Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

M5S Lombardia: il trattamento dializzati Carate e Seregno resti al presidio ospedaliero di Desio

Nei prossimi giorni circa 100 pazienti nefropatici in trattamento dialisi nei centri C.A.L. (Centro Assistenza Limitata) di Carate Brianza e Seregno non saranno più seguiti dal Presidio ospedaliero di Desio ma saranno presi in carico dal Presidio ospedaliero di Vimercate, in virtù dei nuovi assetti organizzativi voluti dalla riforma sanitaria approvata nei mesi scorsi in Regione Lombardia.

Per Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del M5S Lombardia: "Il passaggio di consegne tra Desio e Vimercate comporterà enormi disagi per i dializzati e le loro famiglie. Se è vero che la dialisi continuerà ad essere svolta presso i centri di Carate e Seregno, è altrettanto vero che stiamo parlando di persone fragili che per poter vivere hanno bisogno, oltre che della seduta dialitica, di cure continuative ed interventi specialistici che possono essere effettuati solo in ospedale. Quello di Vimercate è troppo lontano per queste persone e per i loro familiari. Si tratta spesso di anziani che vivono a Giussano, Seregno, Carate Brianza e comuni limitrofi. Senza contare il problema delle eventuali complicazioni durante il trattamento di dialisi; i tempi per raggiungere l'ospedale di Vimercate sono davvero improponibili. Questo cambio di gestione non ha senso! Possibile che non ci si renda conto del problema?"

"Mi risulta - prosegue Corbetta - che proprio in questi giorni sia in corso il passaggio di consegne tra i medici dell'ospedale di Desio e quello di Vimercate e che i fondi per la gestione di questi pazienti siano già stati tolti a Desio. I pazienti e le loro famiglie si stanno mobilitando con una raccolta firme per chiedere che il servizio rimanga di competenza dell'ospedale di Desio e noi siamo dalla loro parte. Per questo già martedì prossimo porteremo un atto in consiglio regionale per impegnare la Giunta Maroni a tornare sui suoi passi. Non si possono trattare i malati come pacchi postali!"

"Il M5S – conclude il consigliere regionale – ha espresso ferma contrarierà alla riforma della sanità di Maroni, dato che non ha una visione d'insieme e nella fornitura di servizi sanitari la geografia non è un'opinione."

Il Sindaco Monguzzi: «Visita del Papa a Monza, giornata storica per Lissone. Macchina organizzativa perfetta»

“La visita di Papa Francesco a Monza ha rappresentato una giornata storica anche per la città di Lissone: abbiamo accolto oltre 20.000 pellegrini che dalla stazione ferroviaria hanno raggiunto il Parco per assistere alla celebrazione della messa, con una macchina organizzativa praticamente perfetta”.

Così il sindaco Concettina Monguzzi a margine degli eventi che hanno caratterizzato sabato 25 marzo 2017, data che entrerà nella storia locale per lo straordinario afflusso di fedeli arrivati da ogni parte d’Italia per vedere ed ascoltare il Santo Padre.

Disagi alla circolazione per Lissone limitati all’area interessata dal percorso pedonale protetto, con le strade riaperte al traffico già alle ore 20. Una sola auto rimossa dalla Polizia locale per divieto di sosta, con i pellegrini che hanno trovato tragitto libero con 150 volontari dislocati per fornire assistenza, supporto ed informazioni. Presso lo scalo ferroviario, durante le operazioni di ritorno, il personale dell’Azienda regionale emergenza urgenza (Areu) ha soccorso tre persone per cali di pressione; nessuna di loro ha avuto la necessità del trasporto al Pronto soccorso di Monza. Non si è registrata alcuna denuncia per furti o smarrimenti di oggetti.

“Il mio grazie va a tutte quelle persone che hanno contribuito a rendere questa giornata meravigliosa, mostrando una Lissone generosa, volontaria, orientata al prossimo – aggiunge il sindaco Monguzzi –. Nelle scorse ore ho inviato una lettera di ringraziamento a tutte le persone, i gruppi e le associazioni che dall’alba a notte inoltrata hanno operato sul territorio di Lissone con un entusiasmo commovente; cito qui la Protezione civile, i volontari del soccorso delle diverse denominazioni e il personale di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia. Un ringraziamento particolare va ai gruppi cittadini della Protezione civile, della Croce Verde, dei Carabinieri in congedo, delle Guardie ecologiche volontarie, che si sono messi a disposizione senza risparmio in una giornata indimenticabile. Riconoscenza speciale va al prefetto di Monza Giovanna Vilasi per l’instancabile lavoro di coordinamento, ai Carabinieri (quelli della Stazione di Lissone ma anche ai numerosi reparti dell'Arma provenienti da altri luoghi), alla Polizia di Stato, alla Polfer, alle Polizie locali, a tutte le forze dell'ordine presenti in zona, che hanno vigilato ininterrottamente per garantire la massima sicurezza. Grazie agli operatori di Gelsia, che hanno garantito pulizia dell’intero percorso per tutta la giornata”.

“Infine, ma non certo da ultimo, – aggiunge il Sindaco Monguzzi – rivolgo l'encomio mio personale e di tutta la mia Amministrazione al personale comunale che ha contribuito alla resa di questa manifestazione. Alcuni di loro sabato mattina hanno rappresentato la «porta» sulla città, accogliendo i fedeli e dando loro le indicazioni utili per vivere al meglio il cammino verso il Parco; ma da circa due mesi stavano preparandosi all'evento, cercando di prevedere tutto al meglio. Come non ringraziare il comandante e gli agenti della Polizia locale, che con intelligenza hanno saputo gestire questo straordinario flusso di cittadini, comprendendo le esigenze dei lissonesi in transito? O il Settore Lavori pubblici, che in tempi rapidi ha lavorato a spron battuto per far sì che i fedeli fossero accolti nei dovuti modi? Guardando la perfezione di ogni dettaglio, posso dire che hanno pienamente raggiunto l’obiettivo. A tutti i dipendenti comunali - cito anche l'Ufficio Comunicazione e il Ced, l'Ufficio Commercio, il Settore Cultura, la Segreteria del Sindaco - e a i loro dirigenti trasmetto il mio sincero compiacimento come segno di gratitudine e di ricordo”.

“Personalmente ho scelto di girare in bicicletta e di salutare i tanti pellegrini, compresi quelli lissonesi, transitati da via Pacinotti per raggiungere il Parco di Monza – conclude il Sindaco – è stata un’esperienza che ha permesso a noi tutti di comprendere quanto bella sia la nostra città se vissuta con una mobilità sostenibile. Dico quindi grazie ai cittadini lissonesi, che hanno collaborato e compreso l’eccezionalità dell’evento. Quel fiume di persone a piedi non sarà mai dimenticato”. 

Lissone, 27 Marzo 2017

LEROS. ANCHE IL NULLA HA UN NOME

31 MARZO 2017 - 17 APRILE 2017

a cura di SIMONA DE SIMONE

MOSTRA FOTOGRAFICA a cura di Antonella Pizzamiglio nell’ambito del Progetto VIAGGIO A LEROS promosso dal Liceo Classico e Musicale B. Zucchi di Monza

Spazio Espositivo Urban Center – Binario7 via Turati 6, Monza

Il progetto Viaggio a Leros si propone di sensibilizzare gli studenti e la cittadinanza ai temi del disagio e dell’emarginazione, partendo dal “caso Leros”, isola greca che negli anni ’80 ospitò uno dei più disumani ospedali psichiatrici, dismesso proprio grazie ad Antonella Pizzamiglio e al reportage da lei coraggiosamente realizzato all’interno della struttura. Il progetto, che avrà nella mostra il suo centro nevralgico, prevede una serie di eventi che coinvolgono letteratura, poesia e medicina nella convinzione che solo la “contaminazione” dei linguaggi consenta di comprendere fino in fondo l’importanza di un fenomeno e le sue conseguenze nel tempo.

