La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Monza - Comunicato stampa del Comitati per la Galleria.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

C o mit a t i pe r la Ga lleria - Mo n za
Co mi ta t o Sa n F r u tt u os o 2 0 0 0 , Co mi t a t o T r i a nte , C o mi ta t o vi a l e L o mb a r di a , C o mi ta t o R o ma gna , C o mi ta t o M o nvi s o

COMUNICATO STAMPA

Cantiere tunnel di Monza sulla SS36: non c’è nessun progetto innovativo Anas vuole rifare “sopra” la strada di prima Quattro “no” alle richieste dei quartieri Mobilitazione e manifestazione sulla strada Non c’è nessuna soluzione nuova e positiva per il “sopra” del tunnel di Monza sulla SS36 (ex viale Lombardia). Anas continua a prevedere un viale doppio, con due corsie per senso di marcia, rigidamente rettilineo, un largo nastro d’asfalto senza nemmeno spazi verdi tra le carreggiate. Insomma, una copia del viale di prima.

Il progetto che non cambia nulla. Le raccomandazioni della Giunta di Monza per una serie di radicali interventi migliorativi sono state tradotte in piccoli aggiustamenti che soddisfano
le prescrizioni soltanto sul piano burocratico e della mera teoria viabilistica.  In una direzione è stata riservata una corsia agli autobus, dimenticando che non esistono linee su quel tracciato e che è ben difficile ne vengano i stituite in futuro, alla luce del Piano del trasporto locale e del taglio della spesa. Nell’altra direzione è stata prevista una corsia riservata alle biciclette, separata da una striscia disegnata a terra. Da notare che con questa ipotesi le ciclabili diventerebbero addirittura tre, di cui almeno una a doppio senso.

Queste sconcertanti verità sono emerse durante un incontro che si è svolto ieri in Comune, promosso dall’assessore alla viabilità Villa. Ipotesi che non è azzardato definire contrarie al
buonsenso, oltre che del tutto inadeguate a rico-struire una vasta porzione di territorio secondo una moderna logica urbanistica di ricongiungimento dei quartieri.

Quattro richieste, quattro “no”

Due settimane fa, con senso di responsabilità e con grandissima pazienza, i rappresentanti dei cinque “Comitati Galleria” avevano preso atto dei disegni ed avevano chiesto tempo per proposte di modifica. Così è stato ieri, sulla base di analisi che hanno tenuto conto anche degli elementi tecnici e pro -gettuali, nonchè di valutazioni sui flussi di traf -fico nell’area. Proposte condivise dall’Associa -zione Commercianti di San Fruttuoso.

La risposta di Anas alla richiesta di ridurre le corsie ad una sola per senso di marcia (più due ciclabili “reversibili” da aprire al traffico vei -colare in caso di emergenza in galleria) è stata negativa . La risposta di Anas alla richiesta di prevedere spazi verdi tra le carreggiate è stata negativa . La risposta di Anas alla richiesta di muovere il tracciato della strada, per spezzare il rettilineo, è stata negativa . La risposta dell’assessore Villa alla richiesta di affiancare da subito ai progettisti anche un e -sperto paesaggista è stata un “ni” condizionato da
problemi di costi. Eppure questa scelta è condivisa dalla Giunta e confermata in una delibera.

Istanza urgente al Comune

A questo punto, i “Comitati Galleria” hanno invi -tato l’assessore Villa ad esprimere una posizione forte a nome della città. La strategia suggerita è che il Comune di Monza porti le richieste di modifica alla Conferenza dei Servizi, cioè il tavolo al quale siedono anche Stato e Regione Lombardia, affinchè l’insieme dei committenti dell’opera dia disposizione ad Anas di recedere dalle proprie posizioni. Posizioni tanto più incomprensibili se si pensa che il “sopratunnel”, una volta fi nito, tor nerà nel possesso del Comune di Monza. A queste con dizioni, la città si tro -verebbe proprietaria di una sistemazione che non ha voluto, il che è fran camente assurdo.

I quartieri tornano in piazza

Una sistemazione del “sopratunnel” degna di Monza è una priorità fondamentale per gli oltre ventimila residenti nei quartieri, una volta portato il traf -fico inquinante dentro la galleria con impianto di depurazione. E’ impensabile che la gente possa ac -cettare una spesa di 300 milioni di euro dei con -tribuenti e anni di disagi a causa del cantiere per
poi ritrovarsi, alla fine, con un viale pratica -mente identico a prima.

Per la metà del mese di aprile è stata decisa una manifestazione sulla strada. Nei prossimi giorni partiranno una serie di iniziative delle quali daremo puntuale informazione.

Monza, 27 marzo 2012

Comitato San Fruttuoso 2000,
Comitato Triante, Comitato Viale Lombardia,
Comitato Romagna, Comitato Monviso

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • SOVICO: INAUGURATA LA PRIMA CASA DELL'ACQUA
      SOVICO: INAUGURATA LA PRIMA CASA DELL'ACQUA INSTALLATA DA BRIANZACQUE Monza, 16 aprile 2014 – E' stata inaugurata questa mattina a Sovico la prima casa dell'acqua installata nella Provincia di Monza da Brianzacque in collaborazio...
  • Procultura Monza - Sentieri per l'Infinito 2014
      Procultura Monza - Rassegna “Sentieri per l’Infinito” - edizione 2014 Prende il via ,al teatro Villoresi in p.za Carrobiolo – Monza , la ottava edizione di Sentieri per l’Infinito, promosso dalla Procultura Monzese dei pp. Bar...

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina