Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

2016: incidenti ridotti di due terzi nelle 5 rotonde più pericolose di Lissone

Gli incidenti ridotti di un terzo, i feriti addirittura di un quinto. Sono gli straordinari risultati ottenuti dal completo ridisegno delle 5 rotonde più incidentate di Lissone, realizzato grazie ai contributi del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (Pnss) cui l'Amministrazione di Lissone ha partecipato nel 2013, ottenendo un contributo di 350.000 €, pari al 50% dell'investimento totale.

Nel 2016 sono stati infatti 12 i sinistri registrati sulle rotatorie interessate dal piano (vie Trieste/Zanella, svincolo Valassina-Carducci, vie Mameli-Timavo, vie Carducci-Pellico-Rosselli, viale Repubblica-via Cattaneo), con tre feriti, mentre nel 2011 negli stessi luoghi si erano registrati 33 incidenti con 15 feriti.

"Si tratta di numeri molto consolanti per la sicurezza dei cittadini - dichiara Roberto Beretta, assessore alla Viabilità -, un elemento che per la nostra Amministrazione è stata la priorità assoluta di tutti gli interventi (rialzi, dossi, sensi unici, divieti, ndr) e le migliorie effettuate sulle strade di Lissone. Nelle rotonde su cui siamo intervenuti c'erano stati purtroppo anche dei morti, quasi sempre utenti "deboli" della strada come ciclisti e pedoni: ora i numeri dimostrano che i rischi sono considerevolmente diminuiti".

I lavori relativi al Pnss sono stati eseguiti tra il 2014 e il 2015 e hanno comportato in qualche caso la creazione di nuove strutture di rallentamento della velocità, mettendo soprattutto in sicurezza i percorsi pedonali, e in altri il completo ridisegno dei raggi di curvatura di quelle esistenti, come per esempio nella grande rotonda della Valassina tra Lissone e Muggiò: soltanto considerando quella rotatoria, in tre anni si erano registrati ben 65 incidenti e 35 feriti.

Ma - anche senza contare l'incommensurabile "guadagno" in vite umane - l'alto investimento globale di 715.000 euro appare già abbondantemente ammortizzato dai risultati ottenuti dopo un solo anno di gestione. Ecco infatti la ricostruzione dei costi sociali (spese mediche, assenze dal lavoro, disabilità, eccetera)  degli incidenti nelle suddette rotonde per il triennio 2009-2011:

Anno

2009

2010

2011

Tot. 2009-2011

Incidenti

39

23

33

 

Feriti

25

11

15

 

Morti

1

0

0

 

totale

Costo sociale (mil/€)

2.987.919,00

717.087,00

995.823,00

4.700.829,00

 

Lissone, 1 Marzo 2017

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)