Vorrei | Rivista non profit

Persone ~ Alfio Sironi

La Palestina è un paradigma

  Cecilia Dalla Negra racconta la Palestina di oggi: terza Intifada, generazione Oslo e colonialismo di insediamento sotto gli occhi indifferenti della comunità internazionale

Persone ~ Marta Bidoglia

L'immigrazione e la scuola

 Il dibattito fra Rosario Montalbano, Roberto Rampi, Annalisa Caron e Duilio Fenzi per Gente che viene, gente che va

Persone ~ Rosalba Favale

I dannati della scuola

In queste settimane sono in corso le nuove prove per gli insegnanti che “ambiscono” a un ruolo e ad abbandonare una vita precaria. Riforma dopo riforma, in una “buona scuola” che per tanti giovani del Sud è una dannazione

Brianzolitudine ~ Renato Ornaghi

La prima festa de l'Unità nei boschi della Brianza

   Nel settembre del 1945 nel Parco della Brughiera Briantea, in mezzo ai boschi e nei verdissimi prati compresi tra i Comuni di Lentate sul Seveso e Mariano Comense, si festegiava per la prima volta il quotidiano del PCI

Persone ~ Caterina Guerrieri

La storia di Miki, il resto umano

Per molte persone Miki è ancora un ex tossico, un ex detenuto un ex donna, un ex tutto. Quando sei “ex” lo sei per sempre. Ma Miki è anche altro, il suo passato gli ha permesso di diventare una persona nuova.

Persone ~ Veronica Tedeschi

L'Italia e i nuovi italiani: gente che viene, gente che va

   Il dibattito fra Mario Morcone, Micaela Campana, Pietro Massarotto e Roberto Scanagatti sull'accoglienza e l'integrazione

Brianzolitudine ~ Renato Ornaghi

La paesana, una torta made in Brianza

A definire il folklore culinario di un popolo è sempre e solo il popolo che comanda. È una torta ecumenica e comunitaria, la torta micch e lacc, perché per tradizione ci si scambiano le torte tra le famiglie: prova la mia che poi io provo la tua.

Persone ~ Pino Timpani

Roberto Re: il valore della persona e la solidarietà sociale

Speciale elezioni di Vimercate: per il candidato della lista CivicaVimercate non serve costruire ulteriori case. Va ristrutturato il patrimonio edilizio esistente. Attrezzare la città per affrontate il problema dell'invecchiamento della popolazione. Occorre una razionalizzazione delle spese sostenute dal Must

Persone ~ Pino Timpani

Mariasole Mascia: un bilanciamento negli investimenti per la cultura e lo sport

Speciale elezioni di Vimercate: l'attuale assessore alla cultura guida un'alleanza di centrosinistra. Propone un mix equilibrato di interventi per lanciare Vimercate nella sfida del futuro. Cultura, sport, valorizzazione delle aree agricole e della vocazione alla produzione High-Tech

Persone ~ Pino Timpani

Cristina Biella: riduzione sensibile delle tasse e attenzione alla sicurezza

Speciale elezioni di Vimercate: la candidata di Forza Italia e del centrodestra vuole salvaguardare il diritto di scelta del cittadino. In particolare sui temi dell'urbanistica

Persone ~ Pino Timpani

Alessandro Cagliani: lo sport, la scuola di artigianato e la sovranità territoriale

  Speciale elezioni di Vimercate: il candidato della lista civica Noi per Vimercate propone di investire soprattutto nello sport e nella scuola di artigianato. Ma anche nella capacità di negoziazione del territorio. I vincoli dei parchi sarebbero un ostacolo allo sviluppo. Nel centrodestra sono prevalsi gli interesse di pochi imprenditori a scapito della buona amministrazione

Persone ~ Pino Timpani

Francesco Sartini: davanti a tutto l'onestà e la trasparenza amministrativa

Speciale elezioni di Vimercate: per il candidato del Movimento 5 Stelle nell'amministrazione vanno inserite persone che abbiano davvero a cuore gli interessi del territorio. Persone indipendenti ed oneste. Per rilanciare Vimercate non vanno costruite nuove case, ma occorre ristrutturare il patrimonio edilizio esistente

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Electroadda e Giorgieness. Rock'n'roll!!!

BandAutori 21. Tanta energia giovanile in questo numero: quella brianzola-rock'n'roll degli Electroadda e quella grunge-indie di Giorgieness. Spazio poi a una disamina sulle webzine, agli amanti dello swing a Milano e a Mulholland Drive.

Ambiente ~ Giacomo Correale Santacroce

Fino a che punto conviene la Formula 1 a Monza?

Nuovo ribaltone in Sias con Dell'Orto rimosso, mentre la Regione Lombardia vuole entrare in società per scucire di tasca pubblica i soldi per soddisfare le richieste di Ecclestone

Persone ~ Romano Bonifacci

La corruzione dilaga? State sereni...

“I politici rubano più di prima. Ma adesso non si vergognano” L'affermazione di Piercamillo Davigo e le reazioni dei partiti. Intanto la corruzione resta il problema dei problemi

Culture ~ Fabio Pozzi

Guignol: si deve essere arte e non solo fare arte

Intervista a Pier Adduce, leader della band attiva tra la Brianza e Milano giunta al sesto disco: “Abile Labile”. Un'occasione per scoprire una formazione fuori dagli schemi e con molte cose da dire.

