano infondere coraggio

a chi ora sta vivendo  l'esperienza del  tumore.

Trascorreremo una serata con  gli interpreti che si  sono succeduti negli  anni;

 persone che “ci hanno messo la  faccia”,

tra  testimonianze, video, musiche e tante tante  sorprese…

 Le  nostre storie, edizione  2015

Presentazione ufficiale presso la Sala  Consiliare del Comune di Brugherio (MB),

 piazza Cesare Battisti 1

Sabato  22 novembre 2014, ore 21.00 

 L’ingresso è libero, ma  i posti sono  limitati.

Si prega di  confermare la propria  presenza, in modo da poter  organizzare al meglio 

una  piacevole serata. 

Ci puoi  contattare telefonicamente da oggi fino alla  mattinata di giovedì pv, dalle 9.00 alle 12.30.

 Non  puoi mancare, ti aspettiamo!!

 La Lampada di Aladino onlus

Via Dante  108

20861  Brugherio (MB)Tel.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione della guida del nuovo Museo civico di Monza Casa degli Umiliati

Domani presentazione della guida del nuovo Museo civico di Monza

Monza, 18 novembre 2014 - Domani, mercoledì 19 novembre alle ore 13, nella Sala conferenze del nuovo Museo civico Casa degli Umiliati (via Teodolinda 4) sarà presentata la nuova Guida all’offerta e ai servizi del nuovo polo museale cittadino, inaugurato nel giugno scorso. Alla presentazione della guida  (98 pagine, Silvana Editoriale)​ saranno presenti l’assessore alla Cultura, Francesca Dell’Aquila, la direttrice del museo, Laura Brambilla e il conservatore, Dario Porta. 

Ufficio stampa del Comune

Associazione Amici dei Musei - Mostra in Saletta Reale - Lunedì 24 novembre

Associazione amici dei musei di monza e brianza onlus
Nel 500° anni dalla morte di Donato Bramante
LE LOGGE DI RAFFAELLO
nelle incisioni a colori di Giovanni Ottaviani, 1777
Saletta Reale della Stazione
Lunedì 24 novembre alle ore 18

A cinquecento anni dalla morte di Donato Bramante (Fermignano 1444 ‐ Roma 1514 ), cui si deve il progetto della Basilica di San Pietro e la sistemazione dei Palazzi Apostolici, l’Associazione Amici dei Musei di Monza e Brianza è lieta di offrire ai soci e a tutta la cittadinanza una importante mostra di rare stampe colorate a mano delle “Logge” di Raffaello. Nel 1513 Bramante e Raffaello firmarono il progetto definitivo della “cordonata”, la scala del che consentiva la salita ai vari piani delle Logge, spettacolare “corridoio” di 65 metri di lunghezza e 4 di larghezza, suddiviso in tredici campate coperte da volte a padiglione. Alla morte di Bramante, Papa Leone X ne affidò la decorazione a Raffaello e collaboratori tra cui Giovanni da Udine, Tommaso Vincidor da Bologna, Giulio Romano, Perin del Vaga. L’ispirazione venne dalle decorazioni della Domus Aurea neroniana che era appena stata scoperta e scavata dagli archeologi: dalle pitture di quegli ambienti sotterranei, vere “grotte”, la denominazione di “grottesche” per quell’apparato decorativo fatto proprio da Raffello con fantasia sbrigliata ma raffinata eleganza nel porgere, espunti i riferimenti iconografici pagani: il fantasmagorico risultato fu universalmente ammirato e adottato da artisti in tutta Europa. Disegni e incisioni tratte dalle Logge di Raffaello ebbero presto ampia diffusione. La bellissima serie di stampe oggi in mostra fu edita a Roma nel 1777, con privilegio di Clemente XIII, incisa da Giovanni Ottaviani (Roma 1735‐1808) con la collaborazione del pittore Gaetano Savorelli e dell’architetto Pietro Camporese il Vecchio. Consta di un frontispizio, due porte, un alzato, quattordici pilastri e relative lesene. I soggetti sono incisi su due o più lastre, stampati su fogli affiancati e incollati, e colorati a tempera con fresca elegante cromìa. Disegnati con meticolosa fedeltà all’originale, sono tuttavia concepiti come un grande assieme e costituiscono un “unicum” di intrinseco valore pittorico oltre che documentario. La grandezza delle stampe (130 cm di altezza per ogni pilastro, 180 cm di lunghezza per l’alzato) consente di percepire agevolmente l’altissima qualità del lavoro incisorio e pittorico.

