Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

NO TAV – NO PEDEMONTANA

NO  ALLA VIOLENZA CONTRO IL TERRITORIO E L’AMBIENTE

SI  ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE CON LA PARTECIPAZIONE DELLE POPOLAZIONI

IN VAL SUSA STOP AL CANTIERE E RIPRISTINO DELLA LEGALITA’ E DELLA DEMOCRAZIA.

Le associazioni firmatarie dell’appello propongo di fare una iniziativa in solidarietà con le popolazioni colpite da opere faraoniche come la TAV in Val Susa e la l’autostrada Pedemontana. Opere che governo, banche, multinazionali delle “cosiddette grandi opere” e la criminalità organizzata vogliono fare a tutti costi, nonostante la grave crisi economica.

Ogni giorno sentiamo i continui richiami che non ci sono i soldi per stipendi, salari e pensioni e che bisogna fare sacrifici; tuttavia lor signori le grandi opere le vogliono fare a costo di militarizzare il territorio e sospendere la democrazia come sta accadendo in Val Susa. In inchieste aperte nelle Procure di Torino e di Monza negli appalti in Val Susa sono coinvolte imprese legate alla ndrangheta e in Brianza, e sulla Pedemontana sono girate tangenti: arrivati a questo punto sarebbe opportuno che in attesa della conclusione delle inchieste si fermi tutto. Invece nella più totale illegalità questi signori vanno avanti sperperando denaro pubblico e legittimando criminalità e malaffare.

 Inoltre, il faraonico progetto del tunnel costerà al nostro paese ben 15 miliardi di euro a fronte dei 5 miliardi datoci dalla CE, e che il medesimo fu progettato trentanni fa non tenendo conto di tanti fattori tra cui l'impatto ambientale devastante che genererà.

Alla luce, della crisi finanziaria, economica, occupazionale ed ambientale, riteniamo che soluzioni alternative possibili ci siano per collegare l'Italia con la Francia.

Altresì, riteniamo che le risorse finanziare disponibili devo essere utilizzate per rilanciare e applicare il pacchetto 20-20-20; rilanciare gli investimenti per la manutenzione  permanente del suolo, dei corsi dell'acqua, rilancio dell'agricoltura e in particolare quella montana e collinare Per  tutto questo chiamiamo la popolazione brianzola, le forze politiche, sociali, e sindacali a dare un segnale importante di solidarietà e di richiesta collettiva di ripristino della legalità. Il territorio, l’ambiente, la salute e la Democrazia partecipata delle popolazioni sono beni comuni che vanno difesi ed estesi.

PRESIDIO

lunedì 5 marzo 2012

in largo Mazzini Monza ore 17:30

Marco Fraceti                  per     Osservatorio Antimafie di Monza e Brianza

Biagio Catena Cardillo    per     Comitato Beni Comuni della Brianz

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • M5S Lombardia. Vinciamonoitour a Monza
    M5S Lombardia. #Vinciamonoitour a Monza. 27 portavoce, oltre 90 tappe, un mese e mezzo di incontri, sono questi i numeri di “#VinciamoNoiTour”, la campagna elettorale itinerante per le elezio...
  • Notizie dal MUST - Da Oreno a Milano
      Da Oreno a Milano DUE IMPERDIBILI VISITE GUIDATE Per i prossimi weekend festivi sono in arrivo alcune interessanti proposte organizzate dal MUST. Prosegue la rassegna Turisti a km zerocon due nuove tappe: sabato 26 aprile all...
  • EVENTO 26 APRILE MOVIMENTO 5 STELLE ALLE EUROPEE
      “5 STELLE IN EUROPA” TOUR 27 portavoce, oltre 90 tappe solo in Lombardia, un mese e mezzo di eventi, una battaglia per vincere “in Europa”. In vista delle elezioni europee 2014, dal 12 Aprile al 23 Maggio i portavoce del MoV...
  • Comunicato - report sulla serata medese di Insieme in Rete
      IL 16-04-014 A MEDA, CON INSIEME IN RETE, S'E' DISCUSSO DI PEDEMONTANA Buona partecipazione all'assemblea organizzata a Meda il 16/04/014 da INSIEME IN RETE con argomento Pedemontana. Anche a Meda, così come a Lentate Sul Seveso, u...
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina