Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Dal progetto “Lissone DUC – Dynamic Urban Center” un’opportunità per riaprire negozi e spazi sfitti: pubblicato il bando per la concessione di contributi a fondo perduto riservato a imprese commerciali, del turismo e artigianali

Un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 20.000 Euro per sostenere gli operatori commerciali, turistici e artigianali che investono nella riqualificazione e nell’ammodernamento tecnologico di negozi e spazi sfitti collocati nel Centro città - in un’area delimitata dalle vie Dante Alighieri, Aliprandi, Origo, Gramsci, XX Settembre, Padre Reginaldo Giuliani e Matteotti - e nella frazione di Santa Margherita - all’interno del perimetro individuato dalle vie Deledda, Lecco, Verga, Pier Paolo Pasolini, Giusti, Angelo Arosio Genola, Paolo Sarpi, Aspromonte, Lambro, Resegone, Lombardia ed Enrico Mattei.

L’Amministrazione comunale di Lissone ha pubblicato lo scorso 2 Agosto il “Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese del commercio, turismo, artigianato e dei servizi per il recupero di spazi sfitti nel Comune di Lissone”, azione che si inserisce all’interno delle misure a contrasto dell’indebolimento commerciale dei Centri urbani promosse dal progetto “Lissone DUC – Dynamic Urban Center”.

Il progetto è stato sviluppato dal Distretto Urbano del Commercio di Lissone e finanziato da Regione Lombardia, nell’ambito dell’iniziativa “Sto@2020 - Successful Shops in Town-centers through Traders, Owners & Arts Alliance”, con l’assegnazione del contributo di 130.000 Euro, comprensivo della riserva premiale di 30.000 Euro in considerazione della particolare qualità della proposta progettuale.

Al Bando per il recupero degli spazi sfitti sono stati destinati 124.000,00 Euro, di cui parte stanziati da Regione Lombardia e parte dal Comune di Lissone.

Il contributo agli operatori è concesso, con procedura a sportello, per interventi funzionali all’insediamento di attività d’impresa in spazi sfitti ubicati nelle due aree individuate all’interno del Distretto Urbano del Commercio (Centro città e Frazione di Santa Margherita) finalizzati a: ripristino strutturale o igienico-sanitario dei locali da adibire all’attività artigianale, di vendita, turistica o di servizi fronte strada; riqualificazione esterna delle strutture (vetrine, facciate, insegne) esclusivamente per le parti fronte strada; miglioramento dei servizi alla clientela o al cittadino quali installazione di sistemi wi-fi gratuiti e vetrine interattive.

Le domande di contributo possono essere presentate fino all'esaurimento delle risorse finanziarie disponibili e in ogni caso entro il 31/05/2018, utilizzando esclusivamente la modulistica scaricabile dal sito istituzionale del Comune di Lissone.

La Giunta comunale ha stabilito di rafforzare l’intervento agevolativo a favore delle imprese che risulteranno beneficiarie di contributo, applicando ulteriori agevolazioni tariffarie per tre anni dall’insediamento dell’attività: uno “sconto” sulla tassa dei rifiuti TARI – 20% della tariffa finale dovuta – e una riduzione del canone per le eventuali occupazioni suolo pubblico COSAP pari al 30%.

A queste si aggiungono la riduzione delle aliquote IMU e TASI già deliberate dal Consiglio comunale nel 2016 e riconfermate quest’anno con l’obiettivo di incentivare l’utilizzo di spazi inutilizzati presenti sul territorio.

Le linee di azione individuate dal progetto “Lissone DUC – Dynamic Urban Commerce” prevedono, inoltre la realizzazione di: una serie di attività di animazione, inserite in un calendario stabile di eventi, e di promozione dell’offerta commerciale e artigianale legata in particolare alla filiera del mobile e del design; opere pubbliche per migliorare la funzionalità, l’accessibilità e l’impatto visivo delle aree attigue ad uso pubblico; censimento permanente dei negozi sfitti e, in collaborazione con le associazioni di rappresentanza degli agenti e imprese dell’intermediazione mobiliare, lo studio di iniziative che possano favorire l’incontro tra domanda e offerta degli spazi sfitti; accordi del DUC con le banche del territorio per l’erogazione di finanziamenti e altri servizi alle imprese che aderiranno al progetto.

"Questo progetto, frutto del positivo ed efficace lavoro di coordinamento territoriale svolto con i partner del locale Distretto del Commercio, è un’opportunità importante per la nostra Città e conferma l’impegno dell’Amministrazione per il rilancio del commercio di vicinato attraverso il riutilizzo di spazi sfitti e il sostegno concreto alle nuove attività commerciali" - commenta Alessandro Merlino, Assessore allo Sviluppo Economico con delega al Distretto Urbano del Commercio.

"La nostra iniziativa – dichiara Mauro Parolini, Assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia – ha prodotto in tutta la Lombardia una risposta positiva e corale da parte di molti Comuni, che insieme alle associazioni delle imprese, alle Camere di Commercio e agli altri partner locali hanno colto nel nostro bando un’occasione per rilanciare i propri centri urbani e combattere la desertificazione commerciale. La lodevole iniziativa della Città di Lissone si inserisce in questo solco e rappresenta un’opportunità concreta e sussidiaria per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati con la misura ‘Sto@2020'".

Lissone, 13 Settembre 2017

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?