A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Il 4 marzo 2009 una serata per De André

20090207-deandre.jpg

Al MI Cantino per incontrarci e cantare insieme ai nostri amici e lettori. "A palco aperto": sai suonare? scrivici e mettiti in scaletta

Mercoledì 4 marzo 2009 vogliamo trascorrere una serata cantando e ascoltando le canzoni di Fabrizio De André. Vorremmo farlo con vecchi e nuovi amici, per questo l'appuntamento per tutti coloro che, come noi, amano le canzoni del cantautore scomparso 10 anni fa è in via Dante 6 a Monza alle 21 al Mi Cantino. Ai gestori del noto locale va il ringraziamento de La rivista che vorrei e dei suoi lettori per la cortese disponibilità.

L'idea è estremamente semplice: tu (o qualcuno dei tuoi amici) sai suonare e cantare? mandaci una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e dicci chi sei e cosa ti piacerebbe suonare quella sera, tutto qui. Sì perché vogliamo che sia una serata "a palco aperto", dove chiunque può esibirsi per onorare il più intenso dei cantautori italiani. Senza grandi pretese o grossi nomi, come cantare sulla spiaggia o sul divano di casa, fra amici. Quelli a cui confidi i tuoi stati d'animo, quelli su cui fai affidamento per capire meglio quello che stai vivendo.

Pensiamo sia un modo piacevole per ricordare una figura preziosa come poche nella storia culturale contemporanea di questo strano paese. Un autore di cui magari troveremo il tempo e lo spazio di parlare ancora.

Per tutte le informazioni segui queste pagine oppure scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ti aspettiamo

serata-deandre.jpg

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

La matita di Fulvio Fontana