Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Print Friendly, PDF & Email

manifesto.jpg

"Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario. Lei mi crede pianista in un bordello" era il titolo di un libro di Jacques Séguéla che giocava sulla scarsa reputazione di cui da sempre godono coloro che lavorano per la pubblicità; moralmente un gradino sotto i pedofili, direbbe qualcun altro. Nella lotta alla caccia della peggior immagine pubblica, da oggi art director, copywriter e account dovranno vedersela con un'altra categoria di professionisti, quella dei giornalisti. La ricerca curata da Astra Ricerche e commissionata dall'ordine dei gionalisti della Lombardia non lascia dubbi: i giornalisti fanno schifo al popolo. Servi, ignoranti, arroganti, antipatici... Una vera e propria valanga di insulti è stata raccolta fra gli intervistati e rivolta ai lavoratori della stampa italiana. Di ciò risente anche la pubblicità che i giornali ospitano (traendone linfa vitale). Per ottenere la stessa efficacia, le aziende devono oggi investire il doppio, al netto dell'inflazione, rispetto al 1991. Ovvio che per l'advertising le cause sono molte di più (scarsa creatività, affollamento, ripetitività, perdita di credibilità e di attrattività...), ma la considerazione che i lettori/spettatori hanno dell'informazione nostrana è disarmante.

La cura? gli intervistati hanno reclamato un giornalismo forte, autorevole, competente, avvocato della verità, appassionato e utile. Ma allora perchè poi guardano ancora così tanto la tv, viene da chiedersi.

Ecco alcuni grafici tratti dalla sintesi della ricerca. Più chiari di così...

immagine-sociale.jpg

ritratto.jpg

immagine-sociale-supertipologia.jpg

utilita.jpg

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)