Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Giovedì 16 FEBBRAIO 2017 ore 20.30

STRANiERO iO?

Anteprima assoluta del FILM DOC girato a Monza

CINEMA TEODOLINDA

via Cortelonga, 4 - MONZA

INGRESSO LIBERO fino a esaurimento posti

Serata Evento dedicata all’integrazione: la proiezione, in anteprima assoluta del film “STRANiERO iO?”, girato a Monza, sarà anche l’occasione per presentare alla cittadinanza una rappresentanza di Nuovi Cittadini, in presenza dell’Assessore alle Pari Opportunità Cherubina Bertola.

Il film documentario, prodotto da Liberi Svincoli per la regia di Carlo Concina e Cristina Maurelli, propone le riflessioni di alcuni monzesi di diversa nazionalità, età e storia personale, considerati “stranieri” per il colore della pelle, per il modo di parlare, per il velo indossato, per quei pregiudizi, difficili da estirpare, che tendono a etichettare le persone.

“Straniero io?” è un sorprendente mosaico di volti, un mix di parole, sorrisi e pensieri che mostra quanto la nostra società sia un melting-pot ricco di diversità.

Famiglia e lavoro, discriminazione e solidarietà, emarginazione e integrazione vengono raccontati dai protagonisti con differenti visioni e punti di vista, permettendo allo spettatore di riflettere sui grandi cambiamenti sociali in atto.

Il film dà voce a chi normalmente non ne ha, tratta il tema della migrazione al di là delle ideologie, mettendo a confronto immigrazione passata con quella più recente ed evidenziandone contrasti e problematiche.

Il film è stato realizzato per il progetto “Cronache d’integrazione” con il contributo del COMUNE DI MONZA, attraverso il bando “Opportunità in Rete”, all’interno dei percorsi di coesione sociale e grazie alla partecipazione di Associazioni e cittadini.

Presenta la serata: Deborah Morese

 

NOTE DEGLI AUTORI

Girare questo film è stato sorprendente.

Man mano che giravamo, che incontravamo persone, che scoprivamo realtà nuove, diventava chiaro che non era possibile trovare un’esemplificazione. Non c’era cioè una storia che poteva diventare esplicativa. Ogni storia aveva le sue specifiche caratteristiche, a volte anche le sue tipicità ma non era esaustiva per raccontare il fenomeno. Più giravamo più diventava evidente che la “categoria” straniero era indefinibile: c’era chi era nato qui ma non era italiano, chi era nato là ed era italiano, chi non sapeva l’italiano e chi invece lo parlava benissimo, chi aveva la pelle scura, chi il foulard in testa, chi era bianco e biondo… E ogni tentativo di semplificazione, falliva.

Insomma ogni storia è a sé. Perché ogni persona è unica. E il fatto di essere “straniera” è solo un pezzettino di quella storia.

Per questo abbiamo deciso di raccontarle tutte le storie e le persone che abbiamo incontrato. E avremmo potuto continuare…

Pensiamo che la parola straniero non debba più esistere. Che forse non hanno più senso nemmeno le parole confine, territorio, Paese…

Alla domanda “dove è casa?” la gran parte degli intervistati ha risposto dove ci sono i miei figli.  Affondiamo le nostre radici negli affetti più cari: sono questi che ci rendono tutti… umani.

SCHEDA DEL FILM

una produzione

LIBERI SVINCOLI

scritto e diretto da

CARLO CONCINA

CRISTINA MAURELLI

produzione esecutiva

GIORGIA MOSCA

fotografia

DIEGO CAPELLI

CARLO CONCINA

musiche originali

FRANCESCO PEDERZANI

Il film è stato realizzato per il progetto “Cronache d’integrazione”

con il contributo del COMUNE DI MONZA, Assessorato alle Pari Opportunità,

Servizio Pari Opportunità, Partecipazione e Giovani

attraverso il bando “Opportunità in Rete”, all’interno dei percorsi di coesione sociale

Durata: 70 MINUTI

Anno: 2017

 

BIOGRAFIE AUTORI

CRISTINA MAURELLI (Milano 1964) autrice e regista. Firma con Carlo Concina numerosi documentari. È autrice di programmi televisivi, spettacoli teatrali e reading. Lavora come copywriter per importanti aziende italiane. Insegna Discipline dello Spettacolo alla Università di Brescia.

