La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

L'auto condivisa triplica per Pasqua

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Auto condivisa, è boom: postoinauto.it triplica per le vacanze pasquali

 16mila posti condivisi su postoinauto.it nelle ultime quattro settimane, crisi e caro benzina spingono il viaggiare insieme. Il portale italiano dedicato all’auto condivisa triplica rispetto a Pasqua 2011

Milano, 3 aprile 2012 — 16mila posti condivisi nelle ultime quattro settimane, pari a ventotto treni Frecciarossa pieni fino all’ultimo posto: in tempi di crisi economica e caro benzina gli italiani si affidano a nuove modalità di trasporto per non dover rinunciare alle vacanze pasquali. Cifre da record, quelle registrate da postoinauto.it, il sito italiano dedicato all’auto condivisa: l’anno scorso, nello stesso periodo i posti offerti erano stati meno di seimila, appena un terzo di quelli di oggi.

Con la benzina ormai vicina alla soglia dei due euro al litro, trovare delle alternative al viaggio solitario in auto sta diventando sempre più una necessità. C’è chi si affida alle cosiddette “pompe bianche”, c’è chi riduce la pressione sul pedale dell’acceleratore per far diminuire i consumi, e c’è chi mette a disposizione i propri posti liberi in auto “affittandoli” ad altre persone intenzionate a percorrere la stessa tratta. In quest’ultimo caso i vantaggi economici sono netti: si risparmia subito almeno il 50, riempendo l’auto addirittura il 75 o l’80 percento. E così, mentre gli automobilisti “normali” devono sborsare in media 1,90 euro per un litro di verde, chi divide le spese spende – a seconda del numero di passeggeri – appena 95, 60 o se si è in quattro meno di 50 centesimi al litro. Tradotto sulla tratta più richiesta, la Milano-Roma, il viaggio condiviso viene a costare, anziché 120 euro tra benzina e pedaggio, appena 30 euro. Una cifra impensabile con qualsiasi altro mezzo di trasporto.

La notevole crescita del fenomeno dell’auto condivisa si riflette nel gran numero di offerte di passaggio presenti in questi giorni su postoinauto.it: da nord a sud, da est a ovest sono migliaia gli automobilisti che, in occasione delle vacanze pasquali, hanno deciso di cercare dei compagni di viaggio. Molti di essi per la prima volta: “Fino a qualche settimana fa non avrei mai immaginato di far salire degli sconosciuti nella mia auto – racconta Sergio, 48 anni, ingegnere di Bologna –. Ma quando ho pagato per la prima volta più di cento euro per un pieno ho deciso di reagire, ed effettivamente condividere i posti in auto può essere molto divertente”. Soprattutto se si ha la possibilità di conoscersi prima, visualizzando ad esempio la foto, gli interessi, il profilo Facebook o i commenti di feedback ricevuti dall’utente con cui si andrà a condividere il viaggio. In generale, il successo di postoinauto.it è da attribuire certamente anche alle misure di sicurezza implementate, in parte uniche nel loro genere, dal viaggio rosa per le donne al controllo del numero di targa fino alla verifica dell’account con un documento di identità.

“Finalmente anche in Italia i passaggi condivisi prendono piede – spiega Olivier Bremer, co-fondatore di postoinauto.it –. In Francia e Germania milioni di persone condividono l’auto ogni mese e anche in paesi mediterranei come la Spagna il fenomeno sta decollando. Per la prima volta assistiamo, in Italia, a un vero incontro tra domanda e offerta di passaggi, con migliaia di persone che effettivamente riescono a trovare un passaggio su internet per le prossime vacanze pasquali”. Sulla presunta concorrenza al treno Bremer è cauto: “Certo, i numeri di postoinauto.it cominciano a essere importanti. Ma noi offriamo un servizio diverso: a differenza delle ferrovie noi non puntiamo all’alta velocità, che nel caso dei viaggi in auto non sarebbe di certo un aspetto positivo, ma al prezzo concorrenziale, anche per chi decide all’ultimo minuto. E soprattutto offriamo la possibilità di viaggiare in compagnia: il viaggiare insieme in uno spazio ristretto come quello di un’automobile è la modalità di trasporto più sociale in assoluto, in quanto incentiva i partecipanti a interagire tra loro, e non è così raro che i contatti proseguano anche dopo la conclusione del viaggio”.

Informazioni su postoinauto.it

Postoinauto.it è il leader italiano per la mediazione di passaggi in auto tramite internet. Il portale, lanciato nel febbraio 2010, permette agli automobilisti che hanno dei posti liberi in macchina di metterli a disposizione di altre persone che percorrono lo stesso tragitto, in cambio di un contributo spese. Postoinauto.it è utilizzato sia da pendolari per i viaggi casa-lavoro, sia in misura sempre maggiore dai viaggiatori del weekend o in generale per le lunghe distanze. Postoinauto.it costituisce un’alternativa interessante non solo dal punto di vista economico: chi viaggia insieme in auto ha il posto a sedere garantito, fa nuove amicizie e rispetta l’ambiente.

Uno dei cardini del servizio di postoinauto.it è la sicurezza. Un sofisticato sistema di feedback, per valutare la puntualità, lo stile di guida e il rispetto del codice della strada da parte dell’autista, ma anche la registrazione obbligatoria, l’indicazione del numero di targa, la segretezza dei dati personali, il viaggio rosa riservato alle donne e la verifica facoltativa del proprio account con un documento di identità sono alcuni degli strumenti messi a punto dal portale per garantire la sicurezza dei propri utenti.

Ulteriori informazioni e contatti

Per maggiori informazioni, dati e mappe rivolgersi a:

Ufficio stampa postoinauto.it

Tel.: 0543 198 15 08

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.