Vorrei | Rivista non profit

Rivista non profit di cultura, ambiente e politica.

Culture ~ Simone Camassa

Marcia film, la poesia di scena a teatro

Al teatro Binario 7 di Monza si terrà, domenica 11 dicembre, la prima nazionale del nuovo spettacolo di Dome Bulfaro ed Enrico Roveris, a coronamento dei 10 anni di PoesiaPresente

Culture ~ Carmela Tandurella

Cronaca di una passione

Grande serata al cinema Roma di Seregno, con  le associazioni impegnate sul territorio nel sostegno alle vittime di indebitamento e con il regista Fabrizio Cattani

Culture ~ Beppe Colombo

Monza: ancora tanti saluti da Alfredo Viganò

In uscita il secondo volume con gli aneddoti e le cartoline dell'architetto: ecco l'introduzione di Beppe Colombo. Martedì 13 dicembre 2016 la presentazione dell'editore Novaluna

Culture ~ Alberto Zanchetta

Premio Lissone. Avere settant'anni e non dimostrarli

Il direttore del MAC presenta la sedicesima edizione della rassegna artistica, quella del settantesimo compleanno

Culture ~ Carmela Tandurella

Un’etica per il nostro tempo

    Dialogo con Franco Riva su responsabilità e fraternità, giustizia e  perdono, a partire dal suo libro  “La domanda di Caino”  

Persone ~ Elisabetta Raimondi

Michael Moore in Trumpland come Charlie Chaplin in Tomania

Non si esaurisce con l’elezione del nuovo presidente la carica dell’ultimo film di Michael Moore, girato durante il suo one-man-show teatrale in una cittadina dell’Ohio dove alle primarie i Trumpiani hanno battuto i Clintoniani  4 a 1. Divertimento, profondità, commozione e speranza.

Culture ~ Antonio Cornacchia

Monza, una mappa dei ricordi nella città raccontata

Strada per strada, piazza per piazza, storia per storia. Raccogliamo i vostri piccoli e grandi ricordi legati ai luoghi della città per una mappa raccontata e collettiva di Monza

Brianzolitudine ~ Renato Ornaghi

Lucio Battisti e la Brianza

La “convivenza” con Mogol a Molteno, le amicizie, la sepoltura. Storie e aneddoti del musicista nella «Brianza velenosa»

Persone ~ Anna Ascani

Scuola e digitale

Ospitiamo l'intervento di Anna Ascani, parlamentare del PD «I nostri ragazzi sono chiamati a uno sforzo epocale e avvincente, che è quello di saper maneggiare gli strumenti con cui competere nel mondo del lavoro, essere responsabili dei contenuti che producono online e saperli usare a fini umanistici, integrando la comunicazione frammentaria e veloce del nostro tempo con la saggezza immortale che si insegna sui banchi di scuola.»

Culture ~ Roberto Rampi

Pop (young) pope

Roberto Rampi: quello che ho visto guardando The Young Pope.

Ambiente ~ Pino Timpani

Una petizione per salvare la cascina Cavallera di Oreno

A Vimercate è stata lanciata una raccolta firme a sostegno del recupero della cascina, di cui sono già crollati entrambi i fienili

Culture ~ Antonio Cornacchia

La nuova direzione del Manzoni di Monza

  Intervista a Paola Pedrazzini, nuova direttrice del più grande dei teatri pubblici della città. La formazione, le scelte, i programmi. Fra continuità e innovazione, il nuovo corso di una sala da quasi 900 posti

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Piccola Orchestra Gagarin. Musica dai mondi

BandAutori 45. In questo numero l'incontro tra mondi musicali della Piccola Orchestra Gagarin, guidata dal chitarrista sardo Paolo Angeli. Con "Libri che suonano" andiamo nella Bologna del punk e del movimento.

La valigia dei libri ~ Adamo Calabrese

I racconti di Adamo. La zebra africana

Corro alla finestra e resto esterrefatto. Il  circo Krupp dilaga nella piazza. Il signor Krupp in persona schiocca la frusta e si rivolge a me.

Culture ~ Simone Camassa

La poesia della semplicità

Nel corso della presentazione del suo ultimo libro, alla libreria Feltrinelli di Monza, la poetessa Vivian Lamarque ha incontrato lettori e studenti, intavolando un dialogo interessante sulla poesia, con una nota finale anche sul silenzio del poeta

Il buono e il bello ~ Gianni Miglionico

Pizza rustica alla Kandinsky

Semplicità, bontà e colore in un piatto improvvisato

L'importanza di conoscere il territorio e la voglia di raccontarlo rimbalzando tra presente e passato. Ne parla l'autore di "Milano criminale", una grande epopea criminale degli anni sessanta e settanta. 

 

L'

avevamo già conosciuto con "Pescemangiacane", romanzo con cui ha “sfiorato” il disastro del Lambro dello scorso anno Questa volta abbiamo approfittato dell'uscita del nuovo “Milano Criminale” per approfondire la conoscenza di Paolo Roversi indagando sui nuovi progetti di questo scrittore noir di origine mantovana trasferitosi a Milano.

Pescemangiacane” e, ora, “Milano Criminale”, due libri strettamente legati al territorio dove oggi vive o ha vissuto. Come mai questa scelta?

L'ambientazione è sempre fondamentale in un romanzo. Per rendere credibile il luogo in cui i personaggi si muovono è necessario, secondo me, conoscerli bene altrimenti il lettore se ne accorge e non riesce a “entrare” nella storia.

Si può raccontare un territorio attraverso un racconto noir? Come? Quali aspetti le interessa raccontare maggiormente?

Certo, anzi credo che nel noir sia fondamentale raccontare il luogo, la città, le caratteristiche di un certo territorio. Nei miei romanzi presto sempre molta attenzione al fatto che alcuni luoghi siano riconoscibili. Per esempio nella mia serie di romanzi con protagonista Enrico Radeschi tutti i bar o i ristoranti che cito di Milano esistono realmente. Lo faccio per rendere davvero credibile la vicenda.

 

 

Dalla provincia è venuto a vivere a Milano e ha conosciuto anche la Brianza, cosa ha trovato? Cosa l'ha sorpreso nel nostro territorio? Qual è il suo “luogo brianzolo” preferito?

La Brianza è un territorio che per certi versi assomiglia alla mia Bassa, quindi mi è famigliare. In queste zone mi piace Monza perché mi ricorda vagamente la mia Mantova.

Che riscontro trova quando presenta un dei suoi libri in Brianza?

Molto buono. C'è sempre molto interesse verso le mie storie e la cosa non può che farmi piacere.

In “Milano Criminale” si rispolverano delitti degli anni 60-70, come mai questa scelta rivolta al passato? Come si è preparato per scrivere di fatti di cronaca ? Con quale obiettivo?

Dietro questo romanzo ci sono diciotto mesi di lavoro intenso. Tante ricerche e molte ore di scrittura per ricreare fedelmente quegli anni di criminalità “epica”. Sono successi fatti a Milano che hanno influenzato la storia d'Italia e ci sono stati personaggi che sembravano usciti da un film. L'ispirazione per raccontare quegli anni è nata da loro, dalle loro storie già di per se straordinarie.

Sembra che il libro stia riscuotendo un forte successo, di critica e di pubblico, soprattutto nell'area dove è ambientato. Nasce la voglia di conoscere la storia dei luoghi dove si vive?

Nasce la voglia di capire. Il romanzo va forte a Milano ma anche nel resto d'Itala. E' un libro ambientato sotto la Madonnina ma che racconta una storia importante d'Italia. Ne sia dimostrazione il fatto che presto sarà tradotto in Spagna, Francia e Germania.

Quando e come è nata la scelta di scrivere noir?

Da adolescente: leggere Agatha Christie e Conan Doyle mi hanno fatto venire voglia di scrivere storie gialle.

Esistono dei fatti di cronaca più attuali a cui amerebbe dedicare un libro? Quali?

No, diciamo che nei miei progetti c'è di continuare a raccontare quegli anni. Ho raccontato dal 1958 al 1972. Vorrei ripartire da lì per arrivare, magari, fino al 1978.

 

20110416-roversi-coverMantovano di origine, nel 1999 si laurea in Storia contemporanea all'Università di Nizza-Sophia Antipolis (Nizza, Francia) con una tesi sull'occupazione italiana in Costa Azzurra durante la seconda guerra mondiale.

Studioso di Charles Bukowski, alla sua opera ha dedicato tre libri: la prima biografia italiana scritta con l'aiuto di Fernanda Pivano, un romanzo con protagonista proprio lo scrittore (Taccuino di una sbronza da cui nel 2009 è stato tratto uno spettacolo teatrale) ed un libro di aforismi pubblicato nel 1997 nella collana Millelire Stampa Alternativa

Giallista, è uno degli esponenti del cosiddetto noir metropolitano, ha pubblicato quattro romanzi per adulti ed uno per ragazzi che hanno come protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi.

Ha scritto un libro-guida su Mantova e la sua gente, e un volume umoristico sulla professione dell'informatico e nel 2010 una guida sui misteri di Milano.

Ha collaborato con riviste e giornali letterari come Corriere della Sera, Rolling Stone, Diario, Detective Magazine, Stilos e InScena Magazine

Ha scritto soggetti per la televisione come ad esempio per la serie dieci e undici di Distretto di polizia

È fondatore e direttore della rassegna dedicata al giallo e al noir NebbiaGialla Suzzara Noir Festival che si svolge ogni primo weekend di febbraio a Suzzara e del Milano in Bionda.

Dirige il web press MilanoNera, dedicato interamente alla letteratura gialla.

Ha vinto la 4ª edizione del Premio Camaiore di Letteratura Gialla con il romanzo La mano sinistra del diavolo. Con lo stesso titolo è stato finalista del Premio Fedeli 2007. È stato finalista del Premio noir mediterraneo di Sassari nel 2008 e nel 2009. I suoi romanzi sono tradotti o in corso di traduzione in Spagna, Francia e Germania

Qui il suo blog

 


Gli autori di Vorrei
Marta Abbà
Author: Marta Abbà

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?