La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

Brianza: alla ricerca del futuro

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20120807-brianza2030

“Brianza 2030: scenari e prospettive future”, il convegno promosso dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza.

Un paio di mesi  fa lamentavo (Brianza: l’economia  che cambia, Vorrei, 11 giugno 2012) la carenza di studi sulle prospettive di lungo termine per Monza e la Brianza.

Ed ecco che  solo dieci giorni  dopo (il 22 giugno) si apre un convegno dal titolo: “Brianza 2030: scenari e prospettive future”, promosso dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza. 

Essendomi già occupato dell’argomento in passato (Brianza: due storie del futuro, Sistemi & Impresa, n.3, marzo 2008, pp.50-56) ho accolto  la notizia con  grande interesse.

Il rapporto completo della ricerca verrà distribuito in autunno. Tuttavia  nel sito della Camera  di Commercio sono disponibili le sintesi sia degli studi affidati ad esperti, sia di una indagine  quantitativa  su alcuni aspetti strutturali delle imprese brianzole. Per quanto scarne, mi sembra utile commentare queste sintesi, in quanto dovrebbero dare una idea dell’impianto della ricerca.

Prima del commento, mi sembra utile richiamare alcuni aspetti metodologici  che vanno sotto il nome scenario building, costruzione di scenari.

Uno scenario non è una previsione, né un programma. E’ un insieme documentato e coerente di ipotesi sul futuro. La probabilità che queste ipotesi si realizzino è ovviamente molto bassa. Per sottolineare l’alto contenuto immaginativo degli scenari, si parla di “storie del futuro”. 

Si formulano di regola due o tre  scenari alternativi, molto diversi tra loro e tali da  racchiudere  un ventaglio di futuri possibili. Che sono infiniti ma che, dati i limiti cognitivi della mente umana, sarebbe impossibile  esplorare, oltre che inutile.

Uno scenario dovrebbe toccare tutti gli aspetti che possono determinare il futuro dell’entità in  esame, sia essa una impresa, una istituzione, o un territorio. Per tenerli a mente   si usano degli acronimi, come STEEP, che rammenta la necessità di tener conto congiuntamente degli aspetti socioculturali, tecnologici, economici, ecologici, politici. Uno scenario deve essere olistico, anche se declinabile nelle sue parti. Ad esempio la Shell, antesignana del metodo degli  scenari, propone   scenari globali alternativi, al cui interno elabora  scenari specifici sul futuro delle fonti energetiche, il suo business, immaginando  anche per questi due futuri possibili.

Ultima notazione, last but not least: gli scenari non debbono essere il frutto di un ristretto gruppo di addetti ai lavori. Debbono invece coinvolgere un vasto numero di persone, a cominciare da coloro che hanno maggiori responsabilità decisionali: essi debbono essere lo  strumento di  una “conversazione strategica” (strategic conversation), finalizzata al miglioramento  delle decisioni operative.

Alla luce di questi criteri   proviamo a valutare le sintesi delle relazioni presentate al convegno del 22 giugno corso.

 La Premessa va nella direzione giusta. A partire dalle prime due parole: “Pensare collettivamente”. Cioè avviare “un laboratorio di idee intitolato  Brianza 2030” aperto al dialogo, auspicabilmente non solo limitato al mondo delle imprese. Un lavoro quindi non occasionale, ma in un certo senso una “corsa a tappe”  di lunga lena.

E si è deciso di “partire dall’impresa non per astratto economicismo, ma perché qui forse più che altrove l’impresa è sorta e si è fatta società”. E in effetti, questa affermazione è confortata dal  dato di fatto che in   Brianza, cosa eccezionale, c’è   una impresa ogni  13 abitanti.

In questa logica sono state avviate due indagini. La  prima consiste nell’affidamento a quattro esperti del compito di  “riflettere sui possibili futuri di modernizzazione in quattro dimensioni cruciali”: i cambiamenti demografici; i cambiamenti strutturali imposti alle imprese per adeguarsi ai mutamenti sociali, culturali ed economici del contesto in cui operano; i fabbisogni e le capacità di utilizzo dei “saperi”, delle “culture produttive”, della “società della conoscenza”; gli effetti della rivoluzione digitale. La seconda,  una inchiesta condotta su un campione di 1000 imprese operanti nei quattro settori principali della Brianza (mobile, meccanica, costruzion, hi-tech) e nel  terziario, alle quali è stato chiesto di gettare uno sguardo  nel futuro economico di breve termine, con qualche  proiezione sul  lungo termine. 

Ragionando secondo l’acronimo STEEP, la scelta di partire dal futuro del sistema produttivo coinvolge sia gli aspetti economici che quelli tecnologici. Tuttavia sarebbe opportuno che sin dall’inizio si riflettesse su altri  futuri fondamentali, strettamente connessi con le attività produttive in senso attivo e passivo: quello ecologico,  con riferimento al possibile destino dell’ambiente naturale, determinante per la vivibilità e l’attrattività della Brianza; e quello culturale, come potenziale nuovo fattore trainante dell’economia nella prospettiva di  una rivoluzione non più prevalentemente industriale.

