La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Answers. A che serve la scuola?

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

200811-studenti-grembiule-a.jpg

Cut-up mediatico con vivisezionamento del titolo di studio.

Domandare. Parrucchiera, estetista, operaio metalmeccanico, ecc. sono davvero lavori da discriminare? Sapete, spesso sento dire: "non hai voglia di studiare? Vai a fare la parrucchiera!", oppure "con la testa che hai l'unica cosa che puoi fare è l'operaio!" Io non trovo niente da dire, anzi sono lavori da rispettare, e sono da rispettare soprattuto chi li fa. Con questo, nulla c’è da dire su chi invece frequenta l'università e si impegna negli studi. È solo da ammirare chi studia perchè in questo modo si può arrivare "in alto" e realizzarsi? O anche chi fa un lavoro come quelli citati può avere un modo altrettanto efficace per realizzarsi?

Rispondere. Mio padre fa da tantissimo tempo l'operaio edile, è diventato straordinariamente bravo nel suo lavoro, ma non è mai riuscito a realizzarsi. Io credo che chi non ha un titolo di studio, non ha alcuna possibilità di realizzarsi.

200811-studenti.jpg

Rispondere. Io appartengo alla categoria metalmeccanici. Nei ruggenti anni ‘90 ho studiato per diventare perito elettronico e ahimé, la carenza di lavoro mi ha portato a dover scegliere tra il metalmeccanico e il gigolò (vabbè, si fa per scherzare). Tu stai considerando due aspetti della questione, il rispetto per una certa professione e la realizzazione personale. Queste due cose non sempre vanno di pari passo, perché il rispetto dovrebbe valere per qualsiasi professione onesta, dall'imbianchino all'avvocato, dalla parrucchiera alla dottoressa. La realizzazione personale invece è un aspetto molto più soggettivo, io operaio metalmeccanico potrei sentirmi realizzato così come sono, magari perché considero stimolante il lavoro che faccio, perché ho un buonissimo rapporto con i miei colleghi e quindi in generale potrei essere soddisfatto del mio impiego. È altresì possibile che l'avvocato che ha studiato una vita per diventarlo, alla fin fine non si senta realizzato, magari perchè ha scoperto degli aspetti negativi del suo lavoro che prima non aveva mai immaginato. Ok, sono tutte supposizioni, in verità è difficile che un dottore, un avvocato o chi per loro non si senta realizzato, però è anche possibile che succeda, e quindi a mio giudizio la realizzazione personale ci può anche essere quando una persona fa un lavoro che molti altri non apprezzerebbero. Resta il fatto che il rispetto se lo meritano tutti coloro che lavorano onestamente, questo è un concetto fondamentale. Comunque, tanto per prendere in considerazione la parrucchiera e l'estetista, trovo sbagliato considerarli inferiori o accostarli al poco studio, secondo me sono delle professioni molto creative, e se un parrucchiere o un'estetista amano davvero il proprio lavoro, possono arrivare a livelli artistici davvero notevoli.

Rispondere. Non vedo cosa ci possa essere di tanto negativo nel fare l'estetista o l'operaio... la realizzazione personale è solo ciò che si mostra di facciata? Conosco un’avvocato che si da un bel da fare nel lavoro, ma ha una vita privata veramente triste e solitaria, gira con la porsche e nessuna se lo fila; invece un mio amico metalmeccanico, che ha moglie e 3 figli, ogni giorno è felicissimo di tornare a casa e vederla viva, piena di rumori e odori. Secondo voi chi è più realizzato? Forse si son perse di vista le cose vere della vita. È da ammirare chi ha veramente il coraggio di fare quello che desidera davvero per se stesso, estetista, avvocato, operaio, non ha importanza.

200811-studenti-grembiule.jpg

Domandare. Rispondere. Sai perchè parlo così?

