Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

NON SI VIVE DI SOLE ROSE

Volontari e Consorzio Villa Reale e Parco di Monza

Abbiamo appreso dal sito istituzionale del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza dell'emissione di un bando per la ricerca di volontari da inserire in varie attività correlate alla gestione del patrimonio. In premessa occorre ricordare che il complesso monumentale della Villa Reale di Monza è da inserirsi a pieno titolo ai primi posti nel patrimonio storico del paese. Non manca occasione in cui non venga ricordato che ci troviamo di fronte al parco recintato più grande in Europa. La complessità di gestione è sicuramente elevata e il volume delle risorse sicuramente insufficiente. Siamo reduci dalla recente chiusura dell'Expo e dalla correlata vetrina internazionale di cui anche la città di Monza ha beneficiato. Queste brevi premesse non fanno altro che rafforzare le nostre perplessità sulla decisione di sopperire al deficit funzionale dell'ente attraverso il contributo volontario delle cittadine e dei cittadini. Nel bando si fa riferimento ad importanti mansioni che poco collimano con la natura di un apporto volontario. Il patrimonio storico culturale del nostro Paese è uno straordinario volano per la crescita e non può essere relegato a cenerentola nel sistema economico territoriale. Quante ragazze e quanti ragazzi, dopo anni di formazione, sono alla ricerca di un'occasione di lavoro in ambito culturale? E' possibile pensare ad un sistema sostenibile di crescita economica per il territorio? Proprio la CGIL di Monza a Brianza aveva elaborato, solo qualche anno fa, un piano per il rilancio economico del territorio che vedeva nel suo patrimonio culturale una importante occasione. Rimaniamo di questa idea, avvalorata da esperienze virtuose che possiamo scovare in ambito nazionale ed internazionale. Esprimiamo quindi un giudizio negativo su una scelta che da più l'idea di dover far quadrare un bilancio, abbassando la qualità dei servizi offerti o potenzialmente da offrire, piuttosto che il tentativo di rilancio di un Consorzio sempre più in difficoltà, ma gestore di un immenso patrimonio. Invitiamo tutti i soggetti coinvolti ad aprire una seria riflessione che coinvolga il territorio, disponibili a portare il nostro contributo di idee.

Monza, 27 ottobre 2016

Ufficio Segreteria e Comunicazione

CGIL Monza e Brianza

Via Premuda, 17 - 20900 Monza MB

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)