Vorrei | Rivista non profit

 

VAREDO: IL CINE TEATRO IDEAL FESTEGGIA I SUOI PRIMI 50 ANNI

Uno spettacolo in doppia serata (venerdì 20 e sabato 21 giugno) darà il via alle celebrazioni per la nota struttura di Piazza Volta, inaugurata il 7 novembre 1964 e recentemente ristrutturata

“Tu non sai”, organizzato da Show4Life al termine di 4 mesi
di laboratori sperimentali gratuiti (recitazione, danza, scenografia, canto etc.), porterà sul palcoscenico una sessantina di bambini e adulti varedesi

Varedo, 17 giugno 2014 – Il Teatro Ideal, storico punto di riferimento culturale situato nella centrale Piazza Volta a Varedo, si appresta a festeggiare in grande stile i suoi primi 50 anni di vita.

Per l’importante anniversario è in programma infatti una serie di iniziative ed eventi cittadini che culmineranno il 7 novembre prossimo, giorno in cui nel lontano 1964 venne inaugurata la struttura che di recente è stata anche oggetto di un accurato restyling.

Ad aprire le celebrazioni sarà lo spettacolo dal titolo “Tu non sai” che verrà portato sul palcoscenico in doppia serata (venerdì 20 e sabato 21 giugno alle ore 21) e di fatto costituisce anche il miglior modo per onorare il cinquantenario del Cine Teatro Ideal.

Tu non sai” è infatti il risultato finale di un progetto creativo condotto da Show4Life, un gruppo di giovani varedesi che ha trovato nel Teatro Ideal un autentico fulcro per realizzare iniziative culturali a favore della comunità: da gennaio ad aprile sono stati così offerti e gestiti 8 laboratori sperimentali gratuiti (recitazione, danza, scenografia, canto, regia audio etc.) con 25 persone di staff operativo che hanno coinvolto circa 60 tra bambini e adulti.

Al termine di questo percorso formativo di ispirazione, ricerca e scambio culturale, saranno quindi loro, piccoli e grandi di Varedo, i protagonisti di “Tu non sai”, uno spettacolo intenso che oltre a dare il via ai festeggiamenti dell’Ideal saluterà anche l’inizio dell’estate 2014.

LA STORIA DEGLI ULTIMI TRE ANNI - “Nel 2011 ho raccolto il testimone da Cesare Ponti che per 47 anni, quindi dalla fondazione dell’Ideal, ha diretto l’attività del teatro. Ho accolto con passione l’invito e oggi, grazie a tutti i collaboratori che a diverso titolo si impegnano volontariamente a tenere viva la struttura, offriamo alla città di Varedo una struttura accogliente che rappresenta un fulcro culturale e associativo di riferimento anche per l’intero territorio circostante” dice Cristian Remeri, Direttore Artistico del Teatro Ideal.

Nel 2012, oltre alla consolidata stagione amatoriale in dialetto milanese, al Teatro Ideal si è cercato di imprimere una svolta con una serie di nuove iniziative per il pubblico. E’ nata così la prima Stagione Teatrale che ha portato sul palcoscenico nomi illustri, come i Legnanesi, Marco Colombi, Manuel Frattini, Nuzzo e Di Biase etc. Dal 2013 si è aggiunta poi la proposta sperimentale della stagione “Giovani”. Un percorso innovativo, non sempre facile. “Certamente pesano il difficile periodo economico e il cercare di fasi conoscere come teatro sul territorio. In questo un grazie sicuramente va al nostro parroco Don Giuseppe Grisa che ci sostiene fortemente nei nostri progetti” prosegue Remeri.

Per contribuire a far fare al Teatro Ideal il salto di qualità che merita, è arrivato poi Show4Life. Un progetto nato dall’idea di Chiara Terragni già nel 2011 quando è stato allestito un spettacolo indimenticabile (andato in scena due volte) che ha coinvolto la comunità varedese per celebrare l’incontro Mondiale delle famiglie, tenutosi a Milano. “Successivamente, Chiara e altri validi collaboratori sono entrati a far parte dello staff dell’Ideal – dice ancora il Direttore Artistico del Teatro - e in previsione del cinquantenario ci siamo domandati perché non creare un progetto, parte integrante dell’Ideal, con laboratori che coinvolgessero il maggior numero di persone e arrivare ad uno spettacolo celebrativo per questo importantissimo evento”?

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?