Vorrei | Rivista non profit

Rivista di cultura, ambiente e politica.

Ambiente ~ Giacomo Correale Santacroce

Cartelli nel Parco di Monza: una storia infinita. Male.

  Si è buttato via l'occasione di realizzare un sistema prezioso per comunicare una immagine dell’Imperial Regia Villa e Parco corrispondente alla identità sua e della stessa città di Monza.

Persone ~ Elisabetta Raimondi

A Filadelfia nei giorni della National Convention del Partito Democratico

Una emozionante settimana di full immersion nell'eterogeneo movimento cui il senatore del Vermont Bernie "Birdie" Sanders ha dato vita senza velleità di  protagonismo paternalistico e populista ma con e per la gente.

Lavori ~ Ivan Commisso

Brexit... eppur si muove

Come le statistiche smontano le bufale sulle conseguenze della Brexit e sull’Italia che spende troppo in sanità. Ed anche qualche indicazione di lettura a tema economia & finanza, con molte avvertenze. 

Persone ~ Francesco Achille

E Dio creò la donna... e poi se ne dimenticò

Cominciamo col dire che Dio è maschio, altrimenti l’avremmo chiamato Dea… Considerazioni semiserie alla luce delle stelle

Lavori ~ Giacomo Correale Santacroce

Rifkin. Una possibile utopia

“La società a costo marginale zero” Se la prima rivoluzione industriale era basata su vapore-telegrafo-ferrovie, e la seconda su petrolio-telefono/radio/TV-autoveicoli, la terza è caratterizzata da energie rinnovabili-internet-logistica digitalizzata. 

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Med Free Orkestra e I Camillas. Fuori dagli schemi

BandAutori 33. Nel numero pre-vacanziero analizziamo la world music della Med Free Orkestra e l'indie demenziale de I Camillas. Per "Libri che suonano" andiamo negli anni Sessanta del beat italiano.

Ambiente ~ Pino Timpani

Da Spiga & Madia a Spighe Sostenibili

Ha compiuto dieci anni il progetto di filiera del pane creato da Desbri. Sarà rinnovato con un progetto più ambizioso e verrà sperimentato a Caponago e Agrate Brianza. “Chi Semina Raccoglie”, il documentario di Franca Roiatti e Alice Barrese

Culture ~ Antonio Cornacchia

La produzione culturale a Monza

  Il sistema culturale del capoluogo brianteo. Dopo il patrimonio tangibile, ripercorriamo le attività: dall'arte al teatro, dalla poesia alle performance. Una città che produce abbastanza cultura o che si limita al consumo? 

Culture ~ Marta Abbà

Anatomia di un populista. Salvini secondo Pucciarelli

Intervista all'autore de “La vera storia di Matteo Salvini”, scritto dopo mesi di osservazione e racconto del fenomeno leghista, Il personaggio, la persona, il politico e lo stratega, il comunicatore e l'amministratore di partito. 

Ambiente ~ Alfio Sironi

Torneranno le colline?

Nelle scorse settimane ho attraversato l'Italia andando a piedi dal Conero all'Argentario sulle tracce di un vecchio libro di Enrico Brizzi; non ho potuto che fare i conti con l'anima collinare di questo paese.

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Mau Mau e Claudia Crabuzza. Sincretismi musicali

BandAutori 32. In questo numero il gran ritorno dei Mau Mau e l'esordio della catalana di Alghero Claudia Crabuzza. Per "Libri che suonano" un riepilogo del folk made in Italy.

Culture ~ Juri Casati

La Torino degli anni Cinquanta

Aldo Cazzullo tratteggia i contorni di una Torino lontanissima da quella che di recente ha visto sfidarsi Fassino e Appendino per la carica di sindaco. I ragazzi di via Po. 1950-1961 quando e perché Torino ritornò Capitale.

Culture ~ Antonio Cornacchia

Monza candidata a capitale italiana della cultura

   La candidatura sarebbe un espediente per valutare lo stato delle cose e capire se la città avrebbe le carte in regola. È tempo infatti di fare il salto di qualità: ci sono tutti i fattori per fare del capoluogo brianteo una città d’arte. O manca qualcosa?

Il buono e il bello ~ Gianni Miglionico

Crostata ai fichi di Poppea

Frutti dolcissimi di stagione, associati ad una testimonianza archeologica pregevole, in una delle sontuose ville residenziali dedicate all’otium dell’aristocrazia romana

Blog ~ Vorrei

Vorrei cerca nuovi compagni di viaggio

I collaboratori volontari della nostra rivista dal 2008 osservano quello che accade intorno e lo raccontano scrivendo, fotografando e disegnando. Chi vuole salire a bordo e partecipare alle attività di redazione?

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Agnese Valle e Palazzo. Classe da vendere

BandAutori 31. In questo numero il cantautorato rock con uno sguardo ai '70 di Agnese Valle e quello più orientato agli '80 di Palazzo. Per "Libri che suonano" i Whisky-a-gogo e i Teddy Boys secondo Primo Moroni.

20080926-bau-01-a.jpg

Da Parenzo e il suo "Romanzo padano" ai "Suoni antichi", mostre, incontri e concerti nella sede di via Italia

Venerdì 6 Febbraio 2009
ore 18.30
Inaugurazione della mostra
DIVENTARE VEGAN
LE RAGIONI DI UNA SCELTA RESPONSABILE

A cura di Oltre La Specie
Sono miliardi gli animali che ogni anno vengono uccisi per essere trasformati in prodotti alimentari, dopo una breve vita in cui vengono costretti a vivere incatenati o chiusi in gabbie sovraffollate: ma il nostro “mangiare carne” quanta sofferenza provoca agli animali? E quali sono le conseguenze ambientali degli allevamenti intensivi?
Questa mostra vuole mettere in luce le motivazioni che dovrebbero condurre alla scelta di diventare vegan (vegan è colui che non consuma carne e nemmeno prodotti di origine animale – quali latte, formaggi, uova, miele – non indossa pelle e lana e non acquista prodotti sperimentati su animali): una scelta responsabile e consapevole basata fondamentalmente su ragioni etiche ma anche ambientali e sociali, che verranno illustrate attraverso dei pannelli.
La quasi totalità dei prodotti animali proviene da allevamenti intensivi dove gli animali vivono in condizioni estreme senza nessun rispetto per le loro esigenze fisiologiche ed etologiche, con il solo scopo di raggiungere la massima produttività nel minor tempo possibile, fino al momento del loro arrivo al macello: stipati nei camion, senza potersi muovere, bere o mangiare giungono in gravissime condizioni dopo trasporti lunghi ed estenuanti. E’ accettabile tutto ciò? Senza dimenticare inoltre che gli allevamenti intensivi, secondo un rapporto della FAO, sono tra le principali cause dell’effetto serra, della contaminazione delle acque e delle piogge acide: basti pensare che servono 16 kg di cereali per produrre solamente 1 kg di carne e che tutto il resto è costituito da deiezioni contenenti prodotti chimici quali farmaci e fertilizzanti (di cui gli animali sono imbottiti) che inquinano fortemente l’ambiente.
Diventare vegan costituisce pertanto un passo decisivo per un cambiamento futuro e ognuno di noi, attraverso le proprie scelte quotidiane, può contribuirvi: questo è quanto viene auspicato con l’allestimento di questa mostra che vuole guidare passo per passo il visitatore verso una scelta responsabile che non può più essere rimandata.
La mostra sarà visibile fino al 17 febbraio

 

Domenica 8 Febbraio 2009
ore 11
Concerto di
Suoni Antichi

Prosegue la  rassegna di musica popolare “La Musica nell’uovo” e questa domenica suona alla Feltrinelli di Monza il gruppo Suoni Antichi. Dicono di sé: “Nonostante le nostre diverse provenienze musicali, abbimo fatto della musica antica il nostro linguaggio comune. Ciò che ci appassiona è la libera rielaborazione di musiche che non possiedono specifiche indicazioni strumentali e che quindi lasciano spazio ad  una interpretazione del tutto personale. Le nostre scelte si concentrano soprattutto sul repertorio rinascimentale profano, là dove il colto di ispira al popolare”.
I Suoni Antici sono:
Chiara Lucchini – Flauto soprano, flauto contralto, voce contralto, voce soprano.
Eleonora Sala – Salterio contralto, voce solista, voce soprano, voce contralto, organo.
Maurizio Malavasi – Salterio soprano, organo, spinetta, flauto soprano, voce basso.
Damiano Rota – Spinetta, voce tenore, voce basso.

 

Domenica 8 Febbraio  -  ore 18.30
Presentano
Letizia Cherubino e Andrea Vetralla
“Ti amo, DAVVERO”  edito da Eusmewil Edizioni

Interviene
Mel Balsamo – RadioRCS
Accompagnamento musicale a cura di
Alenicobenz di Radioreporter
voce e piano
Ospiti d’eccezione
STEFANO CENTOMO - prefatore del romanzo
TONY AMODIO - bassista dei Bee Hive e cantautore
Con la partecipazione straordinaria degli
Studio3
Scrive Letizia Cherubino: “Ci si passa giorni e notti a riflettere sul senso delle parole, ad accostarle l'un l'altra, a sussurrarne il suono, a giocare con le infinite combinazioni, sfumature, significati. Per uno scrittore il titolo di un libro è come il nome di un figlio, non si può sbagliare, perché lo accompagnerà per tutta la vita e gli si cucirà addosso come un vestito fatto su misura…
DAVVERO... Forse sarebbe bastato un avverbio, una sola parola... Poi, ... la storia prosegue, le parole diventano tante e anche le pagine, i personaggi... beh... quelli fan capricci... Come gli scrittori. E allora... dai, Andrea... un'altra parola... una sola... o due forse... Cosa si vorrebbe fosse... DAVVERO? Cosa ognuno di noi vorrebbe sentirsi dire e vorrebbe poterci credere SUL SERIO, VERAMENTE... IN VERITA'? La cosa più scontata? Già... la cosa più scontata... Che poi scontata non lo è mai perché spesso, per paura-rabbia-dolore, si dice poco, si dice troppo a bassa voce o si dice senza darle il giusto SENSO... Già... il SENSO delle cose, delle cose e delle parole... E allora? E allora Ti amo (scritto piccolo). Ma non Ti amo e basta... Ti amo, DAVVERO. E DAVVERO è in grande. Perché è lì che il cuore batte, nella verità di una parola che- pagina dopo pagina - acquisisce senso. Senso e significato. Questo il titolo. Il titolo del romanzo scritto a quattro mani da me e Andrea”.
Letizia Cherubino ha esordito nel 2005 con il romanzo AQuattroMani (Ed. Eumeswil) scritto con il regista romano Jonny Triviani. Nel 2006 ha pubblicato sempre con Eumeswil, Villaggio Vacanze, assieme ad Antonio Arcidiacono e il romanzo parzialmente autobiografico Verso te. Nel gennaio 2008 è la volta di Accordi Dissonanti, libro che ha suscitato molto interesse. Collabora con diversi cantautori e band per la stesura di testi.

 

Martedì 10 febbraio 2009
ore 19,00
Incontro con
David Parenzo e Davide Romano
autori del libro “Romanzo padano”- edito da Sperling & Kupfer

Intervengono
MASSIMO ZANELLO
Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia
FLAVIO SANGALLI
Amministratore Delegato Sviluppo Brianza Moderatore
LEONARDO BORIANI - direttore de La Padania
Da movimento di protesta locale, ai limiti del fenomeno di folclore, ad ago della bilancia del Paese, la Lega Nord ha saputo trasformarsi senza cambiare mai. Da sempre la Lega è “testa”, ovvero un nucleo dirigenziale stretto intorno al leader Umberto Bossi, e insieme è “pancia”: impulsiva, rivoluzionaria, vicina all’umore della sua gente, interprete fedele delle sue paure, delle preoccupazioni e degli istinti politicamente scorretti.
Raccontare la storia della Lega Nord significa raccontarne entrambe le facce. Dall’invenzione del “dio Po” al federalismo fiscale, dal “sacro prato” di Pontida agli austeri palazzi romani, dalle camicie verdi al doppiopetto parlamentare: da Bossi a Bossi, vent’anni di aneddoti, personaggi e battaglie narrati senza filtri.
Massimo Zanello, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, presenta “Romanzo Padano” in Feltrinelli allargando così al pubblico brianzolo l’interessante dibattito che nasce dai temi e dalle provocazioni degli autori del libro.
La visione lucida e oggettiva dei fatti raccontati aiuta i lettori - e i partecipanti alla presentazione - a farsi un'idea precisa dei meccanismi che hanno portato il nostro Paese all'attuale composizione parlamentare, indipendentemente dalle diverse opinioni politiche.
Flavio Sangalli, Amministratore Delegato di Sviluppo Brianza, si occupa professionalmente di formazione manageriale e consulenza di direzione. È docente di Organizzazione Aziendale presso le Università di Milano Bicocca e di Bologna. Sui temi della leadership e dell’innovazione organizzativa ha scritto numerosi libri pubblicati dalle Edizioni Il Sole24Ore e Franco Angeli.


Per informazioni:
monza@lafeltrinelli.it

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?