La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

L'utopia concreta di Nicola Frangione

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La rivista che vorrei

Dopo aver incantato la sala Maddalena insieme a Vincenzo Zitello la scorsa settimana, il poeta performer affida a Vorrei alcune riflessioni sul ruolo dell'artista nel contesto culturale attuale, in direzione di una nuova centralità dell'esistenza nell'arte

Due autodidatti di successo, ciascuno in relazione al suo campo, che da tanto volevano collaborare e fare qualcosa assieme. Detto così, sembra che il performer Nicola Frangione e l'arpista Vincenzo Zitello giovedì scorso si siano trovati al parco in un momento libero. E invece con il loro concerto di poesia e musica, dal titolo aprendo la porta alle parole, hanno riempito la sala Maddalena nonostante il caldo soffocante. Certo, come ricorda lo stesso Frangione, non si tratta del pienone del teatro Manzoni, ma ugualmente si è trattato di un successo di pubblico che inorgoglisce, e che ha spinto i due artisti ad andare avanti improvvisando anche ben oltre la durata prevista dello spettacolo. L'arpa celtica e quella bardica di Zitello, unite ai testi di Frangione, hanno dato vita a sette movimenti di vera e propria poesia sonora, in cui parole e musica "hanno aperto le porte" all'esistenza. Sul tema, abbiamo rivolto alcune domande proprio a Nicola Frangione.

Come siete arrivati insieme a Zitello a questo progetto di fusione tra poesia e musica, di poesia sonora?
Con Vincenzo ci conosciamo da sempre, sin da quando lui andava a scuola e io in fabbrica, e ci piace lavorare assieme, questa non è stata la prima volta. Siamo coinvolti in progetti simili fin dagli anni Settanta, fin da quando Giordano Casiraghi a Montevecchia riusciva a portare gli Area, Demetrio Stratos, Battiato: noi bazzicavamo quei palchi e non è un caso che poi Vincenzo, come musicista, abbia collaborato con molti di quegli artisti.

Più di recente, dopo tanto tempo in cui ognuno dei due ha curato la propria passione e la propria carriera, si è avuta la sensazione che fosse giunto il momento di dare inizio a un vero e proprio lavoro a quattro mani, qualcosa che fosse il frutto della sua evoluzione come musicista e della mia come artista performativo. Adesso l'abbiamo, e vogliamo farlo girare in entrambi i nostri circuiti.

In cosa consiste esattamente questa fusione?

Il risultato finale è un'energia che supera qualsiasi elemento esterno alla performance. Non ho remore a dire che ho obbligato Vincenzo a non suonare come sottofondo per i miei testi. Il nostro obiettivo era la sinergia totale e reale, non semplice sommatoria fra musica e testo. Il senso va dato dalla liquidità che si viene a creare fra un testo e il tipo di musica fatto apposta per esso.

In questo senso si può intendere uno dei suoi concetti ricorrenti: "cogliere lo stupefacente essere invece che lo stupefacente apparire"?

Credo di sì. Come dico in ogni occasione in cui mi si chiede di parlare in pubblico (è ospite di festival esteri come Valencia, Varsavia e Marsiglia, ndr), lo stupefacente essere è la possibilità che ogni essere umano, per il solo fatto di essere vivo, trasmetta un messaggio. Per farlo, però, è necessario saper cogliere la poetica del mondo, che risiede solo nella vita vera. Invece dagli anni Settanta si è affermato un dettame artistico rovinoso, che predilige l'estetica a scapito della poetica, quello che io chiamo lo stupefacente apparire. Anche io a quei tempi seguii quel percorso, non lo rinnego: ma mi sembrava necessario come gesto di rottura. Ora al contrario è un atteggiamento fine a se stesso che impoverisce l'arte, privandola dell'energia che solo un equilibrato connubio di estetica e poetica può garantire.
Il mio messaggio, allora, è quello di recuperare la categoria dell'esistenza perché solo così si può recuperare la sinergia fra estetica e vita vera che costituisce il nodo cruciale di ogni disciplina artistica. L'artista può e deve essere un rivoluzionario, ma a condizione di riuscire a trasmettere questa energia, di mettere l'essenza, l'esistenza, al primo posto. Il gesto rivoluzionario è recuperare l'esistenza. Una scelta, la mia, che non ha alcun connotato religioso, ci tengo a precisarlo.

Una specie di "materialismo artistico", per così dire?

Preferisco chiamarla utopia concreta. L'utopia è associata al sogno di qualcosa che ancora non c'è, ma il sogno non è soltanto astratto. Il sogno è ciò che ti spinge ad alzarti la mattina e fare quello che ti dà senso. Togliere il sogno alle persone significherebbe togliere loro la concretezza.

Gli autori di Vorrei
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA), scrive poesie e ha collaborato in passato con un'altra redazione online. Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La matita di Fulvio Fontana

 

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Maggio 2014

Maggio 2014

Le donne, ad esempio

Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.