La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

GAS Pane e Rose su approvazione primo PGT di Concorezzo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

COMUNICATO STAMPA – 8 MARZO 2012
APPROVAZIONE DEL PRIMO PGT DI CONCOREZZO: LE RISPOSTE ALLE NOSTRE OSSERVAZIONI

Nella settimana dal 14 al 18 febbraio 2012 a Concorezzo si sono svolti dei consigli comunali straordinari in cui sono state discusse le 126 osservazioni ed è stato approvato il nuovo PGT (Piano di Governo del Territorio) del Comune di Concorezzo.
Il nostro GAS, in collaborazione con Associazione Parchi del Vimercatese, nel novembre 2011 aveva presentato nove osservazioni: si rimanda ai comunicati stampa e ai post pubblicati sul nostro blog sotto l'argomento “Territorio” (www.gaspaneerose.blogspot.com).
Riconosciamo che i cambiamenti apportati al PGT da settembre ad oggi sono stati importanti, soprattutto nella fase finale di discussione e risposta istituzionale alle osservazioni pervenute.

Questo non giustifica e non elimina il nostro giudizio negativo dal punto di vista delle carenze di comunicazione e di metodo seguito dall'Amministrazione Comunale in tutte le fasi precedenti, per quanto riguarda la mancanza di dialogo e di ascolto nei confronti delle associazioni e dei cittadini di Concorezzo, i quali sono stati informati convocando assemblee pubbliche senza possibilità di un reale confronto costruttivo sulle scelte da prendere e attraverso l'informatore comunale (solo perché tali forme di informazione base sono richieste obbligatoriamente dalla normativa vigente...), ma senza cercare un reale coinvolgimento di associazioni e cittadini nelle scelte strategiche e generali da prendere per il futuro del nostro Territorio. Inoltre, riteniamo poco corretto il fatto che il nostro Comune non ci abbia mai scritto risposte di alcun tipo, dopo avere protocollato per ben due volte e nei termini previsti alcune nostre proposte in merito al Piano, prima ancora di arrivare alla fase delle osservazioni.

Per come è stato approvato il Piano possiamo esprimere una parziale soddisfazione, poiché sostanzialmente avremmo voluto che il Parco della Cavallera fosse esteso a tutte le aree agricole libere a margine dell'edificato esistente, quindi al di là dei confini disegnati da questa Amministrazione Comunale.
Sul Parco della Cavallera l'Amministrazione Comunale in Consiglio si è molto irrigidita (e giustificata) nell’affermare l'autonomia del Comune nel tutelare il suo territorio senza dover delegare tale compito ad un ente sovracomunale come il Parco della Cavallera. Con le nostre osservazioni non volevamo esprimere una mancanza di fiducia nei confronti del nostro Comune, ma semplicemente intendevamo rimarcare l'importanza strategica di alcune scelte per il nostro futuro: se si costruisce una casa o una fabbrica è praticamente per sempre e il comune “compromette” e si impegna per sempre su quel terreno, che non tornerà mai più verde; se invece si vincola un terreno agricolo entro i confini di un parco di interesse sovracomunale, coerentemente peraltro con le indicazioni strategiche pervenute anche dalla Provincia di Monza e Brianza e che per definizione più difficilmente cederà spazio a future edificazioni, il Comune si impegna e si schiera in direzione della tutela del territorio in maniera più decisa.

Che c'è di male nel prendere questa posizione? Il Territorio non è un bene comune? Il Comune non deve tutelare l'interesse collettivo?
Ai posteri l'ardua sentenza...

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.