La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo
 

Comunicati stampa.

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da La rivista che Vorrei. Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Fim Cisl MB su manifestazione a Montecitorio

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

150 lavoratrici e lavoratori di Solarday e MXGroup in Piazza Montecitorio a Roma a sostegno delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica!

Sono partiti nella notte con tre pullman e hanno raggiunto Roma nella mattinata le RSU della Fim Cisl con 150 lavoratrici e lavoratori della Solarday di Mezzago e della MXGroup di Villasanta aziende operanti nel settore fotovoltaico in provincia di Monza e Brianza e che sono in forte sofferenza come molte aziende del settore.

Solarday SpA è un’azienda italiana specializzata nella produzione di moduli fotovoltaici ad elevata efficienza che però a fronte delle difficoltà e delle incertezze del settore e oggi è posta in liquidazione.

MX Group Spa nonostante si sia aggiudicata l'incarico in esclusiva come EPC contractor per la realizzazione dell’impianto che dovrà realizzare in Serbia il più grande parco solare del mondo, soffre delle incertezze e dei continui cambiamenti delle normative sul settore che creano difficoltà sugli investimenti.

Oggi, 18 aprile, assieme ad altre lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cisl sono presenti alla manifestazione delle imprese del settore che si svolge davanti a Montecitorio.

Con la loro presenza vogliono evidenziare le problematiche che stanno attraversando e sostenere le richieste che avanza la Fim Cisl sul tema delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica:

Le energie rinnovabili sono il baricentro del futuro energetico e industriale dell’Italia.

La FIM CISL chiede una Conferenza nazionale sul futuro energetico del Paese.

La FIM CISL chiede al Governo Monti di assumere le energie rinnovabili e l’efficienza energetica quali settori strategici per lo sviluppo dell’industria, dell’innovazione e dell’autonomia energetica del nostro Paese.

Per fare ciò è necessario definire risorse certe e crescenti nel tempo, semplificare le procedure che gravano sui costi delle autorizzazioni, emanare norme energetiche per le costruzioni e gli edifici pubblici e privati (anticipando al 2013 le prescrizioni europee già previste per il 2018), riversare nell’efficienza energetica e nelle rinnovabili, tutte le risorse generate dal ciclo economico degli investimenti privati negli stessi settori e definire una selezione di tecnologie italiane da incentivare con maggiori risorse.

Ma per farlo, è necessario modulare gli incentivi, bloccando il ricarico degli stessi sulle tariffe elettriche delle famiglie a basso reddito, e sulle imprese esposte alla concorrenza internazionale, e destinare invece, al settore tutte le risorse derivanti dalla vendita dei diritti di emissione della Co2, qualificando le imprese e i lavoratori del settore con certificazioni professionali che attestino l’affidabilità di fronte ai cittadini investitori. Va inoltre a nostro avviso garantita e ottimizzata la connessione alla rete nazionale della produzione dell’energia da fonti rinnovabili.

Il Governo insieme alle Regioni e ai Comuni deve garantire una coerenza di tutte le istituzioni in direzione dello sviluppo delle rinnovabili, elettriche e termiche, e dell’efficienza energetica e definire le modalità necessarie per il migliore coinvolgimento nella strategia rinnovabili e dell’efficienza energetica delle grandi aziende di tutti i settori.

Questo è il momento delle grandi scelte strategiche con il riposizionamento delle grandi aziende e la crescita di nuovi soggetti industriali per un diverso assetto strutturale della produzione dell’energia che diventa diffusa e distribuita su tutto il territorio con la valorizzazione delle risorse del territorio.

Per questo, da tempo, chiediamo al Governo di indire nell’immediato una grande conferenza nazionale sul futuro dell’energia in Italia con la partecipazione e il confronto con tutti i soggetti interessati.

Non è accettabile l’approccio penalizzante e riduttivo, senza alcun confronto con il sindacato e con le imprese alla luce del sole, che il ministero dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente hanno definito con l’invio dei nuovi decreti all’approvazione della conferenza Stato - Regioni, dove sono certi solo la riduzione degli incentivi, gli appesantimenti e gli accanimenti burocratici e amministrativi, con l’unica certezza della caduta degli investimenti e il rischio del ricorso alla cassa integrazione e ai licenziamenti anche in uno dei pochi settori che ha decisamente contribuito negli ultimi tre anni alla crescita dell’occupazione.

Dopo questa mobilitazione del 18 aprile, la FIM CISL definirà le ulteriori iniziative tese a modificare le scelte del Governo centrale e a dare certezze al futuro energetico del Paese.

Cordiali saluti


Gigi Redaelli

Segretario generale Fim Cisl Brianza

Via Dante 17/A

20052 Monza

Tel. 039.2399.221

Fax 039.322.019

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.