La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo
«La rete dei musei è già nel Piano Generale di Sviluppo»

Culture ~ Antonio Cornacchia

«La rete dei musei è già nel Piano Generale di Sviluppo»

Verso una rete dei musei del territorio. Intervista a Francesca Dell'Aquila, assessore alle politiche culturali di Monza: «Questo è un anno particolarmente importante: la fine dei restauri e l’apertura al pubblico della Villa Reale, l’apertura del nuovo Museo, la fine dei lavori di restauro della Cappella di Teodolinda».

Medulla nel paese delle meraviglie

WallSound ~ Ilaria Dambrosio

Medulla nel paese delle meraviglie

WallSound. Una band milanese che sceglie location brianzole per la realizzazione dei propri video. Un gruppo di introspezione e di immaginario: i Medulla.

Edoardo Ribatto e il dovere dell'artista

Culture ~ Maria G. Mansi

Edoardo Ribatto e il dovere dell'artista

Intervista all'attore teatrale protagonista di “Angels in America, “La discesa di Orfeo” e del suo “Io sono il proiettile”: «L'artista è colui che si ferma, deve farlo: ha delle antenne più sensibili di chi gli sta intorno, ha deciso di ricoprire quel ruolo, e allora deve farlo. Deve restituire, con la sua arte, una riflessione sulla società, sull’umano.»

“Gramsci & Caruso” di Stephen Watts

Culture ~ Vorrei

“Gramsci & Caruso” di Stephen Watts

Il nuovo libro edito da Mille Gru raccoglie le composizioni del poeta inglese e le traduzioni di Cristina Viti. Su Vorrei l'estratto “Birds Of East London” e le foto della presentazione al Binario7 di Monza

Salviamo il Museo della fotografia di Cinisello

Culture ~ Antonio Cornacchia

Salviamo il Museo della fotografia di Cinisello

  Verso una rete dei musei del territorio. Intervista a Andrea Catania, assessore alla cultura di Cinisello Balsamo: «È difficile sostenere i costi del Museo per un comune come il nostro, serve l'intervento di Milano, Regione e Ministero. La rete può essere una risposta intelligente alla fase di crisi che gli enti locali stanno attraversando.

Parco delle Culture: una filiera culturale per impresa e territorio

Culture ~ Marco Caruso

Parco delle Culture: una filiera culturale per impresa e territorio

Iniziativa del Comune di Desio: un progetto triennale per creare una filiera culturale tra soggetti del territorio. Intervista a Cristina Redi, assessore alla Cultura del Comune di Desio

Orti, frutteti e sperimentazione

Ambiente ~ Giacomo Correale Santacroce

Orti, frutteti e sperimentazione

La nuova tendenza: il recupero e la diffusione degli orti ovunque, nel cuore delle città e perfino sui balconi, come reazione e barriera all’avanzata del cemento. Dall'orto della Casa Bianca a quello di Versailles, fino al frutteto matematico nel Parco di Monza

Home

Grazie al Signore, a Silvio e a Bertolaso

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20110328-l-aquila

Va in scena su Canale 5 una mirabile commedia sulla rinascita dell’Aquila.Tra gli interpreti spicca un nuovo talento del cinema e del teatro: Marina Villa, nel ruolo di una battagliera venditrice di abiti da sposa.

Se è vero, come riportato da Repubblica e Il Fatto Quotidiano, che la signora Marina Villa di Popoli (provincia di Pescara) ha percepito trecento euro per sostenere su Canale 5 che all’Aquila il governo ha fatto miracoli, l’hanno pagata troppo poco. Altre donne, più giovani e piacenti, hanno intascato cachet di gran lunga più generosi per aver concesso a Silvio, in cambio, molto meno. Almeno in termini d’immagine.

La signora Villa meritava un budget più cospicuo, perché tra gli spettatori di “Forum” (1.642.000) solo una modestissima parte – gli aquilani – avrebbe potuto confutare i contenuti della sua appassionata performance. Quanto alle abitudini di lettura dei suddetti spettatori, dubito che essi leggano in massa Repubblica e Il Fatto Quotidiano.

La convincente interpretazione di Marina Villa può ora trovare nuovi aficionados su YouTube. Sembra un telefilm giudiziario, scritto e realizzato meglio delle cosiddette fiction. Il set, per esempio. Un tribunale degno di un B-movie da culto, se non fosse per l’onnipresente animatrice dello show che invade anche la platea allo scopo di estorcere dichiarazioni pro-regime da un cast di comparse selezionate ad arte. Ivi compreso un Anderson dalla pelle nera.

Rita Dalla Chiesa: «Io sono d’accordo con Anderson, anche se qui non si dovrebbe essere d’accordo con nessuno. Anderson ha detto: “Ma vi rendete conto di che cosa significa gestire un evento del genere?”»

L’Aquila è una città piena di monumenti storici, non è come Milano!

Anderson incalza: «E poi L’Aquila è una città piena di monumenti storici, non è come Milano!» (Per ribadire che quanto è stato fatto per la città terremotata è stato davvero formidabile).

