Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Compagnia Filodrammatica Orenese presenta

La parola ai giurati

Durante una torrida estate degli anni Cinquanta in una metropoli statunitense, i dodici componenti di una giuria sono chiamati a decidere le sorti di un giovanissimo ragazzo accusato di aver brutalmente ucciso il padre. Il caso appare chiarissimo, le prove schiaccianti e il verdetto scontato: tutti sembrano d’accordo con la piena colpevolezza dell’imputato e con la conseguente condanna alla sedia elettrica. Tutti, tranne uno.

Una sola persona si oppone alla soluzione apparentemente ovvia: e per la legge americana, la condanna alla pena capitale può essere espressa solo all’unanimità e al di là di ogni “ragionevole dubbio”. Tocca a quest’unico dissidente, perciò, guidare gli altri giurati a porsi le “domande giuste”, scardinando con la propria dialettica le più solide certezze alla base del voto di colpevolezza e facendo sorgere in loro il fatidico “dubbio”.

Nelle concitate discussioni che accompagnano il dilagare dell’incertezza e del dissenso affiorano le vicende personali, i diversi caratteri e gli atteggiamenti finora sopiti delle dodici persone rinchiuse insieme nello stesso luogo, portando in luce comportamenti mutevoli e contraddittori, fondati su false certezze e pregiudizi che paiono ancora più radicati in un momento così importante come quello in cui si ha nelle mani la vita altrui.

Ed è proprio la lunga e tortuosa via che questa variegata compagine umana, specchio sempre attuale di ogni società, intraprende verso il verdetto finale a tenere il pubblico col fiato sospeso fino all’ultima battuta.

Compagnia Filodrammatica Orenese

Regia di Massimo Perrone

Liberamente tratto dal film “La parola ai giurati” di Sidney Lumet e dal film “12” di Nikita Michalkov. Riduzione e adattamento di Massimo e Fabrizio Perrone.

Con: Emma Bonizzi, Simone Brambilla, Ilaria Caldirola, Sonia Di Menna, Carlo Leonetti, Giorgio Magni, Massimo Momigliano, Lorenzo Moreo, Fabrizio Perrone, Luca Pirola, Lina Spinelli, Patrizia Tornari.

Costumi: Marita Conzato.

Scene e luci: Franco Loiacono.

Sabato 28 (posti ESAURITI) e domenica 29 (posti DISPONIBILI) gennaio 2017, ore 21:00.

TeatrOreno, via Madonna 14, Vimercate.

Biglietto di ingresso: intero 10,00 €, ridotto (under 18, over 65, gruppi): 8,00 €.

Per informazioni: www.filodrammaticaoreno.org - info@filodrammaticaoreno.org

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)