Vorrei | Rivista non profit

Rivista non profit di cultura, ambiente e politica.

Il buono e il bello ~ Gianni Miglionico

Muskuidd al vincotto

L’Action Painting di Jackson Pollock accostata ai capunti dolci e pepati

Culture ~ Marta Abbà

Come stanno le cose per Giorgio Odifreddi

Al Manzoni di Monza uno spettacolo conferenza che può aver sorpreso: chi si aspettava dal matematico “impertinente” invettive e provocazioni si è trovato sul palco un divulgatore scientifico accattivante e innamorato del sapere

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Maledetta Dopamina. Rumore e creatività

BandAutori 49. Nel primo numero del 2017 il noise rock strumentale dei Maledetta Dopamina, atipico trio brianzolo. Con "Libri che suonano" indaghiamo il rapporto tra Giorgio Gaber e Re Nudo.

Culture ~ Carmela Tandurella

Andrej Longo e i ragazzi di Napoli

Voci e storie dal Sud. Tra voglia di riscatto e dannazione, la letteratura dello scrittore nell'intervista di Vorrei

Persone ~ Vorrei

Buona accoglienza, istruzione, integrazione, ascolto. L'esempio di Zavattarello

Nel paese in provincia di Pavia un gruppo di ragazzi, provenienti da Africa e Asia, sosta in attesa dello status di rifugiato. Un vero e proprio laboratorio di integrazione che suscita sempre più curiosità

La valigia dei libri ~ Adamo Calabrese

I racconti di Adamo. Il viaggio di Tobia

I genitori e il figlio si accoccolarono attorno alla stufa. La madre si fece coraggio, congiunse le mani e supplicò: “Tobia non partire. Non partire.”  

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Il Best Of 2016 di BandAutori

BandAutori 48. In questo numero il riassunto dell'anno che va a finire e i nostri Best Of degli ultimi dodici mesi. Con "Libri che suonano" torniamo ai primi anni dei Mercanti Di Liquore.

Culture ~ Anna Lucia Cagnazzi e Sante Cutecchia

Domenico Notarangelo. In una mano la storia millenaria dei santi padri contadini

Fotoreporter e uomo politico del sud Italia. Pugliese di nascita e lucano per scelta. Attivista del PCI, si è dedicato con passione, sincerità e meticolosità alle vicende della cultura e della vita contadina di quelle terre che Cristo aveva dimenticato di raggiungere.

Culture ~ Antonio Cornacchia

La fotografia di Cesura

   Hanno cominciato andando a bottega da Alex Majoli, sono quasi tutti monzesi ed ex studenti ISA. Lavorano in giro per il mondo, raccolgono premi con reportage, libri e mostre. Intervista a Luca Santese del collettivo Cesura

Persone ~ Francesco Achille

La punta dell’iceberg

Diceva Ken Saro-Wiwa, importante scrittore nigeriano scomparso nel 1995 “Provo sgomento per la vergognosa povertà del mio popolo che vive su una terra molto generosa di risorse; provo rabbia per la devastazione di questa terra; provo fretta di ottenere che il mio popolo riconquisti il suo diritto alla vita e a una vita decente”.

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Pop X. Pop post-moderno

BandAutori 47. In questo numero Pop X col suo sguardo post-moderno, ironico e folle sull'electro. Per "Libri che suonano" i Tasaday si raccontano.

Persone ~ Caterina Guerrieri

I racconti in immagini di Luciano Montemurro

«Non c’è nulla di romantico nella mia fotografia» Si definisce uno sradicato, lui che ha lasciato Corato per andare a studiare a Firenze e che poi è rimasto altrove, a Limido Comasco per l’esattezza

Lavori ~ Ivan Commisso

La morte vi fa belli, cari pensionati

Come anche l’INPS perora eventuali misure perequative delle pensioni che accorcino la vita media. Il lessico è forbito ma la sostanza è quella.

