La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Coworking e studio d’arte in una ex manifattura a Sovico

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20120129-cowo

Il progetto di trasformazione di un edificio industriale in disuso in uno spazio di condivisione, compartecipazione, collaborazione. Succede a Sovico, nel cuore della Brianza dove una ex manifattura tessile è stata trasformata in spazio coworking e in uno studio d’arte, protagonisti Alberto Mariani e Dario Brivio.

 

Incontro Dario  Brivio un sabato mattina. L’appuntamento è in via Giovanni da Sovico, al civico 96. L’architettura è quella tipica delle piccole manifatture della Brianza. Ci troviamo presso quella che un tempo era l’industria tessile Mariani.

Dario mi fa accomodare su un pezzo di scarto industriale riciclato con funzione di seduta. Mi posiziono molto vicina ad una stufa di ghisa che sprigiona un calore pazzesco, riconosco la legna di faggio impilata alla parete.

Iniziamo a parlare, voglio sapere come è nata la collaborazione con Alberto Mariani, proprietario dell’edificio. Scopro che Dario e Alberto si sono conosciuti ad una delle iniziative di Sovico in transizione, e che ben presto una semplice chiacchierata si è trasformata in una idea progettuale condivisa. L’idea è di dare nuova vita all’edificio industriale di proprietà di Alberto: lui ha già iniziato un anno e mezzo fa con l’istituzione di un coworking nell’area adibita ad uffici; a questo primo step si affianca Dario che ricaverà uno studio d’arte nella parte dove un tempo si trovavano i macchinari e gli utensili.

Raggiungiamo Alberto via telefono e subito gli chiedo com’è nata l’idea del Co-working. Mi racconta (e già percepisco il grande entusiasmo nella voce) che tempo fa lesse su La Repubblica un articolo su questa nuova tendenza del Co-working e trovandola molto interessante si è detto: «Perché no? Avevo a disposizione molto spazio e ho pensato che la condivisione con altri professionisti poteva portare con sé aspetti positivi, così mi sono subito attivato. Mi sono messo in contatto con Massimo Carraro, la mente ideatrice del progetto Coworking Project COWO. Ho deciso di affiliarmi a COWO anche perché mi garantiva dei servizi minimi e un supporto per lo start up. Coworking Project è un marchio ideato da Monkey Business srl di Milano con lo scopo di  coordinare e cercare opportunità per i coworking che vogliono agire insieme, uniti da uno stesso marchio».

Ma che cos’è esattamente il coworking?

ll Co-Working è una realtà che si è diffusa in tutto il mondo e recentemente anche in Italia. Nasce dalle esigenze di chi ha bisogno di un collegamento Wi- Fi, un fax, una stampante e una semplice scrivania, ma soprattutto della possibilità di condividere la propria esperienza di lavoro con gli altri. Gli stimoli creativi e le nuove idee arrivano spesso dal confronto e quando questo confronto avviene tra persone che fanno della libera professione il proprio mestiere, può capitare che ne nascono nuovi progetti da sviluppare insieme.  I Co-Work sono essenzialmente dei locali con delle postazioni di lavoro,uno spazio adibito a sala riunioni, naturalmente un collegamento Wi-Fi, stampante, fax a disposizione.

Chiediamo ad Alberto di parlarci del suo coworking. «Ci sono fino a sei postazioni utilizzabili, al momento due sono occupate in modo fisso per alcuni giorni al mese da Giacomo,che di professione fa il coach aziendale, e da Vittorio che invece è un informatico specializzato in e-commerce. Ovviamente a disposizione ci sono fax, stampante, sala riunioni e un luogo per il relax e le chiacchiere informali, con la macchinetta del caffè».

Termino la chiacchierata telefonica con Alberto e Dario mi accompagna nel locale co-working. Lo spazio è ben strutturato ed accogliente, qua e là si incontrano vestigia del passato, scampoli di tessuto, mobili di un tempo che ben si integrano con l’arredamento moderno, colorato, creativo. «Ho voluto utilizzare vecchi mobili di famiglia, scrivanie di un tempo proprio per dare continuità al passato nell’ottica del riuso, del riutilizzo, del recupero che vogliono essere i principi ispiratori di questo luogo insieme a quelli della collaborazione, della condivisone, dell’incontro».

Mi chiudo la porta del coworking alle spalle e penso che questa è la Brianza che mi piace. Quella che non rinuncia alla tradizione e al legame con il territorio, ma che sa inventarsi un presente senza paura, con entusiasmo, coraggio e molta buona volontà.

Saluto Dario e lo ringrazio per avermi accompagnata in questo viaggio alla scoperta di via Giovanni da Sovico numero 96, Sovico, Brianza. Mentre esco fervono i lavori per l’inaugurazione dello studio d’arte Apeiron, domenica 29 gennaio ore 18.00. Questa è la storia che racconteremo nella prossima puntata!

Gli autori di Vorrei
Author: Cinzia Zanetti

Cinzia vede la prima luce bigia e pigra sulle sponde del Lago Maggiore, nel mese di marzo, anno 1974. In queste acque viene sancito il suo definitivo allontanamento dalla congerie della gente certa e sicura. Continua a proporre idee, capricci e immaginazione con la speranza di trovarsi un giorno cittadina di un mondo meno arido. Lei è cocciuta e impenitente. Non ha mai guidato un treno e non è mai riuscita ad usare i pastelli a cera come arma contundente. Ha ancora bisogno di dormire e di sognare. Va pazza per le bolle di sapone.

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Aziende che chiudono in Brianza: la Yamaha di Gerno
    Otto giorni sul tetto e 445 di presidio permanente per il rispetto dei diritti Dopo aver trattato della Carlo Colombo di Agrate, passiamo alla vicenda Yamaha, durata oltre tre anni e divenuta l'emblema della resistenza in Brianza allo ...
  • L’Asparago Rosa di Mezzago
    Dossier. Consumo Consapevole. Un perfetto esempio di agricoltura di pregio, che fonde gli interessi di produttori agricoli e dei cittadini consumatori a favore di una dimensione locale con forti e radicati legami con il territorio. Qua...
  • Il miele di Leo
    Dossier. Consumo consapevole. Un antidoto contro l’insostenibilità dell’essere contemporaneo, una produzione che ha come base il mutuo lavoro fra uomo e api. C'è un'ape che si posa su un bottone di rosa:lo succhia e se ne va.Tutto...
  • La pecora brianzola e l'abbigliamento consapevole
    Dossier. Il consumo consapevole. Quando l’etichetta di un capo di abbigliamento diventa la carta d’identità di quel capo: trasparenza e consapevolezza di ciò che indossiamo.   Foto di Daniele Cavallotti Di norma l’etichetta di ...
  • Lì dove il vetro viene ancora soffiato dall'uomo
      Dossier. Startup, Green Economy, Innovazione. Arte e artigianato si fondono nel vetro della soffieria di Rinaldo e Stefano Villa a Trezzo sull'Adda   A Trezzo sull’Adda, nel centro storico a pochi passi dal Castello Vi...
  • Vi racconto il Desbri
       Sergio Venezia ci guida alla scoperta del Distretto di Economia Solidale della Brianza: la sostenibilità ambientale, l’equità nel lavoro, la solidarietà nei confronti degli svantaggiati, dei poco fortunati, dei fragili. “Ch...
  • Fondazione Green, in Brianza l'Università della formazione
    Dossier. Il consumo consapevole. Avrà sede a Monza il nuovo Istituto Tecnico Superiore per l'energia, l'ambiente e l'edilizia sostenibile, le cui lezioni si terranno in diverse scuole della Brianza. Un raccordo fra scuola e lavoro incentr...
  • Lotta di classe o di generazioni?
    Vorremmo non assistere ad una umiliante lotta di classe tra generazioni, tra giovani ed anziani, tra chi un lavoro non ce l’ha e chi invece può godere di una pensione, sia pur minima. Parafrasando la frase di un celebre testo, è questo pu...

Commenti  

#1 Cirano 2012-01-30 06:03
Una bella storia cara Cinzia, complimenti a te ed agli amcici coworkers!
Citazione
#2 Massimo Carraro 2012-01-31 12:11
Mille grazie per la citazione e la visibilità, e un saluto agli amici di Sovico.
Anche a me piace questa Brianza :-)

Massimo Carraro
Coworking Project by Cowo
Citazione
#3 Cinzia 2012-01-31 15:44
Buongiorno Massimo!
Mi devo scusare perché c'è un piccolo refuso sul suo cognome nell'articolo.

NdR: Corretto!
Citazione
#4 Alberto Mariani 2012-02-06 16:32
Grazie Cinzia per il bellissimo articolo.
Attendo con ansia quello sull'inaugurazi one di Dario.
Alberto
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina