Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

Vasche laminazione del Seveso, L'eurodeputata Evi (M5S): "Il Parlamento europeo dà ragione ai cittadini”

"Una prima vittoria dei cittadini la cui voce è arrivata al cuore delle istituzioni europee grazie al ruolo decisivo del Movimento 5 Stelle Europa che ha chiesto la trattazione urgente della petizione contro le vasche di laminazione di Senago". Non ha dubbi l'eurodeputata Eleonora Evi a definire come un grande risultato il sostegno dato dalla commissione petizioni del Parlamento Europeo alle richieste dei cittadini. “La petizione rimarrà aperta e la presidente della commissione invierà a Regione Lombardia e Comune di Milano, i principali finanziatori del progetto, una lettera per esprimere la sua forte preoccupazione rispetto alla costruzione delle vasche di laminazione, nel tentativo di fermare questo scempio del territorio” spiega Evi.

"Questo progetto prevede la distruzione di 17 ettari del Parco delle Groane – spiega Riccardo Tagni, consigliere comunale di Senago presente all’audizione - e lo stoccaggio nelle vasche di acqua altamente inquinata. E' assurdo che si continui a cementificare, mentre invece dovremmo liberare terreno, e a pensare che si possa raccogliere acqua che secondo l'ARPA contiene metalli pesanti, glifosato, altri inquinanti e Cromo Esavalente".

Oggi, a Bruxelles, anche una delegazione di cittadini sostenitori e firmatari della petizione, tra cui il coordinatore Giovanni Cortese, sua figlia Marina, biologa, e il medico Roberto Borghi. Presente anche la Sindaca, Magda Beretta, che ha preso parola subito dopo i firmatari della petizione, creando un precedente in merito, ovvero l'intervento in aula di un'autorità locale senza il consenso dei firmatari. Questo ha spinto l'eurodeputata Evi a chiedere di attenzionare questa circostanza inedita. "Questa è la commissione petizione del Parlamento Europeo e, pur apprezzando la presenza e il sostegno della Sindaca alla richiesta dei firmatari, il mio obiettivo è l'esclusiva tutela dell'integrità del diritto di petizione, creato per dare centralità ai cittadini. Gli amministratori locali hanno altri luoghi per far sentire la loro voce. In questo caso, tra la Sindaca e i cittadini c'è stata uniformità di vedute, ma cosa sarebbe successo se avesse avuto una visione differente? I membri della commissione a chi avrebbero dato più ascolto e valore: ai cittadini o all'amministratore locale? Alcune volte gli amministratori locali hanno partecipato, è vero, ma si è sempre trattato di casi in cui erano loro stessi i primi firmatari delle petizioni o avevano il consenso dei proponenti. Questo caso è diverso e non dobbiamo neanche dimenticarci che il partito di appartenenza della Sindaca ha appoggiato e finanziato a livello regionale tale progetto. Ci aspettiamo, a questo punto, che la Sindaca si attivi immediatamente in Regione Lombardia, mettendo al primo posto i propri cittadini rispetto al partito di appartenenza".

Una buona pagina di politica europea è stata scritta oggi nei palazzi di Bruxelles. Palazzi da cui i cittadini sono usciti soddisfatti del risultato e motivati a continuare la battaglia. "Un ottimo risultato – conclude Evi – che ci spinge ad andare avanti, sempre dalla parte dei cittadini, perché è questa, per noi, la vera democrazia diretta".

Print Friendly, PDF & Email

Invernizzi incontra gli studenti del Castiglioni che hanno partecipato al progetto di sensibilizzazione ambientale Eco Friendly High School

Monza, 24 aprile 2018. Questa mattina il Presidente della Provincia MB Roberto Invernizzi ha incontrato a Limbiate gli alunni dell’istituto Castiglioni coinvolti nel progetto di sensibilizzazione ambientale  eTwinning e SERR denominato “Eco – friendly High School”.

Il Presidente, dopo aver ricevuto una lettera inviata dai ragazzi che hanno voluto condividere l’esperienza pratica di raccolta differenziata anche con le istituzioni, ha deciso di incontrarli per ringraziarli dell’esempio positivo che hanno saputo proporre prendendosi cura dell’area che li ospita.

