Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

MAXICONS espone le sue ICONE nello spazio espositivo PUNTO ARTE 

in Via Bergamo 2/C Monza, dal 31 Agosto al 12 Settembre 2017.

Orario: dalle 16,00 alle 24,00

Max Ferrari, artista poliedrico, si occupa di musica, video, e arte contemporanea. Dopo una serie di esposizioni risalenti alla fine degli anni ‘70, si dedica prevalentemente al ruolo di musicista, tornando solo dal nuovo millennio alla passione dell’arte visiva con questa serie di composizioni che coniuga i due linguaggi: musica ed espressione artistica. 

L’ispirazione per queste opere nasce da un’osservazione delle icone sacre sia come processo tecnico che come espressione simbolica che si traduce nel tentativo di trasferire uno strumento potente come l’icona tradizionalmente utilizzata nell’ambito religioso all’interno di un contesto e di un’epoca più contemporanei e più laici. Nasce così l’idea di celebrare e sublimare “icone” moderne rappresentate da individui o oggetti particolarmente significativi del nostro passato recente in un’aura dorata ma al contempo racchiusa in elementi materiali che richiamano e costruiscono il loro percorso storico. 

Spesso si usa il termine “icona” per definire persone e oggetti che hanno rivoluzionato il nostro mondo. Ecco allora che icone come Robert Johnson, Chuck Berry, Jimi Hendrix e gli altri diventano evocative capsule temporali icone capaci di raccontare il loro tempo. Nel loro senso più ampio e laico, queste opere scandagliano il nostro recente passato, verificando la portata innovativa dei loro soggetti e la loro capacità di rivoluzionare gli orizzonti e una visione collettiva. L’abbinamento di tecniche talvolta non ortodosse con supporti altrettanto atipici veicolano l’intento di dissacrare sia il medium icona che i soggetti stessi nel rispetto del loro ruolo di outsider e di innovatori assoluti. I legni utilizzati come supporto hanno infatti una storia propria e sono stati scelti a ragion veduta proprio per la particolare qualità che apportano a ogni personaggio. 

Ogni opera è completata da un QRcode che rimanda alle informazioni essenziali sul personaggio o soggetto della stessa.

https://www.saatchiart.com/maxicons

https://www.facebook.com/pg/MaxIcons/about/?ref=page_internal

massimiliano.ferrari100@gmail.com