Mostra a cura di Alberto Crespi In collaborazione con Modoetia Carta, Monza
Con il contributo di: Officine Locati Monza
Inaugurazione: lunedì 24 novembre, ore 18, alla Saletta Reale della Stazione, via Arosio.
Fino al 6 dicembre. Orari: da martedi a sabato dalle 15 alle 18 e su appuntamento.
Ingresso libero. Info: 347 6986580  / 339 8276279
Lunedi 1 dicembre ore 17.30 conferenza su Donato Bramante del Prof. Arch. Sergio Boidi,
docente al Politecnico di Milano
Segue aperitivo

LIberoLibro Macherio - mercoledì 26 novembre alle 21 in Biblioteca civica

 

Vi invitiamo ufficialmente ed invitiamo la cittadinanza al nostro prossimo evento, novità assoluta in Italia:

il secondo appuntamento con il progetto-evento ''Il sogno nel cassetto'', di cui trovate qualche informazione al link qui sotto:

http://liberolibromacherio.wordpress.com/hai-un-libro-nel-cassetto-e-non-hai-mai-pubblicato-parla-con-noi/

Evento a cura di LiberoLibro Macherio, la presentazione si svolgerà in Biblioteca Civica, a Macherio, via Roma 38, dalle ore 21, mercoledì 26 novembre.

Col patrocinio del Comune di Macherio.

Caldeggiamo la presenza stante l'interesse ASSOLUTO della serata.

CGIL CISL UIL MB a proposito di Provveditorato a Monza

CGIL CISL UIL Monza e Brianza  a proposito del Provveditorato a Monza

Lo schema di decreto ministeriale che il Ministero dell’Istruzione sta presentando in questi giorni, relativo alla riorganizzazione degli Uffici  Scolastici Territoriali prevede una organizzazione per ambiti territoriali che riconferma la gestione delle competenze dell’Ufficio Scolastico brianzolo conglobato nell’alveo dell’UST di Milano.

Il perdurare di tale accorpamento  comporterà, inevitabilmente, un peggioramento dei servizi offerti agli studenti ed alle autonomie delle scuole presenti sul territorio e vanificare l’autonomia delle scuole significa, di fatto, azzerare l’elaborazione delle politiche formative e la conseguente offerta formativa dei numerosi istituti scolastici presenti nel territorio.

I compiti che lo schema di decreto assegna agli uffici locali - relativi all’assistenza, consulenza e di supporto agli uffici scolastici autonomi  per la gestione delle procedure amministrative e amministrativo contabili, la gestione delle risorse umane, la gestione delle graduatorie e gestione dell’organico e del personale docente ai fini dell’assegnazione delle risorse umane ai singoli istituti autonomi  - sono gravosi e, nel corso degli anni, hanno visto accrescere la difficoltà di gestione di tutto il delicato processo formativo delle future generazioni della popolazione di questa realtà territoriale della Lombardia proprio a causa di una mancanza di visione prospettica sul conferimento di piena dignità all’UST di Monza e Brianza.

CGIL CISL UIL di MONZA E BRIANZA ritengono che questa operazione, fatta impropriamente  in nome della spending review, farà ricadere gli effetti solo sul personale degli uffici territoriali scolastici i quali, inevitabilmente, si troveranno a dover gestire, con il personale in forza presso l’ufficio territoriale di Milano, il 44% delle istituzioni scolastiche della Lombardia.

