A Vorrei tifiamo per la pace. Vorrei per una Europa dei popoli, non delle banche.

La rivista che Vorrei - Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

 testata vorrei 500px

Di cosa parliamo quando parliamo di cultura? Episodio 1

Culture ~ Vorrei

Di cosa parliamo quando parliamo di cultura? Episodio 1

  Quante definizioni si possono dare alla cultura? cosa intendiamo per la sua valorizzazione? Nell'episodio 1 rispondono Agnese Ermacora, Chiara Spinnato, Michela Tilli, Luigi Rossi e Alfredo Somoza

Un pezzo di storia culturale di Monza. Un video del CCR

Culture ~ Vorrei

Un pezzo di storia culturale di Monza. Un video del CCR

Il Centro Culturale Ricerca nel 2001 produsse un video per raccontare i suoi primi venti anni di attività, lo abbiamo digitalizzato per riproporlo ai nostri lettori

Intervista a Mario Cresci «Stare tra le persone, fermarsi nei luoghi»

Culture ~ Marco Cacciatore

Intervista a Mario Cresci «Stare tra le persone, fermarsi nei luoghi»

Un maestro della fotografia e del design contemporaneo. Il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo ospita fino al 6 settembre 2015 la sua mostra Racconti privati. Interni 1967 – 1978, una selezione del consistente lavoro di indagine sul territorio realizzato da Cresci in quegli anni tra la Basilicata e Barbarano Romano

 Tutti parlano di cultura, nessuno parla di cultura

Culture ~ Antonio Cornacchia

Tutti parlano di cultura, nessuno parla di cultura

  Il convegno voluto dall’associazione “Consulta di Monza e della Brianza per la cultura e i beni culturali” e da Confindustria MB con il titolo “Cultura. Nuovo fattore produttivo per Monza e Brianza”. Profit, non profit, valorizzazione, patrimonio, turismo, mecenatismo, sponsor… Troppi bersagli per un colpo solo?

Electric Run, lo scoiattolo rosso e il Gran Tour

Ambiente ~ Giacomo Correale Santacroce

Electric Run, lo scoiattolo rosso e il Gran Tour

Fra iniziative ed eventi, le strategie per il Parco di Monza. La teoria del "In fondo, che c'è di male?" inesorabilmente  porta al degrado permanente e progressivo  dell'ambiente, della cultura, dell’identità e dell’immagine di persone e luoghi.

Eat & Ride Tour ai Mulini Asciutti

Ambiente ~ Pino Timpani

Eat & Ride Tour ai Mulini Asciutti

Una domenica al mese, da aprile ad ottobre, Monza Bike Friendly propone un itinerario ciclo-gastronomico nel Parco di Monza

Biennale Giovani 2015. Monza sempre più città d'arte

Culture ~ Antonio Cornacchia

Biennale Giovani 2015. Monza sempre più città d'arte

   Aperta fino al 28 giugno l'edizione 2015 della Biennale Giovani presso l'Arengario. 30 artisti, 5 critici e una città che sta cambiando pelle

Valerio D'Ippolito: Libera, la ndrangheta e la Brianza felix

Persone ~ Romano Bonifacci

Valerio D'Ippolito: Libera, la ndrangheta e la Brianza felix

Intervista al presidente di Libera Monza e Brianza «Una locale della ndrangheta su 4, al Nord è qui vicino. Le retate di polizia e carabinieri sono la conferma di questo primato, altro che Brianza felix»

Il viaggio leggero di Timbuktu

Culture ~ Roberto Rampi

Il viaggio leggero di Timbuktu

  Un film di Abderrahmane Sissako. Altro che scontro di civiltà, altro che modernità contro barbarie. I frutti perversi dell'emarginazione e della sottocultura europea

Share Maker Space Cusano:  condivisione di idee oltre che di spazi

Lavori ~ Marco Caruso

Share Maker Space Cusano: condivisione di idee oltre che di spazi

Condivisione di spazi, ma soprattutto condivisione di idee e prospettive. Raccontiamo la storia di Roberto Befera e del suo "Share Maker Space" di Cusano Milanino: da un'impresa tessile in chiusura ad uno spazio condiviso con attività artigiane e giovani laureati.

Home

Il prigioniero della seconda strada

20100621-lavori

 Monza, la città dei cantieri e delle strade bloccate

Riceviamo e pubblichiamo

Se a qualcuno di voi, per pura sfiga, è capitato in questi ultimi mesi di transitare in auto lungo la parte finale di via San Gottardo – zona chiesa di San Biagio – non gli sarà certo sfuggito l’enorme ingorgo di lamiere che affligge questa zona della città a tutte le ore del giorno. Le auto provenienti da via Cavallotti formano una lunga fila che copre almeno metà di via San Gottardo, intersecandosi in lamentose teorie con quelle che escono da via Col di Lana all’altezza della rotonda, le quali a loro volta bloccano quelle provenienti dall’incrocio di via Prina, e queste ultime interrompono il flusso di quelle che giungono dal centro. Code, fumo, strombazzamenti, a volte insulti reciproci tra i guidatori, insomma l’inferno automobilistico quotidiano. E io, che abito lì in mezzo. Che impiego ogni volta 20-25 minuti a lasciare il quartiere, e altrettanti a rientrare a casa, sempre che non trovi l’ennesimo cretino che, fermo in coda, si piazza davanti al portone di casa senza farti passare. Che quando esco a portar fuori il mio bassotto, devo sperare che il povero animale non stramazzi per terra avvelenato dai gas di scarico o non finisca sotto una macchina nello slalom tra i veicoli necessario ad attraversare la strada. Perché mai un angolo di quartiere monzese, in genere abbastanza tranquillo e con traffico scorrevole, si è improvvisamente trasformato in una Saigon del XXI secolo? La risposta è semplice: qualcuno l’anno scorso ha deciso che un intervento urgente e improcrastinabile nella città era il rifacimento in cubetti di porfido dei marciapiedi di via Prina, via Villoresi e via Torneamento (peraltro già in discrete condizioni). E quindi, esattamente il 1° settembre 2009 ha cominciato i lavori. Cioè circa 10 mesi fa. E quando, per necessità di cantiere, viene bloccata via Torneamento (la vietta dove ha sede il Collegio Bianconi, per intenderci) il traffico normalmente assorbito da questa piccola ma importante arteria si riversa sulle strade adiacenti, con effetti catastrofici. Va beh, dirà qualcuno, sono i disagi necessariamente creati da ogni intervento manutentivo sulle nostre strade, basterà un po’ di pazienza e tutto sarà finito, anzi migliorato, visto il risultato. Eh, no, non ci sto. Cornuto sì, ma almeno non mazziato. Cominciamo col dire che i lavori durano da dieci – dico dieci – mesi e che le dimensioni lineari dell’intervento non superano in totale i 500 metri. E che dunque il cantiere realizza circa 50 metri lineari di marciapiede al mese, circa poco più di 1 metro e mezzo al giorno. Motivo di questa bradiposa lentezza? L’intervento, nonostante la delicatezza viabilistica del contesto, non è – diciamo – dei più energici. Al posto di dieci baldi giovanotti costantemente all’opra si vedono regolarmente due-tre, al massimo quattro operai che stancamente picchian per terra o scavan buche, manco fossero “Gli spaccapietre” di Courbet. A loro certo poco cale dei guai dei residenti, e men che meno al loro impresario, il quale certamente, aggiudicatosi l’appalto al massimo ribasso, non ha alcun interesse a realizzare rapidamente i lavori, che tanto verranno pagati lo stesso. Domanda: ma quando vengono assegnati questi appalti si considerano come elementi di merito anche i tempi di consegna, visto che ogni giorno di ritardo è una spina incarnata per incolpevoli cittadini? Oppure l’importante è pagare il meno possibile, e se anche l’opera viene consegnata nel 2015 poco importa? Seconda domanda: non era necessario essere laureati al MIT di Boston per accorgersi del disagio che si veniva a creare e operare qualche piccolo correttivo. Bastava ad esempio, nei giorni in cui viene chiusa via Torneamento, vietare la sosta lungo via Villoresi, in fregio ai giardinetti, realizzando così una seconda corsia che avrebbe permesso di liberare più rapidamente il tratto di strada che accede al semaforo. Fantascienza? No, puro buon senso per evitare che 10 auto parcheggiate blocchino il transito di altre 1000 lungo l’arco della giornata. Sarebbe bastato che l’Ufficio Strade comunicasse all’Ufficio Viabilità i giorni di chiusura di via Torneamento e tutti saremmo tornati a respirare. Ma gli uffici comunali comunicano tra loro? E qualcuno a Palazzo si preoccupa dei disagi derivanti da simili cantieri e cerca sapientemente di alleviarli? E la circoscrizione 5, che nel suo piccolo dovrebbe incazzarsi, che fa dinanzi ad uno strazio che si prolunga da quasi un anno? Domande, domande che non riceveranno risposta, perché questi interventi sono come le calamità bibliche: bisogna subirli e sperare nell’aiuto di Dio. Ma, in conclusione, una buona notizia: oggi via San Gottardo è libera, il traffico scorre scioltamente, l’incubo pare passato. Sono perfino uscito in macchina per alcune commissioni che avevo rinviato da giorni e, passando davanti all’imbocco di via Torneamento, mi sono detto “Strano, il cartello di divieto di passaggio c’è ancora, eppure non c’è coda, che diavolo sarà successo?”. Quello che è successo l’ho capito tornando a casa: un nuovo cantiere interrompe a metà l’intera via Col di Lana e dunque da lì non arriva nessuno in direzione di via San Gottardo. “Miracolo – ho gridato – miracolo!”. La lebbra si è spostata di duecento metri e ora son cazzi di chi abita da quelle parti, noi almeno per un po’ siamo salvi. E speriamo sia la stessa ditta dei lavori di via Prina, così ce la caviamo per un po’ di mesi. Mors tua vita mea: guarda te a cosa siamo ridotti!

Carlo Vittone

P.S. Ieri ho accompagnato un conoscente alla stazione. All’imbocco di via Arosio un cartello: “Divieto di transito. Lavori in corso”. Ah, già, stanno rifacendo il piazzale della stazione perché si formavano laghi d’acqua dopo le piogge. Avevo già notato quei lavori. Era il mese di marzo. Ma quanti appalti ha in mano la ditta di via Prina?

 

Comunicati stampa

20150303 speciale liberazione

testate-moduli-piu-letti

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

 

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

cover-portfolio

La matita di
Fulvio Fontana
» Guarda tutte le vignette