Vorrei | Rivista non profit

Rivista di cultura, ambiente e politica.

20150408 locandina

A Renate “Follemente”, una rassegna dedicata alla salute mentale: musica, film, laboratori e mostre

A Renate i ragazzi dell’associazione maltrainsema aprono una nuova rassegna di eventi dedicati questa volta alla salute mentale: tre giornate piene di momenti di divertimento e di spunti per riflettere su un tema tanto dibattuto quanto poco conosciuto. In questa occasione il gruppo di lavoro si allarga, contando sulla collaborazione dell’associazione Proiezione180 di Monza e del centro Ascoltami di Renate. Ciascuno porta le sue competenze specifiche e le sue esperienze in un insieme di proposte adatte davvero a tutti. Il programma è molto ricco e dimostra che anche in Brianza è possibile portare argomenti forti, ma trattati con delicatezza, discorsi scomodi che smovono gli animi, proprio perché infondo riguardano tutti. L’ingresso e la partecipazione sono aperti e gratuiti, l’appuntamento è presso l’auditorium della scuola media statale A. Sassi di Renate, in via 25 aprile.

 

ultimo

 

Il primo giorno, venerdì 10 aprile inizierà con un laboratorio di arteterapia, condotto da me per conto di proiezione180, sono una arteterapeuta e lavoro nel campo della salute mentale da tanto tempo, potendo vedere di persona i risultati di un modo diverso di avvicinarsi fra persone.Dalle 15 alle 17 il laboratorio vedrà protagonisti gli studenti della scuola media coinvolti in una attività creativa ed espressiva legata all’utilizzo delle parole e della “poesia visiva” per favorire l’introspezione e la comunicazione di come “ci si sente”, di cosa “si desidera” in modo accessibile a tutti, semplice e con un contenitore positivo e rassicurante. I ragazzi verranno chiamati attraverso step progressivi a comporre dei messaggi che comunichino all’esterno i propri vissuti. Dalle 17 alle 19 ci sarà un laboratorio di arteterapia anche per gli adulti, genitori, amici o passanti incuriositi che saranno chiamati a lavorare in gruppo a più mani. Le “opere” realizzate, sia dai ragazzi che dagli adulti, andranno a comporre le scenografie dello spettacolo serale delle 21 che, dopo un piacevole rinfresco, vedrà salire sul palco il famoso gruppo modenese degli Psicantria: uno psicologo e uno psichiatra che cantano sulle note delle loro chitarre la loro “versione” del manuale di pisicoterapia e tra un accordo e un barré ci accompagneranno nel mondo della follia. Francesco Guccini che ha scritto la prefazione del loro libro/CD li descrive cosi: “Ma la vera intuizione, da parte di Palmieri e di Grassilli, è che la musica, meglio, la canzone, sia un mezzo fantastico, a poco prezzo, per creare empatia, per suscitare partecipazione: sono pronto a scommettere che queste canzoni, orecchiabili, a volte persino ballabili, riuscirebbero a muovere emozioni anche in chi non fosse particolarmente interessato ad indagare la condizione esistenziale propria ed altrui e che “Mio fratello” e “Abbi cura di te” non sfigurerebbero in nessuna hit parade. La malattia mentale è ancora oggi, purtroppo, un tabù, e alcune patologie sanno suscitare nient’altro che sospetto, diffidenza, paura, anche se certi vissuti sono solo apparentemente distanti e lontani da quelli dei cosiddetti “normali”. E pensare che basterebbe sentir suonare una canzone per ritrovarsi a cantare insieme, a sdrammatizzare, a condividere”.   

Per tutta la durata dell’evento sarà possibile visitare l’esposizione di scatti di Elisa Colombo, eseguiti presso l’ex manicomio di Mombello, dal titolo “Il silenzio che urla”.

Il secondo giorno, Venerdì 17 aprile, sempre presso l’auditorium della scuola media statale A.Sassi, alle ore 20,45, sarà proiettato il film-documentario “Il viaggio di Marco Cavallo”, dei registi Erika Rossi e Giuseppe Tedeschi. Il lungometraggio segue nel suo cammino Marco Cavallo, scultura di un enorme cavallo, che ha girato gli ospedali psichiatrici di Italia portando idealmente dentro di sé i sogni e i desideri degli internati. La triestina Erika Rossi (1974, già vincitrice nel 2012 del Trieste Film Festival con Trieste racconta Basaglia) e Giuseppe Tedeschi (Merano, 1976), illuminano un tema a margini dell'agenda politica, per ricordare, soprattutto a studenti universitari e a operatori del settore che non hanno vissuto la stagione della 180, il lungo cammino verso la richiesta di soluzioni alternative a ricovero coatto e terapia obbligatoria. Una battaglia che, come si ricorda a più riprese, non riguarda solo gli internati, ma la società tutta. Lo fanno mettendosi a servizio di Peppe Dell'Acqua, già direttore dei servizi psichiatrici di Trieste e testimone diretto della rivoluzione basagliana. Il film documenta infatti per lo più i suoi interventi lungo le tappe della campagna Stop OPG, insieme a quelli di altri professionisti del settore. Colpiscono le poche, misurate osservazioni degli ospiti di queste strutture, tra disagio e consapevolezza di un limbo illegale, legato a una vetusta concezione repressiva della malattia. A seguire, approfondimento e dibattito proprio con Peppe Dell’Acqua, ora professore di Psicologia Sociale presso la facoltà di Psicologia, e impegnato nel campo dell’editoria attraverso la collana 180 - Archivio critico della salute mentale

 

 locandina

 

Il terzo e ultimo giorno conclude la rassegna con una grande festa, domenica 26 aprile, presso la comunità terapeutica femminile “A. Stefano Casati” di Renate, in via Imbonati 4, ci sarà l’open-day della struttura e la presentazione del centro AscoltAMI. Alle 14 l’apertura con uno spazio gioco per i bambini, dalle 15 alle 17 si potrà partecipare a vari gruppi esperienziali, tra i quali quelli di training autogeno, mindfullness e dramma terapia. Alle ore 17 andrà in scena “LegAMI: un viaggio verso la cura”, uno spettacolo realizzato e proposto dalle ospiti della struttura. Per concludere, alle 18,30 si terrà un aperitivo offerto accompagnato da uno spettacolo musicale. Durante tutta la giornata sarà possibile mangiare salamelle e patatine,  entrare in una realtà del territorio poco conosciuta e condividere le proposte con ospiti e operatori.

mALTRAinsema

maltrainsema è una associazione culturale
www.facebook.com/maltraveduggio

Proiezione180 è una APS che si occupa di salute mentale e inclusione sociale
http://www.facebook.com/snormale.liberostatodellamente

AsocoltAMI è un servizio della cooperativa ONLUS"A Stefano Casati"
http://www.facebook.com/CentroAscoltAMI

per informazioni sul concerto:
http://www.psicantria.it/ita/

per informazioni sul film:
https://www.youtube.com/watch?v=c_VwUwx5WOk

per approfondimenti:
http://www.facebook.com/pages/Peppe-DellAcqua

Gli autori di Vorrei
Valentina Selini
Author: Valentina Selini

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?