La rivista che vorrei

Registrazione Tribunale di Monza n. 1927 del 24/9/2008 N° ROC 17857 ISSN 2283-3269 Colophon completo

testata-rubriche

"La vera storia dei Cag a Monza"

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

20091120-cag

I Centri di aggregazione giovanile, l'assessore Sassoli, la cooperativa Diapason e la Cesed

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile direttore
Ci eravamo ripromessi come  gruppo di lavoro dell’equipe Cesed operante al CSC di via Zuccoli di scriverle dopo l’aggiudicazione dei nuovi centri giovani (cg) pubblici della città di Monza. Dopo l’aggiudicazione e non prima, perché volevamo verificare se le istanze sollevate circa un anno fa, da più parti, in merito alla vecchia assegnazione del csc fossero fondate o meno. Ed inoltre, scriviamo a bocce ferme, anche per una questione di stile. Nel senso che dire cose fondate su fatti è altra cosa dal dirle immaginandosele.

Scriviamo al suo giornale non tanto perché fosse in prima fila in quella polemica ma in funzione del fatto che è un giornale elettronico al quale si può attingere dall’archivio del sito per verificare di persona, almeno parzialmente, di cosa stiamo parlando e cosa andiamo dicendo. I soggetti più attivi nelle critiche erano la cooperativa Diapason che gestiva precedentemente  il csc, e il vostro collaboratore, esponente politico autorevole della città di Monza, signor Civati, che aveva elaborato la stesura di un dossier sulla cooperativa, che è tutt'ora reperibile sul vostro sito (in questa pagina, NdR).   
A distanza di un anno, ci apprestiamo, quindi,  a scriverle e a riflettere nel merito di quell’antica vicenda…
Come saprà, all’inizio della gestione del CSC  da parte di Cesed vi sono state numerose polemiche, il gruppo consiliare del PD aveva prodotto un dossier e i rappresentanti di Diapason avevano indetto manifestazioni pubbliche per dire e sostenere quanto e come fossero brutti i ciellini, nonostante nessuno dell’equipe del CSC lo fosse, e allo stesso tempo si ventilava da parte degli stessi l’ipotesi di una invasione ciellina e di destra nei servizi educativi rivolti agli adolescenti della città di monza. Il torto sembrava (apparentemente) fosse dato dal fatto che la coop per la quale lavoriamo vantasse tradizioni cattoliche e sia stata associata alla Compagnia delle Opere.
In questo anno ormai alle nostre spalle, il CSC ha considerevolmente  aumentato, dall'anno precedente, il numero di persone che si rivolgono al servizio pubblico da noi gestito per i vari servizi offerti. Ma questo a lei interesserà poco.
La polemica, del resto, ci sembrava che in realtà non fosse tanto centrata sul fatto che noi fossimo di Cl, poi le diremo perché, in particolare per i colleghi di Diapason, ma sostanzialmente perché “non eravamo dei loro”.

Anche se gli educatori sono professionisti che svolgono il loro lavoro a prescindere dalle opinioni politiche e questo almeno i colleghi di Diapason avrebbero dovuto saperlo.
Vorremmo, comunque, rassicurare tutti i cittadini monzesi che magari leggendo gli articoli di allora, apparsi su diversi quotidiani della città, fossero stati indotti a pensare ad una imminente crociata ciellina sul territorio monzese. I fatti sono andati diversamente da quanto questi signori ipotizzavano: i 4 “centri giovani” pubblici andati a bando tra l’estate e il mese di settembre sono saldamente rimasti in mano “a loro” e l’assessorato della dott.ssa Sassoli né l’amministrazione comunale non sembrano essere quello che avevano dipinto al tempo (filo destra e altre cose che per decenza non ripetiamo) dato che le cooperative di “sinistra” (area progressista) spopolano e vincono tutto, gestendo per i prossimi anni, l’80% e oltre degli appalti pubblici sui centri giovani della città (anche se immaginiamo che la vera felicità per alcuni si raggiunga al 100% e pensiamo anche sia possibile per costoro un giorno non troppo distante raggiungere la meta).
Detto questo, anche la coop Diapason, dopo la triste vicenda estiva che l’ha coinvolta e  che ha portato il comune di Milano a minacciare di sospendere i servizi educativi che la coop Diapason gestiva, la stessa cooperativa, dicevamo, sembra aver rivalutato Comunione e Liberazione (Qui e qui approfondimenti sulla vicenda citata nella lettera, NdR).

Qualche settimana fa, infatti, ci sembra che il consiglio comunale di Milano abbia approvato una mozione di solidarietà alla cooperativa Diapason, presentata dalla minoranza, la quale chiedeva che non venissero sospesi i servizi gestiti dalla coop Diapason per quel tremendo fatto di cronaca che ha coinvolto una sua ex operatrice e un utente minorenne (vicenda per la quale abbiamo espresso solidarietà alla coop che nulla centra con gli atteggiamenti di una persona ). La mozione presentata  è stata approvata con il voto di Comunione e Liberazione.
Come vede, gentile direttore, cambiano i tempi, spariscono i dossier (nessun dossier sui vincitori di questa tornata, per fortuna…) i colleghi di Diapason non hanno convocato assemblee pubbliche, e forse, in fin dei conti, cambiano anche le opinioni delle persone. Ad esempio, quelle della  coop Diapason nei confronti dell’amministrazione comunale di Monza.