Culture ~ Juri Casati

Kevin Bacon, Pippo Franco, cimici e foche

Mark Buchanan racconta la storia della “scienza delle reti” dagli anni Sessanta ai nostri giorni

Culture ~ Antonio Cornacchia

La pornografia del dolore

Mostrare immagini di bambini morti e di vittime devastate è lecito? è utile? ha senso? Tre articoli di Gli stati generali e qualche nostra postilla sulla superficialità della condivisione social e sulla necessità di non fermarsi alle emozioni e di puntare alla consapevolezza

Il buono e il bello ~ Gianni Miglionico

Spaghetti al pesce spada verde

Il mare incontra la terra e uno strano incanto prende forma

Monza celebra con tre incontri il grande poeta, critico e traduttore milanese, a dieci anni dalla sua scomparsa. Una mostra in Galleria Civica, letture pubbliche e conferenze di Carlo Sini e Giorgio Zanchetti

La città di Monza si conferma aperta alla poesia. Un'iniziativa dell'Università Popolare, infatti, si propone di far conoscere al pubblico brianteo l'opera di uno dei più interessanti personaggi del panorama poetico italiano del secondo Novecento, il milanese Roberto Sanesi, docente di letteratura italiana all'Accademia di Brera scomparso nel 2001 a settantuno anni. Si tratta di un ciclo di tre incontri che permetteranno di toccare con mano l'opera e l'eredità di questo complesso artista, grazie ad una mostra e a interventi di docenti universitari e poeti.

Si comincerà il prossimo giovedì, 22 settembre (ore 18), alla Galleria Civica di Monza in via Camperio, dove sarà inaugurata l'esposizione di circa cinquanta opere di poesia visiva, composte fra gli anni Sessanta e il 2000, oltre ad altri materiali, come pagine autografe, manoscritti, lettere e fotografie. L'inaugurazione vedrà inoltre protagonista il percussionista Federico Sanesi, figlio di Roberto, che terrà un concerto jazz insieme ad altri musicisti. Ai giovani poeti di PoesiaPresente il compito di leggere alcuni testi di Sanesi.

 

alt

Roberto Sanesi, "Fiore dell'Alba" - 1991


Ad ottobre, invece, ci si sposterà nell'aula magna del liceo classico Zucchi, dove Giorgio Zanchetti e Carlo Sini, professori dell'Università degli Studi di Milano, terrano due conferenze, rispettivamente il 12 e il 19, entrambi dei mercoledì. L'orario di inizio è fissato per le 15.30.

Poeta e prosatore dal respiro indubbiamente europeo, Sanesi è stato un anglista di rilievo, traducendo e studiando opere di poeti britannici e statunitensi come Dylan Thomas, William Blake, T. S. Eliot, Walt Whitman, Lewis Carroll, John Milton, William Shakespeare. La sua poetica ne trasse un influsso deciso. La sua scrittura conferisce alla parola una dimensione enigmatica, che però non si fa mai oscura fino in fondo. Affascinato dall'immagine dello specchio, Sanesi riusciva a creare testi in cui il senso era chiaro per metà, lasciando l'altra metà in una dimensione nebulosa capace di schiudere al lettore possibilità inedite di significato. In questo senso, anche il tema dell'ombra e della figura che non si può mettere a fuoco compaiono spesso nelle sue poesie. Il suo stile è immaginifico in misura notevole: ogni testo (e da qui si capisce anche la sua familiarità con l'arte figurativa) raffigura una scena, dove agiscono oggetti e personaggi carichi di mistero, percepibili solo fino a un certo punto. Ne risulta una poesia oracolare, sibillina, che pur dando al proprio lettore degli indizi non ricostruisce un quadro completo di significato. Un'esperienza unica, insomma, attende i monzesi che vorranno conoscere questo artista poliedrico.

 

L’iniziativa è patrocinata dagli assessorati alla Cultura del Comune di Monza, della Provincia di Monza Brianza e della Regione Lombardia, ed è curata da Alberto Crespi.

La mostra, che durerà dal 22 settembre al 20 ottobre, avrà i seguenti orari: da martedì a venerdi: 16-19. Sabato e domenica: 10-13 e 16-19.

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.

Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. Di recente, è tornato al cloro.
È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.


Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?