Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

ENPA e il terremoto di Amatrice.

Il lavoro per gli animali fatto da Enpa non può essere oltraggiato dal sensazionalismo televisivo.

Di seguito la comunicazione di Carla Rocchi, Presidente Nazionale ENPA, relativa al servizio di Striscia la Notizia sul terremoto di Amatrice di agosto 2016, trasmesso giovedì 16 febbraio 2018. 

« Care e cari,

nella trasmissione che Striscia ha dedicato al terremoto del centro Italia abbiamo assistito ad una manipolazione indecente della realtà degli aiuti prontamente e ampiamente prestati. Sono stati offesi i tanti volontari che hanno lavorato sul territorio, le Sezioni che hanno dato come sempre il loro aiuto e la loro disponibilità.

Vi invio questo breve video: https://youtu.be/O0acmPxq0v8 e il comunicato stampa sotto con cui ristabiliamo la verità dei fatti.

Altri ne seguiranno con le testimonianze dirette delle persone che tanto generosamente si sono spese in quei territori.

Carla Rocchi

Presidente Nazionale, ENPA onlus 

Comunicato stampa dalla Presidente nazionale

In merito alla parziale rappresentazione fatta ieri sera da "Striscia la notizia" sull'intervento che Enpa ha assicurato in occasione del terremoto a Amatrice, la Protezione Animali contesta radicalmente l'impostazione faziosa del servizio e sottolinea l'importante e straordinario lavoro svolto.

In particolare nei 18 giorni di operatività del Posto Veterinario Avanzato di Amatrice, in zona rossa, Enpa ha soccorso, salvato e curato 126 animali, mentre gli animali accuditi in tutta l'area sono stati 949.

Conclusa la prima fase emergenziale, Enpa ha comunque garantito - pur senza un presidio veterinario fisso, non più necessario - la fornitura di pet food. Nel "cratere sismico di Amatrice", nella prima e nella seconda fase di intervento, Enpa ha garantito nel tempo l'invio di 16,7 tonnellate di pet food con la consegna periodica (in base alle necessità e alle urgenze della popolazione) di alimenti per animali, farmaci e materiali a cura dei volontari delle Sezioni di Terni, Perugia, Roma, ovviamente coordinati dalla Sede Centrale.

Il tutto è sintetizzato nei bilanci di missione allegati che evidenziato che al termine della seconda fase di intervento, Enpa ha accudito 1.073 animali e soccorso 149 animali trovati vivi tra le macerie. Complessivamente, il pet food distribuito ha raggiunto le 30 tonnellate.

Successivamente, i volontari Enpa sono stati impegnati a Norcia, anche lì con un Posto Veterinario Avanzato. In occasione del sisma a Norcia, i volontari sono stati operativi senza sosta per 13 giorni.

Anche in questo caso, conclusa la prima fase emergenziale (nel corso della quale sono stati accuditi nell'area 1.245 animali, altri 158 salvati, soccorsi e curati al Punto veterinario avanzato), la Protezione Animali ha garantito nel tempo l'invio periodico e la fornitura di pet food e di materiali a cura dei volontari delle Sezioni di Perugia, Roma, Pesaro. Oltre alla distribuzione di petfood, abbiamo provveduto alla distribuzione di antiparassitari e medicinali, in particolare contro le mastiti dei bovini, sofferenti per la mancata mungitura nei giorni immediatamente successivi al sisma.

Va ricordato che anche nelle Marche vi è stata una costante e importante attività, curata dai volontari della Sezione di Teramo.

Infine, nel mese di gennaio 2017, quando al dramma del terremoto si è aggiunta l'emergenza maltempo, Enpa ha comunque garantito l'invio di foraggio per animali da allevamento.

La rappresentazione fatta giovedì 16 febbraio da "Striscia la notizia" è parziale, faziosa e non riconosce in alcun modo - se non in maniera residuale - lo straordinario, innovativo e inedito (per l'Italia) lavoro fatto da una associazione e dai suoi volontari. Enpa rivendica un lavoro importante, sostenuto da tutte le proprie Sezioni che, come sempre, hanno fatto squadra, lavoro che non potrà certo essere cancellato o ridimensionato da una parziale visione delle cose e da una rappresentazione maldestra e sensazionalistica che va solo a umiliare l'abnegazione e la fatica di volontari che hanno operato ventiquattro ore al giorno, spesso riposando a turno - quando non vi era altra alternativa - negli automezzi.

Questa rappresentazione parziale distorta arriva anche a non gratificare la benevolenza degli italiani che, con le loro donazioni, hanno sostenuto l'intervento fatto per quei territori.

 

Print Friendly, PDF & Email

Bando Laboratori Sociali di Quartiere presentata domanda per il finanziamento del progetto «A testa alta»

Laboratori sociali di quartiere con attività che favoriscano momenti di aggregazione e convivialità, attività di Prevenzione, contrasto e riduzione delle situazioni di morosità incolpevole. E, ancora, sostegno alle persone in difficoltà economiche con azioni di riqualificazione o autoconduzione di spazi comuni, oltre all’attivazione di percorsi volti all’inclusione lavorativa.

Sono questi i contenuti della proposta progettuale di laboratorio sociale “A testa alta. Modelli di inclusione sociale e legami di comunità”, che l’Amministrazione Comunale di Lissone ha presentato in qualità di capofila all’Avviso pubblico per il finanziamento di progetti per la gestione sociale dei quartieri di edilizia pubblica in Lombardia, riferito nello specifico alla zona collocata a sud est del quartiere LS1 - Don Moscotti.

A Regione Lombardia, il Comune di Lissone in qualità di capofila ha presentato il progetto in partenariato con ALER VA – CO – MB – Busto Arsizio, Spazio Giovani ONLUS, Azalea Soc. Cooperativa Sociale, Mestieri Lombardia - Consorzio di Cooperative Sociali, Consorzio SIS - Sistema di Imprese Sociali e Parrocchia Madonna di Lourdes Lissone; solo per alcune specifiche azioni, saranno coinvolte CS&L – Consorzio Sociale e La Grande Casa.

In caso di ammissione, il Comune di Lissone cofinanzierà il progetto con risorse umane del Settore Famiglia e Politiche Sociali, valorizzandone le prestazioni lavorative, senza aggravio di costi diretti e si farà finanziare le prestazioni di un operatore di comunità dedicato al progetto. Il valore complessivo del progetto sottoposto a Regione Lombardia è di 246.000 euro.

Il quartiere identificato per la realizzazione dell’intervento si colloca nel Comune di Lissone in zona semi centrale, nella quale si trovano sia ambiti di edilizia privata che ambiti di ERP - Edilizia Residenziale Pubblica, di proprietà di ALER Monza e Brianza e del Comune di Lissone. Il numero delle famiglie totali residenti nell’area coinvolta dal progetto è pari a 115 per una popolazione totale residente pari a 270 persone. La nazionalità prevalente è quella italiana, dato dettato da assegnazioni ormai datate. Molti alloggi risultano assegnati a nuclei monoparentali e in quasi un terzo delle famiglie sono presenti ultra sessantacinquenni. Solo tra le assegnazioni più recenti si rilevano nuclei di stranieri e di famiglie con figli minori.

A livello operativo, in caso di finanziamento, il Laboratorio sociale avrà sede presso il Centro sociale Botticelli. Come primo passo, in fase di progettazione, verranno individuate alcune famiglie che costituiranno un gruppo a supporto degli operatori.

Fra le attività di promozione sociale rientrano uscite in piccolo gruppo con persone anziane, a supporto del menage quotidiano o iniziative comunitarie a carattere aggregativo e conviviale. Prevista anche una Festa conclusiva del progetto con spazi e momenti dedicati alle varie fasce d’età.

Sono inoltre previsti percorsi di accompagnamento ad hoc attraverso cui analizzare le economie familiari, orientare ai servizi, mediare con l'ente gestore per quanto riguarda la gestione delle insolvenze o la richiesta di interventi di manutenzione sull'immobile; inoltre, sarà individuato uno spazio fisico di ascolto ed accoglienza dedicato alle persone che, attraversando momenti di difficoltà nell’ambito del lavoro, della casa e del reddito, si trovano in una condizione di vulnerabilità o sono a rischio di marginalità sociale.

