La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza
n. 1927 del 24/9/2008
N° ROC 17857
ISSN 2283-3269

Colophon completo

testata-rubriche

"La vera storia dei Cag a Monza"

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20091120-cag

I Centri di aggregazione giovanile, l'assessore Sassoli, la cooperativa Diapason e la Cesed

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile direttore
Ci eravamo ripromessi come  gruppo di lavoro dell’equipe Cesed operante al CSC di via Zuccoli di scriverle dopo l’aggiudicazione dei nuovi centri giovani (cg) pubblici della città di Monza. Dopo l’aggiudicazione e non prima, perché volevamo verificare se le istanze sollevate circa un anno fa, da più parti, in merito alla vecchia assegnazione del csc fossero fondate o meno. Ed inoltre, scriviamo a bocce ferme, anche per una questione di stile. Nel senso che dire cose fondate su fatti è altra cosa dal dirle immaginandosele.

Scriviamo al suo giornale non tanto perché fosse in prima fila in quella polemica ma in funzione del fatto che è un giornale elettronico al quale si può attingere dall’archivio del sito per verificare di persona, almeno parzialmente, di cosa stiamo parlando e cosa andiamo dicendo. I soggetti più attivi nelle critiche erano la cooperativa Diapason che gestiva precedentemente  il csc, e il vostro collaboratore, esponente politico autorevole della città di Monza, signor Civati, che aveva elaborato la stesura di un dossier sulla cooperativa, che è tutt'ora reperibile sul vostro sito (in questa pagina, NdR).   
A distanza di un anno, ci apprestiamo, quindi,  a scriverle e a riflettere nel merito di quell’antica vicenda…
Come saprà, all’inizio della gestione del CSC  da parte di Cesed vi sono state numerose polemiche, il gruppo consiliare del PD aveva prodotto un dossier e i rappresentanti di Diapason avevano indetto manifestazioni pubbliche per dire e sostenere quanto e come fossero brutti i ciellini, nonostante nessuno dell’equipe del CSC lo fosse, e allo stesso tempo si ventilava da parte degli stessi l’ipotesi di una invasione ciellina e di destra nei servizi educativi rivolti agli adolescenti della città di monza. Il torto sembrava (apparentemente) fosse dato dal fatto che la coop per la quale lavoriamo vantasse tradizioni cattoliche e sia stata associata alla Compagnia delle Opere.
In questo anno ormai alle nostre spalle, il CSC ha considerevolmente  aumentato, dall'anno precedente, il numero di persone che si rivolgono al servizio pubblico da noi gestito per i vari servizi offerti. Ma questo a lei interesserà poco.
La polemica, del resto, ci sembrava che in realtà non fosse tanto centrata sul fatto che noi fossimo di Cl, poi le diremo perché, in particolare per i colleghi di Diapason, ma sostanzialmente perché “non eravamo dei loro”.

Anche se gli educatori sono professionisti che svolgono il loro lavoro a prescindere dalle opinioni politiche e questo almeno i colleghi di Diapason avrebbero dovuto saperlo.
Vorremmo, comunque, rassicurare tutti i cittadini monzesi che magari leggendo gli articoli di allora, apparsi su diversi quotidiani della città, fossero stati indotti a pensare ad una imminente crociata ciellina sul territorio monzese. I fatti sono andati diversamente da quanto questi signori ipotizzavano: i 4 “centri giovani” pubblici andati a bando tra l’estate e il mese di settembre sono saldamente rimasti in mano “a loro” e l’assessorato della dott.ssa Sassoli né l’amministrazione comunale non sembrano essere quello che avevano dipinto al tempo (filo destra e altre cose che per decenza non ripetiamo) dato che le cooperative di “sinistra” (area progressista) spopolano e vincono tutto, gestendo per i prossimi anni, l’80% e oltre degli appalti pubblici sui centri giovani della città (anche se immaginiamo che la vera felicità per alcuni si raggiunga al 100% e pensiamo anche sia possibile per costoro un giorno non troppo distante raggiungere la meta).
Detto questo, anche la coop Diapason, dopo la triste vicenda estiva che l’ha coinvolta e  che ha portato il comune di Milano a minacciare di sospendere i servizi educativi che la coop Diapason gestiva, la stessa cooperativa, dicevamo, sembra aver rivalutato Comunione e Liberazione (Qui e qui approfondimenti sulla vicenda citata nella lettera, NdR).

Qualche settimana fa, infatti, ci sembra che il consiglio comunale di Milano abbia approvato una mozione di solidarietà alla cooperativa Diapason, presentata dalla minoranza, la quale chiedeva che non venissero sospesi i servizi gestiti dalla coop Diapason per quel tremendo fatto di cronaca che ha coinvolto una sua ex operatrice e un utente minorenne (vicenda per la quale abbiamo espresso solidarietà alla coop che nulla centra con gli atteggiamenti di una persona ). La mozione presentata  è stata approvata con il voto di Comunione e Liberazione.
Come vede, gentile direttore, cambiano i tempi, spariscono i dossier (nessun dossier sui vincitori di questa tornata, per fortuna…) i colleghi di Diapason non hanno convocato assemblee pubbliche, e forse, in fin dei conti, cambiano anche le opinioni delle persone. Ad esempio, quelle della  coop Diapason nei confronti dell’amministrazione comunale di Monza.

Tra l’altro, la città di Monza oggi vede crescere ancora di più la presenza di Diapason nei servizi rivolti all’adolescenza e ai giovani, perché, oltre ai Cg già esistenti ne sono stati creati due all’interno di scuole ed uno di questi lo gestirà la coop Diapason, inoltre, ci sembra che alla coop Diapason tocchi l’onore di gestire una parte del progetto Hubyung.

Ancora: l’assessorato, con lungimiranza, ha scelto di affidare la formazione degli operatori dei Cg ad una cooperativa di Cremona che ci sembra vanti solide tradizioni di sinistra, uno dei dirigenti ci pare essere un ex assessore PD di Cremona.

In conclusione, ci sembra di poter dire che l’assessorato della dott.ssa Sassoli sia stato proprio trattato ingiustamente all’epoca dell’assegnazione del Csc e forse anche la coop Cesed.

Non sarebbe stata una brutta cosa leggere da qualche parte una cosa del tipo: ci eravamo sbagliati.

Salutiamo i nuovi centri giovani pubblici della città, uno dei quali sorgerà nella scuola Mamma Rita al confine con Muggiò (ci siamo immaginati se la coop Cesed avesse aperto un Cg piantandolo all’interno di una struttura cattolica e ci sono venuti i brividi pensando a cosa avrebbe potuto scatenare nell’opinione pubblica avversa).
Estremamente divertiti, la salutiamo cordialmente e ci complimentiamo con i colleghi che hanno vinto i bandi giovani.

 

Gentile signor Valeri

mi preme precisare che il dossier a cui fa riferimento fu pubblicato il 22 ottobre del 2008 come intervento messo a disposizione della rivista, esattamente come questa sua lettera. Il fatto che l'autore fosse allo stesso tempo anche nostro collaboratore, non comporta la paternità di Vorrei del contenuto. Avrà infatti notato il "Riceviamo e pubblichiamo" in apertura di entrambe. Non si tratta quindi di materiale prodotto da Vorrei, per cui l'eventuale "ci eravamo sbagliati" non spetterebbe a noi scriverlo.
Cerchiamo di fare del nostro meglio mettendo a disposizione dei lettori lettere e comunicati sulle
le nostre pagine.

Cordiali saluti
AC

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Leggi anche:
  • Quell’autobus per Trezzo …
    Storia (poco natalizia) di un anziano alla stazione di Monza Domenica 23 dicembre 2012, ore 16.50 circa: scendo dal treno Milano –Chiasso alla stazione di Monza, ho circa 20 minuti di attesa prima di prendere il bus che mi porterà a ca...
  • "La vita a Triante"
    Andiamo con ordine. Anni, ormai, di disagi per i lavori infiniti di Viale Lombardia. Chissà quando finiranno, visti i ritmi e i ritardi; intanto, TIR, rumore, clacsonate e inquinamento alle stelle (il record europeo, da vantarsene quasi). ...
  • Quel bosco poco urbano di Lissone
    Un lettore fotografa scene di degrado nella città brianzola: bidoni, catapecchie e immondizia Riceviamo e pubblichiamo Sperando di fare cosa gradita, Vi allego alcune foto, da me personalmente scattate sabato 19/3, per documentare lo...
  • Vorrei la pelle nera
      A Nova Milanese i ragazzini di dipingono il volto per solidarietà contro gli insulti razzisti subiti dalla giocatrice Abiola Riceviamo e pubblichiamo Spett. VORREI Invio alcune fotografie scattate questo fine settimana in cu...
  • VILLA REALE DI MONZA
    mercoledi al liceo zucchi ho assistito alla conferenza di un architetto sulla villa reale di monza e tutti i presenti alla fine se ne sono andati attoniti dopo aver capito che lanostra bella villa reale non solo è stata negli annni  sp...

