Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Trattamento dializzati Carate e Seregno: bene le promesse dell'assessore, ora i fatti.

Si è tenuto questo pomeriggio a Milano, l'incontro tra la rappresentanza dei pazienti dei CAL (Centri Assistenza Limitata) di Carate Brianza e Seregno e l'assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera, alla presenza del Direttore Generale dell'ASST di Vimercate Pasquale Pellino e del Consigliere regionale del M5S Gianmarco Corbetta. L'incontro, ottenuto dal M5S dopo la discussione di una question time in Consiglio Regionale la settimana scorsa, ha permesso ai pazienti e ai loro familiari di spiegare tutti i motivi della loro contrarietà al trasferimento della presa in carico dei dializzati dall'ospedale di Desio a quello di Vimercate. La rappresentanza dei pazienti è entrata nello specifico dei problemi e delle difficoltà che potrebbero insorgere con il cambio del presidio ospedaliero di riferimento. Per esempio i malati potrebbero, col passare del tempo e con l'aggravarsi della loro condizione, perdere l'idoneità a svolgere la dialisi nei CAL ed essere costretti alla dialisi in ospedale. I pazienti residenti nel distretto di Seregno, dovrebbero percorrere in ambulanza o in auto, tre volte a settimana, circa 80 chilometri tra andata e ritorno per ogni seduta. Anche l'eventuale insorgenza di problematiche nel corso delle sedute di dialisi presso i CAL potrebbero rendere obbligatorio il trasferimento del malato al Centro Dialisi ospedaliero di riferimento (Vimercate).
Anche i casi di ricovero ospedaliero, per l'insorgere di complicanze cliniche, rappresentano un problema. Se è vero che l'assessore ha assicurato la possibilità di scegliere la struttura in cui effettuare il ricovero, è altrettanto vero che il paziente in emodialisi tenderà a scegliere il ricovero nell’ospedale dove è seguito (quindi Vimercate) poiché ciò garantisce una migliore prosecuzione delle cure e percorsi agevolati per visite specialistiche non nefrologiche.
Per Corbetta: "L'incontro è andato bene e sono stati fatti passi in avanti. Abbiamo ottenuto l'impegno dell'Assessore a implementare, entro tre settimane, una nuova convenzione tra l'Asst di Monza e quella di Vimercate. L'obiettivo della nuova convenzione è la presa in carico dei pazienti dializzati condivisa tra le due Asst in modo da permettere di svolgere tutte le fasi assistenziali presso l'ospedale di Desio. Certo la convenzione va ancora scritta ma l'obiettivo di vedere questi pazienti continuare ad essere curati a Desio sembra possibile. Verificheremo quando la convenzione sarà messa nero su bianco se sarà la risposta che questi cittadini attendono. L'interesse dei pazienti e dei loro familiari deve prevalere su tutto e noi teniamo alta la guardia".

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)