A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che Vorrei - Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

 testata vorrei 500px

Aree dismesse e arte contemporanea

Culture ~ Alfonso Casalini

Aree dismesse e arte contemporanea

A Bergamo contemporary locus per la sperimentazione delle pratiche artistiche contemporanee e la riattivazione di spazi in disuso spesso inaccessibili, insieme alla sensibilizzazione e partecipazione del pubblic

Dai Visconti agli Sforza. L'arte, il potere, la storia

Culture ~ Antonio Cornacchia

Dai Visconti agli Sforza. L'arte, il potere, la storia

   La mostra in corso a Palazzo Reale testimonia l'eredità artistica di un periodo fondamentale per Milano e la Lombardia. Lontano dalla spettacolarizzazione della cultura ma con opere spettacolari

Roberto Leydi, il Piccolo, la musica e la cultura popolare di "Sentite buona gente"

Culture ~ Diego Carpitella e Roberto Leydi

Roberto Leydi, il Piccolo, la musica e la cultura popolare di "Sentite buona gente"

   Il libro di Domenico Ferraro per Squilibri ricostruisce l'esperienza dello spettacolo promosso da Roberto Leydi per la stagione 1966-’67 del Piccolo Teatro di Milano, con la consulenza di Diego Carpitella e la regia di Alberto Negrin, il Sentite buona gente intendeva attestare l’esistenza di una cultura musicale ‘altra’ attraverso la viva voce dei suoi testimoni. Una strepitosa antologia del canto...

Libera un libro. Il bookcrossing targato Monza è esploso

Culture ~ Vorrei

Libera un libro. Il bookcrossing targato Monza è esploso

L'iniziativa raccoglie molte adesioni. Un album fotografico delle prime liberazioni per le strade della città, libri lasciati e libri trovati

Renato Sarti e la cultura come antidoto ai fascismi di ieri e di oggi

Culture ~ Antonio Cornacchia

Renato Sarti e la cultura come antidoto ai fascismi di ieri e di oggi

   Speciale 70° della Liberazione. Intervista al drammaturgo autore di Mai morti, La nave fantasma, Nome di battaglia Lia. Il teatro e l'arte per combattere razzismo e xenofobia

Il liscio ambrosiano della Banda Putiferio

Culture ~ Luca Crovi

Il liscio ambrosiano della Banda Putiferio

  La nuova produzione del gruppo di Daniele Manini e Gianluca Mercadante «Insomma la Banda Putiferio ha fatto del suo meglio per raccogliere un suo speciale museo degli orrori, collezionando casi e storie singolari che, anche se riraccontate con ironia, non possono che inorridirci e spaventarci». Musica, racconti, versi in un libro CD edito da Zona

Desio: governare il territorio, salvare il paesaggio

Ambiente ~ Pino Timpani

Desio: governare il territorio, salvare il paesaggio

Giorgio Gerosa ci parla del seminario che si terrà sabato 28 a Desio con la partecipazione di politici, tecnici e ambientalisti locali

Cristiano Minellono: “In Brianza pensano solo a costruire capannoni”

Culture ~ Pino Timpani

Cristiano Minellono: “In Brianza pensano solo a costruire capannoni”

Il celebre paroliere italiano, residente a Triuggio, a margine della rassegna Parole e Musica ci parla della scarna relazione della Brianza con l'arte e la cultura

Libera un libro. Il bookcrossing targato Monza

Culture ~ Marco Cacciatore

Libera un libro. Il bookcrossing targato Monza

Il 28 e 29 marzo via al bookcrossing, che tradotto sta per “condivisione” o “passaggio” di libri. “Un momento di socializzazione e condivisione, che coinvolge tutti i luoghi della città. Speriamo soprattutto nella partecipazione dei più giovani e dei bambini con le loro famiglie”.

I racconti di Adamo. Lettere dal fondo dell'inverno

La valigia dei libri ~ Adamo Calabrese

I racconti di Adamo. Lettere dal fondo dell'inverno

Le sue dita scorrevano sui fogli, ne percepivano la scrittura esitante, come una risacca che sfocia sulla riva ma subito si ritrae e, poco per volta, ne decifravano il senso.

Home

Dalla penna al mouse

20090303-mouse.jpg

Come cambia il rapporto dei giovani con la scrittura
in una serie di convegni voluti dal Comune di Monza

Gli anni ’90 sono stati quelli dell’introduzione delle nuove tecnologie. Adesso è il momento di fare due conti. E verificare se i giovani ne traggono vantaggio o meno. Questo il tema del convegno organizzato il 12 marzo all’Urban Center dall’associazione culturale “Il dono di Teuth”, primo di una serie di eventi nell’ambito di un progetto più vasto di studio e monitoraggio della scrittura come espressione non solo grafica ma anche come strumento fondamentale della comunicazione culturale. La scrittura come segno, o grafia del pensiero: l’associazione ha scelto il capoluogo brianzolo per la serie di conferenze che prenderanno in esame le problematiche connesse alle nuove tecnologie. Davanti alla diffusione crescente di mezzi di scrittura “iconici” (tv, internet, web tv etc.) e dei mezzi veloci di scrittura elettronica, quali sono le conseguenze sociali? Analfabetismo di ritorno, e la NMI (New Media Illitteracy), l’analfabetismo dei nuovi media tecnologici, recentemente evidenziato anche dall’Unesco. Durante il pomeriggio si alterneranno sul tema docenti, grafologi, rieducatori della scrittura, coordinati da Daniele Bo, giornalista, esperto di comunicazione e presidente dell’associazione organizzatrice. Sarà inoltre presentato il neonato osservatorio italiano della scrittura (www.osservatoriosullascrittura.org il portale che sarà presto online). L’ente avrà l’obiettivo di diventare riferimento per le discussioni sulla scrittura, coinvolgendo istituzioni e professionisti coinvolti nel mondo della scrittura o delle scritture. Appuntamento alle 14.30. E’ gradita la prenotazione, data l’esiguità dei posti disponibili.

Per info 348 4186070.

 

Comunicati stampa

20150303 speciale liberazione

testate-moduli-piu-letti

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

La matita di
Fulvio Fontana
» Guarda tutte le vignette