La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

I Verdena conquistano il Bloom

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20110405-verdena-a

Grande concerto della band bergamasca a Mezzago, in scaletta "Wow" e il grunge degli esordi

 

Foto di Giulia Sala

I

Verdena sono il gruppo del momento: il loro nuovo disco, “Wow”, uscito lo scorso febbraio, ha ricevuto unanimi consensi dalla critica e dal pubblico; oltre a questo i loro concerti sono sold out praticamente ovunque.

Anche al Bloom di Mezzago, dove hanno suonato per due giorni consecutivi, è andata così: biglietti finiti in largo anticipo per entrambe le date e ben poco spazio per muoversi all’interno del locale durante il concerto, pressati dalla folla, tutto sommato disciplinata anche se inevitabilmente calda, composta in larga parte da over 25, che seguono quindi la band bergamasca fin dall’esordio, nell’ormai lontano 1998, ed in più qualche teenager, probabilmente spinto ad ascoltare il gruppo dalla carenza di proposte realmente interessanti (o pubblicizzate) tra le nuove leve del rock italiano.

La scaletta della serata è stata incentrata, e non poteva essere altrimenti, soprattutto sui brani dell’ultima fatica dei bergamaschi: brani non facili dunque, intrisi come sono di atmosfere psichedeliche in arrivo direttamente dagli anni ’60 e ’70, ma che hanno comunque conquistato gli ascoltatori, forse perché suonati per l’occasione con un piglio più rock e pigiando maggiormente sull’acceleratore. Non sono infatti state molte le occasioni in cui il ritmo è calato e in cui c’è stato spazio  per divagazioni, assoli o trip musicali di vario genere, se non nel classico finale noise da concerto rock, con distorsioni varie portate quasi al parossismo.

In questa compattezza è possibile intravedere il lascito di quanto fatto ad inizio carriera dai fratelli Ferrari e da Roberta Sammarelli, in particolare nel loro primo omonimo disco, basato essenzialmente su brani grunge, tanto che ai tempi qualcuno osò definire i tre come i “Nirvana italiani”. Di quei tempi rimangono in scaletta alcuni pezzi, posizionati strategicamente ad intervalli regolari, per diminuire il carico psichedelico ed aumentare quello ritmico, in particolare con “Viba”, cavalcata punkeggiante che ha fatto scatenare i presenti, anche sull’onda della nostalgia per i gloriosi (anche se sempre attuali) anni ’90.

Alla fine il concerto supera le due ore di durata, forse eccessive per chi non è fan al 100% della band, ma assolutamente soddisfacenti per chi invece lo è, vista la carica e la perfezione dei suoni proposti dal trio dal primo fino all’ultimo minuto.

In definitiva, un gran concerto quello dei Verdena, che hanno saputo sfruttare il credito e l’esperienza guadagnati in anni di carriera per proporre musica elaborata e lontana da quello che è il gusto comune, anche in ambito alternativo. La speranza è che il loro successo apra la strada ad altre band di pari livello, ma ingiustamente relegate ai margini della vita musicale italiana.

 

Per aprire il foto album clicca sulla foto

Gli autori di Vorrei
Author: Fabio Pozzi

Nasce nel 1984. Studi liceali e poi al Politecnico. La grande passione per la musica di quasi ogni genere (solo roba buona, sia chiaro) lo porta sotto centinaia di palchi e ad aprire un blog. Non contento, inizia a collaborare con un paio di siti (Indie-Eye e Black Milk Mag) fino ad arrivare a Vorrei. Del domani non v'è certezza.

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • chefare, la startup è culturale
    Dossier. Startup, green economy, innovazione. Intervista a Bertram Niessen, project manager del concorso per startup culturali. Consigli per la riuscita di nuovi progetti e su cosa non fare, tra Expo e gli errori della Pubblica Amministra...
  • Fanzine, carta, passione e futuro
    Dossier. Ecologia dell'informazione. Le fanzine cartacee esistono ancora e hanno grande importanza per il punk-rock e non solo. Intervista a Miguel Basetta, fanzinaro ma anche giornalista per riviste patinate {xtypo_dropcap}N{/xtypo_dr...
  • Statuto: 30 anni (di carriera) e non sentirli
    Intervista a Naska, batterista degli Statuto, in occasione del loro concerto al Carroponte e dei trent'anni di carriera della storica band mod torinese, passata da Sanremo a Plaza de la Revolucion senza mai tradirsi   Fotografie ...
  • La nuova stagione del Carroponte
    Anche se il maltempo ha fatto rimandare l'apertura con i Teatro dell'orrore, parte domani con Adam Green il lungo cartellone di appuntamenti dell'Arci a Sesto San Giovanni. I nostri consigli per le date da non mancare   Anche in ...
  • Un concerto da manuale
      Dossier: Spazi comuni, luoghi di socializzazione. Incontro con Andrea Pontiroli, fondatore del Magnolia e autore del libro in cui si spiega come organizzare una serata di musica live di successo   {xtypo_dropcap}L{/xtypo_...
  • Alta fedeltà. Alle canzoni d'amore.
    Dossier: L'amore (di questi tempi). Tentativo di guida all'amore in musica in questi anni difficili, nel nome di "Alta fedeltà" e della fedeltà verso le grandi canzoni.   {xtypo_dropcap}“Io{/xtypo_dropcap}  ascoltavo la pop...
  • unòrsominòre: in fuga dal pensiero debole
    Intervista al cantautore veronese autore di "Pezzali": uno sguardo amaro su una generazione con poche speranze   Fotografie di Francesca Pontiggia {xtypo_dropcap}P{/xtypo_dropcap} oco tempo fa abbiamo recensito “Pezzali”, canzo...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina