La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Brianza: l'economia (e non solo) che cambia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20120612-lavoro

Normalmente ci si stracciano le vesti perché una impresa chiude, o si cita come straordinaria una che nasce e cresce, mentre si tratta di un processo normale. Oppure, c’è chi vede solo le cessazioni, e chi al contrario  solo i successi.

 

Nonostante le vicende quotidiane  ci confermino  la lezione che il sistema produttivo, insieme a tutto il resto, è dinamico, in continua trasformazione, la maggioranza della gente continua a ragionare in modo statico: normalmente ci si stracciano le vesti perché una impresa chiude, o si cita come straordinaria una che nasce e cresce, mentre si tratta di un processo normale. Oppure, c’è chi vede solo le cessazioni, e chi al contrario  solo i successi. 

Ma la cosa più strana è che molti  guardano all’impresa come qualcosa di fisso, come una mucca che bruca tranquilla in una malga, da portare poi  alla mungitura. Qualcuno si prenderà la panna, qualcun altro il resto, magari litigheranno, ma tutti e sempre confidando in  una impresa-mucca “solenne come un monumento” di carducciana memoria (si trattava di un bove, ma fa lo stesso).  Salvo rimanere costernati quando stramazza a terra dissanguata. A causa loro.

Occorrerebbe invece prendere atto che il cambiamento è la regola, che la “distruzione creativa” di J. A. Schumpeter è sempre in azione, e che il problema sta nel gestirla limitandone  i danni e volgendola  al servizio dello sviluppo umano e dell’ecosistema.

Per  tentare di   capire se l’economia di un dato territorio è in una crisi temporanea o prolungata, in crescita o in declino, e soprattutto cosa è possibile fare perché i cambiamenti in atto siano indirizzati in senso positivo, occorre acquisire una visione più ampia e proiettata nel futuro non immediato. 

Per quanto riguarda l’economia brianzola, gli studi e le ricerche disponibili non sembrano, purtroppo, orientati verso una visione ampia e lungimirante  dei cambiamenti in atto. La prima e ultima ricerca in proposito è forse stata “Brianza Domani. La sfida del futuro” coordinata da  Lanfranco Senn  dell’Università Bocconi e promossa dalla Camera di Commercio di Milano (quella monzese ancora non c’era) e da AIMB (Confindustria Monza e Brianza) nel 2007. Sarebbe bene aggiornarla.

Le ricerche istituzionali, fatte per lo più dalle Camere di Commercio e dalle associazioni imprenditoriali,  hanno prevalente carattere congiunturale, o al massimo tendenziale (confronto con l’anno precedente). 

Ma forse, anche da queste è possibile trarre qualche segnale per rispondere a domande del tipo:  “Come sta cambiando l’economia brianzola (e dintorni)? Dove sta andando? Cosa sarebbe bene  fare per contrastarne l’eventuale declino, e promuoverne lo sviluppo?”. Uso il vecchio termine “sviluppo”, invece del mantra “crescita”, per sottolineare che non abbiamo bisogno di crescere quantitativamente, bensì  qualitativamente.

Farò un modesto tentativo in questo senso, cominciando dalla indagine Excelsior.

 

 Sistema Informativo Excelsior.

 Il Sistema Informativo Excelsior è una indagine campionaria che ogni Camera di Commercio svolge trimestralmente, per rilevare le previsioni delle imprese in fatto di occupazione e di fabbisogni professionali.

L’indagine effettuata  nella Provincia di Monza e Brianza per il primo trimestre di quest’anno ci dice che delle 1500 assunzioni previste (l’8 per mille sul totale degli occupati), il 60% riguarda il settore terziario, e il 40% il settore manifatturiero.

Nell’industria, le assunzioni previste sono concentrate nel settore della metalmeccanica – elettronica (21,8% del totale)

Il terziario comprende attività molto diverse,  e conviene guardarci dentro. Si nota allora che  una su cinque previsioni di assunzioni riguarda il commercio, e un po’ più di una su dieci (11,6%) i servizi avanzati (per le  imprese) e i servizi alle persone (sanità, scuola eccetera). 