Tra l’altro, la città di Monza oggi vede crescere ancora di più la presenza di Diapason nei servizi rivolti all’adolescenza e ai giovani, perché, oltre ai Cg già esistenti ne sono stati creati due all’interno di scuole ed uno di questi lo gestirà la coop Diapason, inoltre, ci sembra che alla coop Diapason tocchi l’onore di gestire una parte del progetto Hubyung.

Ancora: l’assessorato, con lungimiranza, ha scelto di affidare la formazione degli operatori dei Cg ad una cooperativa di Cremona che ci sembra vanti solide tradizioni di sinistra, uno dei dirigenti ci pare essere un ex assessore PD di Cremona.

In conclusione, ci sembra di poter dire che l’assessorato della dott.ssa Sassoli sia stato proprio trattato ingiustamente all’epoca dell’assegnazione del Csc e forse anche la coop Cesed.

Non sarebbe stata una brutta cosa leggere da qualche parte una cosa del tipo: ci eravamo sbagliati.

Salutiamo i nuovi centri giovani pubblici della città, uno dei quali sorgerà nella scuola Mamma Rita al confine con Muggiò (ci siamo immaginati se la coop Cesed avesse aperto un Cg piantandolo all’interno di una struttura cattolica e ci sono venuti i brividi pensando a cosa avrebbe potuto scatenare nell’opinione pubblica avversa).
Estremamente divertiti, la salutiamo cordialmente e ci complimentiamo con i colleghi che hanno vinto i bandi giovani.

 

Gentile signor Valeri

mi preme precisare che il dossier a cui fa riferimento fu pubblicato il 22 ottobre del 2008 come intervento messo a disposizione della rivista, esattamente come questa sua lettera. Il fatto che l'autore fosse allo stesso tempo anche nostro collaboratore, non comporta la paternità di Vorrei del contenuto. Avrà infatti notato il "Riceviamo e pubblichiamo" in apertura di entrambe. Non si tratta quindi di materiale prodotto da Vorrei, per cui l'eventuale "ci eravamo sbagliati" non spetterebbe a noi scriverlo.
Cerchiamo di fare del nostro meglio mettendo a disposizione dei lettori lettere e comunicati sulle
le nostre pagine.

Cordiali saluti
AC

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

sostieni-vorrei-banner

ebook-banner

cover-portfolio

WALLSOUND

segnalart

Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti, le novità e le iniziative di Vorrei

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Maggio 2014

Maggio 2014

Le donne, ad esempio

Marzo 2014

Marzo 2014

Il consumo consapevole

Febbraio 2014

Febbraio 2014

Start up, green economy, innovazione

Dicembre 2013

Dicembre 2013

Brianza che vieni. Brianza che vai.

Novembe 2013

Novembe 2013

Spiritualità vo cercando

Settembre 2013

Settembre 2013

Ecologia dell'informazione

Luglio 2013

Luglio 2013

Vecchie povertà, nuovi mestieri

Maggio 2013

Maggio 2013

Braccia ridate all'agricoltura

Aprile 2013

Aprile 2013

La verità, vi prego, sulla politica

Febbraio 2013

Febbraio 2013

Di che tribù sei?

Gennaio 2013

Gennaio 2013

Spazi comuni, luoghi di socializzazione.

Dicembre 2012

Dicembre 2012

L'amore (di questi tempi)

Novembre 2012

Novembre 2012

La Provincia di Monza e Brianza

Ottobre 2012

Ottobre 2012

Non si esce vivi dagli anni Ottanta

Primavera 2011

Primavera 2011

Ecomostri.

Inverno 2010

Inverno 2010

Il pacco di Natale del sindaco a Monza

Ottobre 2010

Ottobre 2010

Il povero Lambro

Maggio 2010

Maggio 2010

Noi siamo quel che mangiamo (e beviamo)

Marzo 2010

Marzo 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010

Febbraio 2010

Febbraio 2010

Lavoro cercasi.

Dicembre 2009

Dicembre 2009

Casa, amara casa.

Novembre 2009

Novembre 2009

Mobilità.

Ottobre 2009

Ottobre 2009

Brianza, terra di cultura?

Luglio Agosto 2009

Luglio Agosto 2009

Anime migranti

Giugno 2009

Giugno 2009

La Brianza al voto  

Maggio 2009

Maggio 2009

Donne di Brianza

Aprile 2009

Aprile 2009

Produci, consuma, crepa.  

Marzo 2009

Marzo 2009

Allarmanti allarmi

Febbraio 2009

Febbraio 2009

Uomini sull'orlo di una crisi economica

Gennaio 2009

Gennaio 2009

  È la stampa bellezza.

Dicembre 2008

Dicembre 2008

  Vent'anni. Senza condizionale.  

Novembre 2008

Novembre 2008

  La scuola e il doposcuola.

Settembre ottobre 2008

Settembre ottobre 2008

  Il Parco e la Villa Reale di Monza

Luglio agosto 2008

Luglio agosto 2008

  Il Sessantotto e gli anni Settanta.

Giugno 2008

Giugno 2008

  La Lega.

Maggio 2008

Maggio 2008

  Monza e la Brianza, futuro prossimo.