La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Cinefabrique.doc: rassegna di documentari, libri e immaginazione

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

CINEFABRIQUE.DOC

Rassegna di documentari libri ed immaginazione


La rassegna CINEFABRIQUE.DOC nasce con l'intento di promuovere la diffusione di documentari indipendenti a tematica sociale sul territorio monzese; oltre ai documentari, la rassegna prevede anche la presentazione di libri che affrontano, in maniera differente ma coerente, i temi proposti al fine di allargare la riflessione attraverso l'incontro ed il dibattito tra registi, autori e cittadini.

CINEFABRIQUE.DOC si propone quindi come un momento di formazione collettiva e di analisi in grado di stimolare conoscenze e soluzioni rispetto a temi spesso poco dibattuti quali la questione palestinese, le occupazioni di case a scopo abitativo e la costruzione di strutture con materiali scadenti e nocivi come l'amianto.

La rassegna, seppur inserendosi perfettamente nel percorso di cineforum che da mesi portiamo avanti all'interno della F.O.A. Boccaccio 003, ha però una sua specificità: i soldi che verranno guadagnati attraverso le cene che precedono le proiezioni serviranno a co-produrre un documentario ( You not holiday) che analizza la pianificazione e gestione dell'accoglienza riservata dalla stato italiano ai migranti provenienti in Italia a seguito delle recenti rivolte nord-africane e della guerra in Libia.

CINEFABRIQUE.DOC si svolgerà nel mese di Marzo nelle seguenti date, per poi proseguire in Aprile con altri appuntamenti:

VENERDI' 16

19.30: cena benefit

dalle 21.30: "Tomorrow's Land" documentario di Andrea Paco Mariani e Nicola Zambelli

"Non ci sarò uno stato palestinese" libro di ZiYad Clot

Sinossi del documentario

At-Tuwani, villaggio palestinese minacciato di evacuazione e costantemente

attaccato dai coloni israeliani del vicino insediamento di Ma’on.

Da dieci anni, un Comitato di Resistenza Popolare difende il villaggio, attraverso una complessa strategia non-violenta e l’aiuto di attivisti israeliani e internazionali: un esperimento che può indicare la strada verso un nuovo futuro per la Palestina.


Link di riferimento

trailer:

http://www.youtube.com/watch?v=6HHcdxF74Kc

libro:

http://www.ism-italia.org/2011/10/da-leggere-non-ci-sara-uno-stato-palestinese-di-ziyad-clot/

VENERDI 23

19.30: cena benefit

dalle 21.30: "Aiuto! Orde barbare al Pratello!" di Cosimo Terlizzi

"La luna sotto casa", libro di John Martin e Primo Moroni

Confronto sull'esperienza delle case occupate oggi nel quartiere Ticinese di

Milano in compagnia di alcuni abitanti.


Sinossi del documentario

Aiuto! Orde Barbare al Pratello (1996-2011), è una sorta di diario che racconta la vita nelle case occupate ai n. 76 e 78 di via del Pratello a Bologna, fatiscente edificio di proprietà comunale abbandonato da diversi anni e occupato da un gruppo di ragazzi agli inizi degli anni Novanta che l’hanno ristrutturato e trasformato in un luogo in cui sperimentare un diverso modo di abitare e di condividere spazi, tempo e creatività collettiva.


Link di riferimento

trailer:


http://www.youtube.com/watch?v=FgKwDs0RFsM

libro:

http://www.shake.it/index.php?id=23&;productID=163

GIOVEDI 29

19.30: cena benefit

dalle 21.30: "Le White" di Simona Risi

a seguire Musica anonima live


Sinossi del documentario

Le chiamano "White Houses", ma il materiale con cui sono edificate non ha niente a che vedere con il marmo (di Carrara) della residenza di Obama. Il bianco è semmai quello dell’amianto che le riveste. Stiamo parlando delle abitazioni nel palazzo di Via Carlo Feltrinelli, in cui fino all’anno scorso e per 25 anni, hanno alloggiato centinaia di famiglie con un computo totale dei decessi e delle malattie da bollettino di guerra: 49 morti e 18 ammalati. Quasi tutti per malattie in qualche modo riconducibili alla presenza dell’amianto.

Oggi quelle famiglie il comune le ha spostate altrove, ma nessuna di loro, dopo 25 anni di esposizione all’amianto, può davvero dire che "il peggio è passato".


Link di riferimento

trailer:

http://www.youtube.com/watch?v=ZIiES3BFSBo


YouTube - Video da questa email

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • M5S Lombardia. Vinciamonoitour a Monza
    M5S Lombardia. #Vinciamonoitour a Monza. 27 portavoce, oltre 90 tappe, un mese e mezzo di incontri, sono questi i numeri di “#VinciamoNoiTour”, la campagna elettorale itinerante per le elezio...
  • Notizie dal MUST - Da Oreno a Milano
      Da Oreno a Milano DUE IMPERDIBILI VISITE GUIDATE Per i prossimi weekend festivi sono in arrivo alcune interessanti proposte organizzate dal MUST. Prosegue la rassegna Turisti a km zerocon due nuove tappe: sabato 26 aprile all...
  • EVENTO 26 APRILE MOVIMENTO 5 STELLE ALLE EUROPEE
      “5 STELLE IN EUROPA” TOUR 27 portavoce, oltre 90 tappe solo in Lombardia, un mese e mezzo di eventi, una battaglia per vincere “in Europa”. In vista delle elezioni europee 2014, dal 12 Aprile al 23 Maggio i portavoce del MoV...
  • Comunicato - report sulla serata medese di Insieme in Rete
      IL 16-04-014 A MEDA, CON INSIEME IN RETE, S'E' DISCUSSO DI PEDEMONTANA Buona partecipazione all'assemblea organizzata a Meda il 16/04/014 da INSIEME IN RETE con argomento Pedemontana. Anche a Meda, così come a Lentate Sul Seveso, u...

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina