Vorrei | Rivista non profit

Culture ~ Fabio Pozzi & Massimo Pirotta

Electroadda e Giorgieness. Rock'n'roll!!!

BandAutori 21. Tanta energia giovanile in questo numero: quella brianzola-rock'n'roll degli Electroadda e quella grunge-indie di Giorgieness. Spazio poi a una disamina sulle webzine, agli amanti dello swing a Milano e a Mulholland Drive.

Ambiente ~ Giacomo Correale Santacroce

Fino a che punto conviene la Formula 1 a Monza?

Nuovo ribaltone in Sias con Dell'Orto rimosso, mentre la Regione Lombardia vuole entrare in società per scucire di tasca pubblica i soldi per soddisfare le richieste di Ecclestone

Persone ~ Romano Bonifacci

La corruzione dilaga? State sereni...

“I politici rubano più di prima. Ma adesso non si vergognano” L'affermazione di Piercamillo Davigo e le reazioni dei partiti. Intanto la corruzione resta il problema dei problemi

Culture ~ Fabio Pozzi

Guignol: si deve essere arte e non solo fare arte

Intervista a Pier Adduce, leader della band attiva tra la Brianza e Milano giunta al sesto disco: “Abile Labile”. Un'occasione per scoprire una formazione fuori dagli schemi e con molte cose da dire.

Culture ~ Elisabetta Raimondi

Dolce vita on the road II

Ai confini della realtà in bilico tra Realismo Magico, Realismo Sociale e Realismo Socialista. Curiosando nell'Europa delle dittature e predittature con l'aiuto di Franz Roh e Gustav Fredrich Hartlaub e con qualche pindarica digressione.   

Persone ~ Alfio Sironi

La Turchia di oggi sbanda insieme al suo spericolato conducente

L'inverno turco. Prosegue il ciclo di incontri sul medioriente promosso da “L'Altra via” di Calolziocorte e “Comunità di via Gaggio” di Lecco, questa settimana con un approfondimento dedicato alla Turchia.

Persone ~ Carmela Tandurella

Antifascismo e revisionismo storico: come proporli ai ragazzi

Contro l’avanzata dell’estrema destra in Brianza, l’ANPI e le organizzazioni sindacali provinciali, insieme al Comitato Antifascista di Seregno, mobilitano la storia e la pedagogia.

Persone ~ Romano Bonifacci

Una madre, il suo ragazzo. Restiamo umani

Egidia Beretta e suo figlio, Vittorio Arrigoni, esempi di umanità e dignità

Culture ~ Gaia Caimi

PJ Harvey alla Casa della Cultura di Milano

  Per la ventiduesima edizione del Festival Internazionale di Poesia “Parole Spalancate” la  musicista inglese PJ Harvey, ha interpretato la sua prima raccolta di poesie The Hollow of the Hand.

Brianzolitudine ~ Renato Ornaghi

Divagazioni shakespeariane: da Stratford-on-Avon al Bosco Bello del Parco di Monza

Per i 400 anni dalla morte di William Shakesperare qualche ragionamento su cotanta icona della letteratura mondiale, che magari lo riconduca a temi più vicini alla nostra Italia e più in particolare a Monza e al Brianzashire.

Persone ~ Veronica Tedeschi

Parole, suoni, immagini, colori il 29 e il 30 aprile 2016

 La Casa delle Culture, Novaluna, Bonvena e il Comune di Monza presentano la seconda parte del ciclo “Gente che viene, gente che va” con spettacoli e incontri. Abbiamo intervistato il musicista Roberto Zanisi che si esibirà con Arsene Duevi

Culture ~ Juri Casati

Pensieri lenti e veloci da Daniel Kahneman

Il premio Nobel che ha passato la sua vita professionale a studiare il modo in cui l’essere umano prende decisioni, è autore di uno dei saggi più letti e più citati dei nostri tempi. Da leggere più di una volta.

Persone ~ Alfio Sironi

Il Medioriente non esiste più

Massimo Campanini, storico del pensiero islamico, apre a Lecco un ciclo di incontri dedicato al Medioriente indicando quali sono i nodi cruciali della storia contemporanea a sud del Mediterraneo

Brianzolitudine ~ Renato Ornaghi

La Triennale di Milano, anzi di Monza

Nata come biennale nel 1923, vide le prime quattro edizioni nella Villa Reale. Dopo vent'anni, il 2 aprile è tornata con la XXI edizione

Culture ~ Antonio Cornacchia

Fabio Paolo Costanza e Alberto Zanchetta per “Un'ora sola ti Vorrei”

La registrazione dell'incontro con i direttori artistici del Carroponte e del MAC, Museo d'arte contemporanea di Lissone. La formazione, la sostenibilità economica, il rapporto con il territorio e tanto altro

Lavori ~ Ivan Commisso

Sulla fragilità di scenari e previsioni e la miopia di certa sinistra

Tra la mitologia del Fondo Atlante, i movimenti dei capitali e i numeri del PIL, un excursus

ponti-a

Gigi Ponti, candidato di PD, Italia dei Valori, Sinistra e Libertà
e Lista Ponti: un lavoro partito da lontano


Per molti, la mobilità è il problema centrale per la provincia di MB. Come vede il futuro dei trasporti pubblici? È pensabile anche per la Brianza una "cura del ferro" (nel senso di potenziamento del trasporto su rotaia, tram e treni)?
C'è già una base su cui lavorare, un protocollo che abbiamo già approntato. Per un salto di qualità bisogna fare due cose subito: razionalizzare l'esistente investendo maggiori risorse e avere la pazienza e il coraggio di lavorare sul medio periodo. Ci vuole continuità.

Come pensa di coniugare la necessità di colmare il gap infrastrutturale con la salvaguardia del territorio? Ad esempio come intende gestire l'impatto della Pedemontana?
Anche questo è un percorso già definito. Abbiamo sviluppato più di 30 progetti per salvaguardare le aree verdi, in collaborazione con la comunità europea. Chiunque governerà la provincia dovrà per forza seguirli.

La Brianza è uno dei territori più urbanizzati d'Europa. Che  indirizzo intende dare  al suo mandato, ulteriore consumo di suolo o salvaguardia delle aree libere?
L'unico modo che abbiamo è gestire nel modo più intelligente possibile la delega che ci è rimasta, cioè quella che prevede la gestione e la tutela delle aree agricole. Due sono i modi a disposizione della provincia per preservare il verde: agevolare i percorsi di rete e incentivare le politiche di acquisizione dei parchi.

Quali azioni intende favorire per lo sviluppo sostenibile della provincia, il passaggio alle energie rinnovabili, la riduzione delle emissioni di CO2 e la raccolta dei rifiuti?
I progetti dell'agenda 21 li seguo da parecchi anni e per me il percorso di evoluzione è stato naturale. Il nostro compito? Affiancare i comuni che hanno aderito all'agenda, fornire consulenze gratuite ai cittadini, dare un contributo a chi voglia installare pannelli. Abbiamo lavorato alla posa dei pannelli fotovoltaici sulle scuole e certificato un edificio scolastico a Desio, che oggi è uno dei prototipi di sostenibilità. Per quanto riguarda i rifiuti c'è un piano provinciale, la raccolta funziona benissimo e su questo punto possiamo affermare di essere messi bene.

L'autonomia di MB potrebbe contribuire a rilanciare l'attrattività del territorio, ad esempio facendo finalmente della Villa l'attrazione turistica che merita di essere? Quali sono le sue proposte in merito all'Autodromo?
Abbiamo da tempo inserito la Villa all'interno della costellazione delle ville storiche della Brianza. Il progetto Ville Aperte è stato un successo: l'ultima volta in un solo week end ci sono stati 14000 visitatori. L'Autodromo è un punto di riferimento e sta bene dov'è.

La crisi rischia di accentuare il divario sociale in un paese dalle differenze già molto nette come l'Italia. Come pensa di intervenire per sostenere i ceti più deboli e favorire l'inclusione?
Lo stiamo già facendo. Abbiamo promosso un bando che ha portato 5 milioni di euro a Monza e Brianza. Abbiamo creato AFOL, Agenzia Formazione Orientamento Lavoro, che offre un riferimento ai sindaci e alle amministrazioni che si trovano a gestire situazioni di crisi. Abbiamo perfezionato un'intesa con la Camera di Commercio e i sindacati per avere un  monitoraggio della situazione. Inoltre abbiamo creato un protocollo per anticipare i soldi ai lavoratori.

ponti


In quanto provincia economicamente sviluppata, Monza e Brianza vede una presenza consistente di immigrati. Qual è la sua posizione riguardo la loro integrazione?
Il numero di immigrati è nella media, né più né meno. Dall'ultima ricerca che abbiamo di recente effettuato è emerso come la loro sia una presenza qualificata e come sul nostro territorio ci siano extracomunitari con percorsi formativi importanti. Il livello di disoccupazione tra gli immigrati è basso e ci sono percorsi di integrazione ben riusciti. Tra l'altro una parte significativa delle iscrizioni di nuove imprese alla Camera di Commercio è di extracomunitari. Basta andare a vedere sul sito.

La quota di lavoratrici in Brianza è tra le più alte d'Italia, ma conciliare lavoro e famiglia è sempre più difficile. Che politiche  pensa  di intraprendere in favore delle neomamme?
Ci stiamo impegnando in proposito. Abbiamo finanziato tutte, e sottolineo tutte, le richieste (più di venti progetti) che sono pervenute dai comuni o da parte dei privati per fare nuovi asili nido. Su un intervento complessivo di 18 milioni di euro noi ne abbiamo dati 3 e mezzo.

MB è caratterizzata da un'offerta culturale che negli ultimi anni è cresciuta, ma rimane sottodimensionata rispetto alle potenzialità del territorio, oltre che poco conosciuta dai cittadini. Come intende adoperarsi in questo senso? Esiste un progetto riguardante l'introduzione di nuove facoltà sul territorio?
La cultura è uno dei settori più importanti in assoluto. Abbiamo lavorato per creare una rete che coinvolgesse tutti i comuni. Ci siamo proposti come distretto culturale evoluto e ci siamo aggiudicati la partecipazione ai bandi della fondazione Cariplo. Su 32 progetti in Lombardia il nostro è risultato il primo. Abbiamo creato il primo circuito dei teatri della Brianza. Ho fortemente voluto la facoltà di filosofia a Cesano Maderno e intendo continuare sulla strada intrapresa.

In che modo la nuova provincia di Monza si relazionerà all'Expo 2015?
La provincia porterà uno strumento vero per unire le nostre forze e partecipare con successo all'evento. Ci lavoreremo sodo.

A cosa serve la nuova Provincia MB? Quanto ci costerà? Quanti soldi avrà in dote?
La provincia a Monza e alla Brianza può servire, se ben gestita. Le entrate della provincia sono legate alle tasse automobilistiche, all'addizionale Enel e alle partecipazioni nei vari settori. La provincia di Monza e Brianza potrà contare su 80/90 milioni di euro.

Cosa succede se vincono gli altri?
Ci sarà una gestione meno partecipata e una visione diversa, soprattutto per quanto riguarda il sociale.

Gli autori di Vorrei
Author: Clementina Coppini

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?