200905-uni-statale

In Cattolica lotta in casa tra Forza Italia e AN. Interviste a Francesco Diodato (Statale)
e Gabriele Cartasegna (Cattolica), studenti monzesi

 

La scorsa settimana, gli studenti dei due più importanti atenei milanesi sono stati chiamati a votare i propri rappresentanti all'interno degli organi universitari. All'Università degli Studi pare esserci stato una sostanziale tenuta di tutte liste di sinistra, in primis Sinistra Universitaria, che anzi si è letteralmente imposta su tutti. «Abbiamo vinto con una buona maggioranza - dice Francesco Diodato, candidato SU eletto nel Consiglio d'Amministrazione - ripetendo il risultato di due anni fa, con il 48% dei voti espressi in tutte le facoltà dell'ateneo. Allora fu inaudito - prosegue - mentre per quest'anno volevamo incrementare».

Per che cosa si è votato?

Gli organi universitari per i quali gli studenti hanno votato sono sei, divisi in Organi Superiori e Organi Inferiori. I primi sono il Consiglio d'Amministrazione, il Senato Accademico, il Consiglio di Indirizzo del CiDiS (l'ente universitario che si occupa del diritto allo studio), e il Comitato per le Pari Opportunità. I secondi invece sono i Consigli di Facoltà e i Consigli di Coordinamento didattico, questi ultimi rivolti ad attività inerenti ai corsi di laurea.

Si può dire che SU abbia stravinto? « - risponde - è il frutto di un mese e mezzo di intensa campagna elettorale in cui abbiamo cercato di invitare gli studenti al voto, a prescindere dal voto per noi. Questo - spiega - perchè sappiamo che il nostro elettorato è molto più ampio di quello che effettivamente va alle urne. Allo stato attuale noi siamo i più diretti rivali di CL, ma se più persone andassero a votare, CL non sarebbe più un avversario alla nostra altezza». Il successo più ampio per SU è arrivato nella facoltà di Mediazione Linguistica, in cui ha totalizzato il 90% delle preferenze. Il capolista di Demos - Alternativa Rossa, Mattia Marzo, parla di una «vittoria quasi a sorpresa di SU. Tutti pensavamo che Obiettivo Studenti, la lista di CL, avesse più voti. Per noi di Demos - continua Marzo - il risultato è soddisfacente: anche se non abbiamo preso abbastanza voti per avere un seggio in senato, abbiamo ottenuto un consigliere alla facoltà di Lettere e Filosofia e un altro in quella di Scienze Politiche. Niente male - conclude - per una formazione nuova».

Anche Umberto Bettarini, salito al Consiglio di facoltà di Scienze Politiche per la lista Fuori Controllo, pur contento del proprio risultato, sottolinea la tenuta di SU che vince negli organi universitari superiori, mentre in Consiglio di Facoltà ottiene un seggio in meno rispetto a Obiettivo Studenti. «Ma quelli di SU più quelli delle altre liste di sinistra ribaltano la situazione», spiega. A destra, a quanto pare, si è verificato un calo di Azione Universitaria e Studenti per le Libertà, movimenti giovanili ispirati rispettivamente da Forza Italia e Allenza Nazionale, e presentatisi insieme: alcuni dei loro elettori sembrano aver preferito il Movimento Universitario Padano. Nonostante le scarse preferenze di lista, comunque, AU ha ottenuto un seggio al Senato Accademico.

Qualcosa di simile è avvenuto in Cattolica, dove però le due liste si sono presentate separatamente, e SpL si è avvantaggiata del calo di AU. Per quanto riguarda l'ateneo privato, come ci dice anche Gabriele Cartasegna, responsabile dei movimenti universitari per Forza Italia e PdL per la Lombardia, il Piemonte e la Liguria, la lista di CL Ateneo Studenti «ha fatto il botto, assicurandosi il 55% dei voti e l'85% dei seggi del Consiglio di Facoltà». Cartasegna ha sottolineato che i secondi sono proprio gli Studenti per le Libertà, con il 15% delle preferenze, mentre per l'appunto Azione Universitaria non si assicura nemmeno un seggio. «Questo, almeno a livello giovanile e universitario - dichiara - cambia un po' le cose all'interno del PdL». Anche lui non ha mancato di rimarcare il successo di Sinistra Universitaria in Statale.

Nelle immagini sottostanti, i grafici per quanto riguarda gli Organi Superiori della Statale. Per avere invece i dati sui singoli Consigli di Facoltà e Consigli di Ordinamento didattico, si può seguire il link http://www.unimi.it/ateneo/37255.htm

alt

alt

alt

alt

 

Gli autori di Vorrei
Simone Camassa
Author: Simone Camassa

Nato a Brindisi il 7 maggio del 1985. Insegnante di Italiano, Storia e Geografia nella scuola pubblica, si è laureato in Lettere, in Culture e Linguaggi per la Comunicazione e in Lettere Moderne, sempre all'Università degli studi di Milano. Suona la chitarra elettrica (ha militato in due gruppi rock, LUST WAVE e BLACK MAMBA) e scrive poesie.
Appassionato di sport, ha praticato il nuoto a livello agonistico fino ai diciotto anni, per un anno ha anche giocato a pallacanestro. È innamorato della letteratura in tutti i suoi aspetti, dalla poesia fino al fumetto supereroistico statunitense. Sogna di realizzare un supercolossal hollywoodiano della Divina Commedia, ovviamente in forma di trilogia e abbondando con gli effetti speciali.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.


Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?