Comincio dall’esame  delle sintesi prodotte dai quattro esperti, per poi passare all’indagine quantitativa.

G.C. Blanciardo, dell’Università di Milano Bicocca, rileva che negli ultimi venti anni la popolazione  della provincia di Monza Brianza non ha mai smesso di crescere, e prevede ragionevolmente che anche nel prossimo ventennio  la popolazione continuerà a crescere moderatamente, per passare dagli attuali 860 mila a quasi un milione. Questo aumento si accompagnerà a una profonda modifica della struttura della popolazione, con un aumento degli immigrati e delle classi di età più anziane. Resterebbe stabile “il segmento di popolazione lavorativa più dinamico e flessibile” (20-44 anni).

L’autore ne trae indicazioni in termini di “trasformazioni del welfare”. Ma mi aspetto che nel rapporto si parli anche di altri impatti, come quelli  sul consumo del suolo e della mobilità. Recenti dati Istat pongono la provincia di Monza e Brianza al vertice del cosiddetto soil sealing, l’impermeabilizzazione del suolo, con una percentuale del 50% del territorio, contro il 43,2% della provincia di  Napoli e il 37,1 di quella di Milano. 

In questo caso, due scenari possono essere immaginati: quello di un ulteriore sviluppo del settore edilizio  a scapito  del suolo libero, che porterebbe a una forse definitiva compromissione della vivibilità del nostro ambiente, o quello di un trade off  tra i settori produttivi che vedrebbe recedere il settore edilizio dal ruolo trainante del passato rispetto ad atri settori produttivi.  Anche sul traffico indotto dall’aumento della popolazione si possono formulare diverse ipotesi (ad es. lo sviluppo del trasporto su ferro o su gomma con  la sua maggiore velocizzazione,  e quello delle reti telematiche).

Enzo Rullani, grande  esperto di organizzazione d’impresa, rileva le profonde trasformazioni che stanno investendo il sistema produttivo di Monza e Brianza, osservando che  oggi “la priorità per le aziende è la sopravvivenza”. Egli ritiene che  il sistema produttivo sia ancora robusto, con un nucleo d’imprese innovative, ma che occorra un “complessivo rinnovo della cultura imprenditoriale e dei rapporti di lavoro”. 

Qui è sotteso lo scenario di un impatto  inusitato proveniente dall’esterno, di carattere globale, che vede la Brianza sulla difensiva. Un impatto non solo di tipo economico e tecnologico, ma anche politico e culturale. E’ certo comunque che la provincia di Monza e Brianza, piccola ma strettamente dipendente dal sistema globale (è la provincia italiana con il più alto tasso di  import-export) sarà direttamente investita dai suoi cambiamenti. Forse, rendere espliciti  in modo articolato i futuri possibili potrebbe essere di stimolo ai rinnovamento  culturale auspicatio da Rullani.

Il sociologo Bruno Manghi (tema della ricerca: “Le imprese della Brianza e la sfida dei saperi”) rileva che le grandi innovazioni sono alla portata solo delle imprese medio-grandi, perché richiedono forti investimenti, mentre le piccole imprese, che caratterizzano il tessuto imprenditoriale brianzolo, innovano con adattamenti e miglioramenti incrementali. E si pone la domanda: in futuro, questo tipo di innovazione sarà “sufficiente a trainare il sistema territoriale brianzolo fuori dalle difficoltà attuali”?

La storia della Brianza, che ha saputo trasformare radicalmente nei secoli le proprie attività produttive,   indurrebbe a rispondere senz’altro “sì”. E ciò sulla base di una cultura imprenditoriale diffusa, rinfocolata continuamente grazie alle piccole dimensioni e alla conseguente flessibilità e capacità di adattamento, che mancano spesso alle imprese maggiori.Tuttavia resta il quesito di Manghi, che configura due alternative: un contesto, quello della terza rivoluzione produttiva, che accetti  un adattamento relativamente lento  ai cambiamenti, o al contrario uno spiazzamento drastico causato da eventi come l’invenzione della macchina a vapore (oggi l’ICT o le nanotecnologie), tale da richiedere un cambiamento radicale e veloce. La rivoluzione elettronica ha mietuto importanti imprese nel passato (leggi Olivetti) e potrà farlo nel futuro (leggi Fiat). Riusciranno i nostri eroi brianzoli a passare dall’edilizia all’hi-tech, o a una economia più legata alla cultura?

Carlo Formenti, (Università del Salento), parlando dello “Ecosistema della Brianza di fronte alla sfida tecnologica del Web 2.0”,  cioè della rivoluzione elettronica in atto, ha messo in luce l’importanza di “essere in rete”, e la miriade di opportunità offerte dalla rete “attraverso le più avanzate forme di cooperazione e condivisione” (ma  direi anche di competizione), non solo per le grandi imprese, ma anche per quelle minori..

