Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

GUERNICA 3D: L’OMAGGIO A PABLO PICASSO NELL’OTTANTESIMO ANNIVERSARIO DEL BOMBARDAMENTO DELLA CITTA’ BASCA

Dal 22 al 27 maggio

la Società Umanitaria ospita presso la sala Bauer:

l’interpretazione tridimensionale dell’opera “Guernica”

a cura dell’associazione Sul filo dell’Arte,

realizzata in crochet, tricot e ricamo.

 Per tutta la settimana di esposizione visita libera dalle ore 10:00.

in calendario eventi e yarn bombing

del giardino dell’Umanitaria e del chiostro dei glicini

Milano, 12 maggio 2017- L’Associazione sul Filo dell’Arte si misura con il cubismo e un omaggio a Pablo Picasso con una nuova opera: Guernica 3D, a 80 anni dal bombardamento della città basca. Questo a seguito dei diversi omaggi ad artisti come la sedia “tempo liquido” tributo a Salvator Dalì, un ritratto su statua per Frida Kahlo, pannelli in stile Keith Haring, una zuppa Campbell e una seduta Marylin per Andy Warhol, fino alla stanza di Arles, omaggio a Vincent Van Gogh.

“Affrontare progetti sempre più complicati è una sfida irrinunciabile per noi e, anche se dalle esperienze precedenti si impara, lavorare in gruppo su un progetto del genere è decisamente difficile. Per questa installazione gli associati hanno messo in gioco le proprie capacità di lavoro a maglia, lavoro all’uncinetto, ricamo, ma anche di falegnameria, analisi, progettazione, tempificazione, lavoro di squadra” – afferma Corinna Farchi, presidente dell’Associazione.

 

Il progetto è partito due anni fa in collaborazione con una classe di terza del liceo artistico Nanni Valentini di Monza, meglio conosciuto come ISA, in previsione dell’ottantesimo anniversario del bombardamento di Guernica. La cittadina spagnola di Guernica ha un triste primato: è stata la prima città in assoluto ad aver subìto un bombardamento aereo. Questo avvenne la sera del 26 aprile del 1937 ad opera dell’aviazione militare tedesca. L’operazione fu decisa con freddo cinismo dai comandi militari nazisti semplicemente come esperimento. In quegli anni era in corso la guerra civile in Spagna, con la quale il generale Franco cercava di attuare un colpo di stato per sostituirsi al legittimo governo. In questa guerra aveva come alleati gli italiani e i tedeschi. Tuttavia la cittadina di Guernica non era teatro di azioni belliche, così che la furia distruttrice del primo bombardamento aereo della storia si abbatté sulla popolazione civile uccidendo soprattutto donne e bambini.

Quando la notizia di un tale efferato crimine contro l’umanità si diffuse tra l’opinione pubblica, Picasso era impegnato alla realizzazione di un’opera che rappresentasse la Spagna all’Esposizione Universale di Parigi del 1937. Decide così di realizzare questo pannello che denunciasse l’atrocità del bombardamento su Guernica. L’opera di notevoli dimensioni (metri 3,5 x 8) fu realizzata in appena due mesi ma fu preceduta da un’intensa fase di studio, testimoniata da ben 45 schizzi preparatori che Picasso ci ha lasciato.

Dopo uno studio approfondito, i ragazzi dell’ISA di Monza hanno costruito le sagome di polistirene che riproducono in tre dimensioni le figure del famoso murale, il materiale poi usato per ricoprire le sculture è un filato di cotone in scala dei grigi più qualche tocco di rosso e giallo.

 

La programmazione presso la Sala Bauer della Società Umanitaria prevede:

 

  • Interventi vari di coloratissime ‘Guerrilla Crochet’ nel giardino.
  • lunedì 22 maggio: ore 17:30 Inaugurazione con vernissage, aperitivo cubista e spettacolo di flamenco
  •  
  • Martedì 23 maggio: a partire dalle ore 15:00 Laboratorio artistico con Donatella Barbuio
  • Mercoledì 24 maggio: a partire dalle ore 19:00 presentazione del lavoro Guernica 3D a cura di Vittorio Raschetti, danza terapia con Riccardo Riva e Gabriella Spadaro (metodo Maria Fux) aperto a tutti e performance di Vittorio Simonini.
  • Giovedi 25 Maggio: dalle ore 10:30 alle 17:30 Pratica gratuita guidata di Tai chi e yoga
  • Venerdì 26 maggio: dalle ore 18:30 Reading poetico “Dall’orrore della guerra alla salvezza della poesia”. Benedetta Cosmi intervista: Simone Camassa, Silvia Monti, Anna Mosca, Sandro Sardella. 
  • Intervento musicale di Gabriele Muselli
  • Sabato 27 maggio: per tutta la giornata Knit café nel chiostro e laboratorio con filati per bambini e principianti.

I singoli eventi sono disponibili sulla pagina FB Sul Filo dell’arte.

Sul filo dell’Arte (www.sulfilodellarte.org) è un’associazione nata da un gruppo di donne formatosi attorno a Corinna Farchi, artista appassionata di arte di strada e maestra di Urban Knitting. Il filo, reale e metaforico, che unisce il gruppo è la condivisione di una manualità antica, la volontà di recuperare la tradizione del lavoro a maglia per generare creatività attraverso interventi sul territorio che hanno finalità di carattere sociale, culturale e di ricerca etica. Le attività svolte e in continuo cantiere sono molteplici: realizzazione di eventi di guerriglia knitting, ovvero ricopertura in maglia di spazi ed oggetti pubblici per favorire la riappropriazione e la cura del bene comune; momenti di tricot collettivo; recupero, riciclo, riutilizzo di materiali naturali per realizzare installazioni artistiche; arredi urbani in maglia ed uncinetto di spazi pubblici con il coinvolgimento attivo delle comunità locali; attività performative per l’avvicinamento dei giovani all’arte popolare e di strada.

 

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?