Perchè oggi, fra una risposta di answer e un testo universitario che mi aspetta, posso dirti che mi ritrovo ad invidiare la maggior parte delle estetiste e parrucchiere che non hanno bisogno di un titolo per affermare ciò che sono, che hanno un lavoro più sicuro di quello di un aspirante giornalista o diplomatico, che già alla mia età non si fanno o non si sono fatte mancare nulla.

Rispondere. Domandare. Qualsiasi lavoro è dignitoso, l'importante e farlo con passione e non per portare a casa la busta paga. Chi dice io ho studiato e non mi adatto, a parer mio è un fallito in partenza. Conosco ingegneri e dottori che ne sanno la metà di quello che so io, ho sempre cercato a imparare da chi, anche solo con le scuole elementari, conosceva il suo lavoro. Opinione personale. Up.

Gli autori di Vorrei
Author: Pino Timpani

"Scrivere non ha niente a che vedere con significare, ma con misurare territori, cartografare contrade a venire." (Gilles Deleuze & Felix Guattari: Rizoma, Mille piani - 1980) Pur essendo nato in Calabria, fui trapiantato a Monza nel 1968 e qui brianzolato nel corso di molti anni. Sono impegnato in politica ( consigliere comunale della Lista civica Per Villasanta) e nell'associazionismo ambientalista brianzolo, presidente dell'Associazione per i Parchi del Vimercatese. Lavoro dal 1979 alla Delchi di Villasanta, industria manifatturiera fondata nel 1908 e acquistata dalla multinazionale Carrier nel 1984 ( Orwell qui non c'entra nulla).

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Aziende che chiudono in Brianza: la Yamaha di Gerno
    Otto giorni sul tetto e 445 di presidio permanente per il rispetto dei diritti Dopo aver trattato della Carlo Colombo di Agrate, passiamo alla vicenda Yamaha, durata oltre tre anni e divenuta l'emblema della resistenza in Brianza allo ...
  • L’Asparago Rosa di Mezzago
    Dossier. Consumo Consapevole. Un perfetto esempio di agricoltura di pregio, che fonde gli interessi di produttori agricoli e dei cittadini consumatori a favore di una dimensione locale con forti e radicati legami con il territorio. Qua...
  • Il miele di Leo
    Dossier. Consumo consapevole. Un antidoto contro l’insostenibilità dell’essere contemporaneo, una produzione che ha come base il mutuo lavoro fra uomo e api. C'è un'ape che si posa su un bottone di rosa:lo succhia e se ne va.Tutto...
  • La pecora brianzola e l'abbigliamento consapevole
    Dossier. Il consumo consapevole. Quando l’etichetta di un capo di abbigliamento diventa la carta d’identità di quel capo: trasparenza e consapevolezza di ciò che indossiamo.   Foto di Daniele Cavallotti Di norma l’etichetta di ...
  • Lì dove il vetro viene ancora soffiato dall'uomo
      Dossier. Startup, Green Economy, Innovazione. Arte e artigianato si fondono nel vetro della soffieria di Rinaldo e Stefano Villa a Trezzo sull'Adda   A Trezzo sull’Adda, nel centro storico a pochi passi dal Castello Vi...
  • Vi racconto il Desbri
       Sergio Venezia ci guida alla scoperta del Distretto di Economia Solidale della Brianza: la sostenibilità ambientale, l’equità nel lavoro, la solidarietà nei confronti degli svantaggiati, dei poco fortunati, dei fragili. “Ch...
  • Fondazione Green, in Brianza l'Università della formazione
    Dossier. Il consumo consapevole. Avrà sede a Monza il nuovo Istituto Tecnico Superiore per l'energia, l'ambiente e l'edilizia sostenibile, le cui lezioni si terranno in diverse scuole della Brianza. Un raccordo fra scuola e lavoro incentr...
  • Lotta di classe o di generazioni?
    Vorremmo non assistere ad una umiliante lotta di classe tra generazioni, tra giovani ed anziani, tra chi un lavoro non ce l’ha e chi invece può godere di una pensione, sia pur minima. Parafrasando la frase di un celebre testo, è questo pu...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina