Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Vincitori del Festival Brianza Film Corto 2017 giunto alla 6^ edizione (evento biennale)

L'Associazione Culturale BMovies, organizzatrice del Brianza Film Corto Festival,
Venerdì 10 novembre, alla cerimonia di premiazione del BRIANZA FILM CORTO FESTIVAL 2017 tenutasi presso il Cinema Politeama in Seveso, ha premiato i vincitori del Premio della Giuria e delle Menzioni Speciali "Paolo Marzorati", "Il Mosaico", "Mondi Fantastici" e "Lo Specchio Scuro - Rivista di cinema online" 

Il premio della giuria è stato consegnato ai vincitori Morgan Menegazzo e Mariachiara Pernisa, per il loro lavoro "PRIMA CHE L'ORA CAMBI",  direttamente dal presidente di giuria Luca Ferri.Segue lista dei premiati e le motivazioni:

Premio Giuria Brianza Film Corto 2017 a:PRIMA CHE L'ORA CAMBI
di Morgan Menegazzo (1976, Rovigo)
Mariachiara Pernisa (1981, Lugo di Romagna)Motivazione:

Per l'utilizzo del mezzo cinematografico nel formato ridotto e per aver saputo oltrepassare il genere ed aver operato in modo autonomo e personale nella costruzione di un prezioso lavoro sul tempo e sulla percezione della luce e della sua assenza. =======L'Associazione Culturale Bmovies assegna la Menzione Speciale "Paolo Marzorati" a:NAUSICAA di Alessandro Melchionda (1979, Milano)Motivazione:Per avere usato in modo sensibile la tecnica cinematografica nell'esplorare i diversi orizzonti di due figure femminili che affidano agli elementi della natura la possibilità di trovare un equilibrio nel rapporto reciproco. =======L'Associazione Culturale Bmovies assegna la Menzione Speciale "Mondi Fantastici" a:FERRUCCIO, STORIA DI UN ROBOTTINO
di Stefano De Felici (1981, Milano)Motivazione:Per la capacità nell'utilizzo del mezzo tecnico e la poesia espressa in un contesto artificiale e fantastico, non trascurando il passato cinematografico e letterario di genere.

Lo Specchio Scuro - Rivista di Cinema Online - Il Fondatore Alberto Libera assegna la Menzione Speciale "Lo Specchio Scuro" a:BUONAVISIONE
di Edoardo Genzolini (1991, Assisi)Motivazione:Per aver compreso come il mezzo cinematografico sia un vero e proprio specchio del nostro immaginario e aver dato forma ad una memoria provata pescando a piene mani dall’inesauribile bazar delle nostre visioni.

Per il Mosaico - Associazione Di Persone Diversamenteabili - Dario Borgonovo per il Presidente Fabio Terraneo assegna la Menzione Speciale "il Mosaico" a:SENZA OCCHI, MANI BOCCA di Paolo Budassi (1972, Roma)Motivazione:Alla disabilità motoria, sensoriale, cognitiva si và sempre più sommando la disabilità derivante da traumi psicologici, mancanza di una equilibrata educazione affettiva o carenza in generale di un contesto favorevole (disagio sociale).Il corto ben rappresenta questo mondo, e offre molteplici spunti di riflessone.   - I protagonisti spesso hanno difficoltà nel capire e gestire il proprio disagio. La fragilità a volte, è data dalla somma di molteplici cause concatenate tra loro nel tempo( l’ abuso  genera la chiusura e il silenzio, la madre non “regge” la situazione diventando violenta causando l’allontanamento della figlia e l’inizio di un viaggio all’interno di altre famiglie alla ricerca di senso e serenità). Il percorso di uscita a volte è lungo e tortuoso e pone le basi sulla fiducia, l’empatia e la forza della relazione.
   - La psicologa/professionista mette in campo la relazione cercando di garantire un spazio “protetto” ma è solo  quando raggiunge nel tempo un rapporto empatico e di prossimità “ …come stai? Ma cosa ti è successo?...” che offre a Bianca una maggiore garanzia di fiducia e appoggio alle sue fragilità.
   - L’urlo della protagonista di fronte al mare (l’incognito?) esprime la forza compressa di un dolore profondo, che si trasforma in bisogno/desiderio fisiologico di respirare aria di normalità.  Lacrime e carezze, dolore e fiducia nell’essersi ritrovati. In conclusione :
“…la gente ha paura di quelli come me …”scrive la protagonista alla psicologa…
ma noi siamo tra quella gente? 
Il cortometraggio di Paolo Budassi è un bel contributo nel tratteggiare realtà di vita complesse e nel tendere ad una società maggiormente inclusiva. 
Edoardo Genzolini - Menzione Speciale Lo Specchio Scuro
Mariachiara Pernisa e Morgan Menegazzo - Premio della Giuria
Stefano De Felici - Menzione Speciale Mondi Fantastici
Roberta Seclì e Davide Daluiso per Paolo Budassi - Menzione Speciale Il Mosaico

Su Vorrei.org utilizziamo i cookie perché ci aiutano a migliorare la rivista. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?