Il perdurare di questa situazione renderà sempre più difficile la gestione degli insegnanti, da parte dello scarso personale degli ufficio provinciale scolastico, con conseguenti ed inevitabili inefficienze che farà diventare sempre più difficile il rapporto tra la scuola e le famiglie e gli alunni.

CGIL CISL UIL DI MONZA E BRIANZA hanno rappresentato al Presidente della Provincia di Monza e Brianza Gigi Ponti che la politica scolastica sarà in futuro una prerogativa della nuova area vasta e sarebbe sbagliato non tenerne conto in quanto il distretto scolastico di Monza andrebbe ad ingrassare la già ricca realtà di Milano in cui il territorio Brianzolo si confonderebbe.

CGIL CISL UIL DI MONZA E BRIANZA hanno apprezzato gli interventi di tutte le forze politiche e dei parlamentari Brianzoli messi in atto per trovare la soluzione al problema del distretto scolastico di Monza.

CGIL CISL UIL DI MONZA E BRIANZA auspicano che il ministero assuma la improcrastinabile decisione di rendere autonomo l’ufficio provinciale scolastico dell’ambito di Monza mediante lo scorporo dei codici meccanografici, strumento questo che sancisce la reale autonomia delle scuole presenti nella provincia.

CGIL CISL UIL MONZA E BRIANZA  riaffermano che la logica ministeriale vada completamente ribaltata: si eviti di  creare un altro inutile, costoso e potenzialmente dannoso pachiderma e si attui invece un effettivo decentramento che risponderebbe  sicuramente a veri criteri di  economicità, efficienza e funzionalità, rendendo completamente autonomo un territorio, come quello brianzolo, che vede la presenza di circa 130mila studenti e 98 istituti scolastici.  

CGIL CISL UIL DI MONZA E BRIANZA sono fortemente preoccupate della negativa situazione che si è venuta a creare ed è per questo che sostengono ed appoggiano la mobilitazione delle categorie che operano nel UST e nelle scuole della Brianza.   

Monza, 17 novembre 2014

Giovanna Fassi

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

Presidio il 18/11/14 davanti alla Prefettura di Monza (ore 9,30-12): NO al taglio ai Patronati

In relazione al dibattito parlamentare che in questi giorni ha per oggetto la legge di stabilità, CGIL CISL UIL di Monza e Brianza stanno promuovendo informazione e sensibilità su una misura contenuta nel testo in esame che riguarda il taglio di centocinquantamilioni di euro al fondo nazionale dei Patronati.  Il taglio che ridurrebbe del 35% il budget dei Patronati, Enti costituzionalmente tutelati e finanziati attraverso un fondo nazionale alimentato dalla contribuzione dei lavoratori e delle imprese, porrebbe problemi non solo occupazionali, non solo ai cittadini utenti, ma anche agli Istituti pubblici di previdenza che oggi si giovano imprescindibilmente del lavoro dei Patronati medesimi. Martedì 18 novembre, CGIL CISL UIL con i Patronati INCA, INAS, ITALUIL, organizzano un presidio a Monza nei pressi della Prefettura, tra le ore 9,30 e le ore 12,00.  Una delegazione sarà ricevuta dal Prefetto tra le ore 10,15/10,30.

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

M5S di MB - "Dove ci porterà il Decreto SbloccaItalia"

GAZEBO IN RETE MOVIMENTO 5 STELLE PROVINCIA DI LECCO E MONZA BRIANZA – “DOVE CI PORTERA’ IL DECRETO SBLOCCAITALIA?”

Durante i prossimi fine settimana gli attivisti dei gruppi del Movimento 5 Stelle del Lecchese e della Brianza scendono in piazza, compatti, per fare informazione e parlare del Decreto SbloccaItalia.

Il cosiddetto “Decreto SbloccaItalia” (Decreto Legge 133/2014) minaccia il nostro Paese con provvedimenti che vanno direttamente a colpire Ambiente, Acqua Pubblica, Energie Rinnovabili, Rifiuti Zero, Connettività. Esso prevede:

· Più inceneritori: rifiuti indifferenziati che potranno viaggiare su e giù per l'Italia per riempire inceneritori ormai destinati alla chiusura grazie alle politiche di raccolta differenziata porta a porta e rifiuti zero;

· Più trivelle per le estrazioni di petrolio e gas ovunque, nella pianura, nei mari, nelle località turistiche, perfino sulle spiagge: migliaia di licenze per i signori della lobby nera;

· Acqua privata: contro il popolo italiano, contro il referendum, contro un diritto fondamentale dell’essere umano. Si favorirà la privatizzazione dell'acqua e i Comuni che sognavano di renderla pubblica verranno di fatto ostacolati;

· False bonifiche: avremo finte bonifiche di terreni inquinati, decise dagli stessi inquinatori. Il dramma della Terra dei Fuochi non ha insegnato nulla;

· Più cemento e appalti loschi: si favoriscono grandi opere inutili, deroghe per gli appalti, ancora colate di cemento e lavori affidati agli amici degli amici, incluse le mafie che così ingrassano...

Ma cosa è esattamente questo Decreto? Cosa sancisce e quale futuro fa presagire?

Obiettivo del Movimento 5 Stelle è da sempre informare e confrontarsi con i Cittadini per discutere assieme e individuare criticità, opportunità, nuove proposte.

Venite a trovarci ai nostri gazebo:

MONZA: sabato 22 novembre (ore 10.00 - 17.00) - Piazza Trento e Trieste

MERATE (LC): sabato 22 novembre (ore 9.00 - 13.00)-Piazza Prinetti

CASATENOVO (LC): sabato 22 novembre (ore 9.00 - 12.30) - Area Mercato

LIERNA (LC): sabato 22 novembre (ore 9.00 - 12.30) -Piazza IV Novembre

AGRATE BRIANZA (MB): sabato 22 novembre (ore 9.00-13.00) -P.zza San Paolo e domenica 23 novembre (ore 9.00-17.00)-P.zza S. Eusebio

VIMERCATE (MB): sabato 22 novembre (ore 15.00 - 18.30)- P.zza Roma/ang. Via Cavour e domenica 23 novembre (ore 10.00 -12.30)-P.zza Roma/ang. Via Cavour

CESANO MADERNO (MB): sabato 22 novembre (ore 9.30 – 17.00) - P.zza Monsignor Arrigoni e domenica 23 novembre (ore 9.30 – 17.00)-Via Molino Arese (zona P.zza chiesa S.Pio X)

GALBIATE (LC): domenica 23 novembre (ore 8.30 –12.00)- P.zza Don Gnocchi

VAREDO (MB): domenica 23 novembre (ore 10.00 – 12.00)- P.zza Nazioni Unite, lato Viale Brianza

LECCO: sabato 29 novembre (ore 10.00 – 17.00) -Area mercato di Lecco postazione M1 (via Amendola)

Gruppi Movimento 5 Stelle Monza, Merate, Casatenovo, Lierna, Agrate Brianza, Vimercate, Cesano Maderno, Galbiate, Varedo e Lecco

Giovedì 20 novembre, Binario 7 Monza - Nutrire il Futuro

NUTRIRE IL FUTURO

Idee e Azioni per uno sviluppo sostenibile

A Monza un percorso di avvicinamento e approfondimento ad Expo 2015

Dal Maggio 2015 anche Monza ospiterà Expo: in Villa Reale - sede di rappresentanza - e con la realizzazione di progetti e iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale e dalla rete di Associazioni del Terzo Settore.

L’associazione NOVALUNA promuove queste iniziative in collaborazione e in rete con l’Amministrazione Comunale e importanti realtà del terzo settore e del privatoil Desbri Brianza, Slow Food, SpazioCinema, Camera di Commercio – Media partner: la Rivista Online Vorrei.