CARLO CONCINA (Milano 1965) regista e producer. Dirige e produce documentari e spot. È autore di videoinstallazioni e videoscenografie. È regista di eventi e spettacoli teatrali. Nel 2012 ha diretto “Giallo Toscano” il suo primo lungometraggio di finzione.

FILMOGRAFIA DOCUMENTARI

LEVARSI LA CISPA DAGLI OCCHI

(girato nel carcere di Opera, presente in numerose rassegne e cinema d’Italia)

(2013)

GUDNIINKA

Female Genital Mutilation in Dadaab Refugee Camps

(2006, Care)

DHULKA KA OOYIYEY

Sexual and Gender based Violence in Dadaab Refugee Camps

(2006, Care)

IL CUORE IN SCENA - Un’Aida da tre soldi

(1999, Torino Film Festival 1999, Maremma Doc Festival 2000)

L’AMORE NEGATO - Impossibilità materna e abbandono

(1999-2007, Provincia di Milano – Servizio Madre Segreta)

LUIGI VERONESI - Emozioni astratte

(1997, Trasmesso da Raisat Arte)

IGNAZIO GARDELLA - L’eleganza del rigore

(1998, Evento speciale a Invideo ‘99, Mostra Internazionale di video d’arte e ricerca. Trasmesso da Raisat Arte)

ONE RUPIE: India oltre la memoria

(1996, Festival di Canzo 1998)

PROGETTI VIDEO PARTECIPATIVO

L’arte porta fuori: realizzazione di un video collettivo sotto forma di videoinstallazione da parte dei detenuti del carcere di Sanquirico per il progetto Violenza&Libertà. In mostra all’Urban Center e all’Arengario di Monza   (2014/2015)

Sottacqua cortometraggio partecipativo realizzato con la Comunità Solaris per persone con problemi di dipendenza, due scuole superiori e la Scuola delle Arti. (2015/2016)

LIBERI SVINCOLI Un Collettivo di Artisti che realizza spettacoli teatrali e film, a tema sociale e di impegno civile. Ha realizzato:

“6Bamba?”, un progetto di video partecipativo secondo il metodo PVCODE che ha portato alla realizzazione del corto “Sottacqua”.                                                

Il Doc Live Show, “L’Oro in bocca”, uno spettacolo/evento di teatro, musica e video

sul denaro, i genocidi e le nuove schiavitù con il patrocinio di Amnesty International.

“L’arte porta fuori” mostra della videoinstallazione collettiva realizzata dalle persone detenute del Carcere di Sanquirico.

“Vuoto Sette”, mostra-evento con videoinstallazioni e performance alla Galleria Civica di Monza. Alcune opere sono state esposte in Triennale e nello spazio Folli 50 di Milano.

Tre spettacoli di reading e musica a tema sociale: “Il Corpo Negato”, contro la violenza alle donne, “Il Doppio Oscuro”, sul rapporto vittima/carnefice; “Brutta Razza a chi?”, contro il razzismo.

Tre spettacoli per bambini: “La ricetta della felicità”, dedicato al cibo e all’integrazione razziale; “L’Oca Rina alla scoperta della Musica”, un percorso di avvicinamento alla musica classica, “L’Oca Rina e i segreti della musica del mondo” per scoprire la worldmusic.

Uno spettacolo concerto dedicato a Chopin: “Chopin, Sand, Parigi: piccolo affresco romantico dell’Ottocento”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)