La parte del leone la fanno i diplomati, quasi il 50% (48%), e i laureati il 16%. Un quarto delle richieste non esigono una formazione specifica.

Quasi un terzo (30%) delle richieste riguardano personale cosiddetto “high skill”, cioè dirigenti, o professionalità   specialistiche e tecniche.  E’ ciò che accade anche nel resto della Lombardia, ma supera di sette punti la media nazionale.

Un altro terzo delle assunzioni previste riguarda gli operai specializzati. Una su cinque riguarda attività commerciali e di servizi, e solo il 13% personale impiegatizio generico.

 

 Considerazioni.

 E’ possibile trarre da questi scarni dati qualche indicazione circa le prospettive di cambiamento dell’economia brianzola?

Essi ci confermano che ormai le attività riconducibili ai servizi sono ampiamente prevalenti su quelle manifatturiere, che pure conservano per la nostra provincia una dimensione rilevnnte. 

Tra i servizi, sembra importante che cresca la domanda di assunzioni  per  quelli avanzati,  che sono collegati con lo sviluppo di altre attività produttive. 

Può sorprendere favorevolmente la relativa esiguità della domanda  per i servizi finanziari, che li rende congrui con le  necessità dell’economia reale  piuttosto che a una superfetazione speculativa. E può  spiacere invece la scarsa domanda  per i servizi turistici, che conferma la scarsa attrattività  di Monza e della Brianza  da questo punto di vista.

Il fatto che la domanda di personale “high skill” sia a un livello molto superiore a quello nazionale conferma l’esistenza nella nostra provincia (e più estesamente in Lombardia, con il  fulcro  a Milano) di numerosi quartier generali di imprese che operano a livello  nazionale ed internazionale. 

Ma il dato su cui ci si dovrebbe soffermare maggiormente è quello della difficoltà di reperimento di personale nei diversi settori.

Nonostante i problemi occupazionali che toccano anche la nostra provincia, per quasi tre su dieci previsioni di assunzione (28%) le imprese incontrano difficoltà nel trovare  il personale di cui hanno bisogno per crescere. Questa difficoltà si manifesta soprattutto per i servizi operativi (uno su due) e per i servizi avanzati (40%), cioè per i servizi alle imprese. Peraltro anche per i servizi alle persone, che richiedono una crescente specializzazione, il reperimento si rivela difficile (40%).

I dati relativi a tutto l'anno 2011 confermano questa situazione: la difficoltà di reperimento di personale nel settore dei prodotti metallici comporta una attesa per ricoprire le mansioni richieste di oltre 14 mesi, per lo più per inadeguatezza dei candidati. Nel caso dei macchinari, la difficoltà di reperimento è dovuta soprattutto alla concorrenza tra imprese (se li strappano l’una con l’altra), mentre per gli alberghi e i servizi di ristorazione gioca la scarsità dell’offerta.

L’attenzione per le situazioni di crisi aziendali, dove è messa a repentaglio la sopravvivenza di  decine di famiglie, è giustamente massima. Ma altrettanta attenzione dovrebbe essere dedicata alle specifiche situazioni nelle quali imprese in crescita non riescono a trovare il personale necessario. Queste carenze potrebbero essere spesso  superate con una mirata  e rapida attività formativa, di base o di riconversione professionale. Le istituzioni pubbliche dovrebbero in questo caso intervenire, collaborando con le imprese per agevolare le assunzioni. Si contribuirebbe tra l'altro  a focalizzare maggiormente le attività di  formazione professionale, spesso causa di dispersione  di risorse.

Gli autori di Vorrei
Author: Giacomo Correale Santacroce

Giacomo Correale Santacroce, laureato in Economia all’Università Bocconi con specializzazione in Scienze dell’Amministrazione Pubblica all’Università di Bologna, ha una lunga esperienza in materia di programmazione e gestione strategica acquisita come dirigente e come consulente presso imprese e amministrazioni pubbliche. È autore di numerose ricerche, saggi e articoli pubblicati su riviste e giornali economici.

Ora in pensione, dedica la sua attività pubblicistica a uno zibaldone di economia, politica ed estetica

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.