Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Giovedì 2 febbraio alle ore 21 alle Scuderie di Villa Borromeo di Arcore (entrata da via Montegrappa) si tiene l’ultimo incontro del ciclo “Dobbiamo accogliere?”, promosso da una rete di Comuni della provincia di Monza e Brianza - Camparada, Lesmo, Villasanta, Arcore, Carnate e Usmate Velate - con Rete Bonvena (coordinamento di enti che gestiscono l’accoglienza di richiedenti asilo sul territorio) per affrontare a fondo le tematiche riguardanti le migrazioni di oggi, con l’obiettivo di fare più chiarezza possibile con il contributo di esperti e operatori impegnati da anni sul campo. I primi tre incontri si sono svolti tra metà novembre e metà gennaio a Camparada, Lesmo e Villasanta, con un ottimo riscontro in quanto a partecipazione della cittadinanza e profondità dei temi trattati.

“I cittadini. Si può gestire (da protagonisti) l’immigrazione?” è il titolo dell’incontro di Arcore, nel quale si delineeranno percorsi innovativi sempre più necessari per governare in modo strutturale e non emergenziale un fenomeno destinato a durare nel tempo. Il tutto partendo da tre esperienze virtuose in atto: la ripartizione territoriale dei richiedenti asilo promossa in collaborazione con la Prefettura dai Comuni della Comunità montana Valsassina, nel lecchese, di cui parlerà la responsabile Servizi alla persona Manila Corti; l’azione ventennale di accoglienza rifugiati del Centro Astalli, l’ente dei Gesuiti che gestisce progetti SPRAR a Roma, Palermo e Trento, attraverso la testimonianza diretta del presidente, Padre Camillo Ripamonti; il caso studio nazionale dell’azienda agricola delle Langhe, nata dal recupero di terreni incolti con conseguente produzione ortofrutticola, portata avanti da personale locale e persone rifugiate, raccontato da Claudio Amerio, cofondatore dell’azienda agricola e rappresentante della Cooperativa sociale Crescere Insieme di Asti.

L’ingresso a ogni appuntamento è libero e gratuito, con la possibilità di ascolto in podcast sul sito della web radio youngradio.it.

Per informazioni:
Aeris Cooperativa Sociale
conaltriocchi@coopaeris.it
ufficiostampa@coopaeris.it
Tel. 039 6612211
web: www.coopaeris.it

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)