Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Taglio ai bus in Brianza, Regione metta una toppa ma da PD atteggiamento ipocrita.

E' in arrivo la riduzione dei servizi su 7 linee di bus e la soppressione totale delle linee Z225 (Nova Milanese-Sesto San Giovanni) e Z227 (Monza-Lissone-Muggiò) che trasportano ogni giorno circa 8 mila passeggeri. Come si legge nel comunicato della Provincia, (http://www.provincia.mb.it/news/dettaglio_news.html?id=16439&area=256&titolo=Monza%20e%20Brianza) la riduzione “pari al 9,4% delle percorrenze 2016” si sarebbe resa necessaria per garantire il pareggio del bilancio dell'Ente.

Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta: “Siamo di fronte a un disastro annunciato. Questo è il risultato dei pesantissimi tagli al trasporto pubblico locale del Governo nazionale targato PD. Il presidente della Provincia e i sindaci brianzoli del partito fingono di ignorarlo scaricando tutte le responsabilità sulla Regione. Bisognerebbe avere maggiore onestà intellettuale nell'affrontare i problemi. Certo, anche Regione Lombardia ha le sue responsabilità per il gravissimo ritardo nell'attuazione della “riforma trasporti” (Legge Regionale 6/2012) e su questo il M5S si è già attivato.

E' evidente che una soluzione immediata per risolvere il problema può venire solo da un tempestivo intervento di Regione Lombardia: con 20 milioni di euro è possibile mettere in sicurezza il trasporto locale in tutte le province almeno fino alla fine del 2018. Proprio per questo siamo favorevoli a chiedere alla Regione di mettere l'ennesima toppa, ma non accettiamo l'atteggiamento ipocrita degli esponenti del Partito Democratico che non chiamano mai in causa il loro Governo”.