A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Natale a Santo Domingo con gli haitiani

Persone ~ Francesco Achille

Natale a Santo Domingo con gli haitiani

La mostra di Raùl Zecca Castel, una trentina di pannelli fotografici e un cortometraggio, ha mostrato in modo impressionante cosa c’è dietro i dolciumi che mangiamo tutti i giorni ed in particolare nelle feste natalizie.

Crisi economica e parole in libertà. Resistono alla prova dei fatti?

Lavori ~ Ivan Commisso

Crisi economica e parole in libertà. Resistono alla prova dei fatti?

Evasione fiscale concausa dell’elevato debito pubblico, bassi tassi di interesse che fanno risparmiare risorse, il salvifico piano di investimenti europeo, i giudici che lavorano poco e rallentano la macchina della giustizia. La non sottile linea tra mito e fesseria.

E Teodolinda finì sull'Espresso

Culture ~ Vorrei

E Teodolinda finì sull'Espresso

Il settimanale, nel numero in edicola inquesti giorni, dedica quattro pagine agli affreschi degli Zavattari in restauro nella cappella dedicata alla regina longobarda nel Duomo di Monza

Caro Enrico, quanto ci manchi!

Persone ~ Romano Bonifacci

Caro Enrico, quanto ci manchi!

 A molti anni da Tangentopoli, il Paese non sembra essere cambiato. La politica che non fa più politica, l'antipolitica, la lezione di Berlinguer: Con l'intervista integrale di Scalfari del 1981

Valerio Varesi o della indispensabile testardaggine degli sconfitti

Culture ~ Carmela Tandurella

Valerio Varesi o della indispensabile testardaggine degli sconfitti

Il crimine, la politica, la letteratura: in Area Libri, a Seregno, Valerio Varesi parla dei suoi romanzi, e di un Paese costretto a ricominciare sempre da capo.

Un Altro Natale a Casatenovo

Persone ~ Valentina Selini

Un Altro Natale a Casatenovo

 Domenica 21 dicembre una giornata curata da Angologiro e Maltrensema per l'integrazione e contro il razzismo

Il Design Museum nella Villa Reale e il futuro del Parco

Culture ~ Giacomo Correale Santacroce

Il Design Museum nella Villa Reale e il futuro del Parco

Il nuovo museo del design, il rapporto con l'Isa, le intenzioni di Maroni e il disinteresse di Milano. Riflessioni intorno al futuro della Villa Reale di Monza

Il design museum della Triennale nella Villa Reale di Monza

Culture ~ Silvana Annicchiarico

Il design museum della Triennale nella Villa Reale di Monza

Inaugurato domenica 14 dicembre 2014 con una ricca collezione di pezzi che hanno fatto la storia dello stile italiano. Il testo di presentazione della curatrice Silvana Annichiarico

La vita, il tradimento, il teatro

Culture ~ Antonio Cornacchia

La vita, il tradimento, il teatro

In scena al Binario7 di Monza “La danza immobile” di Manuel Scorza. La regia di Corrado Accordino fra amore e rivoluzione

Anche Vorrei, nel suo piccolo, è green e hi-tech

Blog ~ Vorrei

Anche Vorrei, nel suo piccolo, è green e hi-tech

  Completato il processo di innovazione del sito della nostra rivista: siamo sul cloud, con un server alimentato al 100% da fonti rinnovabili. In più messa a punto la navigazione “responsive” adatta a qualsiasi dispositivo (pc, smartphone o tablet) e un sistema di gestione dal cuore open source. Abbiamo passioni antiche e un motore all'avanguardia.

Home

Un primo marzo per i diritti dopo i doveri

20100222_senza_di_noi

Intervista ad Alì Kouia, il rappresentante delle comunità straniere
all’interno del comitato per il Primo marzo 2010 di Monza.

 

Abbiamo scelto lui per farci raccontare la manifestazione vista dal suo punto di vista ma soprattutto per conoscere e cercare di comprendere le diverse reazioni riscontrate dalle varie comunità straniere contattate, lette con lo sguardo di chi è nella loro stessa condizione.  


Quando, dove e come sei venuto a conoscenza dell´iniziativa? Hai coinvolto altri dopo aver aderito?
Sono stato contattato da Anna Martinelli che è la responsabile dell'asilo nido "Bimbi insieme” dove lavora mia moglie, ed ho subito coinvolto i miei connazionali. Poi ho pensato che fosse una buona idea informare anche altre comunità e ne ho parlato alle associazioni di Senegal, Bangladesh, Romania, Costa d'Avorio e Ghana.

Che ruolo stai ricoprendo all'interno dell'organizzazione?
Sono uno dei coordinatori del Comitato assieme a Sergio Civati, Monica Borgonovo; il mio ruolo è innanzitutto quello di rappresentare gli stranieri, secondo l’opinione di tutti infatti, già dalla prima riunione, è stato visto come necessario che a capo del comitato ci fosse almeno un rappresentante degli immigrati, e quello sono io. Rappresento tutte le comunità di stranieri, sia quelle di Monza, sia quelle della Brianza.

Cosa ti ha portato a partecipare in modo attivo?
Per prima cosa il fatto di lottare per difendere i diritti dei lavoratori stranieri su cui pesano tantissimi doveri, ma che godono di pochi diritti. La seconda ragione della mia adesione al comitato deriva dal fatto che è la prima volta nella storia che gli immigrati si siedono attorno ad un tavolo per rivendicare i propri diritti e per parlare “la stessa lingua”: quella del rispetto e della collaborazione.

Com’è stato proporre la manifestazione tra i tuoi connazionali e conoscenti? Facile o difficile?
Tanti di loro hanno aderito abbracciando con entusiasmo l’iniziativa, altri invece non hanno voluto saperne, altri ancora, inizialmente intimoriti, si sono lasciati convincere ma la paura di esporsi è sempre presente.

Problemi ideologici o di collaborazione riscontrati?
Non ho incontrato nessun problema ideologico di nessun tipo, anzi, ho visto un atteggiamento di grande collaborazione da parte di tutti i partiti politici che abbiamo incontrato finora e che hanno accettato tutti, all'unanimità, di mettere le loro firme proprio per evitare ogni sorta di strumentalizzazione. Alle associazioni e alle comunità d’immigrati, invece, io ho proposto di mettere le firme data la loro disponibilità e la loro collaborazione a 360°.

Quali sono le maggiori problematiche che hai trovato con le altre comunità di immigrati della provincia?
Ho percepito un po’ di perplessità, quando mi sono proposto con l’iniziativa, da parte della comunità della Costa d'Avorio; l’ho personalmente invitata ad aderire e dopo avermi rivolto tante domande non si sono più fatti sentire. Un po’ deluso ma le porte rimangono aperte per tutti, penso sia un loro diritto avermi fatto tante domande ed essere perplessi, o intimiditi; io continuo a sperare che si uniscano a noi, sono fiducioso.

Cosa ti aspetti dal weekend del 1° marzo?
Spero che la manifestazione sia un primo segnale positivo che qualcosa cambia e che venga trasmesso sia al popolo italiano che all'istituzione un importante messaggio: gli immigrati costituiscono una realtà vera, autentica, che nessuno può negare. Spero inoltre in una presenza numerosa d’immigrati perché la manifestazione è rivolta proprio a loro anzi è la loro occasione per manifestare e dimostrare quanto sono importanti per l’Italia.

Come immagini e sogni il "dopo 1° Marzo"?
Spero che il 1° marzo segni la nascita dell'unione degli immigrati e che vengano nel futuro grazie ad essa consolidati i legami che fino ad ora non sono mai stati creati. Sicuramente questa manifestazione è fatta con lo scopo di segnare l’ìnizio ad una serie di iniziative da programmare ed effettuare in futuro, uniti proprio come ora.

C'è stato un gesto, una parola o un fatto che ti hanno colpito durante l'organizzazione della manifestazione? Raccontacelo
Mi ha colpito molto l'entusiasmo e l'importanza che tutti gli organizzatori hanno investito nel mettere in piedi questa iniziativa, sono riusciti ad unirci tutti attorno ad un tavolo, è la prima volta, come ho già detto, ed è un traguardo molto importante secondo me anche vedendo la situazione dell’immigrazione qui in Italia. Mi ha colpito molto anche la voglia di partecipazione manifestata dalle varie comunità che hanno accettato di aderire a questa iniziativa.

Cosa pensi dell'assenza dell'opzione sciopero generale?
Tanta gente ignora ancora l'esistenza di questa manifestazione “particolare” quindi penso che prima di pretendere di fare grandi azioni di protesta sia meglio impegnarsi per far capire che la presenza degli immigrati non é solo utile ma INDISPESABILE spiegandolo e non attraverso uno sciopero generale. Una volta che anche in Italia verrà accettata e compresa questa situazione nel modo giusto allora magari si potrà pensare di effettuare scioperi o altri gesti più forti. Per il momento dobbiamo pensare a comunicare il nostro importante messaggio

Gli autori di Vorrei
Author: Marta Abbà

Nata giusto in tempo per esultare ai Mondiali dell'82, trascorre l'infanzia tra pomeriggi di Guardia&Ladri e storie di Roal Dahl e Rodari. Qualche anno dopo si laurea in Fisica, mentre con l'altra mano continua a scrivere e diventa giornalista. Ora tra Milano e Monza, con exploit là dove la cronaca la porta, collabora con una agenzia di stampa, alcuni periodici e un sito di divulgazione scientifica ed ecologia. Ha le antenne accese 24 ore su 24 per ascoltare il mondo, irrimediabilmente "addicted to" cinema, libri e teatro. Solo, però, se condivisi con qualcuno.
Per inseguirla il metodo migliore, se non avete un razzo, è twitter: @martac3h5n3o9

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Comunicati stampa

testate-moduli-piu-letti

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

La matita di Fulvio Fontana