A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che Vorrei - Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

 testata vorrei 500px

Lì dove le persone si incontrano. I CAG di Monza

Persone ~ Valentina Selini

Lì dove le persone si incontrano. I CAG di Monza

Viaggio nei luoghi di incontro. Prima tappa. La vita nei Centri di aggregazione giovanile a Monza: il Pavoni e il Frassati

Giorgio Ambrosoli, la libertà e la responsabilità

Persone ~ Giorgio Casera

Giorgio Ambrosoli, la libertà e la responsabilità

Umberto Ambrosoli, a Monza per la rassegna “Ora legale” di Novaluna, ricorda l'esempio del padre, l' “eroe borghese”

Di corsa nel Parco di Monza contro la violenza alle donne

Persone ~ Luigi Dionisio

Di corsa nel Parco di Monza contro la violenza alle donne

Women in Run: una campagna sociale nata sul web e culminata sabato 24 gennaio 2015 con una corsa

L'inaugurazione di Alisei con Susanna Camusso in diretta

Persone ~ Vorrei

L'inaugurazione di Alisei con Susanna Camusso in diretta

La diretta streaming dell'inaugurazione della scuola di formazione politica promossa dalla CIL di Monza e Brianza con la segretaria nazionale

Il girone dei bannati. Da Facebook

Culture ~ Pasquale Barbella

Il girone dei bannati. Da Facebook

   Pasquale Barbella ha un rapporto movimentato con il social network più affollato del pianeta. Bannato 3 volte — per errore o per “nudo” — ci racconta la sua storia di bandito recidivo.

La solidarietà di Stefano Rodotà

Persone ~ Giacomo Russo Spena

La solidarietà di Stefano Rodotà

«Cercare di creare una nuova soggettività assemblando quel che c’è nel mondo propriamente politico secondo me è una via perdente. Bisogna partire da quel che definisco “coalizione sociale”». Intervista al professore sul futuro della Sinistra, dell'Italia e dell'Europa. Da MicroMega

La nuova vita del Punto di Villasanta

Persone ~ Pino Timpani

La nuova vita del Punto di Villasanta

È partita il 16 gennaio 2015 la nuova versione della testata. Il Punto sarà soprattutto on-line e si configura come una via di mezzo tra il giornale locale e il magazine con una valenza sovra locale. Ne parliamo con la direttrice Bianca Folino

Michela Tilli, il nuovo romanzo e l'incontro con il teatro

Culture ~ Azzurra Scattarella

Michela Tilli, il nuovo romanzo e l'incontro con il teatro

Intervista alla scrittrice monzese. Anticipazioni e disvelamenti su Ogni giorno come fossi bambina

Piketty: l'economia non è per gli economisti

Lavori ~ Giacomo Correale Santacroce

Piketty: l'economia non è per gli economisti

«Come la priorità del settore della sanità non è quella di fornire agli altri settori dei lavoratori in buona salute, così la priorità del settore della formazione non è quella di preparare a svolgere un mestiere negli altri settori. In tutte le società umane, la salute e l’educazione hanno un valore in sé: riuscire a trascorrere la propria vita in...

Arianna Scommegna al Binario 7

Culture ~ Vorrei

Arianna Scommegna al Binario 7

Il Premio Ubu 2014 come migliore attrice, sabato 24 e domenica 25 gennaio 2015, in scena a Monza con “Qui città di M.” di Piero Colaprico. L'intervista tratta da “Fool”, il giornalino della Scuola delle arti

Home

Giugno 2008

20080616-giovani-padani-a.jpg

 

La Lega.

Sommario


Il tema di questo mese
ultimi arrivi

Chivas
Cattolici in camicia verde. Intervento di Marco Tognini

Rosario Montalbano
Vittone e la Lega: pensano all'Autodromo e dimenticano l'ambiente

Mino Vicenti
Dacci oggi il nostro nemico quotidiano

Antonio Piemontese
Esclusivo. Intervista a Marco Mariani: Romani? Non sa quello che dice.

Antonio Piemontese
Majoli: in urbanistica non è più la Lega di una volta

Alfio Sironi
I figli econazionalisti della Madre Terra Insubria

Manuela Montalbano
Scaliati: da dove viene e dove va la Lega Nord

Carlo Motta
Noi? Nè di destra nè di sinistra. Parla Andrea Villa, coordinatore dei giovani lumbard.

Simone Camassa
Più giovani che leghisti: le nuove leve della Lega

Alfio Sironi
Don Giorgio: Il successo della Lega? Egoismo e scarsa cultura

Giuseppe Civati
La torta padana. Poco politichese ma tante poltrone.

 

Gli altri articoli

Gimmi Perego
Autostrada Pedemontana. I giochi sono fatti?


Le rubriche

Chivas Openspace
Il "nuovo" clima politico: ritorno al passato? Intervista a Scanagatti e Di Lio

Pino Timpani Storie crude
La Cascina Masciocco di Natalina

Sofia Marelli Wallsound
C'è del marcio a Cantù. Gli EndOrFin

Mino Vicenti Eurostar

Ivan Commisso Anima migrante
Un etto di felicità

Enrico Porro Parla come mangi
Gli alieni ce l'hanno con me

Giuseppe Civati Futilismi

Simone Camassa Suonala ancora, Sam
Le canzoni della vita. Certe Notti

Silvio Teot Le vie dei canti

Marilena Chierico
Le buone maniere


Da tenere d'occhio ogni giorno
Il blog che vorrei

Da non dimenticare
Occupato, supplemento satirico



B

uone notizie. La prima è che La rivista che vorrei pubblica il suo secondo numero. E non è poco. Non era mica detto che dopo il primo, di prova, ce ne sarebbe stato un altro. La seconda è che il tema del mese è la Lega. Che non è una buona notizia di per sè, ma lo diventa se pensiamo che molto spesso il problema di giornali e riviste è di parlarsi addosso. Noi che leghisti non siamo - perdonateci! - abbiamo pensato di conoscere meglio coloro che si riconoscono nel Carroccio o che lo rappresentano, unico partito uscito realmente vincitore dalle elezioni dello scorso aprile.

Siamo stati alla festa dei Giovani Padani per conoscere il loro coordinatore provinciale, Andrea Villa, e i ragazzi accorsi a ballare e divertirsi; tutti tengono a dire che non sono ne' di destra ne' di sinistra, anche le tette di Miss Padania. Siamo stati a colloquio con il sindaco del capoluogo, il leghista Marco Mariani e abbiamo scoperto che di quel che dice il suo assessore Romani non sa quasi nulla. Abbiamo cercato di capire se esiste un ambientalismo leghista intervistando l'associazione Dumà Nunch che, dopo averci apostrofato come girotondini e intellettualoidi, ci ha spiegato che - anche qui - l'amore per la Madre Terra non è di destra ne' di sinistra. Sentita una serie di campane, abbiamo pensato di ascoltarne altre, così con Giorgio Majoli abbiamo ripercorso le scelte urbanistiche fatte dalla Lega a Monza. Abbiamo affrontato il rapporto dei "lumbard" con la Chiesa parlando con il prete "multimediale" don Giorgio De Capitani e abbiamo scoperto che il più agguerrito critico della Lega non sta a Napoli e non ha la maglietta di Che Guevara. Abbiamo anche chiesto lumi a Giuseppe Civati sul rapporto fra il "movimento" di Bossi e i posti di potere in Lombardia.
Infine abbiamo pensato di sentire uno studioso, Giuseppe Scaliati, che dal Sud ci ha ricordato il percorso di un partito nato populista e anti-meridionalista e che col tempo ha innalzato slogan e bandiere anti-islamiche e anti-europeiste. Spostandosi sempre più a destra, checchè ne dicano per mettersi l'anima in pace e non vedersi accomunati a nessuno.

Da ricordare che quasi quotidianamente aggiungiamo articoli nel blog e non solo; nei prossimi giorni e settimane si aggiungeranno altri tasselli: una intervista ad Aldo Bonomi che da settimane rincorriamo, una intervista a Carlo Vittone che fu assessore nella prima Giunta monzese a guida "padana" e un articolo sul nemico quotidiano, scritto da Mino Vicenti nostro collaboratore e operatore culturale sempre in giro per l'Europa.

Ma ci accorgiamo che c'è un buco bello grosso nel puzzle, per il quale non abbiamo saputo trovare la toppa. La cultura. E pensare che l'Assessore regionale del settore, Zanello, è uomo della Lega! L'unica traccia perseguibile ci era offerta dal cantore del lago di Como, Davide Van De Sfroos, che da sempre viene considerato artista "di area". Piacendoci molto la sua musica, avevamo già dei dubbi che fosse impicciato con i partiti, ma la sua risposta all'Espresso ha chiuso la questione «Non solo non sono vicino alla Lega, ma non sono vicino a nessuno». Sicuramente è un nostro deficit non aver saputo cercare meglio. Ma siamo qui, se qualcuno ha voglia di arricchire il nostro dossier, ben venga.

Il corredo si completa con l'articolo sulla Pedemontana e con le succose rubriche, dal Wallsound di Sofia Marelli, sempre a caccia di nuove band del territorio, all'Openspace di Chivas, che questo mese va a rimestare nel "torbido" dei rapporti fra schieramenti politici. Lui si diverte così.

Infine una cifra. Il primo numero ha contato più di 16.000 pagine lette. Per una rivista no-profit e senza ragazze nude in home page non ci pare male.

Buona lettura e scrivici, commenta, partecipa.


Ps C'è una nostra rubrica che chiede a lettori, amici e personaggi di raccontarci la loro "canzone della vita", si chiama Suonala ancora, Sam ed è curata da Simone Camassa. Ma a chi scrive comincia a piacere affiancare ad ogni numero un'altra canzone. Per questo giugno di europei e di pioggia, la colonna sonora, con tanto di bootleg filmato, è una sentenza che noi cresciuti con Drive In e Goldrake conosciamo perfettamente.

 

Non si esce vivi dagli anni Ottanta
(M. Agnelli/Afterhours)

Dentro o fuori la televisione?
meglio artefatto e volgare
o meglio coglione?
il risultato è il tuo cosmetico
efficacia ne ha tanta
se la mia pelle è nel 2000
e la tua è ancora anni '80

non sai che non si esce vivi dagli anni '80
non si esce vivi dagli anni '80 . . .

cos'è che non mi piace
in questo baraccone?
sarà che dentro è triste
e starne fuori è una prigione
ho valutato i pro e i contro
di una vita rampante
scoprendo che l'amore passa
l'herpes è per sempre

non si esce vivi dagli anni '80 . . .

 

Comunicati stampa

testate-moduli-piu-letti

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

La matita di
Fulvio Fontana
» Guarda tutte le vignette