E’ stato un piacere incontrare i ragazzi e rispondere alle loro domande. L’area di Mombello appartiene al patrimonio immobiliare della Provincia, un’area strategica all’interno del Parco delle Groane su cui si stanno concretizzando  diversi progetti importanti di valorizzazione e riqualificazione con altri attori. Ritengo  importante che i ragazzi imparino a vivere la scuola non solo come luogo di lezione ma anche come luogo di cui prendersi cura con maggiore consapevolezza e responsabilità. La Provincia sta portando avanti una battaglia di civiltà che riguarda il fenomeno dell’abbandono rifiuti sulle strade provinciali: penso che esperienze come questa siano importanti per formare i cittadini di domani. Ringrazio per questo anche  il Preside e gli insegnanti che hanno coinvolto i ragazzi in un progetto educativo sul valore dell’ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email

MONZA BIKE SHARING PRESENTA [TO]GETHER LA PROMOZIONE PENSATA PER I GRUPPI DI PERSONE CHE DESIDERANO SCOPRIRE LA CITTÀ IN MODO ALTERNATIVO

La primavera è esplosa con i suoi colori e i suoi profumi e porta con sé il desiderio di vivere la città, i suoi divertimenti, le sue proposte culturali, i luoghi e gli spazi che offre, non solo per i cittadini, ma anche per chi la visita come turista o per appuntamenti di lavoro.

Per questo MONZA BIKE SHARING, il bike sharing di Monza, lancia una nuova promozione che si rivolge ai gruppi di persone che desiderano vivere la città in modo alternativo, sostenibile, conviviale e, soprattutto, condiviso.

[TO]GETHER è la nuova promozione che offre la possibilità di acquistare gli abbonamenti di breve durata ad un prezzo agevolato, dando così la possibilità a più utenti di condividere non solo interessi, divertimenti e tempo libero, ma anche un mezzo come la bicicletta ideale per muoversi in città nelle belle giornate di sole o nelle calde serate primaverili.

La nuova promozione [TO]GETHER fornisce uno sconto sull’acquisto degli abbonamenti della durata di un giorno e due giorni di MONZA BIKE SHARING, ovvero 4FORYOU e 8FORYOU. Acquistando un abbonamento 4FORYOU, al costo di €8,00 (incluse 4 ore di utilizzo senza scatto tariffario nell’arco dell’intera giornata) o un abbonamento 8FORYOU al costo di €13,00 (incluse 8 ore di utilizzo senza scatto tariffario suddivise in due giornate) si avrà la possibilità di acquistare gli altri abbonamenti per i compagni di viaggio ad un prezzo speciale: 4FORYOU al costo di €5,00 e 8FORYOU al costo di €8,00.

La promozione, valida fino al 30 settembre 2018, non prevede un numero massimo di acquisti al prezzo agevolato. Una bella iniziativa per chi desidera utilizzare la bicicletta come mezzo alternativo per i propri spostamenti, rinunciando a utilizzare i mezzi privati e contribuendo così a migliorare anche l’ambiente che ci circonda.

La promozione [TO]GETHER è disponibile presso le rivendite autorizzate consultabili sul sito http://convenzioni.bicincitta.com/promozioni/35-to-gether.

Print Friendly, PDF & Email

                       L’ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI DI MONZA E BRIANZA

La mostra  sarà presentata da Anty Pansera storico del Design

                                  “SFAVILLIO DI SMALTI : lo Studio del Campo” 1957-1997

                                                       3 – 13 Maggio 2018                                         

                             Saletta Reale – Stazione di Monza

                                        INAUGURAZIONE  : 3 MAGGIO 2018  ORE 18,30

 

L’Associazione Amici dei Musei di Monza e Brianza con il Patrocinio del Comune di Monza e il patrocinio dell’Associazione DcomeDesign, presenta la mostra Sfavillio di Smalti: lo Studio del Campo 1957-1997, mostra dedicata alla bottega di smaltatori Studio del Campo, attiva a Torino: un gruppo di quattro artisti-artigiani - Virgilio Bari e Lidia Lanfranconi, Euclide Chiambretti e Bianca Tuninetto – uniti nel lavoro e nella vita, che hanno saputo confrontarsi con le esperienze artistiche a loro contemporanee e allo stesso tempo con il disegno industriale che si stava affermando nella metà degli anni ’50, raggiungendo esiti originali e unici nel panorama italiano del secondo Novecento.

E’ una storia fatta di amore e dedizione ad un’arte – quella dello smalto – che consente una infinita libertà espressiva e che i Del Campo riuscirono a esplorare usando tutte le tecniche e le illimitate possibilità cromatiche, coniugandole ad un vocabolario stilistico molto ampio, aperta tanto all'antichità medievale che all'astrattismo contemporaneo.

Gli accessori e i complementi d’arredo vanno da piatti, ciotole e vasi, oggetti d’uso, senza dimenticare la serie di oggetti bicromi realizzati su disegno di Gio Ponti nel 1957. In questo ambito Studio del Campo, e nelle opere più strettamente decorative, usa uno stile definito e compiuto, caratterizzato da una linea capace di valorizzare il disegno e la consistenza luminosa, attraverso le finissime linee graffite che rivestono di chiaroscuri le superfici, e gli smalti monocromi che ne fanno esplodere la brillantezza e il risalto nello spazio.

Le opere sacre e le sculture invece sono caratterizzate dalla rappresentazione di un’umanità che lotta per la sopravvivenza quotidiana, visibile anche nelle proposte più astratte: in una prima fase viene usata la giustapposizione di piani per la costruzione di scene complesse, dinamiche e plastiche, per poi passare, tra la fine degli ani ’70 e i primi ani ’80 a effetti che guardano più al dinamismo di matrice futurista, virando più verso l’astrazione con una riduzione delle superfici smaltate a favore dell’utilizzo dell’acciaio.

Studio del Campo rappresenta anche la storia condivisa di un’amicizia e di una passione che portò i quattro torinesi a conoscersi nei primi anni ‘50 presso la “Comunità Artistica Torino” di Idro Colombi,(V.alcuni pezzi in mostra) da cui poi si distaccarono nel 1955 per fondare la propria bottega. La Triennale di Milano li tenne a battesimo nel 1957 e da quel momento fino al 1997 numerosi furono gli architetti, i designer, gli artisti, i critici e le gallerie d'arte con cui la bottega entrò in relazione: Gio Ponti, Toni Cordero, Romano Rui, Nanni Valentini, Bruno Munari, Filippo Scroppo, solo per citarne alcuni e molte le gallerie in cui esposero tra cui Martina,Il Sestante , Bosisio Arte. Parteciparono a tre edizioni della Triennale di Milano, a tutte le più grandi fiere campionarie e di arredamento italiane ed europee; esposero in Giappone e negli Stati Uniti (collaborazione trentennale con la galleria Hudson&Rissman di Los Angeles); ricevettero anche grandi committenze pubbliche, tra cui l’incarico della  decorazione delle cabine di prima classe degli ultimi transatlantici italiani, le turbonavi Michelangelo e Raffaello, nel 1963.

Virgilio Bari e Lidia Lanfranconi, Euclide Chiambretti e Bianca Tuninetto furono figure totalmente all’avanguardia per l’epoca storica in cui iniziarono a lavorare – addirittura per i primi anni di attività ebbero un manager ante litteram, Luciano Goretti, che curò le public relation. Riservati per indole, scelsero di volersi sempre presentare come gruppo senza mai dare risalto alle singole individualità, e forse è stato anche questo il segreto del successo che permise loro di unire una fervida immaginazione ad una raffinata padronanza della tecnica dello smalto. Le loro opere erano tutte firmate “del Campo”.

Print Friendly, PDF & Email

Street FUD Festival, dall’11 al 13 maggio Piazza Mercato ospita il cibo da strada

Ci saranno trucks e cucine mobili con i loro profumi e colori, proposte diversificate per gustare cibo di strada nel rispetto delle antiche ricette e con la cura degli ingredienti scelti, oltre a spettacoli e live music che contribuiranno a costruire un’autentica atmosfera di festa.

Dall’11 al 13 maggio, Piazza Mercato (Piazzale degli Umiliati) ospita lo Street FUD Festival, evento promosso dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Tipico Eventi interamente dedicato al cibo da strada e ad una straordinaria avventura fra i sapori del nostro Paese.

“Dopo le oltre 10.000 presenze registrate ad inizio aprile - commenta Alessandro Merlino, assessore allo Sviluppo Economico con delega al Commercio - la città di Lissone ospita un altro appuntamento imperdibile in cui cibo e intrattenimento si uniscono in un mix ospitato in un contesto inedito, quale quello della Piazza Mercato”.

Nella tre giorni dedicata alla manifestazione, sarà così possibile compiere una passeggiata gastronomica che permetterà di scoprire – e riscoprire – i piatti tipici delle nostre Regioni.

In Piazza Mercato spazio quindi a Pani ca meusa, sushi di strada, tigelle, verdure pastellate, panini gourmet, panzerotti, gnocco fritto, frittura di pesce, carne alla griglia, panini con la chianina, olive ascolane, arrosticini, pasta take way, arancini e cannoli siciliani, hamburger, bruschette, fish&chips, salsicceria, panini con la chianina, hamburger di vera fassona, panino con polipo alla brace, olive ascolane, crocchette di merluzzo-peperoncino-capperi-olive, freciula, agnolotti fatti a mano, tartufi, piadina romagnola, panino con panelle, grigliate di gamberi, hamburger di tonno, mozzarelle fritte, facaccia umbra, salumi nostrani, frittelle e tanto altro. Saranno inoltre allestite due zone beverage con birrifici artigianali e vinerie.

L’inaugurazione dello Street Füd Festival è prevista per venerdì 11 maggio alle 18, con chiusura a mezzanotte. Sabato 12 maggio il Festival del cibo da strada aprirà alle 11 per concludersi sempre a mezzanotte, infine domenica 13 maggio tutti gli stand resteranno aperti dalle 11 alle 23.

L'ingresso per la clientela ai truck, agli stand e agli spettacoli sarà gratuito in tutti i 3 giorni.

Prevista live music con cover di Vasco nella serata di venerdì e cover di Max Pezzali e 883 in quella di sabato. Domenica 13 maggio, dj set con revival anni Settanta e Ottanta.

Lissone, 24 Aprile 2018

Print Friendly, PDF & Email

MONZA DIREZIONE FUTURO – L’EVOLUZIONE POSSIBILE

Idee, esperienze, buone pratiche:

primo ciclo di incontri su ambiente, trasporti,

mobilità sostenibile per il futuro di Monza

Dopo l’interessante ed accurata esposizione del Rapporto di Legambiente “Ecosistema urbano 2017” effettuata da Andrea Poggio e l’incontro con le esperienze di Mantova e Varese presentate dagli assessori Paola Nobis e Andrea Civati,  proseguiamo il primo ciclo dedicato alla mobilità sostenibile, ambiente e  trasporti per il futuro di Monza, promosso e organizzato da Città Persone, con il patrocinio di Camera di Commercio Milano Monza Brianza Lodi e del Comune di Monza con l’incontro

Mobilità dolce, piste e corsie ciclabili, posteggi e città a misura di bici: le esperienze di Brescia e Vimercate

 MERCOLEDI’, 2 MAGGIO, ORE 21

SALA CARVER – BINARIO 7

Via Turati, 8 – Monza

Intervengono:

Federico Manzoni, assessore a Brescia per Politiche della Mobilità e Traffico;

Maurizio Bertinelli, assessore a Vimercate per Ambiente, Trasporto pubblico e Mobilità sostenibile;

Pasquale Scalambrino, presidente MonzaInBici.

  • Analisi, riflessioni, idee  e  proposte pratiche con l’aiuto di esperti, amministratori locali, addetti del settore e con i contributi  di Legambiente, MonzaInBici, Collegio Ingegneri e Architetti di Monza.

A tutti gli incontri sono invitati Sindaco e Assessori competenti dell’attuale e della precedente amministrazione di Monza e relativi funzionari del settore.

Associazione Città Persone

Print Friendly, PDF & Email

Oggi, come ogni 23 aprile, si festeggia la Giornata del Libro e del Diritto d'Autore 2018 patrocinata dall’Unesco. Nota anche come Giornata del libro e delle rose, è un evento nato nel 1996 per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright. Sagoma Editore, casa editrice vimercatese specializzata in storia della comicità e dello spettacolo, per il terzo anno consecutivo promuove questa giornata anche nella “sua” città, mutuando un’analoga iniziativa modenese, ovvero quella di calare un cestino colmo di libri dal terrazzino della sua sede storica (via Vittorio Emanuele, 27 a Vimercate) dal quale chiunque può attingere libri gratis fino alle 18:00! Nel frattempo sul sito della casa editrice (www.libridivertenti.it) fino alla mezzanotte è possibile usufruire del 33% di sconto su tutti i suoi titoli compresi i bestseller See You Later, sulla vita del “cumenda” Guido Nicheli e Mr Laurel & Mr Hardy, titolo che non richiede spiegazioni… Insomma, buona lettura a tutti!

Print Friendly, PDF & Email

Sabato 28 aprile a Monza: banco contro lo sfruttamento degli animali. Debutta l'esposizione "Da Laika alla Volkswagen, 60 anni di sfruttamento animale".

Per tutta la giornata di sabato 28 aprile 2018 sarà allestito in centro Monza il banco ENPA contro ogni forma di sfruttamento animale.

Per l'occasione ENPA sezione di Monza e Brianza ha realizzato una interessantissima mostra dal titolo "Da Laika alla Volkswagen, 60 anni di sfruttamento animale". Nei pannelli espositivi e nei volantini che distribuiremo a quanti ne faranno richiesta saranno trattati solo alcune degli esempi di sfruttamento cui l'uomo, convinto assertore del concetto di antropocentrismo che pone la specie umana al centro dell'universo, sottopone le altre specie con cui convive sul pianeta. Attribuendo a se stesso ogni parametro di valutazione e giudizio, partendo dall’assunto di disporre maggior diritto alla vita di qualsiasi altro essere vivente, gli (altri) animali sono, di conseguenza, al suo servizio e quindi sacrificabili al suo benessere, alla sua comodità e al suo divertimento.

Sei sono i temi scelti per illustrare, sia pur brevemente - nei cartelli e nei volantini - il viaggio degli ultimi 60 anni di sfruttamento degli animali.

"Laika, cosmonauta “per forza”. Un viaggio di solo andata" (la cagnolina mandata in orbita nel 1957 e morta nello spazio).

"Gli spettacoli con animali: divertenti da morire" (dai palii con i cavalli a quelli con rane e oche fino alle assurde corse in tante città spagnole di locali e turisti insieme ai tori).

"La tragedia dell’importazione selvaggia di animali" (sempre attuale in virtù della costante richiesta da parte degli Italiani di cuccioli di razza, soprattutto di taglia piccola e che comporta massacranti viaggi di animali in giovanissima età imbottiti di farmaci per mascherare eventuali problemi e con documenti falsificati).

"Schiavi dei turisti" (gli infiniti abusi fisici e psicologici degli operatori turistici per fornire intrattenimenti ai turisti in tutto il mondo, ad esempio la possibilità di "coccolare" animali selvatici strappati dal loro habitat naturale).

"I combattimenti clandestini: lottare fino alla morte" (dalla crudeltà degli allenamenti mirati a esaltare l'aggressività alle scommesse clandestine passando per i furti di cani di proprietà usati per la riproduzione, il combattimento o semplicemente come “esca”).

"Dieci scimmie e un Maggiolino" (il recente scandalo delle scimmie rinchiuse in una vetrina e costrette a respirare i gas di scarico del nuovo modello diesel del Volkswagen Maggiolino).

Altri volantini disponibili gratuitamente al banco riguardano argomenti dai circhi e gli zoo agli allevamenti intensivi, dalle pellicce alla caccia.

Al banco - presente in Via Italia nei pressi della Feltrinelli sabato dalle 9:30 alle 19:00 circa - troverete inoltre una bella selezione di accattivanti gadget e idee regalo per grandi e piccoli. Sarà naturalmente possibile iscriversi all'associazione o rinnovare la propria iscrizione per il 2018.

Print Friendly, PDF & Email

Lavori di sbancamento terra, lavori edilizi e deposito automezzi pesanti in area agricola.

In via della Offelera da alcune settimane alcuni orti sono stati sostituiti, sembra, da un’area di sosta per autoveicoli pesanti. Questo intervento privato, sembra che sia in netto contrasto con gli strumenti urbanistici comunali e provinciali.

L’area su cui si stanno realizzando i lavori” dice Atos Scandellari del locale circolo ambientalista “ ci risulterebbe sia classificata, nel PGT approvato il 06.02.2017, quale: “Ambito destinato all’attività agricola di interesse strategico”. Anche il Piano Territoriale Provinciale classifica l’area come “Ambiti di interesse provinciale” e Ambiti agricoli di interesse strategico.