Saranno attivate esperienze relative all'autoconduzione degli spazi condominiali comuni attraverso l'attivazione di comitati sperimentali volti anche alla riqualificazione di specifici spazi condominiali (es: laboratori di falegnameria sociale, per la progettazione e realizzazione di piccoli arredi urbani da collocare all’interno degli spazi comuni). Saranno infine predisposti specifici percorsi volti all’inclusione lavorativa.

 Lissone, 15 Febbraio 2018

Print Friendly, PDF & Email

Al via la Scuola di formazione politica Alisei, ottima partecipazione all’incontro inaugurale.

Sono già una ventina i giovani interessati, ma è ancora possibile iscriversi

Alla Scuola di formazione politica Alisei è possibile iscriversi fino venerdì 23 febbraio. Intanto, c’è già stato un primo momento di incontro di presentazione con tutti i ragazzi che hanno mostrato un interesse per la quarta edizione del corso, che quest’anno ha un titolo ambizioso “Coltivare la pubblica felicità”.

Questo l'oggetto del primo incontro: possono la politica e le istituzioni creare le condizioni perché le persone siano felici? E cosa possiamo fare noi?

Attraverso gli ospiti e un ricco programma interattivo la scuola offrirà agli iscritti la possibilità di trovare ispirazione dalla buona politica e scoprire la capacità personale e collettiva di agire. Questi, infatti gli obiettivi degli organizzatori che, anche per il 2018, si avvarranno del sostegno della Camera del Lavoro di Monza e Brianza che metterà a disposizione i locali di via Premuda a Monza.  

Si tratta di percorso formativo rivolto a ragazze e ragazzi di età compresa tra i 16 e i 24 anni.

Una bella opportunità per tutti coloro che vogliono confrontarsi su temi di rilevanza internazionale, per conoscere gli strumenti utili per agire e per sperimentarsi attraverso laboratori.

disuguaglianze, l’ambiente, le migrazioni e l’etica pubblica: questi i temi che verranno affrontati in chiave globale per poi essere calati in una lettura attenta delle dinamiche legate al territorio di Monza e della Brianza. 

Le lezioni si terranno tutti i venerdì dalle 17 alle 19 fino alla fine di maggio.

La scuola è gratuita previa iscrizione all'associazione alisei con un contributo di 25 euro.

Info e iscrizioni su www.alisei.tv

Monza, 14 febbraio 2018

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

Print Friendly, PDF & Email

«M’illumino di meno»: venerdì 23 febbraio in Piazza Libertà… si accendono le stelle

Occhi puntati verso l’alto. Telescopi come compagni di avventura. Il Centro di Lissone si trasformerà in un autentico osservatorio a cielo aperto, da dove potrà essere scrutata la volta celeste, le stelle ed i pianeti con l’aiuto di esperti qualificati.

Le luci di Piazza Libertà e Palazzo Terragni si spegneranno alle 20.30 in punto. Da quel momento, nel buio del «cuore» della città di Lissone, si… accenderanno le stelle!

L’Amministrazione Comunale di Lissone aderisce alla 14esima edizione di “M’illumino di meno 2018”, la campagna di sensibilizzazione verso i temi ambientali e del rispetto energetico promossa trasmissione radiofonica Caterpillar (http://caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/).

Il Comune di Lissone ha accolto l’invito a spegnere le piazze, estendendo ai propri concittadini l’invito a interrompere – anche solo per un tempo simbolico – le illuminazioni private delle rispettive abitazioni.

Inoltre, in modo simbolico, promuove un’iniziativa già proposta alla cittadinanza lo scorso anno. Dalle 20.30 alle 22 di venerdì 23 febbraio, l’illuminazione pubblica di Piazza libertà e di Palazzo Terragni resterà spenta. Un buio che indurrà non solo la riflessione sulle sfide energetiche del pianeta, ma che indurrà tutti a mettersi col naso all’insù!

Grazie alla collaborazione del Gruppo Astrofili Villasanta (http://gav.altervista.org/), tutti i presenti avranno la straordinaria possibilità di scrutare il cielo e le stelle con telescopi e binocoli, avvicinandosi alla passione per l’astronomia e al fascino del cielo stellato.

L’osservazione al telescopio sarà preceduta da una breve presentazione degli oggetti celesti che si andranno ad osservare e consentirà il riconoscimento delle principali stelle e costellazioni.

Piazza Libertà si trasformerà per un’ora e mezzo in un inedito osservatorio a cielo aperto dal quale rivolgere lo sguardo verso i pianeti e le costellazioni, guidati dall’occhio esperto di un Gruppo orientato allo studio, alla pratica e alla divulgazione dell’Astronomia.

L’iniziativa è libera e gratuita, aperta a tutte le età. Sarà rinviata a sabato 24 febbraio in caso di maltempo.

Lissone, 14 Febbraio 2017

Print Friendly, PDF & Email

DAL 20 FEBBRAIO AL 22 APRILE 2018

ALLA VILLA REALE DI MONZA

LA MOSTRA

SAM HAVADTOY

NOBODY SEES ME LIKE I DO

 L’esposizione che riflette sul concetto di originalità e autenticità, presenta una serie di opere inedite, tra sculture, dipinti, oggetti e arazzi, di una delle personalità più interessanti e originali nata dalla scena newyorkese degli anni ’70-’80.

Dal 20 febbraio al 22 aprile 2018, la Villa Reale di Monza ospita una personale di Sam Havadtoy (Londra, 1952), uno degli artisti più interessanti e originali, nati dalla scena newyorkese tra gli anni settanta e ottanta.

L’esposizione che si dipana nelle sale degli Appartamenti Reali, col patrocinio del Comune di Monza e di Regione Lombardia, presenta una serie di opere inedite, tra sculture, dipinti, oggetti e arazzi, alcune realizzate per l’occasione, che riflettono sul concetto di originalità e autenticità.

La recente polemica dei quadri falsi di Modigliani e l’esposizione Serial classic, tenuta alla Fondazione Prada, sull’idea di copia rispetto all’originale, sono state da spunto a Sam Havadtoy per dare corpo a un progetto che meditava da tempo.

Attraverso il suo lavoro, infatti, Havadtoy ha ripensato alla scultura antica, e a come è giunta ai nostri giorni, ovvero privata dei colori e dei vestiti che erano soliti abbigliarle.

“Gli storici - afferma Sam Havadtory - hanno da tempo dichiarato i marmi bianchi e i bronzi ossidati del mondo antico come capolavori. Come tali, hanno ispirato movimenti nell'architettura e nell'arte. Passarono secoli prima che si capisse che in origine non erano solo dipinti, ma a volte anche vestiti. Eppure questo ha fatto ben poco per alterare la nostra comprensione dell'estetica classica”.

Queste riflessioni lo hanno ispirato a realizzare un progetto espositivo dove s’incontrano oggetti dipinti, arazzi, quadri e sculture in bronzo decorati con pizzi colorati.

“Questo - continua Sam Havadtoy - è il mio modesto modo di rendere omaggio a quegli artisti del passato le cui opere sono state distrutte non solo dal tempo ma anche da un fondamentale fraintendimento del loro aspetto originale. Villa Reale è una capsula del tempo del passato, eppure non posso fare a meno di pensare a come sarebbe oggi se fosse ancora una casa per una famiglia”.

“La mostra di Sam Havadtoy - afferma Piero Addis, direttore Consorzio Villa Reale e Parco di Monza - s’inserisce in un programma di arte visiva presso gli Appartamenti Reali intitolato “Interference”, dove gli artisti propongono un corto circuito fra le loro opere e la sontuosità barocca e neoclassica delle sale e degli arredi. Un fenomeno, quello  delle interferenze che è dovuto alla sovrapposizione, in un punto dello spazio, di due o più onde. Interferenze come algoritmi che controllano gli esseri umani, attraverso sensazioni, emozioni, pensieri”.

“A prima vista quest’allegra interferenza di Havadtoy - continua Piero Addis - così fresca, sembra quasi risvegliare o portare avanti lo spirito degli anni sessanta. I colori, l’apparente leggerezza che traspare dalla selezione dei soggetti, il trattamento frivolo, divertente, persino un po’ sfacciato che l’artista riserva agli oggetti quotidiani o agli oggetti di design; l’apparente completa assenza di qualsiasi accento drammatico o patetico, la scioltezza con la quale si appropria di ogni possibile oggetto per inserirlo nelle sue opere evocano un’atmosfera, o meglio un atteggiamento che, visto nel contesto della storia dell’arte, sembra essere legato alla Pop Art. E infatti Sam Havadtoy si porta dietro la grande lezione assimilata da uno dei suoi maestri e amici, come Andy Warhol, che ha frequentato a New York in oltre vent’anni. Grazie anche a Yoko Ono, con cui ha condiviso una parte importante della vita, frequentando il vibrante contesto artistico di quegli anni”.

Il percorso espositivo, introdotto da una grande scultura posta nelle vicinanze della fontana, si apre con due d’après di altrettanti ritratti di Amedeo Modigliani, per rappresentare i due amori nella vita del re che abitava la Reggia, presi dalle copie che aveva realizzato il grande falsario ungherese Elmer de Hory.

In questo gioco dialettico tra copia e originale, Havadtoy dà forma a delle sculture in bronzo che riproducono eroi dell’animazione quali Bugs Bunny o Betty Boop realizzati seguendo la sua cifra stilistica più caratteristica, ovvero l’utilizzo del merletto, materiale insolito per l’arte contemporanea, ma il cui impiego trova riscontro nella memoria dei popoli dell’est Europa dove proprio il merletto intrecciava associazioni complesse con classe, religione, storia e moda e che in laguna ha uno dei centri di produzione più rinomati in Italia. Nella sua pratica artistica, infatti, Havadtoy incolla frammenti di pizzo sulle sue opere; quindi, strato dopo strato li ricopre di colore, in modo che il gioco di vuoto e pieno che si crea, diventi l’elemento strutturale dell’immagine che ne risulta.

La mostra inoltre continua presentando due grandi arazzi, un’installazione composta da dipinti posti sul pavimento che andranno a creare un enorme tappeto (6 x 6 metri), o ancora una scacchiera.

Note biografiche

Sam Havadtoy è nato nel 1952 a Londra da una famiglia ungherese. Rientrata in Ungheria nel 1956, non le fu più concesso di ritornare in Inghilterra. Nel 1971, Sam emigrò illegalmente in Inghilterra attraverso la Yugoslavia. Un anno più tardi, nel 1972, si stabilì negli Stati Uniti.

Nel 1978 fondò il Sam Havadtoy Gallery and Interior Design Studio, e divenne amico intimo di Yoko Ono, John Lennon, David Bowie, Andy Warhol, Keith Haring, George Condo, Donald Baechler e molti altri artisti.

Winged Altarpiece, la più monumentale scultura in bronzo mai realizzata da Keith Haring, fu creata in edizione limitata con l’aiuto di Havadtoy. Qualche anno dopo, il Ludwig Museum di Budapest ricevette in dono dallo stesso Havadtoy questa rara opera per arricchire le sue collezioni permanenti.

Nel 1992 aprì la Galéria 56 a Budapest. Qui espose lavori di artisti quali Keith Haring, Andy Warhol, Agnes Martin, Cindy Sherman, Kiki Smith, Robert Mapplethorpe, Ross Bleckner, Donald Sultan, Donald Baechler, oltre alle opere del grande artista ungherese László Moholy-Nagy. (www.galeria56.hu)

Dal 2000 è tornato a vivere in Europa; a Budapest e Szentendre, in Ungheria, e a Milano. In tempi recenti, ha esposto alla Galleria Mudima a Milano (2016) e a Palazzo Bembo a Venezia (2017), in occasione della Biennale d’Arte.

Monza, febbraio 2018

SAM HAVADTOY. NOBODY SEES ME LIKE I DO

Monza, Villa Reale > Appartamenti Reali (Viale Brianza, 1)

20 febbraio – 22 aprile 2018

Orari:

Martedì-domenica 10-19. Lunedì chiuso.

La biglietteria chiude un’ora prima.

Biglietti:

(Mostra + Appartamenti Reali al Primo Piano Nobile, inclusi accompagnamento alla visita e audioguida)

Intero: 10 euro

Ridotto: 8 euro per gruppi di almeno 15 persone e apposite convenzioni.

Speciale: 4 euro per scuole e minori di 18 anni; 8 euro dai 19 ai 25 anni compresi.

Gratuito: per minori di 6 anni, disabili e un accompagnatore, tesserati Icom, giornalisti con tesserino, guide turistiche, due insegnanti per scolaresca, 1 accompagnatore per gruppo di adulti.

Info e prenotazioni: tel. 039.5783427

Sito internet: www.reggiadimonza.it

Prenotazioni gruppi:

info@villarealedimonza.it; tel. 039.5783427

Print Friendly, PDF & Email

"Obiettivo Gatto": mostra fotografica felina.

Sabato 17 e domenica 18 febbraio presso il rifugio di Monza.

Nell'ambito della Giornata Mondiale del Gatto, ENPA di Monza e Brianza organizza per il weekend di sabato 17 e domenica 18 febbraio 2018 una mostra fotografica sul mondo felino, presso il rifugio di Monza. Protagoniste della mostra saranno le colonie feline, in primis quella del Vecchio Canile di Via Buonarroti con cartelloni divisi in temi come "Aggiungi un posto a tavola", "Baciati dal sole" o, ancora, "Tenersi in forma", ma non mancherà uno sguardo alla storica colonia dell'Ospedale di San Gerardo di Monza.

Ampio spazio sarà dedicato ad alcuni gatti celebri, come il micio rosso protagonista del libro e del film "A spasso con Bob", oppure Larry, lo sterminatore ufficiale di topi della residenza del primo ministro britannico, adottato in un gattile londinese, o, ancora, i popolarissimi protagonisti dei cartoni animali. Un altro cartellone sarà dedicato ad alcuni VIP, autentici amanti dei gatti, come Freddie Mercury, Giorgio Armani e Papa Ratzinger.

Oltre alla mostra fotografica, sarà allestito all'interno della sala conferenza un mercatino di accessori e attrezzi per gatti, come i tiragraffi e giochi.

Dove e quando.

La mostra e il mercatino, al parco canile-gattile di Monza in Via San Damiano 21, saranno aperti al pubblico sabato 17 e domenica 18 febbraio, dalle 14:30 alle 18:00.

Ingresso libero.

 

Print Friendly, PDF & Email

Brianza Classica, a Villasanta il 17 febbraio:

DAL PALCOSCENICO DELL’OPERA AL PALCOSCENICO DELLA VITA

 con il Trio Pianiste all’Opera

Rosella Masciarelli, Michela De Amicis e Angela Petaccia

pianoforte a sei mani

sabato 17 febbraio, ore 20.30 / Teatro Astrolabio / via Mameli 8 / Villasanta (MB)

Dopo il concerto di Lissone, Brianza Classica vi dà appuntamento al Teatro Astrolabio di Villasanta con “Dal palcoscenico dell’opera al palcoscenico della vita”, concerto pianistico a sei mani con il trio Pianiste all’Opera composto da Rosella Masciarelli, Michela De Amicis e Angela Petacci. Il concerto introdurrà il pubblico nelle atmosfere salottiere della seconda metà dell’800, quando il panorama musicale era dominato dalla produzione operistica. Le tre pianiste faranno rivivere il gusto e la grazia di quei trattenimenti nei quali la musica ebbe un ruolo centrale e vitale. Il repertorio in programma è esclusivamente ispirato alle opere e prevede: le Fantasie su Rigoletto e  sulla Traviata del compositore Giusto Dacci; le arie più belle di Puccini dove la situazione scenica, il gesto, la parola e la musica si accordano intimamente con la melodia stessa che diviene canto di passione; le fantasie su temi d’opera di Mascagni, Leoncavallo, Tosti e Boito. I celebri temi di Carmen, Violetta, Mimì ed altri personaggi dell’opera lirica saranno protagonisti di questo concerto, davvero tutto al femminile.

Concerto ad ingresso gratuito con prenotaziona consigliata su www.brianzaclassica.it

Al seguente link un video del trio in azione: Fantasia su Rigoletto

Print Friendly, PDF & Email

La seconda serata del nostro “Cineforum per l’ambiente” è alle porte

venerdì 16 febbraio, nella sala Carver dell’UrbanCenter/Binario 7, via Turati 6,  Monza

Proietteremo il film-documentario prodotto da NBC Universal, con la regia di Bonni Cohen e Jon Shenk

Una scomoda verità 2, con Al Gore

Undici anni dopo “Una scomoda verità” Al Gore torna ad affrontare un argomento che in questi anni non ha mai smesso di approfondire:

il surriscaldamento del globo terrestre, le sue cause, i suoi effetti e le alternative praticabili.

Il documentario segue l'ex vice-presidente degli Stati Uniti nelle sue conferenze e nei suoi incontri a tutti i livelli,

supportando le sue riflessioni con immagini molto significative e molto belle.

E' un'altra occasione di riflessioni sul tema della salvaguardia dell'ambiente e di quello che possiamo fare. 

Tutti, nessuno escluso.

E siccome ci piace coltivare le buone abitudini, se vieni alle ore 20.30, ti accoglieremo con delle tisane e dei biscottini biologici da sgranocchiare.

La proiezione inizia alle ore 21.

Dopo la  proiezione possiamo fare due chiacchiere, scambiarci le idee su quello che il film ci ha suscitato e riflettere assieme sui temi a noi cari.

Chissà che anche questo film ci aiuti ad avere delle nuove idee e avviare dei bei progetti!

L’ingresso alla serata è a offerta libera fino ad esaurimento posti.

Ti aspettiamo!

Ti ricordo anche i due prossimi appuntamenti di Legambiente:

M'illumino di meno, il 23 febbraio: camminata o biciclettata con aperitivo a lume di candela

Il terzo e ultimo film del cineforum, venerdì 9 marzo: con la proiezione di Contromano di Stefano Gabbiani

Per info e dettagli ti scriveremo ancora, e trovi sempre gli aggiornamenti sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/monzalegambiente/

Legambiente

Circolo di Monza

Print Friendly, PDF & Email

Creta, colori e farina: i laboratori dell’Asilo Nido entrano in biblioteca

Metteranno in gioco manualità e creatività giocando con la creta, si tufferanno in un mondo di colori vivendo un’esperienza sensoriale dalle mille tonalità, scopriranno che acqua e farina possono dar vita a una materia “nuova”.

A partire da sabato 24 febbraio, l’Amministrazione Comunale di Lissone propone il format “I laboratori del Nido in Biblioteca”. Il progetto prevede la collaborazione tra l’Asilo nido Comunale Tiglio e la Biblioteca Civica di Lissone, proponendo alla cittadinanza un’occasione di condivisione dei valori importanti legati all’infanzia.

Sarano quindi organizzati tre laboratori creativi per bambini di Lissone di età compresa tra i 18 ed i 36 mesi accompagnati  da un adulto di riferimento. Ciascun momento sarà curato dall’equipe educativo dell’Asilo Nido che si è resa disponibile sia per la progettazione sia per la messa in opera dei laboratori creativi.

Il progetto prevede tre diversi laboratori

- “CONCRETAMENTE”, 24 febbraio, dedicato alla scoperta della creta mettendo in gioco manualità e creatività;

- “MANI IN PASTA”, 10 marzo, dedicato alla scoperta di acqua e farina e come gli elementi diventano materia;

- “UN TUFFO NEL COLORE”, 24 marzo, dedicato alla scoperta del colore e della luce attraverso un’esperienza sensoriale.

Tutti i laboratori avranno inizio alle ore 10 con gruppi composti da un numero massimo di 7 bambini e si terranno nella Biblioteca civica di Piazza IV Novembre. Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare l’Asilo Nido Tiglio dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 al numero 039.462385.

“La novità del progetto consiste nella duplice valorizzazione della Biblioteca quale luogo di incontro di esperienze e nella condivisione con le famiglie del territorio del pensiero educativo cardine del servizio assicurato dall’Asilo Nido Tiglio – sottolinea il Sindaco Concettina Monguzzi – questi tre appuntamenti rappresentano la promozione di eventi a favore di una cultura per l’Infanzia, favorendo la crescita del bambino attraverso lo strumento del gioco”.

Lissone, 13 Febbraio 2018

Print Friendly, PDF & Email

L'A.N.E.D. (Associazione Nazionale ex Deportati) esprime apprezzamento per il Viaggio organizzato dalle scuole di Limbiate in collaborazione con l'Amministrazione comunale che vedrà, come meta in Sicilia, i luoghi dello sbarco degli Alleati nel luglio del 1943 e alcuni luoghi tristemente famosi per aver visto realizzarsi efferati eccidi mafiosi. Tuttavia, ci teniamo a precisare che, tale Viaggio, impropriamente viene denominato “Viaggio della Memoria”. A tal proposito si esprime la condivisione di quanto è contenuto nel Comunicato della Commissione Memoria dell'ITC “Elsa Morante” e nella Nota del Dott. Raffaele De Luca, ex Sindaco di Limbiate. Per “Viaggi nella Memoria” si intende un percorso didattico dentro la Storia di uno dei periodi più drammatici della storia del Novecento. Nella storia di quel secolo c'è la Shoah, con i suoi 6 milioni di ebrei finiti nei campi di sterminio e ci sono gli omosessuali, gli zingari, i malati di mente, i disabili, i Testimoni di Geova e tutti coloro che non rientravano nei canoni dell'eletta 'razza ariana'. E ci sono, non per ultimi, a centinaia di migliaia, gli oppositori politici (cattolici, comunisti, socialisti, liberali) che non abbassavano la testa. La visita dei Campi di sterminio disseminati in Europa, i luoghi dove avvennero rastrellamenti e deportazioni, le testimonianze dei sopravvissuti e dei resistenti ci permettono non solo di intraprendere un ‘Viaggio nella memoria' ma soprattutto di ribadire con forza quei principi di libertà e di eguaglianza che stanno alla base della nostra Carta costituzionale. La sfida di chi organizza e accompagna. ogni anno, gli studenti a visitare i campi nazisti è anche quella di aiutarli a leggere l’opacità dei luoghi, perché come ha detto la storica Annette Wieviorka “Ad Auschwitz non c’è nulla da vedere se non si sa prima quello che si cerca”. Bisogna sapere per vedere qualcosa in quei tristi luoghi, andare oltre un campo di rovine e baracche. Senza conoscenza, senza studio, senza una adeguata preparazione che non può non iniziare con l'inizio dell'anno scolastico non c'è un viaggio che possa essere definito “Viaggio nella Memoria”. Ecco perchè riveste una indispensabile importanza la preparazione specifica di chi propone, pianifica e organizza i Viaggi nella Memoria. E questo è anche lo spirito della Legge istitutiva del Giorno della Memoria laddove all'Art. 2 è scritto: “In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere”. E' ovvio che, fra le Attività didattiche sulla Memoria, debbano rientrare, a pieno titolo, anche i Viaggi nella Memoria. Abbiamo letto il programma del viaggio proposto dal Comune e dai Dirigenti scolastici e seguito le modalità organizzative, ma non ci pare di riconoscere nessuno di questi requisiti. Ci spiace che la tradizione dei Viaggi nella Memoria organizzati a Limbiate abbia subito questa battuta d'arresto, avremmo preferito che il, pur interessante Viaggio in Sicilia, fosse aggiuntivo e non sostitutivo del Viaggio nella Memoria e ci auguriamo che, dal prossimo anno, si possano ripristinare Viaggi nella Memoria che riflettano le caratteristiche sopra esposte e che l'ANED possa essere coinvolta, fin dall'inizio, in tutti gli aspetti organizzativi del Viaggio nella Memoria.

Milena Bracesco, Vicepresidente provinciale ANED Monza- Sesto San Giovanni

Rosario Traina, Referente ANED Limbiate

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?