Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia: domani question time su trattamento dializzati Carate e Seregno

Domani, martedì 4 aprile, il Consiglio regionale della Lombardia affronterà il tema dei pazienti nefropatici in trattamento dialisi nei centri C.A.L. (Centro Assistenza Limitata) di Carate Brianza e Seregno che non saranno più seguiti dal Presidio ospedaliero di Desio ma saranno presi in carico dal Presidio ospedaliero di Vimercate. L'Assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera sarà chiamato a rispondere a un'interrogazione a risposta immediata del Consigliere regionale del M5S Lombardia Gianmarco Corbetta che chiede se la Regione Lombardia alla luce dei gravi disagi evidenziati "non intenda accogliere la richiesta di questi pazienti e dello loro famiglie di continuare ad essere gestiti dalla struttura dell'ospedale di Desio".

Corbetta spiega: "Il passaggio di consegne tra Desio e Vimercate sta creando enormi disagi per i dializzati e le loro famiglie. La dialisi continuerà ad essere svolta presso i centri di Carate e Seregno, ma questi pazienti fragili e spesso molto anziani dovranno rivolgersi al lontanissimo ospedale di Vimercate per gli interventi specialistici. Senza contare il problema delle eventuali complicazioni durante il trattamento di dialisi; i tempi per raggiungere l'ospedale di Vimercate sono davvero improponibili. Questo cambio di gestione è assurdo; non si possono trattare i malati come pacchi postali.

I pazienti e le loro famiglie si stanno mobilitando con una raccolta firme per chiedere che il servizio rimanga di competenza dell'ospedale di Desio e noi siamo dalla loro parte. Regione Lombardia ha il dovere di risolvere positivamente la vicenda rispondendo a una richiesta che viene dai cittadini che vivono sul territorio".

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)