Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

20081118-stefano_bollani.big.jpg

Riceviamo e pubblichiamo

Stefano Bollani e i Visionari
i Lampi accendono il Teatro Manzoni di Monza
venerdì 21 novembre 2008

Stefano Bollani torna a Lampi per la terza volta:
nel 2004 era con Bobo Rondelli, nel 2007 in solo, questa volta in quintetto

Monza 23 ottobre 2008 – venerdì 21 novembre 2008, al Teatro Manzoni per il secondo anno consecutivo, Stefano Bollani, il numero uno del jazz italiano, arriverà a Monza questa volta accompagnato da I Visionari, sua formazione di fiducia: Mirko Guerrini sax e flauto, Nico Gori clarinetto, Ferruccio Spinetti contrabbasso e Cristian Calcagnile batteria.

Lampi, la sesta edizione, ideata da Saul Beretta e prodotta dall’Associazione Musicamorfosi, promossa dal Comune di Monza Assessorato alla Cultura con il contributo dalla Provincia di Milano, Direzione Monza e Brianza. Da ottobre 2008 a aprile 2009 sette spettacoli in undici serate, con i migliori compositori/performer del panorama italiano e internazionale: Stefano Bollani, Uri Caine e Bojan Z., Giovanni Falzone, Arsene Duevi, La Crus e Ernst Reijseger

Stefano Bollani e I Visionari ci regaleranno un concerto jazz di cui è difficile ora delimitare i confini, perché l’esuberanza artistica e teatrale di Stefano Bollani è ben supportata dalla versatilità di Cristian Calcagnile e Nico Gori, dall’ironia di Mirko Guerrini e dalla maestria giocosa del contrabbasso di Ferruccio Spinetti, ex Avion Travel, nonché partner artistico di Petra Magoni nel celebrato duo Musica Nuda.

Tra citazioni e elaborazioni di musica di ogni genere, i Visionari saltano, giocano, scherzano e suonano, magistralmente suonano, in perfetto equilibrio tra jazz, pop, classica e raffinati echi popolari e etnici. Il nome della formazione deriva dalle “Visions fugitives” di Prokofiev, dalla grande passione classica di Stefano Bollani, diplomato in pianoforte al Conservatorio Cherubini di Firenze.

In occasione del concerto di  Stefano Bollani e I Visionari, Musicamorfosi lancia la sua nuova etichetta LAMPI il cui primo titolo è il cd con il best della stagione LAMPI 2007-2008 contenente dodici brani assolutamente inediti di Stefano Bollani, Giovanni Sollima, Giovanni Falzone, Musicamorfosi e interpretazioni live di brani di Graham Fitkin, Giovanni Venosta, Mario Brunello ed Ennio Morricone.

Il cd LAMPI contiene due brani inediti di Stefano Bollani; di quello intitolato ‘Monza, Monza’ lo stesso Bollani dice “Non pensavo che Monza fosse per me così ispirante”

Stefano Bollani è uno dei musicisti più riconosciuti a livello nazionale ed internazionale: ha collaborato con grandissimi musicisti: da Richard Galliano a Gato Barbieri, da Pat Metheny a Michel Portal, da Lee Konitz a Enrico Rava; fino ad arrivare quest’anno ad un prestigioso concerto con Caetano Veloso e in duo con  Bobby McFerrin alla Fenice di Venezia. Suona sui palchi più prestigiosi del mondo, da Umbria Jazz al Festival di Montreal, dalla Town Hall di New York alla Scala di Milano. Nel 2007 è vincitore del prestigioso Hans Koller European Jazz Prize come migliore musicista europeo dell’anno.

Teatro Manzoni, via Manzoni 23, Monza - Il concerto inizia alle ore 21.00.

Biglietti: Platea Intero € 25,00 Ridotto € 22,00 – Galleria e Balconata Intero € 18,00 Ridotto € 15,00.

Per informazioni e prenotazioni 331 4519922 – info@musicamorfosi.it

Da quest’anno è attivo il sistema di prevendita Vivaticket by Charta, tel 899666805, www.vivaticket.it

www.musicamorfosi.it/LAMPI/LAMPI.html

Ufficio stampa: Marta Maggioni - mcm@musicamorfosi.it – 331 6895757

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?