Ma né Anderson né gli altri comprimari improvvisati – compreso il finto marito di Marina, che in una prestazione scenica alquanto svogliata si dichiara «parsimonio» e «privilegiato perché ho un posto statale» – sono all’altezza della protagonista, che se fossimo in America proporrei per l’Academy Award. A chi ama il cinema tornano in mente gli storici exploit di Rossellini, di De Sica, di Olmi, di tutti i maestri che hanno saputo trasformare semplici cittadini presi dalla strada o dalle campagne in presenze carismatiche. Senza dimenticare il Visconti de “La terra trema”, dal momento che all’Aquila la terra ha tremato davvero.

Sapete tutti che c’è stato il terremoto. Avevo un’attività grandissima. Vendevo abiti da sposa.

«Io sono abruzzese», dice Marina. «Sapete tutti che c’è stato il terremoto. Avevo un’attività grandissima. Vendevo abiti da sposa.»

E qui chapeau agli sceneggiatori. Il commercio di abiti da sposa mette in circolo emozioni più intense di quanto non possa fare un negozio di ferramenta o di ortofrutta. Lo si capirà meglio nello sviluppo drammaturgico dell’opera, quando Marina sosterrà che il successo della sua attività commerciale è stato seriamente compromesso dalle spose uccise dal terremoto. Per questo ora esige dal marito separato, Gualtiero, un contributo di 25.000 euro per riavviare il business. Il giudice togato, una donna dal contegno più bonario e responsabile di quello che gli spettatori abituali di “Forum” forse attribuiscono al pool di Milano, ascolta con attenzione le deposizioni.

Dunque: il taccagno ex-consorte trova la scusa del sisma per non scucire i soldi: dopotutto col terremoto ci hanno rimesso tutti, non è che lui se la passi tanto bene. Ed è qui che Marina Villa sfodera dalle viscere tutto ciò che ha appreso dal metodo Stanislavskij. Sembra un’aquilana autentica quando dice:

«Stanno riaprendo tutti! Hanno riaperto tutte le attività: manca solo la mia. Anzi bisogna ringraziare Qualcuno. Che non ci ha fatto mancare niente. I giovani sono andati via ma stanno ritornando. Io la terremotata fissa non la voglio fare.»

Interviene Dalla Chiesa per sensibilizzare la audience sulle note di «positività» contenute nella testimonianza della signora Marina. La quale, incoraggiata, riprende:

«Quella notte è stata una cosa incredibile. Non riuscivo a capire se era la guerra o la fine del mondo. La casa si girava, cadevano tutti i lampadari, si sono staccati persino i termosifoni dal muro. Ma adesso sono cambiata... prendo la vita più... non possiamo stare sempre lì ad aspettare... Io vorrei ringraziare, oddio non lo so se posso, il presidente...»

Dalla Chiesa: «...il governo...»

Marina: «Il governo, certo. Perché non ci ha fatto mancare niente. Nessuno sta in mezzo alla strada. Tutti hanno le case: coi giardini, col garage. La gente lavora. [...] L’Aquila sta ritornando come prima! [...] Sono arrivati subito gli interventi, ringraziamo il Signore.»

La raffinata interprete sa che nella recitazione realistica less is more, e dimentica o tralascia volutamente una battuta infelice del copione: lo avrebbero fatto anche Anna Magnani e Meryl Streep, se si fossero trovate al posto suo. Ma ci pensa Rita Dalla Chiesa a restaurare, incongruamente, il suo omissis:

«Dovete ringraziare, secondo me – e adesso mi attirerò le ire di tutti – anche Bertolaso, perché ha fatto un grandissimo lavoro.» Scrosciano gli applausi.

Gli aquilani hanno avuto le case col giardino e il garage

Marina Villa capisce che a questo punto regista e producer si aspettano da lei meno understatement e più overacting. Allora dà fiato alle trombe, mettendo più enfasi in una recitazione che aveva fin qui tenuto sotto encomiabile controllo: gli aquilani hanno avuto le case col giardino e il garage, tranne «tre o quattrocento che stanno negli hotel e gli fa pure comodo. Mangiano e bevono senza pagare. Ci starei pure io.»

Contestata da Stefania Pezzopane, assessore alla cultura dell’Aquila, Rita Dalla Chiesa si arrampica sui vetri qui. Nel frattempo, suo padre si rivolta nella tomba.

Gli autori di Vorrei
Author: Pasquale Barbella

Nato a Ruvo di Puglia nel 1941, Pasquale Barbella inizia la carriera pubblicitaria a Milano nel 1967, dopo esperienze in altri settori (tra cui quattro anni di mail writing presso la Mondadori). Alla professione dedica 36 anni di attività come copywriter, direttore creativo e coordinatore creativo di network internazionali. Nel 1990 è tra i fondatori della BGS (Barbella Gagliardi Saffirio); dal 2000 al 2003 è membro del Worldwide Board of Directors del gruppo internazionale D’Arcy, per il quale è anche responsabile dei servizi creativi per l’Europa e il Nordamerica. Con i suoi team ha creato case histories di successo per Swatch, Lacoste, Champion, Infostrada e numerose altre marche. I suoi lavori sono stati spesso premiati in festival italiani e internazionali. È stato per due volte presidente dell’Art Directors Club Italiano, che lo ha eletto nella sua Hall of Fame.