L’obiettivo del programma: NUTRIRE IL FUTURO è quello di fornire alla cittadinanza, attraverso  incontri di conoscenza, approfondimento e confronto, eventi ludici, proiezione di film e  presentazione di una Mostra sull’Expo tenuta a Milano nel 1906 elementi di conoscenza e approfondimento dei temi di EXPO.

Prima iniziativa

Giovedì 20.11 ore 21.00 – Binario 7 - Monza via Turati 8

Nutrire il pianeta? Approfondimenti sulle problematiche legate alle contraddizioni alimentari presenti nel mondo: inquinamento e rischi per la salute, mancanza di cibo, malnutrizione, esproprio di terre da parte di un nuovo colonialismo.Ad aiutarci a capire situazioni e prospettive due giornaliste e scrittrici specializzate del settore:

Chiara Tintori Docente di politica dell’ambiente, redattrice della rivista Aggiornamenti Sociali.

Franca Roiatti Giornalista – scrittrice – Viaggiatrice -  collabora con Panorama, autrice de: Il nuovo colonialismo. caccia alle terre coltivabili, e di La rivoluzione della lattuga, saggio sul mercato alimentare e sulle nuove esperienze auto-organizzate di produzione e acquisto dei beni di prima necessità.

A condurre la serata Enrico Casale giornalista monzese già Direttore della Rivista Popoli

Nel corso della serata Il Desbri presenterà i progetti Expo promossi dal Terzo settore

Qui per saperne di più

5 Stelle Monza - Dove ci porterà questo decreto "Sblocca Italia"

Movimento 5 Stelle Monza

- Dove ci porterà il decreto Sblocca Italia? -

15  novembre 2014

Durante i prossimi fine settimana gli attivisti dei gruppi del Movimento 5 Stelle della Brianza e del Lecchese scendono in piazza, compatti, per fare informazione e parlare del “Decreto Sblocca Italia”.

Il cosiddetto “Decreto Sblocca Italia” (Decreto Legge 133/2014)  minaccia il nostro Paese con provvedimenti che vanno direttamente a colpire  Ambiente, Acqua Pubblica, Energie Rinnovabili, Rifiuti Zero, Connettività. Esso prevede:

• Più inceneritori: rifiuti indifferenziati che potranno viaggiare su e giù per l'Italia per riempire inceneritori ormai destinati alla chiusura grazie alle politiche di raccolta differenziata porta a porta e rifiuti zero;

• Più trivelle per le estrazioni di petrolio e gas ovunque, nella pianura, nei mari, nelle località turistiche, perfino sulle spiagge: migliaia di licenze per i signori della lobby nera;

• Acqua privata: contro il popolo italiano, contro il referendum, contro un diritto fondamentale dell’essere umano. Si favorirà la privatizzazione dell'acqua e i Comuni che sognavano di renderla pubblica verranno di fatto ostacolati;

• False bonifiche: avremo finte bonifiche di terreni inquinati, decise dagli stessi inquinatori. Il dramma della Terra dei Fuochi non ha insegnato nulla;

• Più cemento e appalti loschi: si favoriscono grandi opere inutili, deroghe per gli appalti, ancora colate di cemento e lavori affidati agli amici degli amici, incluse le mafie che così ingrassano...

Ma cosa è esattamente questo Decreto? Cosa sancisce e quale futuro fa presagire?

Obiettivo del Movimento 5 Stelle è da sempre informare e confrontarsi con i Cittadini per discutere assieme e individuare criticità, opportunità, nuove proposte.

Venite a trovarci ai nostri gazebo:

MONZA:

sabato 22 novembre (ore 10.00 - 17.00)

 Piazza Trento e Trieste

MERATE (LC):

sabato 22 novembre (ore 9.00 - 13.00)

 Piazza Prinetti

 

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Maggio 2014

Maggio 2014

Le donne, ad esempio

Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.