Commenti  

#1 diego valeri 2009-11-20 21:32
gentile direttore
sono d'acordo con lei, non siete voi a poter ammettere lo sbaglio, voi avete svolto il vostro dovere di informazione e cronaca. Nemmeno pensiamo che qualcuno "debba" dire che si era sbagliato, pensiamo solo che ammette l'errore di valutazione potrebbe essere un atto di buon senso civico e di onestà intellettuale, non tanto o solo nei confronti della cooperativa cesed che continua a svolgere il suo lavoro ma anche e in particolare nei confronti dell'assessore e dell'amministra zione comunale, così, tra l'altro, generosa con i suoi vecchi detrattori, ci riferiamo in particolare alla cooperativa diapason.
Cordialità e ancora grazie per lo spazio concesso.
Citazione
#2 Sergio Civati 2009-11-23 14:53
Caro direttore
quando in una lettera si fanno domande ad altri ma si danno anche risposte, quando si esprimono pre-giudizi su "supposti" collateralismi tra forze politiche e alcune cooperative senza documentarne l'esistenza,cre do manchino le condizioni per un confronto di merito.
Mi rivolgo direttamente a quei lettori che avrannola pazienza di rileggere il mio dossier e constaterebbero così che le criticità sull'appalto CSC erano su un piano tecnico e amministrativo.
Un appalto che palesemente proponeva la possibilità di partecipare, anche a chi non ne aveva i requisiti rispetto al progetto proposto e che definiva punteggi di assegnazione che ne falsavano l'esito, svuotando premialità importanti come l'esperienza acquisita e la dimensione territoriale.
A distanza di molti mesi(?) il Dottor Valeri anzichè entrare nel merito delle questioni, cerca di "buttarla in politica" (uno sport che va per la maggiore ultimamente).
Rispetto ai nuovi appalti l'A.C ha tenuto in debito conto degli appunti mossigli con il ns dossier ed ha così permesso un esito corretto.
Con il Dott. Valeri concordo su una cosa:i progetti e le competenze dovrebbero essere il metro di misura per individuare i soggetti gestori dei progetti e non i collaterismi partitici.
Ricordo al proposito che Cesed, inizò a lavorare con l'Amministrazio ne Faglia di centrosinistra e che Comunione Liberazione non è una forza politica presente in Consiglio Comunale a Milano (lapsus freudiano)Infin e..ad ognuno il suo mestiere: il Cesed faccia bene la cooperativa (senza autoincensarsi, sarà la città a giudicare il vostro lavoro) e che il Pd continui a fare opposizione con lo stesso stile che è quello di fare proposte. Almeno questo non ce lo potrà negare il Dott.Valeri!.
Sergio Civati Consigliere Comunale
Citazione
#3 diego 2009-11-24 09:59
egregio civati
Penso che lei abbia legittimamente svolto il suo ruolo, del resto basta rileggersi la lettera per comprendere cosa è attribuibile ad uno o all'altro soggetto.
Ho solo detto e scritto che, a questo giro,per fortuna, nessun dossier è stato prodotto. Che dire? Tutto è relativo e forse anche un pò soggettivo. Non mi sembra di averla buttata in politica(faccio politica,anche istituzionalmen te, da una vita nella sinistra comunista e mi piacerebbe infilarla ovunque ma ho il senso dell'equilibrio e distinguo i vari ambiti). Ho solo riferito di una serie di dichiarazioni dei colleghi di diapason apparsi sulla stampa al tempo della polemica,dichia razioni che se desiderasse rileggersi le "posto" direttamente sul sito così anche il lettore comprenderà chi aveva lapsus e chi no. Mi fa piacere che lei riconosca correttezza all'amministraz ione(la cosa pubblica è un bene prezioso) e altresì
fa piacere comprendere ora quale fosse l'intento della polemica di allora e mi sembra di capire dal suo scritto che l'obiettivo "politico" sia stato raggiunto. Complimenti vivissimi.
oordialità e stima.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

monzaxmandela-banner

sostieni-vorrei-banner

Dossier. Il consumo consapevole

ebook-banner

20140201-copertina-dossie-r

Portfolio. Illustratori, fotografi e artisti visivi selezionati da Vorrei

WALLSOUND

I commenti

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

Abbonati ai Feed RSS di Vorrei

Copertina