Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Inaugurata a Barlassina la prima casetta dell’acqua personalizzata con i disegni dei  bambini, voluta da BrianzAcque e dal Comune  

Monza, 13 maggio 2017 – E’ nata la prima casa dell’acqua personalizzata con i disegni dei bambini. Con il suo look fantasioso e colorato è entrata in funzione questo pomeriggio a Barlassina, in via Piave.  Per inaugurarla BrianzAcque e il Comune hanno organizzato un evento che ,come principali protagonisti, ha avuto proprio gli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia “Luigi Porro”: i piccoli, ma “grandi” autori dei lavori che ora fanno bella mostra di sè sulle pareti del chiosco, rendendolo un unicum.

L’idea è partita da BrianzAcque, gestore unico del servizio idrico integrato a Monza e Brianza e si innesta nel solco di un percorso di educazione e di sensibilizzazione rivolto  alle scuole del territorio, nell’intento  di incentivare già in tenera età stili di vita consapevoli, mirati alla salvaguardia  dell’acqua e a quella dell’ambiente più in generale. E’ in questo contesto che la società pubblica dell’idrico ha promosso il progetto “Disegna sulla casetta dell’acqua” a cui il comune di Barlassina ha subito aderito con entusiasmo e convinzione. Preciso l’obiettivo: far sì che il self service idrico sia percepito dai bambini come una struttura che hanno contribuito a  realizzare e che sentono come propria, rendendo partecipi le loro famiglie ad utilizzarla spillando acqua all’insegna della tutela ecologica e del  risparmio economico.

Leit motiv dei 40 disegni, stagliati  su un fondo di bolle azzurre,  non poteva essere che la risorsa idrica rappresentata sotto forme di gocce, nubi, pioggia, mare, montagne da cui scendono torrenti e corsi d’acqua. Al di là delle forme espressive legate alla natura, non mancano elementi attinenti alla gestione industriale dell’H2O: rubinetti, dispositivi  idraulici e ovviamente, le casette.   

Complimentandosi con alunni e insegnanti il presidente di BrianzAcque, Enrico Boerci ha affermato: “Crediamo fortemente in questo progetto e ci auguriamo sia il primo di una lunga serie - la casetta è bellissima ed è la continuità del  nostro  cammino di avvicinamento e di sensibilizzazione dei più piccoli verso nuovi stili di vita e impegni concreti nel segno della sostenibilità. La personalizzazione della postazione, al di là del suo utilizzo per far  rifornimento d’acqua,  invita inoltre grandi e piccini a manifestare interesse verso le strutture pubbliche, di tutti,  a viverle socialmente e a prendersene cura“ 

Il Sindaco Piermario Galli e l’ assessore all’educazione e all’istruzione Stefania Terraneo hanno aggiunto: “I disegni sono bellissimi. Ma ciò che più conta è che i mini alunni hanno contribuito a realizzare un pezzettino di paese. E’ anche così che si forma e ci si prende cura di una comunità”.  Il primo cittadino ha inoltre annunciato l’arrivo a breve a Barlassina di una seconda casetta che sarà collocata in zona Altipiano.

I self service idrici erogano acqua a <km.0> derivata dall’acquedotto pubblico e rappresentano una sorta di fontane del Terzo Millennio, il cui numero in Italia , è in continua  e costante crescita. La casetta dei bimbi di Barlassina, gestita direttamente  da BrianzAcque, distribuisce H20 gassata e naturale, refrigerata e a temperatura ambiente, al costo di 5 centesimi al litro. La sua qualità è garantita da accurate analisi di laboratorio.  Per  far rifornimento è necessario dotarsi di una tessera, che i cittadini possono acquisire da un apposito totem  di ricarica, collocato nell’atrio del vicino Municipio.

Dopo il fatidico taglio del nastro e i discorsi di rito, gran festa con una merenda a base di prodotti biologici e  uno spettacolo di bolle di sapone che ha tenuto tutti con il naso all’insù.  I presenti hanno infine  ritirato alcuni gadget offerti da  BrianzAcque, gestore pubblico dell’idrico in Brianza, che si occuperà della gestione e della manutezione del chiosco.   In particolare, ai più piccoli è stata consegnata una borraccia pieghevole che consente di portarsi appresso l’acqua della casetta e un fumetto educativo per insegnare  ad utilizzare l’acqua pubblica del rubinetto in modo corretto.  

Ufficio Stampa

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?