Dal 31 marzo a Monza la mostra Leros. Anche il nulla ha un nome. Antonella Pizzamiglio ha donato a tutti noi un'esperienza che le ha cambiato la vita. Perché l'abbrutimento che ogni forma di emarginazione porta con sé non sia dimenticato. Mai. Perché la nostra umanità resti intatta. Sempre

 Lunedì 15.00-18.00

Da martedì a venerdì  h.10.00-18.00

Sabato, Domenica e Festivi h. 10.00-12.00 e 15.00-18.00

Durante il periodo di apertura è possibile prenotare una visita guidata nella quale gli studenti del Liceo Classico e Musicale “B.Zucchi” impegnati nell’attività di ASL illustreranno il progetto e i contenuti della mostra.  Su prenotazione sono previste anche visite guidate per un pubblico adulto e, in tal caso, a condurre la visita sarà la prof.ssa De Simone.

Mostra fotografica "Leros - Anche il nulla ha un nome"

Periodicità Giornaliera
Dal: 01/04/2017 - al: 17/04/2017


Da Sabato 1 a Venerdì 17 Aprile - Inaugurazione Venerdì 31 Marzo ore 17.00 - Spazio Espositivo Urban Center/Binario7 via Turati 6

Mostra Fotografica a cura di Simona de Simone. Il progetto Viaggio a Leros si propone di sensibilizzare gli studenti e la cittadinanza ai temi del disagio e dell’emarginazione, partendo dal “caso Leros”, isola greca che negli anni ’80 ospitò uno dei più disumani ospedali psichiatrici, dismesso proprio grazie ad Antonella Pizzamiglio e al reportage da lei coraggiosamente realizzato all’interno della struttura. Il progetto, che avrà nella mostra il suo centro nevralgico, prevede una serie di eventi che coinvolgono letteratura, poesia e medicina nella convinzione che solo la “contaminazione” dei linguaggi consenta di comprendere fino in fondo l’importanza di un fenomeno e le sue conseguenze nel tempo.

 

CALENDARIO EVENTI

  • 31 marzo  Spazio Espositivo Urban Center – Binario7

  • 14.30 Leros ieri e oggi: incontro con Antonella Pizzamiglio

  • 17.00 Conferenza stampa e inaugurazione della mostra “Leros. Anche il nulla ha un nome” Intervengono: Antonella Pizzamiglio, fotografa; Antonetta Carrabs, Presidente La Casa della Poesia di Monza; Antonino Pulvirenti, Dirigente Scolastico del Liceo Classico e Musicale B. Zucchi; Roberta Celi, referente Jonas Monza; Francesca Dell’Aquila, Assessore alla Cultura.

  • 4 aprile - Spazio Espositivo Urban Center – Binario7

  • 16.30 Ghiannis Ritsos e Leros: una detenzione politica. Intervento dell’editore Nicola Crocetti – Letture a cura diAlessandra Salamida – Coreografia a cura di ADA Associazione Danze Antiche – Modera: Simona De Simone

  • 7 aprile   Spazio Espositivo Urban Center – Binario7

  • 15.00 Basaglia, una rivoluzione italiana Interventi dello psichiatra Franco Rotelli e dello psicoanalista Vincenzo Marzulli – Modera Pino Pitasi, psicoanalista

  • 12 aprile Spazio Espositivo Urban Center – Binario7

  • 14.30 La prima verità: incontro con Simona Vinci Modera: Simona De Simone

 

Antonella Pizzamiglio

Nata a Casalmaggiore nel 1966, fotografa di professione, segue il suo percorso evolutivo e professionale associando la fotografia alla “magia del vivere”. Ha lavorato nel cinema con personaggi del calibro di Marcello Mastroianni e Francesca Archibugi e nel teatro per il Festival dei due Mondi di Spoleto e per il teatro Due di Parma. Ha poi abbracciato il Progetto “La fotografia oltre la ragione”, che l’ha vista impegnata per ben 4 anni presso l’allora Ospedale Psichiatrico di Trieste al seguito del Prof. Franco Rotelli. La mostra è il portato di questa esperienza che ha segnato la sua vita e il suo percorso professionale. Oggi è titolare dell’azienda Artestudio Srl.

Nicola Crocetti

Nato in Grecia, a Patrasso, è “l’editore che inventò la Poesia”, per dirla con le parole del giornalista del Corriere Paolo Foschini. E’ grecista, traduttore, giornalista, editore. Nel 1981 ha fondato la casa editrice Crocetti, che si occupa principalmente di poesia e, in particolare, dei poeti greci contemporanei. Dal 1988 è direttore della rivista mensile internazionale Poesia, pubblicata dalla sua casa editrice

Brevi notizie su Alessandra Salamida

Giovane attrice di origine greca, è appassionata di poesia e teatro greco. Costantemente impegnata in un repertorio che vede spesso come protagonisti i classici della Grecia antica, è reduce dalla rappresentazione delle Baccanti di Euripide andate in scena lo scorso inverno presso il Teatro Menotti a Milano.

Brevi notizie su A.D.A.

Associazione culturale fondata da un gruppo di appassionati della danza e della musica antica allo scopo di promuovere e diffondere, attraverso la danza, l’arte e la cultura dal 1300 al 1700.

Brevi notizie su Franco Rotelli

Psichiatra italiano, è stato uno dei protagonisti della Riforma Psichiatrica in Italia e uno dei principali collaboratori di Franco Basaglia prima all’Ospedale Psichiatrico di Parma e poi all’Ospedale Psichiatrico di Trieste. Nel 2015 ha pubblicato “L’istituzione inventata. Almanacco Trieste 1971-2010”, che documenta la sua intensa attività professionale.

Brevi notizie su Jonas Onlus

Associazione senza fini di lucro fondata dallo psicanalista Massimo Recalcati nel 2003, Jonas si propone di curare le nuove forme di sofferenza psichica –dall’anoressia, alla bulimia, alla depressione, ai disagi familiari- a tariffe sostenibili per consentire a chiunque di curarsi in base alle proprie possibilità economiche. L’Associazione conta oggi più di venti sedi in Italia, tra cui Monza e Como.

Brevi notizie su Simona Vinci

Scrittrice italiana, ha esordito nel 1997 con il romanzo “Dei bambini non si sa niente”, edito da Einaudi e vincitore del Premio Elsa Morante opera prima. Il romanzo ha ottenuto grande successo di pubblico e di critica, ma ha suscitato anche scandalo e polemiche per il tema trattato. Nel 1999 ha pubblicato il libro di racconti “In tutti i sensi come l’amore”, arrivato nella cinquina finale del Premio Campiello, e nel 2003 sempre al Premio Campiello si è classificata al secondo posto con il romanzo “Come prima delle madri”. Collabora con vari quotidiani nazionali e ha lavorato con la televisione e con la radio. E’ traduttrice dall’inglese e autrice di teatro. I suoi romanzi sono stati tradotti e pubblicati in più di 15 paesi. Nel 2016 ha vinto il Premio Campiello con il romanzo “La prima verità”, edito da Einaudi.

 

 

 

M5S: CHE IL FUTURO DELL’AREA EX IBM VENGA DECISO DALL’ AMMINISTRAZIONE DI VIMERCATE

Roma, 24 marzo 2017 – “E’ da anni che si continua a discutere del rilancio dell’area ex IBM del vimercatese, ma è da anni che l’area è in uno stato sempre più di abbandono.” A dirlo il deputato brianzolo del M5S, Davide Tripiedi, che con un’interrogazione a sua prima firma ha voluto riportare l’attenzione su una vicenda seguita da tempo ma mai risolta.

Ad interessarsi, tempo fa, sono stati su tutti Regione Lombardia e Ministero dello Sviluppo Economico con piani le cui linee generali risultano essere condivisibili ma anche migliorabili. “Il risultato, però, è che questi piani, ad oggi, non hanno mai visto inizio” – precisa il deputato pentastellato.

“Dopo l’ordine del giorno proposto lo scorso 15 marzo dal PD nel consiglio comunale di Vimercate e votato all’unanimità, abbiamo voluto interrogare, visto che rientra nelle nostre competenze di parlamentari, i Ministri coinvolti nella questione.” Il riferimento è al Presidente del Consiglio, i Ministri dello Sviluppo Economico e del Lavoro, attori da sempre coinvolti nella questione per la reindustrializzazione e il rilancio dell’occupazione dell’area.   

“Il punto più importante dell’ordine del giorno è però l’emendamento aggiunto dall’amministrazione del M5S: la richiesta di un tavolo permanente tra amministrazione vimercatese, Governo, Regione, Provincia, sindacati e associazioni industriali, da convocare con cadenza periodica per verificare lo stato di avanzamento dei lavori. Solo con il tavolo, infatti, si possono discutere le proposte di chi meglio di altri conosce la situazione esistente, ossia l’attuale forza di governo della città di Vimercate. Non solo: il ruolo dell’amministrazione 5 Stelle può essere determinante per proporre progetti innovativi da sviluppare sull’area.”

“E’ necessario – conclude Tripiedi – che l’area ex IBM rinasca in maniera definitiva. Ed è fondamentale che il tavolo per farla ripartire si costituisca al più presto e che la cabina di regia sia a Vimercate.”

BABELe! Il suono prima del suono

The Bosso Concept Ensemble

2 aprile - ore 17.00 | Auditorium “Graziella Fumagalli” - Villa Mariani | Casatenovo

Domenica 2 aprile, alle ore 17.00, Brianza Classica aspetta tutto il suo pubblico per un nuovo appuntamento con la grande musica della XIV rassegna. Il concerto si terrà a Casatenovo, all’interno dell’Auditorium “Graziella Fumagalli”, situato nel parco di villa Mariani, una delle più belle ville storiche del territorio.

Il pomeriggio di preannuncia ricco di sorprese e il titolo ne è la rappresentazione più riuscita: “BABELe! Il suono prima del suono” è infatti stato scelto dal The Bosso Concept Ensemble per racchiudere in poche parole la ricchezza e la varietà dei brani che verranno presentati nel corso di questo appuntamento.

BABELe! rappresenterà così un affresco sonoro policromo e ridondante, con l’esecuzione di brani dell’Est europeo: dalla musica gitana al klezmer, una musica ricca di tradizioni - gli stessi colori si ritrovano nelle danze della nostra tradizione popolare. BABELe! crea un ponte ideale che supera i confini tra l’est e l’ovest, tra passato e presente, per riportare all’ascoltatore l’essenza di questa musica riflessiva, estatica, ma a volte ballabile e liberatoria.

INFORMAZIONI

I concerti sono ad ingresso libero con prenotazione consigliata su www.brianzaclassica.itLe prenotazioni si aprono il lunedì e si chiudono il giorno prima del concerto, salvo esaurimento dei posti disponibili. Per i Residenti a Casatenovo e per i Sostenitori sarà possibile prenotare telefonicamente al numero: 392 6485655. Le prenotazioni online per i concerti saranno aperte lunedì 27 marzo.

Ufficio Stampa Brianza Classica

CARCERE DI MONZA: DUE SUICIDI TRA I DETENUTI

E L’IMPOTENZA DEI LAVORATORI

comunicato stampa fp cgil lombardia-fp cgil monza e brianza

Oggi per il mondo carcerario lombardo, e brianzolo in particolare, è una giornata decisamente drammatica.

Ben due detenuti, a poche ore di distanza, si sono tolti la vita nel carcere di Monza. Il primo impiccandosi in infermeria, presumibilmente attorno alle ore 5,00. Il secondo è stato trovato dagli agenti penitenziari a terra attorno alle ore 11,00, per aver sniffato gas dal fornelletto in dotazione. Nonostante gli sforzi del personale penitenziario per salvarlo, non ce l’ha fatta.

Innanzi tutto, come Fp CGIL Lombardia e Fp CGIL Monza e Brianza esprimiamo le nostre condoglianze a cari e  parenti dei due uomini. E solidarietà ai lavoratori che devono far fronte anche a questi casi estremi.

“Siamo enormemente dispiaciuti per questi drammi umani che noi agenti penitenziari non riusciamo a intercettare per tempo e che ci mettono di fronte alla nostra impotenza – commenta Calogero Lo Presti, coordinatore Fp Cgil Lombardia -. Lavoriamo in condizioni difficili, pesanti e al contempo con soggetti delicati. Lavoriamo con senso del dovere e responsabilità e tanto più è per noi mortificante registrare la perdita di vite umane. Purtroppo queste situazioni pesanti portano molti agenti a serie depressioni, e anche noi avremmo bisogno di supporto per gestire disagio e stress. L’Amministrazione dovrebbe riflettere ad ampio raggio sulle modalità organizzative del sistema carcerario”.

“Da molto tempo abbiamo sollevato la cronica mancanza di personale del carcere di Monza (cui mancano circa 70 agenti penitenziari e ha un sovraffollamento di oltre 200 detenuti), come del resto è per gli altri istituti lombardi e del paese – aggiunge Michele Giandinoto, segretario Fp Cgil Monza e Brianza –. Molti agenti sono assorbiti a svolgere le attività amministrative. Magari per questi due casi specifici non molto sarebbe cambiato. O forse sì. Quello che è certo è che i lavoratori sono sempre più in difficoltà. E così non si può andare avanti”.

23 marzo 2017

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

La LILT (Lega Italiana lotta ai tumori) ha presentato la sedicesima edizione della prevenzione oncologica. Questi gli ingredienti suggeriti come ricetta anti-cancro: non fumare, mangiare bene, fare attività fisica. Il motto dell'iniziativa è "La salute in movimento" per sottolineare l'importanza dell'attività fisica per prevenire le malattie. E cosa di meglio che utilizzare quotidianamente la bicicletta per raggiungere il posto di lavoro o la scuola o per le varie commissioni. La città di Monza è una palestra ideale per mantenersi attivi in particolare utilizzando la due ruote a pedali. Città piatta e non troppo grande adatta a tutti che dà la possibilità di fare attività fisica tutti i giorni. Studi europei e degli Stai Uniti hanno dimostrato che chi fa attività fisica giornaliera ha il 7% di probabilità in meno di ammalarsi. "Il ciclista mette in moto tutto il corpo, allena la respirazione, vive di più all'aria aperta, migliorando la resistenza al freddo come alle alte temperature, e rinforzando le difese dell'organismo", elenca FIAB Milano". Senza contare che pedalare "contribuisce a ridurre i problemi legati all'inquinamento acustico e dell'aria, eliminando lo stress prodotto dallo stare nel traffico", e "dà un apporto importante nel creare un clima generale più piacevole. I suggerimenti vanno oltre all'attività fisica data l'importanza e il ruolo  che l'alimentazione ha nel prevenire le malattie tumorali. Lilt dà molta importanza alla dieta mediterranea: olio extravergine d'oliva, pomodori pelati e pasta. Perché "adottare come alimentazione la tradizionale dieta mediterranea, ricca di frutta, verdura e povera di grassi, rappresenta un alleato prezioso per il nostro organismo". In definitiva sono gli stili di vita nel loro complesso che ci possono aiutare a star bene e mantenere una forma fisica ottimale anche in la negli anni. Sicuramente l'attività fisica rappresenta uno stile di vita importante che con la bicicletta può essere mantenuto anche in tarda età con tutti i benefici elencati. Ma i cittadini l'hanno già capito e molti di loro e sempre più, hanno deciso per questo mezzo di trasporto ecologico, economico e al passo con i tempi.

Ufficio Stampa FIAB MonzainBici

Camminando con il Cuore: iniziativa per comprare un defibrillatore.

Passeggiata a 4 zampe sabato 1 aprile al Parco di Monza.

Nuova iniziativa di Monza a 4 Zampe, la piattaforma attiva sul territorio di Monza che si occupa di tutto ciò che riguarda i nostri amici a quattro zampe. Sabato 1 aprile siete invitati al Parco di Monza con i vostri amici con la coda a partecipare a "Camminando con il cuore"!

Scopo della manifestazione è aiutare Salvagente, associazione di promozione sociale con sede in città, a raccogliere donazioni per l'acquisto di un defibrillatore per la scuola ICS Confalonieri di Monza.

Iscrizione e gadget

Per iscriversi alla camminata occorre prenotare il posto scrivendo a presidente@salvagenteitalia.org. Il pagamento dell'iscrizione (5 euro minimo per cane - benvenute donazioni più sostanziose!) è tramite bonifico bancario: IBAN IT81 C055 84204050 0000 0002 257 - intestazione Salvagente APS - causale bonifico: Camminando con il Cuore.

È possibile anche acquistare la maglietta della manifestazione (12 euro) e/o l'allegra bandana con il logo della manifestazione (10 euro) per il proprio amico a 4 zampe. (Nel causale specificate anche il numero di magliette (e taglia) e di bandane.)

Le iscrizioni saranno aperte anche sabato, ma è consigliabile effettuarle prima con la modalità indicata sopra.

Dove e quando

Il ritrovo è sabato 1 aprile alle ore 15.00 nel pratone adiacente il parcheggio Bar Cavriga in Viale Cavriga, all'interno del Parco di Monza. La camminata comprenderà delle soste di ristoro e sarà di circa quattro km in totale, terminando verso le 18,00. Ospiti all'evento anche alcuni ospiti del canile di Monza in cerca di casa, accompagnati dai volontari ENPA.

Chi è Salvagente?

Salvagente nasce con lo scopo di aiutare e proteggere bambini e adolescenti in vario modo: attraverso la cultura del primo soccorso, con corsi di disostruzione pediatrica e rianimazione cardio-polmonare con utilizzo del defibrillatore; attraverso il reperimento fondi per donare defibrillatori alla comunità; attraverso il sostegno a bambini e ragazzi diversamente abili; attraverso progetti nazionali ed internazionali che riguardino scuole,ospedali, case famiglia e molto altro ancora.

Sul sito www.salvagenteitalia.org è possibile vedere quali sono le attività dell'associazione e i progetti in corso e fare una donazione.

Sindaco di Monza riceve doni che consegnerà sabato al Papa realizzati da persone bisognose in carico ai servizi sociali del Comune (ore 10)

 

Monza, 23 marzo 2017 - Un leggio in legno per altare che sostiene una pubblicazione con indicati i servizi che il Comune riserva alle persone bisognose. Una tela 80 per 100 che ritrae un cuore rosso in altorilievo su un coloratissimo fondo giallo, intitolato “Pope Heart”, chiaro richiamo alla pop art dell’artistia Keith Haring a cui l’opera si ispira.

Sono questi i due doni che domani il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, prenderà in carico per consegnarli sabato a Papa Francesco, prima della messa che il pontefice celebrerà nel Parco di Monza. Il primo dono è stato realizzato dalla falegnameria del Comune presso il quale trovano occasioni di lavoro e di reinserimento sociale persone fragili e bisognose in carico al Comune e ad altri servizi del territorio. Il secondo invece è stato realizzato dai laboratori artistici di due centri diurni per disabili che fanno capo all’amministrazione comunale.

La consegna dei doni al sindaco, che poi li consegnerà a papa Bergoglio, avverrà domattina, venerdì 24 marzo alle ore 10 presso la Sala giunta del Palazzo comunale (piazza Trento e Trieste). Sarà presente anche il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Cherubina Bertola e altri esponenti della giunta comunale.

Ufficio stampa

A DESIO IMPRENDITORI E STUDENTI A CONFRONTO  

Saranno quattro imprenditori a tornare a scuola partecipando all’edizione 2017 di Raccontami L’impresa per raccontare ai più giovani cosa significa “fare azienda”

 Desio, 22 marzo 2017 – Da sempre il CFP del Consorzio Desio – Brianza sostiene e organizza eventi volti a creare momenti di riflessione fra gli studenti e il mondo dell’imprenditoria. Obiettivo principale: avvicinare con anticipo i giovani alle logiche e dinamiche del lavoro, favorendo in questo modo una maggiore consapevolezza di ciò che rappresenterà il loro futuro.

Confrontarsi con chi ha fatto o sta continuando a fare impresa è sicuramente uno stimolo per i ragazzi ancora impegnati sui banchi di scuola, per questo motivo la realtà desiana ha deciso di ospitare l’edizione 2017 di “Raccontami L’impresa”, un progetto la cui mission è quella di promuovere il confronto tra scuole e aziende. L’evento si terrà nella mattinata di martedì 28 marzo e vedrà la partecipazione di una classe terza del corso per Operatore Meccanico e una del corso per Operatore Elettrico, oltre che una classe quarta dell’indirizzo in tecnico dell’automazione industriale: 60 studenti che avranno modo non solo di ascoltare le testimonianze professionali dei quattro imprenditori coinvolti, dal loro percorso di studi alle nuove sfide lavorative con le quali si devono confrontare oggi, ma anche di porre domande e dare vita ad un dialogo costruttivo.

Abbiamo deciso di ospitare l’iniziativa Raccontami l’Impresa per fornire ai nostri ragazzi del CFP una chiave di lettura diretta sul mondo del lavoro. Da sempre crediamo nell’alternanza scuola - lavoro, un po’ perché le materie da noi insegnate permettono ed esigono una formazione pratica oltre che teorica, ma anche perché crediamo fortemente che i giovani d’oggi abbiano bisogno di andare oltre le mura scolastiche, confrontandosi direttamente con quello che verrà dopo la scuola” – ha dichiarato Dario Angelo Colombo, Direttore del Consorzio Desio – Brianza. “Partecipare ad iniziative scolastiche ed extrascolastiche per gli allievi del CFP del CoDeBri, è un’opportunità per sentirsi più vicini a un futuro che tanto lontano non è. Per i docenti è motivo di stimolo e gratificazione al fine di suscitare in loro curiosità, interesse e motivazione all’apprendere” – ha aggiunto Paola Tulelli, Responsabile Ambito Istruzione Formazione Professionale e Orientamento del Consorzio Desio – Brianza.

 

Il Consorzio Desio-Brianza è un ente pubblico che si occupa di Formazione Professionale, di orientamento e dei servizi al lavoro, compresi quelli per persone con disabilità. Gestisce quattro Centri Diurni per Disabili, una Comunità Socio-Sanitaria per disabili e il servizio SID (Servizio Integrazione Disabili nelle scuole del territorio e di Assistenza domiciliare). Punto di riferimento fondamentale per il territorio, il Consorzio eroga i suoi servizi basandosi sulla riservatezza, l'uguaglianza, l'imparzialità, la continuità e la massima trasparenza. Il Consorzio Desio-Brianza si preoccupa inoltre di migliorare continuamente, perseguendo efficienza ed innovazione, sia per quanto riguarda strutture e strumenti, sia per quanto riguarda l'aggiornamento degli operatori.

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?