La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

Chi la crisi non la sente: il mondo dell'e-commerce

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La fotografia dello spaccato di imprese che non conosce crisi ed aumenta il volume di affari utilizzando cultura e connettività.

Non solo notizie negative [leggi ad esempio qui]. Il quadro economico italiano offre anche spunti che inducono a note di ottimismo. Chissà quanto è chiaro a certe fasce di popolazione più mature (e insediate in punti apicali di governo e amministrazione centrale), ma una specifica modalità di fare impresa e affari non conosce crisi: l’e-commerce. La produzione industriale si contrae, il fatturato cala, il PIL diminuisce guardando al quadro complessivo italiano. Succede il contrario se si usa la lente di ingrandimento per dettagliare gli andamenti dello spaccato del commercio che viaggia via click e spedizioni espresso.

L’e-commerce è appena il 2.2% del valore totale del “commerce” italiano ma diamine se cresce. Questo il trend del fatturato delle aziende italiane che fanno e-commerce:

alt

Il percorso di crescita, a differenza di quanto accaduto nel 2009, è insensibile alla crisi economica. Il dettaglio per tipologia industriale è particolarmente interessante perché evidenzia come anche nel 2012 i beni fisici aumenteranno più dei servizi (+24% vs +16%):

alt

Per l’abbigliamento è un vero e proprio boom: la quota sull’e-commerce passa dal 3% del 2007 all’11% previsto nel 2012.

Il fatturato dell’e-commerce destinato all’export nel 2012 è previsto in 1,626 miliardi di euro, in aumento del 21% rispetto al 2011. E chi farà la parte del leone? Ovviamente i servizi con il turismo, con il 55% del totale, e ancora i prodotti con l’abbigliamento, con una quota del 33%.

Ma non finisce qui. Una cosa è il fatturato prodotto dalle aziende italiane tramite e-commerce ed un’altra il valore degli acquisti in e-commerce degli italiani. Infatti il web non pone limiti geografici alle possibilità di acquisto: dalla più sperduta provincia italiana si può comprare in qualunque parte del mondo. Bene, il valore degli acquisti online degli italiani segue anch’esso un trend nettamente crescente:

alt

Facciamo due conti. Le aziende italiane nel 2012 fattureranno 9,5 miliardi in e-commerce, dei quali 1,6 destinati all’export, mentre gli italiani acquisteranno con la stessa modalità per un controvalore di quasi 10,8 miliardi. Vuol dire che ci sono quasi 2,9 miliardi di acquisti nazionali che vanno nel conto economico di aziende non italiane. A voler fare i markettari, si tratta di “bisogni” non soddisfatti da aziende locali… quote di mercato da aggredire, avendo capacità imprenditoriali da mettere sul piatto.

Ultimo grafico dedicato allo scenario evolutivo. Non pensiate che le vendite elettroniche siano una bolla passeggera. Se quello che accade in altri paesi culturalmente più pronti dal punto di vista informatico è una traccia valida, allora vuol dire che la crescita dell’e-commerce in Italia è solo ai primi passi. Leggere, per credere, quanto vale la quota di commercio elettronico in alcuni settori nel 2011 nel nostro paese, nella Unione Europea e negli Stati Uniti:

alt

Nota: i dati qui presentati sono tratti dalle analisi congiunte di Netcomm, il consorzio del commercio elettronico italiano, e dell’osservatorio e-commerce del Politecnico di Milano.

Gli autori di Vorrei
Author: Ivan Commisso

Ivan Commisso, classe 1976, mi occupo di analisi dei mezzi di comunicazione in una grande concessionaria di pubblicità italiana. La mia formazione universitaria è economica. Sono giornalista pubblicista, scrivo per lo più di sport e politica (agonismo in entrambi i casi) e mi piacciono le metafore, i dolci e la Calabria.

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.