Vorrei | Rivista non profit

Rivista non profit di cultura, ambiente e politica.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

I ciclisti della Lampre-Merida nel centro storico di Monza per le immagini ufficiali della squadra. Presente il campione del mondo in carica Rui Costa e tutto il team

Monza, 28 gennaio 2014 - ll team Lampre-Merida ha scelto la città di Monza come scenario delle immagini ufficiali che gireranno il mondo nella stagione 2014. Nel capoluogo brianzolo la formazione ciclistica scatterà la foto ufficiale della squadra e le immagini dei singoli corridori. Il materiale verrà utilizzato nelle attività di comunicazione e di relazioni pubbliche della squadra. Il team al completo si ritroverà domani mattina, mercoledì 29 gennaio dalle ore 10.30 all’Arengario, in piazza Roma per poi trasferirsi in piazza Duomo. Presenti tutti i ciclisti, tra cui il campione del mondo in carica, Rui Costa, e, tra gli altri, Damiano Cunego (già vincitore di un Giro d’Italia), Filippo Pozzato, Diego Ulissi, Sacha Modolo. Saranno presenti per un saluto il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, e il consigliere incaricato allo sport, Silvano Appiani.

“Un’iniziativa che contribuirà a portare nel mondo l’immagine di Monza – commenta Appiani - che oltre all’Autodromo nazionale e al parco monumentale più grande d’Europa dispone tra l'altro di un centro storico di grande pregio. Il fatto poi che un importante team world tour abbia le proprie radici in questo territorio aumenta il significato della scelta di comunicazione adottata dal management della squadra”.

Il team Lampre-Merida è l’unica formazione ciclistica italiana che milita nel circuito World Tour, che consente la partecipazione alle più importanti corse del mondo, quali Giro d’Italia, Tour de France, Milano - Sanremo, Parigi-Roubaix.

Ufficio stampa del Comune

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?