A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che Vorrei - Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

 testata vorrei 500px

Il girone dei bannati. Da Facebook

 facebook like thumb

 Pasquale Barbella ha un rapporto movimentato con il social network più affollato del pianeta. Bannato 3 volte — per errore o per “nudo” — ci racconta la sua storia di bandito recidivo.

 

Il business dei Musei, le cifre dietro gli slogan

 20150117 musei a

 Due articoli pubblicati da Articolo21 e da Espresso sfatano un po' di miti riguardo i grandi musei internazionali e di coloro che li vorrebbero “grandi macchine da soldi”. I musei sono prima di tutto un grande strumento per lo studio e la diffusione della cultura e hanno bisogno di sovvenzioni, pubbliche e private.

 

Arianna Scommegna al Binario 7

20150119 scommegna a

Il Premio Ubu 2014 come migliore attrice, sabato 24 e domenica 25 gennaio 2015, in scena a Monza con “Qui città di M.” di Piero Colaprico. L'intervista tratta da “Fool”, il giornalino della Scuola delle arti

 

Il Poetry Village di Villa Contemporanea

20150107 villa contemporanea

Il racconto fotografico della serata poetica nella galleria di Monica Villa a Monza. Con Frangione, Bulfaro, Arrigoni, Turroni, Arrigoni, Agrati, Galbani e Eell Shous

 

Il Pugilato letterario un format con gli scrittori made in Brianza

2015 01 07 pugilatoletterario
Stare sul ring a volte non è solo "roba da duri" o palestrati. Il Pugilato letterario è un gioco a colpi di battute argute ideato da Luca Lissoni grazie all'aiuto di uno speciale arbitro, Baci, alias Eugenio Canton.

 

Monza di notte fotografata da Andrea Rota Nodari

 20150105 andrea rota nodari

 Le grandi ombre e i lampi di luce sulla città della Corona ferrea, del duomo di San Giovanni, dei ponti sul Lambro. Una Monza notturna, deserta e silenziosa

 

Film sui tablet e selfie. Lo sguardo soffocato

20150104 chaplin

Il regista Davide Ferrario (“Tutti giù per terra”, “Dopo mezzanotte”, Tutta colpa di Giuda”): Il cinema tradizionale si basava su uno sfruttamento totale delle potenzialità dell’occhio. Era una visione che «apriva», in tutti i sensi: sia fisicamente che emotivamente. Il selfie sceglie di lasciar perdere il mondo circostante per concentrarsi sulla faccia del soggetto

 

Quando il cibo sfratta l'arte e la storia

 20141228 belpaese

A che cosa serve il patrimonio storico e artistico del nostro Paese? La recente vicenda della Galleria Civica di Modena dove l'arte è costretta a lasciare posto agli eventi gastronomici per l'Expo.

 

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

La matita di
Fulvio Fontana
» Guarda tutte le vignette