Vorrei | Rivista non profit

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

PEDEMONTANA ARRIVA AL MINISTERO DELL’AMBIENTE

Nella serata del 18 dicembre 2013 a Roma, presso la sede del Ministero dell'Ambiente, si è tenuta un'audizione nel corso della quale il Ministro dell'Ambiente Orlando ha incontrato una delegazione composta dai deputati Massimo De Rosa e Davide Tripiedi (M5S) e dal suo collaboratore Corrado Fossati, dall'architetto Patricio Enriquez, docente di Urbanistica al Politecnico di Milano, dal dottor Edoardo Bai, Medico e Presidente ISDE di Milano, e Dario Balotta, responsabile infrastrutture e trasporti Legambiente Lombardia.

Motivo dell’incontro, l’opera infrastrutturale Pedemontana Lombarda.

Gli interventi hanno una volta di più evidenziato le criticità legate alla  realizzazione dell'opera, denunciate in questi anni anche dalle tante associazioni e comitati, inerenti le caratteristiche tecnico-strutturali, alla pericolosità della diossina TCDD proveniente dal disastro ICMESA del 1976 ancora presente nei terreni ove si vogliono costruire le tratte B2 e C, all'illogicità economica di tale progetto.

Queste criticità, è stato spiegato al Ministro, inducono a chiedere di fermare l’autostrada a Lomazzo dove si sta ormai completando, con lo svincolo che interseca Pedemontana con l'A9, la realizzazione della tratta A.

E' stato inoltre chiesto un impegno chiaro allo stesso Ministro dell'Ambiente a superare un modello oramai finito, quello fondato sulle infrastrutture stradali, optando per il trasporto sostenibile su ferro e, cosa forse di maggior importanza, creare una vera e propria cultura dell'utilizzo del mezzo di trasporto sui modelli centro e nord europei.   

L'audizione costituisce un passaggio utile e importante poichè la delegazione di parlamentari e tecnici   ha messo sul tavolo di un membro del governo la questione Pedemontana ma anche, cosa ancor più importante, la richiesta precisa di fermare l'autostrada a Lomazzo, rinunciando alle successive tratte B1, B2, C, D, con l'intento di bloccare un' opera devastante per il territorio, costosa per l' impiego sempre più ingente di finanziamenti pubblici e pericolosa per la salute delle popolazioni, facendosi così interprete delle parole d'ordine sostenute da associazioni e comitati nel corso degli anni.

L'inutilità di collegamento della Pedemontana è già realtà, vista l’attivazione della tratta Saronno-Seregno che permette via treno di collegare direttamente Malpensa a Bergamo e Varese a Bergamo.  

Distinti saluti

Deputato Davide Tripiedi

Movimento 5 Stelle

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?