La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Alcatel-Lucent: "adesso ci sono le condizioni per una rete NGN sostenibile"

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Baini (Alcatel-Lucent): adesso ci sono le condizioni per una rete NGN sostenibile

Intervento alla Commissione Trasporti e Comunicazione della Camera dei Deputati: l’amministratore delegato indica l’opportunità di una maggiore sostenibilità degli investimenti nelle nuove infrastrutture e indica nella “integrazione tra le diverse tecnologie della fibra, del rame ultra-veloce e del mobile broadband” il percorso attraverso il quale perseguire in Italia gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea e sostenere la ripresa dello sviluppo nel settore.

Vimercate (MB), 7 marzo 2012 – Lo sviluppo delle reti di comunicazione, sempre più necessario per sostenere le prospettive di crescita del Paese e di allineamento con gli sforzi europei, continua ad essere caratterizzato da un paradosso di mercato che ne frena il potenziale, ma l’emergere delle nuove tecnologie rende lo scenario maggiormente praticabile e sostenibile rispetto al passato anche dal punto di vista economico. Occorre tuttavia che vengano rimossi gli ostacoli, anche sul piano normativo, e che le diverse parti condividano obiettivi comuni. Lo ha sostenuto, parlando davanti alla IX Commissione Trasporti e Comunicazioni della Camera, il presidente e amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia, Gianluca Baini.

Il paradosso delle reti

Da un lato, ha affermato Baini, intervenuto ad un’audizione sulle prospettive in Italia delle reti di nuova generazione, “si assiste e si prevede l’esplosione del traffico dati su fisso e ancor di più su mobile, grazie alla rapida adozione di smartphone e tablet. Nei prossimi 5 anni assisteremo ad una crescita del traffico, che diventerà circa 30 volte quello attuale, guidata soprattutto da sempre maggior utilizzo di contenuti video, di applicazioni di file-sharing e dal cloud computing. Dall’altro lato, gli utilizzatori non sono particolarmente disponibili a riconoscere all’operatore di rete un valore maggiore conseguente all’incremento delle prestazioni.”

Il paradosso, ha aggiunto Baini, è che mentre il settore aumenta i servizi e riduce i prezzi, l’utenza si sta spostando in misura significativa dai tradizionali servizi gestiti dagli operatori a servizi sostitutivi gestiti dai cosiddetti operatori “Over the Top” (Ott) che sottraggono ricavi di traffico che invece servirebbero per sostenere gli investimenti nelle nuove reti”.

Alcatel-Lucent, ha ricordato Baini, ha avuto un ruolo chiave  nello sviluppo e nella diffusione delle tecnologie a banda larga come l’ADSL e le sue evoluzioni, diventando  fornitore di riferimento nei principali mercati, come quello italiano, e  anche oggi continua a innovare introducendo nuove tecniche di trasmissione veloce su fibra, rame e wireless. ”C’è un problema di riequilibrio nella catena del valore – ha dichiarato - e nello stesso tempo di utilizzo delle soluzioni tecnologiche più consone per centrare gli obiettivi del paese e dell’agenda digitale europea: superamento del digital divide entro il 2013 e, entro il 2020, 100 per cento della popolazione coperto con connessioni di almeno 30 Mbit/s e il 50 per cento connesso a 100 Megabit/s. Per raggiungere questi livelli, servirà un mix tecnologico fatto da reti in fibra nelle zone a più alto livello di competizione e sviluppo, reti in rame veloce, in tecnologia VDSL2 o vectoring e rete wireless LTE.” 

Oggi, ha precisato l’amministratore delegato di Alcatel-Lucent, “è necessario portare la fibra nella rete d’accesso fino al punto più economicamente sostenibile rispetto all’area indirizzata, al fine di massimizzare la copertura e permettere un adeguato ritorno degli investimenti”. Un quadro di questo genere, ha detto ancora, dovrebbe “concretizzarsi attraverso collaborazioni tra gli operatori, adeguamento delle normative in materia di messa in opera delle nuove reti, accelerazione della domanda pubblica di servizi digitali, sostegno qualificato alle attività di ricerca e sviluppo”.

Alcatel-Lucent (Euronext Paris e NYSE: ALU)

Partner di eccellenza per service provider, aziende e pubbliche amministrazioni di tutto il mondo, Alcatel-Lucent è leader nell’innovazione nell’ambito delle tecnologie, dei prodotti e dei servizi di comunicazione e networking. Di Alcatel-Lucent fanno parte i Bell Labs, una delle organizzazioni di ricerca e innovazione più all’avanguardia a livello mondiale e culla di molte delle rivoluzioni che hanno ridefinito il settore delle comunicazioni. La mission di Alcatel-Lucent è Realizzare il Potenziale di un Mondo Connesso; pertanto essa si impegna a rendere le comunicazioni più sostenibili, convenienti e accessibili.  Con ricavi per 15,3 miliardi di euro nel 2011, attività in oltre 130 paesi e la struttura di global services più esperta del settore, Alcatel-Lucent è un partner locale su scala mondiale. Alcatel-Lucent ha sede a Parigi.

http://www.alcatel-lucent.it; http://www.alcatel-lucent.com/blog  e http://twitter.com/Alcatel_Lucent

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.