Ma gli elementi che contrastano con questo intervento non finiscono qui. Infatti: il Piano delle Regole dice, all’articolo 22, che in questi ambiti siano possibili solo opere funzionali all’attività agricola, con l’esclusione di ogni parcheggio e deposito. Inoltre la tav. “DP.04 – Parchi Locali di Interesse Sovracomunale” del PGT propone tutto il territorio, posto a Sud Est di Sant Albino, come futuro ampliamento di un PLIS esistente.

“Riteniamo” conclude l’esponente ambientalista “che sia indispensabile, per salvaguardare l’area e rispettare il PGT e il PTCP, che lungo via dell’Offelera non sia realizzata nessuna struttura antropica”.

Per tutti questi motivi sono stati richiesti chiarimenti scritti al Comune e alla Provincia.

LEGAMBIENTE MONZA

Print Friendly, PDF & Email

Vasche laminazione del Seveso, martedì l'audizione della petizione. L'eurodeputata Evi (M5S): "Spreco di soldi pubblici e distruzione del territorio"

Le vasche di laminazione del Seveso, in costruzione a Senago, arrivano in Europa, all'attenzione del Parlamento Europeo. Grazie al Movimento 5 Stelle, che da anni si batte contro questo progetto devastante, verrà discussa martedì prossimo la petizione presentata dai cittadini di Senago nella commissione che si occupa di analizzare le istanze e gli esposti che provengono dai cittadini di tutta l'Unione.

Tali vasche fanno parte del più ampio intervento che interessa numerosi comuni del Nord Milano e sono state progettate nel tentativo di risolvere il problema delle continue esondazioni del fiume. Ma è il classico caso in cui il rimedio è ben peggiore del malanno e ci sarà un alto rischio per la salute dei cittadini e l'ambiente dal momento che nelle vasche, situate in prossimità di centri urbani, stagnerà acqua inquinata. Motivo per cui, dunque, come Movimento 5 Stelle chiederemo in commissione che la petizione rimanga aperta e che la presidente della commissione invii anche una lettera alle autorità regionali per far presente tale rischio di impatto nocivo.

L'intero progetto delle vasche di laminazione provocherà la distruzione di 17 ettri del Parco delle Groane, con grave impatto sulla flora e la fauna locali: un vero e proprio polmone verde in una delle zone più cementificate d’Europa, quindi, scomparirà. L'opera delle vasche di Senago, inoltre, è stata finanziata sia dall'amministrazione comunale di Milano (con 10 milioni di Euro) sia da quella regionale (con 20 milioni), il che significa che la volontà politica di portarle a termine sia trasversale e a tutti i livelli: dal PD, a Forza Italia e Lega.

"Com'è possibile pensare di risolvere il problema del dissesto idrogeologico causato dalla cementificazione selvaggia del territorio permettendo un'ulteriore cementificazione del suolo?". Queste le parole dell'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Eleonora Evi, che lavora all'interno della commissione Petizioni."Inoltre – aggiunge - non esiste alcuna evidenza scientifica sul fatto che la realizzazione di queste vasche sia la soluzione idonea a scongiurare qualsiasi rischio di esondazione del fiume".

Non bisogna dimenticare poi il pericolo della stagnazione nelle vasche di acqua inquinata vicino a centri abitati. Stando a quanto emerge dallo studio d'impatto relativo al progetto della costruzione delle vasche di laminazione nel comune di Senago (2014), infatti, l'ARPA ha registrato nel 2009, 2010 e 2011 una cattiva qualità dell'acqua del Seveso, dovuta con tutta probabilità alla presenza di metalli pesanti, glifosato e altri inquinanti. È stata anche rilevata una quantità di Cromo Esavalente con valori medi superiori ai limiti di legge imposti per le acque sotterranee.

Per tutti questi motivi, il MoVimento 5 Stelle si batte da anni a ogni livello istituzionale per scongiurare la realizzazione dell'opera. "Ed è grazie all'impegno di tutti e alla collaborazione tra i portavoce – conclude Evi – che è stato possibile portare all'attenzione dell'Europa un problema che riguarda la salute di migliaia di persone e l'ambiente".

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?