Non vi è dubbio che l’innovazione elettronica costituisce la più importante onda portante tecnologica degli scenari futuri. Il settore dell’hi-tech in Brianza non solo fatica a svilupparsi e a divenire  un reale  e consistente distretto, come quelli della meccanica e del legno-arredo, ma ha anzi subito negli anni passati gravi  ridimensionamenti.  Tuttavia, nell’attuale crisi sembra mostrare una maggiore resistenza rispetto agli altri. Qualsiasi siano le storie del futuro (qui sembra valere l’acronimo TINA, there is no alternative),  il futuro della Brianza si giocherà su questo terreno. Ma non solo sotto l’aspetto, fondamentale, della necessità di essere in  rete, ma anche sotto quello produttivo; e non solo per quanto riguarda le tecnologie info-telematiche, ma anche  altri settori montanti, come le fonti energetiche e il settore culturale  (pochi rilevano che sono già oltre 2000 gli studenti che frequentano i dipartimenti universitari insediati a Monza.)

 L’indagine quantitativa condotta su 1000 capi d’impresa  è finalizzata ad esplorare alcuni aspetti della cultura imprenditoriale brianzola.

Dai primi dati emerge la conferma del prevalere di una struttura aziendale famigliare, la  carenza di strategie di lungo termine, surrogate  da politiche di adattamento incrementale ai cambiamenti e all’innovazione, che peraltro, almeno fino a ieri, hanno funzionato. Questa cultura molto pragmatica porta, ad esempio, molte imprese a non dare molta importanza all’innovazione tecnologica (solo un quarto delle imprese la ritiene strategicamente determinante).

Tra i quattro settori esaminati, quello delle costruzioni appare il più arretrato, con  un basso numero di addetti alle funzioni di maggior peso strategico (progettazione, design, R&S, comunicazione, qualità, customer care) rispetto ai livelli degli altri settori, e un conseguente livello di terziarizzazione  interna (10,46%) che è la metà dei settori della meccanica e del mobile e un terzo del settore hi-tech.

L’indagine è una fotografia dei comportamenti e delle valutazioni degli imprenditori di fronte alla crisi, e quindi ha scarsa rilevanza per la costruzione di possibili scenari. Fornisce tuttavia, da quest’ultimo punto di vista, un dato interessante: è diffusa la convinzione (quasi il 90% degli intervistati)  che la crisi attuale non è frutto di una  semplice congiuntura negativa, ma bensì costituisce un fenomeno strutturale di vasta portata. Questa consapevolezza può spingere gli imprenditori i brianzoli a cambiamenti radicali nella cultura (i figli vanno all’università!) e nell’invenzione di nuove produzioni e nuovi processi.

 Per concludere: naturalmente,  una valutazione più esauriente potrà essere fatta solo sulla base dei  documenti completi, promessi per l’autunno.

Da queste prime informazioni, si potrebbe parlare di una prima tappa sulla strada degli scenari brianzoli, avente come obiettivo l’esame della   situazione attuale dell’economia e dell’imprenditoria della Brianza, con uno sguardo implicito alle vocazioni espresse nel passato e una anticipazione di proposte sui cambiamenti auspicabili. Il contesto esterno che richiede questi cambiamenti, cioè lo scenario,   è lasciato sottotraccia, se non proprio dato per scontato (la competizione globale, la rivoluzione tecnologica).

Forse sarebbe bene “drammatizzare” in maggior  misura le alternative radicali di fronte alle quali il nostro territorio potrà trovarsi in futuro:  trade off tra vecchi e nuovi  settori produttivi, tra servizi (ma quali?) e  attività manifatturiere,  rilevanza del contesto ambientale, interconnessioni fisiche ed elettroniche, ruolo della cultura,  ruolo delle città in un contesto globale sempre più inurbato, vivibilità, attrattività.

Come si vede, molta può essere la carne al fuoco. L’importante è che gli ingredienti siano  ben impastati  e i menu appetibili.

Gli autori di Vorrei
Author: Giacomo Correale Santacroce

Giacomo Correale Santacroce, laureato in Economia all’Università Bocconi con specializzazione in Scienze dell’Amministrazione Pubblica all’Università di Bologna, ha una lunga esperienza in materia di programmazione e gestione strategica acquisita come dirigente e come consulente presso imprese e amministrazioni pubbliche. È autore di numerose ricerche, saggi e articoli pubblicati su riviste e giornali economici.

Ora in pensione, dedica la sua attività pubblicistica a uno zibaldone di economia, politica ed estetica

Qui trovi la sua scheda personale con l'elenco dei suoi articoli su Vorrei


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La matita di Fulvio Fontana

 

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Maggio 2014

Maggio 2014

Le donne, ad esempio

Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.