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Tripoli 1911: C’era una volta il rombo del cannon
    Arriva da lontano l'eco di un inno trombonesco da armata Brancaleone. Erano i tempi di Giolitti e L'Italia cominciava la sciagurata impresa di Libia {xtypo_dropcap}A{/xtypo_dropcap}  Tripoli!, parole di Giovanni Corvetto (gi...
  • Bersani, Erodoto e la propaganda noiosa
    Da Mitterrand e Séguéla a Bersani e Biasi. Fino a che punto può spingersi l’immaginazione di un pubblicitario nel tentativo di rendere “appetibile” un partito, un movimento, un candidato politico? Il bravo pubblicitario sa che è sbag...
  • La pubblicità che vorrei
    Se fossi Fiat, se fossi un'acqua minerale, se fossi Sipra, se fossi una banca, se fossi una carta igienica, se fossi una compagnia telefonica... {xtypo_dropcap}S{/xtypo_dropcap} e fossi Fiat, sceglierei come testimonial pubblicitari a...
  • Melogramma. Processo al punto e virgola
    Breve cronaca di una catastrofe surreale, dunque assolutamente plausibile. {xtypo_quote_left}Il qui presente Punto e virgola è accusato di resistenza e oltraggio all’art. 25 della legge sulla riforma della grammatica nonché di rei...
  • La donna è una birra o un sofà?
    Molto scalpore ha fatto un recente manifesto offensivo per la donna: l’ennesimo. Un commento di Pasquale Barbella Molto scalpore ha fatto un recente manifesto offensivo per la donna: l’ennesimo. Colgo tardivamente occasione da questo...
  • Non sparate sul Giovanni
    Il pianista-compositore più detestato d’Italia, forse del mondo, Allevi è davvero il grande musicista che crede di essere o il fenomeno da baraccone descritto dai suoi accusatori?   Giovanni Allevi di Ascoli Piceno, classe 1969, ha co...
  • Il discorso del re e i discorsi del ras
    Un film da consigliare nelle scuole, perché tocca un tema gigantesco e fuori moda: la dignità. Mi permetto di lanciare un appello agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, affinché promuovano presso i propri discepoli “Il di...

Commenti  

#1 Fabio Ghirelli 2011-03-29 11:45
Il link dove la Dalla Chiesa si arrampica sugli specchi "non è più disponibile a causa di un reclamo di violazione del copyright da parte di R.T.I."
Le grandi interpretazioni vanno viste dal vivo, evidentemente. E nascoste subito dopo.
Grazie dell'analisi: rimanere lucidi parlando di una schifezza del genere dev'essere difficile.
Citazione
#2 Viola 2011-03-29 13:55
Il Generale Dalla Chiesa si rivolterà sicuramente nella tomba, cosa che non potrà fare e forse non farebbe (?) Mike Bongiorno, Re indiscusso del marketing pro Mediaset/Berlusconi.
Da cittadina senza alcuna tessera eccetto quella dell'Esselunga mi rimane la voglia grande di andare sulla Luna. E il dispiacere di vedere andare in fumo anche le cose "buone" che la Dalla Chiesa si impegna a fare per gli animali.... tristezza per favore vai via.
Citazione
#3 Lionello 2011-03-29 14:36
Nel frattempo il video "incriminato" è stato rimosso a cura di RTI da YouTube
Citazione
#4 Biancamaria Rizzoli 2011-03-29 15:40
A parte l'ignoranza di Anderson che non capisce una H di monumenti (Milano è ricca di splendide opere d'arte)definire la ricostruzione (?) aquilana come uno splendido regalo governativo è come dire che vi hanno costruito le "Casette in Canada", con acqua, pesciolini e tanti fiori di lillà. Ho detto Canada per rimarcare l'estraneità del cosiddetto restauro dell'urbanistic a aquilana, città che conosco benissimo, e che tuttora è un cumulo di macerie che ha perduto oltre le case e i monumenti anche tutto il suo tessuto sociale. Evidentemente la negoziante doveva avere bisogno di soldi e di pubblicità per i suoi abiti da sposa, che sarebbe stato meglio trasformare in abiti da lutto. Maliziosamente mi verrebbe da dire che le hanno dato solo 300 euro perchè non ha la taglia di una velina. Se no sai gli inviti ad Arcore?
Citazione
#5 alessandro boggiano 2011-03-31 09:15
Bah...
Mi chiedo fin dove bisogna arrivare per generare un sussulto d'orgoglio e mettere uno stop a questo scempio della dignità di un'intera nazione.
Citazione
#6 Ivan 2011-05-12 12:20
Non ci azzecca niente con l'articolo ma non avevo altro modo. Ho apprezzato il suo ricordo di Marco Vecchia, pubblicato sul Daily Media di oggi. Ho seguito una lezione di Vecchia in un master e ricordo poi una piacevola conversazione sull'arte manierista con modi e verbi che oggi non si usano (purtroppo) più.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Comunicati stampa

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina